Uno tsunami cerebrale in arrivo

Pubblicato il 10 Luglio 2021 da Veronica Baker

(reprise)

Run away, run away, is there anybody there ?
Get away, get away, get away
Get away, get away, get away

The Cranberries – Hollywood”


Uno tsunami cerebrale in arrivo

Uno tsunami cerebrale in arrivo
Correre, correre, ed ancora correre…

Lo ribadisco per l’ennesima volta.
Quello che sto per spiegare dettagliatamente non è la trama di un film di Hollywood.

Ma è quello che presto succederà nel mondo intero se non verranno fermati immediatamente questi pazzi.
Semplicemente il caos totale.

Sulla veridicità delle affermazioni del team di Ricardo Delgado, posso tranquillamente affermare che circa un paio di settimane fa misteriosamente – dopo il mio consueto allenamento giornaliero basato su corsa ed esercizi fisici – all’improvviso ho sofferto di una spike di febbre molto alta (fino quasi a 39°), immediatamente rientrata dopo mezza giornata di riposo (ed una banalissima dose di aspirina 100mg, la più piccola in commercio).

La cosa particolare che subito avevo notato era che prima (e nemmeno dopo) non avevo sofferto nè di alcun dolore fisico, nè di alcuna infezione delle vie respiratorie, nè alcun disturbo gastro-intestinale.
Nulla di nulla, se non una improvvisa febbre alta (ed un leggerissimo mal di gola) cui non sapevo dare alcun motivo.

Evidentemente avevo assorbito respirando dell’ossido di grafene tramite chemtrails irrorate nell’aria (come ben noto, non ho mai messo nemmeno per una volta alcuna mascherina, nè tantomeno inoculato alcun “vaccino”, o fatto test PCR o di qualsivoglia genere).
E con la produzione naturale del glutatione nel mio corpo (faccio infatti da diversi mesi sport giornalmente) ho immediatamente respinto l’agente patogeno.

Ipotesi come avere bevuto dell’acqua “contaminata” dal grafene (od esserne venuta a contatto lavandomi ad esempio i denti) è una ipotesi decisamente molto poco probabile, anche se in teoria plausibile.

Per cui, ribadisco di nuovo il mio consiglio per provare a resistere a questo tentativo di distruzione della umanità : correre, correre, ed ancora correre…

Uno tsunami cerebrale in arrivo

Ricardo Delgado (La Quinta Columna) : Stiamo parlando dell’avvelenamento di tutta la popolazione mondiale con la complicità dei governi, come dico io, con la loro partecipazione e con vari modi di somministrazione, che in fondo è la domanda che mi hai chiesto.



Infatti introducono il grafene ANCHE attraverso l’aria con le ormai tristemente famose irrorazioni di CHEMTRAILS (le cosiddette scie chimiche) che vediamo ogni volta che c’è un annuncio di una nuova ondata (N.d.T : ricordate fra le altre cose le “misteriose” rotte di velivoli sopra la Pianura Padana – nonostante il blocco dello spazio aereo – nel Marzo 2020 ? Un metodo ben noto per chi li sta marcando a vista da almeno quindici anni come la sottoscritta).

Questi “ annunci” sono sempre ben accompagnati dal preludio di queste irrorazioni continue effettuate nelle settimane precedenti, ed ovviamente molta gente già si rende logicamente conto di cosa sta succedendo nei cieli.

Inoltre, come avevamo già fatto notare in precedenza, anche attraverso le mascherine, i test PCR, i test antigenici, ed i cosiddetti “vaccini” (come l’anti-influenzale e anti-COVID in tutte le sue varianti) intendono indurre nelle persone l’introduzione di ossido di grafene e quindi produrrre questo effetto “magnetico”.

Ecco come viene “grafenata” la popolazione in modi diversi.
Hanno anche introdotto l’ossido di grafene nel cibo, perchè ovviamente lo si può fare ad esempio stampandolo in 3D principalmente nei biscotti ed in altri prodotti alimentari.
Tuttavia, pensiamo che per questa via di somministrazione, per ingestione, il grafene non ha alcuna capacità di causare ciò che vogliono.
Perché ciò che cercano è il nostro cervello.

Abbiamo già citato lo studio di un medico qui in Spagna che ha mostrato frammenti di ossido di grafene nelle cosiddette fiale di AstraZeneca.

Nel campo delle nanoscienze, delle neuroscienze o delle biotecnologie, quando studiamo tutto ciò che può fare il grafene, ci rendiamo conto dell’obiettivo finale dell’operazione che si sta realizzando.

Le nanoparticelle di ossido di grafene agiscono come nanobiosensori una volta installate nei neuroni, in modo che facciano due funzioni fondamentali. 

La prima è raccogliere gli effetti elettrofisiologici neuronali, cioè  i segnali elettrici dei nostri impulsi e pensieri.
La seconda è conseguente : fare una mappatura del nostro cervello in modo tale da poter neuromodulare  i nostri comportamenti, le nostre emozioni ed i nostri sentimenti.

Tutto questo è davvero logico e si collega direttamente con la dichiarazione pubblica fatta dal Presidente del Cile Sebastián Piñera quando ha annunciato il prossimo arrivo del 5G parlando espressamente di inserire emozioni (o pensieri) e di avere la possibilità di leggere i nostri pensieri per controllare l’intero sistema nervoso della società.

Logicamente sembra un terrificante film di fantascienza.
Ma credetemi è tecnicamente fattibile.
Ed è quello che stanno effettivamente provando ad implementare giorno per giorno.

Ad esempio in Spagna ci sono istituti come l’Istituto Nazionale Catalano di Nanoscienza, oltre ad Imbrain.
Perché l’obiettivo finale è quello di collegare questa rete a un’intelligenza artificiale (N.d.T. : COVID 19 = Cerificate Of Vaccination IDentity Artificial Intelligence, dove 1 e 9 sono le lettere A ed I nell’alfabeto) , che è quello che il signor Elon Musk sta per promuovere (N.d.T. : cosa potevate aspettarvi da un personaggio che ha chiamato il figlio X Æ A-XII ?)

Quindi, capirete, che durante tutta questa pandemia, anzi, plandemia (N.d.A. :  cioè truffa) nel loro piano di controllo del mondo ci sono tre reti che sono state implementate in ogni momento.


1. Una griglia artificiale o rete di 45.000 satelliti per fornire una copertura 5G che, dal punto di vista delle telecomunicazioni, non ha spiegazione.
Gia con il 3G si poteva triangolare ogni tipo di segnale.
Una rete di satelliti nella stratosfera implementata dal signor Elon Musk che parla di connetterci a un’intelligenza artificiale.


Uno tsunami cerebrale in arrivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 


2. Un’altra rete è quella terrestre 5G, una vera e propria ragnatela di antenne.


Uno tsunami cerebrale in arrivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


3. E l’interfaccia mancante in mezzo a queste due griglie, che ora sappiamo essere proprio quelle nanoparticelle di ossido di grafene che si interfacciano con l’intelligenza artificiale.


Uno tsunami cerebrale in arrivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


È davvero la trama di un film di fantascienza.
Ma è proprio in questo modo che si spiega perché il Cile propone la nuova legge sui neurodiritti in un ambiente di presunta crisi sanitaria e che non aveva spiegazioni di sorta.
Ma adesso abbiamo capito tutto.

Oggi inoltre abbiamo anche fatto una nuova scoperta.
Quando arriverà questo ormai famoso “tsunami del cervello”, quello che succederà è che queste persone avranno la scusa perfetta per giustificarlo.

E “tsunami cerebrale” significa che quando accenderanno per davvero questa nuova tecnologia (N.d.T. : Ricardo intende il 5G) , il grafene che viene installato direttamente nella testa, come hanno molte persone con il magnetismo, causerà quel famoso “tsunami cerebrale” che annunciano come il sintomo di un “nuovo coronavirus” (N.d.T. : che chiameranno variabile delta, lambda od in qualsiasi altro modo possibile).

Ma che evidentemente corrisponde alla neurodegenerazione che l’ossido di grafene causa nel corpo una volta che viene eccitato elettronicamente ed ossidato molto più rapidamente dall’azione del fuoco elettromagnetico di disturbo (N.d.T. : ed ecco perchè stanno già preannunciando che cosiddette “nuove varianti” saranno molto più contagiose…).



Ricardo Delgado : Questa situazione è caotica.
Queste persone intendono generare il caos (N.d.T. : Orbo ab Chaos è il triste e noto motto dei cosiddetti freemasonry).

Quando accenderanno la tecnologia 5G avremo la cosiddetta variante Delta qui in Spagna o il Delta Plus, che si riferiscono anche agli stati cerebrali.
Avranno la scusa perfetta per dire che possono controllare mentalmente la popolazione, perché quelle persone diventeranno aggressive o diventeranno praticamente pazze, giusto ?

Questa è stata l’ultima conclusione che abbiamo tratto durante la ricerca.

Probabilmente useranno quel controllo A.I. con queste persone, sfruttando la rete satellitare della tecnologia 5G e il grafene che molte persone ora hanno già nel loro cervello.
Questo servirà per mostrare che il virus è davvero molto pericoloso e che l’unico modo per controllarlo (N.d.T. : lo tsunami cerebrale, non il virus farsa) è tramite “vaccini”.

Uno tsunami cerebrale in arrivo
La cosiddetta variabile Delta…

Ecco appunto perchè Sebastián Piñera ha firmato la legge sui neurodiritti con la complicità di uno scienziato spagnolo di nome Rafael Yuste, che ha lavorato in questo campo del neurocontrollo, della modulazione attraverso l’ossido di grafene, con la nanoscienza, che è il suo campo sperimentale.

Anche il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha parlato del controllo e dell’interfaccia cervello-macchina e che saremo controllati attraverso l’intelligenza artificiale.

Anche Sánchez, il nostro presidente (N.d.T. : Ricardo è spagnolo) , in modo ironico alla risposta di un gruppo parlamentare del nostro paese, ha fatto riferimento al fatto che ci avrebbero iniettato un virus cinese e che con il 5G ci controlleranno tutti.

Così ora capiamo perché, anche ironicamente, ha parlato in quei termini.

Perché parlava di iniettare qualcosa ?
Perchè l’aerosol contenente l’ossido di grafene è ancora più potente degli altri tipo.
Ecco perchè vogliono imporci un vaccino intranasale (N.d.T. : ed ecco perchè all’inizio ho raccontato il particolare episodio che ho vissuto un paio di settimane fa).
Parlare di iniettare qualcosa significa controllarci con il 5G.

Logicamente, non ci stava mica raccontando i loro loschi piani…

La buona notizia è che, apparentemente, il corpo ha una certa capacità di eliminare progressivamente questo materiale attraverso le proprie riserve di glutatione.
Ecco perché vogliono darci una seconda, terza e anche quarta dose ogni tre o quattro mesi.

Lo stanno già considerando.
Oppure fare questi vaccini intranasali in modo che ci diamo direttamente la dose di grafene e diventiamo mentalmente controllati per chissà quale scopo.
Naturalmente, questo è l’obiettivo di ogni dittatore, di ogni élite criminale genocida ed odiosa come quella che abbiamo.

Raúl Belmont : Ricardo, il biossido di cloro ha qualche effetto su questo?

Ricardo Delgado : Sì, il biossido di cloro, come noi e lo stesso Andreas Kalcker abbiamo potuto indagare, come tu sai, agisce in modo diverso.

Il biossido di cloro ossigena le cellule, alcalinizza il corpo e lo decontamina dai metalli pesanti.
Quindi, diciamo che trasforma i neutrofili in soldati più resistenti, mentre d’altra parte, il glutatione aumenta il numero di soldati per avere un esercito di loro.

Quindi, siccome uno è un antiossidante e l’altro è un ossidante, affinché il primo (biossido di cloro) non perda efficacia, sarebbe necessario un trattamento che rispetti le ore tra l’uno e l’altro, capite ?
Ma sarebbero perfettamente compatibili.

Raúl Belmont : Sì, la differenza tra un antiossidante e un ossidativo come la terapia CDS è di 4 ore.

Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker
(2-continua)



44


You cannot copy content of this page