Una bomba ad orologeria

Pubblicato il 8 Marzo 2021 da Veronica Baker

La storia dell’umanità è quasi totalmente una narrazione di progetti falliti e speranze deluse.

Samuel Johnson


Una bomba ad orologeria
Hanno coscientemente impostato la struttura sociale…

Rileggendo quello che scrissi anni fa, a volte penso che sia stata davvero baciata dalla fortuna.
Ma in fondo non era certo difficile solo preventivarlo.

Le persone che hanno creato le condizioni per questo sfacelo che stiamo vivendo sono a godersi rendite e buonuscite milionarie in qualche isola paradisiaca.
Questi individui, insieme ad una élite tuttora ben salda al suo posto, hanno portato il mondo alla rovina.
Ed hanno coscientemente impostato la struttura sociale in cui viviamo.

Sperequazioni allucinanti ed accumuli di ricchezze indegni – e mai visti nella storia moderna – da parte di veri e propri parassiti capaci solo di truffe ed inganni.

Per cui, come contraltare ad una vera e propria neo-schiavizzazione e distruzione del lavoro e della dignità dei lavoratori sono stati concessi un più facile accesso al credito ed un totale lassismo sulle carte di credito revolving.

Una bomba ad orologeria pronta ad esplodere

Tutti sapevano.
Ma facevano finta di niente.
Si sono ingozzati a dismisura fin proprio alla fine.

La nostra società si è suicidata perché non ha voluto intervenire sui meccanismi di base che regolano la convivenza, l’economia e la finanza.


10 Gennaio, 2009


Una bomba ad orologeria
Nel 1930, all’inizio dell’ultima grande crisi economica…

Nel 1930, all’inizio dell’ultima grande crisi economica, la terra ospitava solo un quarto degli abitanti di oggi.
Espressioni come “inquinamento ambientale”, nel suo uso attuale, non erano ancora state coniate.

Infatti le foreste pluviali erano praticamente intatte, ed i mari ancora puliti.
E la popolazione mondiale viveva ancora secondo i tradizionali canoni della famiglia “allargata”.

L’occupazione principale era un impiego nel settore agricolo, dove lavoravano i due terzi della popolazione.
Il cibo era prodotto quasi interamente in modo biologico.

Non esistevano antibiotici e cure mediche troppo sofisticate.
Ma l’aspettativa di vita era piuttosto alta.
Nonostante i tempi difficili alle porte.

Anche se gli orrori della Seconda guerra mondiale sono difficili da dimenticare, la popolazione nel mondo era – relativamente a quel periodo – piuttosto innocua se paragonata rispetto a quella di oggi.
Almeno se si utilizza come canone di riferimento la volontà di ricorrere alla violenza in ogni situazione.

Purtroppo questo aspetto impatterà profondamente il futuro del mondo Occidentale.
Fino a fare sembrare le catastrofi umani degli anni ’30 e ’40 come una passeggiata nel parco.

Secondo i dati ufficiali, circa il 10% degli europei è stato ucciso all’epoca a causa della guerra.
Al contrario, c’è il concreto rischio – dato dalle previsioni più pessimistiche – che solo un decimo della popolazione occidentale sopravviverà al prossimo crollo economico che verrà.

Solo pochissime persone che erano emigrate dall’Europa prima del 1933 avrebbero potuto immaginare cosa sarebbe successo negli anni successivi.
All’epoca non c’era (ovviamente) internet, e nemmeno la televisione.

Quindi era assai difficile – se non praticamente impossibile – ottenere le informazioni necessarie per capire cosa stesse succedendo.
I mass-media dell’epoca, come giornali e radio, servivano esclusivamente alla propaganda di stato.

Chiunque emigrasse praticamente faceva un salto nel buio.
Ed era assolutamente inutile anche conoscere delle lingue straniere.
Perchè anche negli altri paesi la propaganda agiva secondo gli interessi locali.

L’unica fonte di informazioni dall’estero potenzialmente accessibile a tutti era per coloro che avevano parenti che vivevano già all’estero.
Questo era l’unico modo per poter ottenere informazioni affidabili e soprattutto verificabili.

Allora, però, coloro che emigravano solitamente non avevano alcuna possibilità di tornare nel loro paese natale.
Nessun emigrante solitamente possedeva risparmi significativi.

E per altro il denaro – così come i metalli preziosi come oro od argento – doveva essere portato fisicamente di persona.
Inoltre, non era possibile in alcun modo per il comune cittadino chiedere un prestito alla banca per finanziare un qualsiasi tipo di viaggio.

In poche parole, solo coloro che emigrarono dall’Europa prima del 1933 non furono colpiti dalle conseguenze dell’era nazista prima e della Seconda guerra mondiale dopo.

Oggi il mondo è decisamente cambiato

Sovrappopolazione, inquinamento, foreste ormai agonizzanti, mari degradati a fogne e discariche a cielo aperto.
Ed una gran parte degli insetti – in particolari le api – sono già state distrutte dall’elettrosmog.

Nessuno quasi più lavora nell’agricoltura (solo il 5% della popolazione mondiale).

Di conseguenza il cibo biologico è scarsamente prodotto e soprattutto è molto più caro di quello prodotto tramite pesticidi ed OGM.

Mentre all’inizio del XX nel mondo era popolato da circa un miliardo di persone, oggi la cifra è aumentata di circa sette volte.

D’altra parte, l’aspettativa di vita è significativamente aumentata.
E la mortalità infantile è molto bassa.

Di conseguenza, la produzione di cibo doveva essere decisamente aumentata, e lo sfruttamento delle risorse della natura sensibilmente massimizzato.
Questo é stato reso possibile esclusivamente tramite l’utilizzo spietato di milioni di tonnellate di sostanze chimiche come antibiotici, fertilizzanti e pesticidi.

Solo in questo modo si è potuto sfamare più di 7 Miliardi di persone schiave del debito causato dai tassi di interessi contratti per permettersi un tenore di vita molto più alto del normale.
Ignari di essere al servizio di avidi banchieri che per anni li hanno utilizzati per mantenere il vita il mondo occidentale.
Che a partire dal post-1946 si è tenuto in vita esclusivamente tramite il debito.

Con l’aumento della popolazione, è aumentata anche la valutazione di praticamente ogni cosa.
D’altra parte, più alta è la domanda, più alto sarà il prezzo finale.

Questo vale in particolare per i terreni per costruire nuove abitazioni e per produrre derrate alimentari.
Per altro è evidente che non si possa estendere all’infinito una crescita economica basata su prestiti infiniti.
Nè si può aumentare all’infinito il valore della “terra”.

Di conseguenza, non è nemmeno possibile che la popolazione mondiale possa crescere all’infinito.

Questa è la vera ragione per cui l’intero sistema è giunto all’orlo del collasso.
Nel mondo si sono creati dei veri e propri colli di bottiglia economici.
Perchè è evidente che non si possano concedere all’infinito dei prestiti di cui non ritornerà mai indietro nemmeno un Dollaro.

Molto probabilmente si cercherà un particolare “colpevole” che darà il via al  crollo che verrà.
Una eruzione vulcanica, un attacco terroristico, una guerra in Medio Oriente potrebbero fare facilmente da detonatore.
Ed essere il perfetto capro espiatorio.

D’altra parte, oggi – ancora più di ieri – è facilissimo creare delle vere e proprie “false flag”.
Distogliendo l’attenzione della gente ai problemi reali.

Un futuro triste ?

envna farming 0107
Distogliendo l’attenzione della gente ai problemi reali…

Fino a qualche anno fa, il mondo tutto sommato andava ancora bene per la maggior parte dei suoi abitanti.
Questa situazione sta per cambiare.

In futuro non si tratterà più di piccole minoranze – ben oltre l’orizzonte – sulle cui spalle (e soprattutto a loro svantaggio) saranno messe in scena e realizzate crisi, conflitti e guerre di natura politica ed economica.

Sarà proprio il mondo occidentale ad essere quello colpito maggiormente da questa triste situazione.
Uno scontro violento arriverà esattamente quando il sistema basato sul debito improvvisamente collasserà.
E questa implosione non sarà solo violenta.
Ma soprattutto sarà improvvisa.

Forse la risposta a tutto questo sarà una guerra internazionale.

Nella storia, molto spesso questa è stata la risposta.

Naturalmente prima problemi esterni creati artificialmente saranno creati deliberatamente per distogliere l’attenzione da quelli interni.
Potranno scoppiare guerre civili.

Oppure anche alcuni eventi così diffusi nel medioevo possono ripetersi oggi.
Dall’Africa infatti vengono reintrodotte malattie che da tempo non erano più presenti nel mondo occidentale, come scabbia, peste, colera.

In realtà non è importante di per sè quanto violentemente si scaricherà lo tsunami causato dal crollo del sistema basato sul debito.
A partire da quel giorno, il mondo occidentale non sarà più lo stesso.
Pertanto, è molto importante iniziare a mettere in sicurezza tutto ciò che riguarda la propria esistenza e le proprie necessità più significative.

I governi in questo momento riescono ancora a confondere le menti del popolo bue grazie agli onnipresenti tele-imbonitori.
“Panem et Circenses”, come si diceva ai tempi di Roma.

Ma la situazione peggiorasse sensibilmente ed il tenore di vita scendesse sotto quello che è considerato il minimo in un regime di democrazia, il passo successivo sarebbe quello della introduzione di uno stato di Polizia.

Ed a questo seguiranno pesanti restrizioni :  siti internet bloccati, libertà di parola proibita, esercito usato come mezzo di coercizione totale nei confronti edi civili.
Per ottenere questo scopo, i politici locali necessitano di ragioni che possano essere accettate dalla maggioranza della popolazione.

False Flag come l’incendio del Reichstag e l’11 settembre sono serviti in passato come giustificazione per limitare pesantemente i diritti civili di ciascuno di noi.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page