Vita da trader

Pubblicato il 10 Gennaio 2010 da Veronica Baker

Trovate in rete, ma sono fatti realissimi e di cui ho sentito parlare tantissime volte – ed in un paio di queste mi ci sono pure ritrovata dal vivo nella medesima situazione – nell’ambiente negli ultimi dieci anni.

Incongruenze, ilarità, assurdi della vita da trader ( in Ita(g)lia ) :

Un Trader in Banca

Bancario: lei che lavoro fa?
Trader : il trader
B: e che lavoro è?
T: è un lavoro in proprio
B: allora avrà una partita Iva, farà una dichiarazione dei redditi.
T: no, la banca fa da sostituto di imposta e non ho nulla da dichiarare fiscalmente
B: allora lei un disoccupato !

Un Trader che compila un modulo online ( esempio classico :  Pubblica Amministrazione )

Nel modulo online si trova :
Lavora (sì,no)
Se scegli sì:
impiegato, dirigente, studente, disoccupato
…trovi pure quasi pappone od escort , ma trader mai !

Un trader a cena con conoscenti e amici

C: e tu che lavoro fai?
T: il trader?
C: che??? e che cosè? mai sentito! ma è legale?

Fatto realmente accaduto :

un venditore di auto di lusso seppe che l’acquirente era un “disoccupato” trader senza partita iva e che comprava in contanti.
Ebbene,stava per chiamare la guardia di finanza perchè pensava a del riciclaggio di denaro sporco…..

Povera Ita(g)lia , siamo proprio il paese più sfigato del mondo…

You cannot copy content of this page