Una battaglia millenaria per la Umanità

Pubblicato il 27 Aprile 2022 da Veronica Baker

L’America è un vitello d’oro e noi la succhieremo, la faremo a pezzi e la svenderemo pezzo per pezzo finché non rimarrà altro che il più grande stato sociale del mondo che creeremo e controlleremo.

Questo è ciò che facciamo ai paesi che odiamo.
Li distruggiamo molto lentamente.

Benjamin Netanyahu, 1990″


Una battaglia millenaria per la Umanità

Una battaglia millenaria per la Umanità
Bimbi in Palestina. Ad Israele sono concessi tutti i peggiori crimini perpetrati sulla Terra, in questo lungo articolo capiremo il perchè…

Avvertenza : questo post ha contenuti, immagini e video davvero MOLTO choccanti e disturbanti, soprattutto per i lettori che possiedono una estrema sensibilità, oppure di religione cattolica.

Purtroppo, i fatti riportati sono storicamente documentati e soprattutto tutte le fonti sono facilmente verificabili.

Consiglio quindi di NON proseguire nella lettura di questo post se non siete pronti ad accettare la realtà che da sempre è intorno a noi.

Inoltre un’ulteriore avvertenza per i lettori più “distratti” o – piuttosto – in malafede.

Protesto fermamente che eventuali “critiche” contenute in questa pagina sugli ebrei non investono il popolo in quanto tale.

Bensì soltanto quelle persone che in modo più o meno legittimo od occulto ne hanno guidato, o ne guidano, i loro destini.

E neppure considerano queste ultime per l’appartenenza a detti popoli – poichè il razzismo contraddice nel termine ad esempio l’attributo cattolico – ma unicamente per le loro azioni, dichiarazioni e programmi che puntualmente si sono avverati o sono in corso di svolgimento.


Negli ultimi 2000 anni il Talmud è stato la più grande autorità legale e spirituale per gli ebrei religiosi, superando di gran lunga la Bibbia.
Ma lo stesso Talmud fornisce uno scenario spaventoso degli eventi che – secondo la loro visione – “deve” portare alla conquista del mondo da parte degli ebrei.



Dobbiamo prendere molto sul serio la seguente dichiarazione definitiva del Talmud, che è la premessa su cui si fondano i sogni del sionismo/giudaismo di un controllo mondiale.

Infatti il Talmud afferma in Sanhedrin 98b che Dio sarebbe molto “arrabbiato”, perchè gli ebrei sono stati “perseguitati“.
L’Onnipotente stesso si “lamenterebbe” a causa del potere dei “gentili” su Israele.

Dio quindi “vorrebbe” distruggere i gentili (=non ebrei) per vendicare “i torti subiti dagli ebrei”.

“Questi sono i gentili ad opera mia e lo sono anche i giudei.
Come distruggerò i primi ?”

Le note (nel libro) spiegano la risposta del Talmud : gli israeliti essendo “caduti” in passato sono stati sostituiti al potere dai gentili.
E sarà un compito “molto difficile” rimuovere i gentili senza infliggere molte sofferenze alla Terra.

Tutto questo è indicato come un periodo che precede la nascita di una nuova era : il cosiddetto NUOVO ORDINE MONDIALE.

Il Talmud afferma che il Messia verrà “quando le tenebre copriranno tutti questi popoli”, quindi i gentili (tutti i non-ebrei) e (soprattutto) i cristiani.
Un concetto che viene chiarito dalla nota al Sanhedrin 99a
:

“Così, Israele dovrebbe sperare nella redenzione perché sarà un giorno di luce per loro”.

Un principio cardine dell’ebraismo è che (secondo loro) il popolo ebraico è l’espressione pratica e visibile della volontà di Dio sulla Terra.
In poche parole, secondo il Talmud il popolo ebraico è lo strumento di Dio per riportare il mondo intero al monoteismo giudaico.

L’incoraggiamento del Talmud spiega anche perché i magnati ebrei dei media sono così sfacciati e spingono “l’immoralità” nel mondo cristiano.
Dal loro particolare punto di vista, hanno il dovere talmudico di cooperare con Dio, un Dio che desidera “un tempo di intensa confusione ed immoralità”.

Solo dal crollo della civiltà cristiana potrà seguire una civiltà “migliore” : un regno ebraico di Dio sulla Terra.

Occorre considerare inoltre che i più importanti rabbini del Talmud considerano normale lo stupro e la sodomizzazione di bambine e bambini (in poche parole, la normalizzazione della pedofilia).
Quindi non c’è proprio da meravigliarsi che tali atteggiamenti morali perversi filtrino nel contenuto dell’industria cinematografica ebraica (in particolare Hollywood).

Lo “Zohar” (o Cabala), esattamente come il Talmud, è anche considerato come divinamente ispirato dagli ebrei religiosi.
La Cabala afferma che (Zohar 1, 25b) quando Dio si rivelerà prima della venuta del Messia, i gentili saranno cancellati dalla Terra.



La redenzione non sarà completa finché gli Amalek (o Gentili) non saranno sterminati.
Quando questi saranno sterminati, “sarà come se Dio avesse fatto il Cielo sulla Terra in quel giorno”.

Ma prima che questi siano sterminati, il regno della Torah non scenderà ed Israele, che è paragonato a erbe ed alberi, “non potrà germogliare”.
I gentili, afferma lo “Zohar”, non sono uomini, ma bestie della terra.

A partire da quel momento, l’uomo, cioè gli ebrei, dovrebbe essere unico nel mondo e dominatore assoluto.
Ed ecco ad esempio il significato occulto di questa famosa affermazione :

“Il prodotto questa volta saranno gli umani stessi (= i gentili).
In pratica stiamo imparando a produrre corpi e menti (= a sostituirli con i cyborg).

Il problema è la noia e cosa fare con loro.
Come faranno a trovare un senso nella vita se sono fondamentalmente senza senso, senza valore (= il nostro desiderio è sterminare i gentili, perchè non sono uomini, ma bestie)”.

“Yuval Noah Harari”


Israele, il punto di vista choccante degli ebrei su come considerano i gentili (non ebrei) e soprattutto i cristiani

Documentazione basata sulla enciclopedia ebraica, per prevenire l’eventualità che un rabbino qualunque (prima o poi nella vita se ne può sempre incontrare uno, com’è successo a me…) si possa rifugiare in pretesti di problemi di interpretazione del Talmud :

Dal momento in cui il Talmud ha dichiarato fuori legge il figlio o la prole di un gentile come quello di una bestia, un gentile aveva, simile ad un animale, pochi diritti legali in un tribunale ebraico.

Il Talmud afferma che se un gentile fa causa a un israelita, il verdetto è a favore del convenuto, l’israelita.
Al contrario, se l’israelita è il querelante, ottiene il pieno risarcimento dei danni.

Infatti secondo i rabbini, solo ed esclusivamente gli israeliti sono uomini.
I gentili non li classificano come uomini, ma come barbari (=bestie).



Nel prossimo video, i rabbini stessi confermano che considerano noi gentili come i loro schiavi.



Inoltre – fra l’altro – in questo documentario si può assistere ad una scena ignobile che riassume la strage israeliana commessa da sempre sul territorio palestinese :

Proprietario della casa :

Per favore devi…non puoi entrare qui.
Questa non è casa tua.

Invasori (ragazzi ebrei) :

Abbiamo ucciso Gesù : ne siamo orgogliosi.
Uccideremo voi ed i palestinesi, voi…Bastardi !

Questa è la mia casa.
Questa è la mia terra : Dio me l’ha data.
E vaffanculo !


Una battaglia millenaria per la Umanità


L’esperto :

Il Talmud è stato (finalmente) scritto quasi cinque secoli dopo Cristo.
È un opera critica.

Anche gli atteggiamenti omicidi verso i gentili potrebbero essere stati presi dal libro di Giosuè.
Tuttavia, il modo più rapido per afferrare la visione sui gentili, non è direttamente dal Talmud, ma dalle enciclopedie ebraiche.

Se citiamo un’opinione isolata da un Talmud, un rabbino può rapidamente obiettare dicendo : “Ma questa non è l’opinione generale del Talmud.
Non è l’opinione definitiva !”.

Ciò che invece l’enciclopedia ebraica ci fornisce, è una panoramica definitiva di diverse centinaia di affermazioni rabbiniche su qualsiasi argomento, dandoci una sintesi accurata di ciò che il Talmud generalmente insegna.

Altro esperto :

Nell’articolo sui Gentili l’enciclopedia ebraica comincia a definire cosa rende un ebreo così “diverso” da un gentile.
Secondo i rabbini, solo ed esclusivamente gli israeliti sono uomini.

I gentili non li classificano come uomini, ma come barbari.
Poiché i gentili non sono uomini in senso pieno, il gentile non puó essere un vicino di casa di un ebreo.

Inoltre, poiché le leggi gentili erano troppo “rozze” per ammettere la reciprocità, cioè troppo rozze per essere prese sul serio, il gentile era per sempre al di sotto dell’ebreo.

I gentili erano banditi da Dio fin dall’inizio, e quindi non avevano diritti di proprietà.
L’Onnipotente offrì la Torah anche alle nazioni gentili, ma poiché esse si rifiutarono di accettarla, ritirò loro la sua “splendente” protezione legale e trasferì i loro diritti di proprietà ad Israele, che osservava la sua legge.

Dal momento in cui il Talmud ha dichiarato fuori legge il figlio o la prole di un gentile come quello di una bestia, un gentile aveva, simile ad un animale, pochi diritti legali in un tribunale ebraico.

Il Talmud afferma che se un gentile fa causa a un israelita, il verdetto è a favore del convenuto, l’israelita.
Al contrario, se l’israelita è il querelante, ottiene il pieno risarcimento dei danni.

Poiché il Talmud cospira contro i gentili, se un ebreo fosse mai sorpreso a dire a un gentile ciò che il Talmud dice veramente, tale persona merita la morte.

La natura di un Gentile (goyim, goy), che il “grande” Rabbi Simeon Ben Yohai definì nel seguente modo :

Il migliore tra i Gentili merita di essere ucciso.
Il migliore dei serpenti dovrebbe avere la testa schiacciata”.

Gli ebrei, tuttavia, sono esseri esaltati nel Talmud e degni di lode.
Cristo descrisse un fariseo che si benediceva affermando :

“Ringrazio il Signore che non sono come gli altri uomini”.

Ed eminenti rabbini talmudici affermano lo stesso :

“Sia benedetto chi non ha fatto di me un goy o un gentile”.

C’è un antagonismo speciale tra il Talmud e Gesù.
Il Talmud attacca ovunque possa, anche sua madre :

… Maria – scrive il Talmud – era una p***ana che si accoppiava con i falegnami.
Lei che era la discendente di principi e governatori si prostituiva con i falegnami”.

È la tendenza di tutte queste fonti a sminuire la persona di Gesù attribuendogli una nascita illegittima, una vita indecorosa ed una morte vergognosa.

Gesù, secondo questo articolo, fu considerato uno dei tre peggiori nemici del giudaismo/sionismo, con una fine ignobile.

Il Talmud riporta che lo sottoposero a quattro morti : lapidazione, rogo, decapitazione e strangolamento, e che ora è all’inferno punito con escrementi bollenti.

Cosa consiglia Cristo mentre ci parla dall’inferno ?
L’enciclopedia ebraica cita Gesù che afferma soprattutto di benedire gli ebrei :

“Favorite il loro benessere, non fate nulla a loro danno.
Chiunque li tocchi, tocca anche il pomo del suo occhi”.

Anche i cristiani come seguaci del falso profeta Gesù meritavano la morte.
L’enciclopedia ebraica riprende la posizione del Talmud :

“Un gentile che osserva il sabato merita la morte”.

La testimonianza di un cristiano non era ammessa come prova nei tribunali ebraici, e ad un israelita che trovava qualcosa appartenente ad un cristiano era vietato restituirglielo“.

Altro esperto :

I farisei con il loro Talmud diedero così agli ebrei un’etica che incoraggiava il bigottismo e l’isolamento.
Ma fece anche di peggio.

Invitavano alla persecuzione.
Nell’undicesimo secolo, gli abitanti di Babilonia, stanchi dell’ipocrisia e della disonestà degli ebrei, li espulsero verso ovest“.


Una battaglia millenaria per la Umanità


Benjamin Netanyahu :

“Questo fa parte della nostra fede … che leggere la Bibbia e la Torah e che ha portato il popolo ebraico … è un popolo unico, popolo del libro come lo chiamiamo noi.

Il popolo del libro non solo conosceva il libro, che poteva leggere il libro, la capacità di fare domande, che è quello che la tradizione talmudica ha fatto in tutte le comunità ebraiche e non ha mai definito la fine della conoscenza.

Non ha mai messo un punto esclamativo sulla verità.
Metteva costantemente in discussione, si espandeva, cresceva, si scambiava tra comunità, tra grandi studiosi e i loro studenti.

Non finiva mai.
Era sempre iterativa.

Questa cultura è esplosa quando sono caduti i muri del ghetto.
Questa stessa tradizione, questa stessa cultura è parte di noi.

È profondamente radicata nella nostra cultura e nel nostro pensiero, nelle nostre tradizioni”.

Il pastore Jon Hagee :

“La lotta di Israele è la nostra lotta.
Noi siamo uno.

Siamo uniti.
Non ci scoraggeremo.

Non saremo sconfitti.
Non ci faremo intimidire.

Non ci siederemo.
Non resteremo in silenzio.

Siamo il peggiore incubo degli antisemiti.
La vittoria sarà nostra”.

Comico (donna ebrea) :

“Bene, spero che gli ebrei abbiano ucciso Cristo.
Lo rifaccio… cazzo lo rifaccio…in un secondo”.

Voce :

Quando circoncidono i bambini, il rabbino mette la sua bocca attorno al pene e succhia il sangue.
Non me lo sto inventando.

Questo è l’ebraismo talmudico e questo è ciò che viene praticato in Israele.
Quindi, per coloro che vogliono sostenere Israele, specialmente gli idioti cristiani sionisti… mio Dio, quanto siete stupidi ?

Queste persone odiano Gesù Cristo, e sicuramente vi stanno usando come un mucchio di pedine idiote per il loro gioco malato e perverso.
Questa è la realtà !”



La verità sulle sparizioni direttamente dalla bocca di un ebreo sionista, in un’intervista al rabbino Finkelstein :

“Noi ebrei siamo i padroni del mondo e tutte le altre razze sul pianeta Terra sono il nostro bestiame (goyim).
Ogni anno in America sequestriamo 100.000 dei vostri bambini che ci servono per i nostri riti di sacrificio di bambini.

Vi facciamo mangiare anche la carne degli stessi (vostri) bambini che vendiamo alle macellerie nelle quali viene lavorata per fare delle salsicce”.



Inoltre, la verità sulla “persecuzione degli ebrei” o meglio il motivo per cui sono stati, durante la storia, buttati fuori ed espulsi da piú di 100 paesi del mondo (tra i quali anche l’Italia).

E’ sconvolgente scoprire che la causa principale è stata i loro riti di morte (sacrifici di bambini, consumo di sangue e cannibalismo).



Il Talmud ebraico è essenzialmente la religione babilonese dei farisei.
Quindi essenzialmente un culto di morte (riti di sacrificio di bambini).

Cosí fondamentalmente il culto ebraico è l’emblema dell’anticristo che ha trovato la sua massima espressione nella massoneria (in particolar modo nella freemasonry), cannibalismo ed il tomismo babilonese.



La maggior parte degli storici sa e soprattutto ammette che il sacrificio umano è avvenuto in passato tra varie sette.
I templi macchiati di sangue degli Aztechi lo attestano.



La pratica chiamata “Sati” (oppure “suttee”) in India, dove le donne si sacrificavano tra le fiamme, è attuale ancora oggi.

In Messico, ancora fino a pochi anni fa, è stata scoperta una strana cultura che ha sacrificato molte persone, tra cui uno studente universitario americano, Mark Killroy.
Lo stesso accade ancora oggi in Africa ed in varie parti del Sud America.

Se fate delle semplici ricerche su internet, vi rendete conto che ci sono alcuni gruppi che ancora si impegnano in pratiche barbare, come il sacrificio umano.

Allora perchè gli ebrei sionisti si sarebbero macchiati di azioni ancora più gravi ?

Molte delle persone che hanno condotto ricerche su questi argomenti sono state bollate con l’epiteto di antisemita (compresa la sottoscritta in più occasioni), termine che, a quanto pare, è usato per soffocare la discussione su qualsiasi argomento che li critichi.

La maggior parte degli ebrei interrogati sull’argomento nega con veemenza di esserne a conoscenza.
D’altro canto altri hanno ammesso questi crimini, ne hanno parlato in libri, ne discutono alla base.
Quindi non si può fare un’accusa generale contro tutti gli ebrei.

Ma cosa distingue questi crimini da altri atti crudeli commessi ?

La risposta a questa domanda è atroce.
Sulla base di numerosi rapporti, dal passato ai tempi moderni, la differenza principale è il grado di crudeltà.
I rapporti dimostrano che i bambini sacrificati nei riti occulti ebraici venivano torturati a morte nei modi più crudeli che si possano immaginare.

Inoltre c’è un’altra differenza che distingue questi crimini dagli altri.
Quando vengono scoperti, non solo i gruppi locali, ma gli ebrei di tutto il mondo cercano di nasconderli.

I bambini che venivano sacrificati venivano spesso bruciati in una fossa chiamata “Tophet” mentre i tamburi venivano battuti nel tentativo di nascondere le grida del bambino.

Questa pratica era abbastanza diffusa tra gli ebrei che vivevano a Cartagine circa 300 anni prima di Cristo e che adoravano Baal, un altro nome per il Signore.

Quando si perdeva una battaglia a Siracusa quasi 500 bambini venivano gettati in un “tophet” in fiamme come sacrificio a Baal.
A volte i bambini venivano messi tra le braccia di una palla di bronzo, che aveva una fornace sotto di questa e coloro che commettevano questi genocidi poi permettevano alle piante di consumare il bambino.

Il livello di crudeltà in tutti questi casi non lascia (purtroppo) alcun dubbio.

Una cosa che alcuni possono trovare piuttosto strana è il termine chiave usato dagli ebrei per descrivere il loro atto di sacrificio umano : OLOCAUSTO.
Una parola ebraica usata in passato per descrivere l’atto di gettare un bambino nelle fiamme come sacrificio alla loro divinità.

Ma nei tempi moderni gli ebrei hanno assegnato un significato completamente diverso al termine.

Alcuni eventi italiani che confermano tristemente il culto di morte ebraico riguardo il sacrificio di bambini

1.A Venezia, in Italia, nell’anno 1420, secondo i registri locali, alcuni ebrei uccisero ritualmente un bambino in modo crudele e furono giustiziati per questo crimine disumano.

2.Nell’anno 1475 a Trento, in Italia, altri ebrei riferirono di aver ucciso ritualmente un bambino di nome Simone.

Anche questa creatura di Dio aveva segni di pugnalate su tutto il corpo.
Il bambino fu poi fatto santo.



Nel libro “Lives of the Saints” padre Alban Butler descrisse il bimbo come un martire infantile, descrivendo l’atroce evento in questo modo :

“Gli ebrei della città di Trento decisero di sfogare il loro odio uccidendo un bambino cristiano per la prossima Pasqua.

E Tobias, uno di loro, fu incaricato di intrappolare una vittima.
Trovò un bambino vivace e sorridente di nome Simone che giocava fuori dalla sua casa, senza nessuno che lo sorvegliasse.

Tobias accarezzò la guancia del piccolo e lo convinse a prendergli la mano.
Il bambino, che non aveva neanche due anni, accettò.

Ma presto cominciò a chiamare la sua mamma ed a piangere quando si trovò ad essere portato via dalla sua casa.
Allora Tobias…lo mise a tacere e lo condusse con sicurezza a casa sua.

A mezzanotte del Giovedì Santo, iniziò l’opera di macellazione.
Gli imbavagliarono la bocca, gli tennero le braccia in forma di croce, mentre trafiggevano il suo piccolo corpo con punteruoli accompagnate da beffe blasfeme…Dopo un’ora di tortura, il piccolo martire alzò gli occhi al cielo e consegnò la sua anima innocente.

Gli ebrei gettarono il suo corpo nel fiume, ma il loro crimine fu scoperto e punito, mentre le sante reliquie furono custodite nella chiesa di San Pietro”.

Il Cardinale Garganelli, che più tardi divenne Papa Clemente XIV, una volta scrisse :

“Ammetto dunque come vero il fatto del beato Simone, un bambino di tre anni, ucciso dagli ebrei di Trento.
Ammetto anche come vero un altro fatto, accaduto nell’anno 1462 nel villaggio di Rinn…nella persona del beato Anderl, un ragazzo barbaramente ucciso dagli ebrei”.

3.Nel 1485, un altro bambino gentile (=non ebreo) avrebbe subito un destino simile.
Papa Benedetto XIV canonizzò il bambino e divenne noto come San Lorenzino e menzionò il bambino come martire.

La Corte Episcopale di Padova, Italia, attestò l’autenticità.

Nonostante le piccole differenze, è interessante notare che molti altri leader religiosi hanno riconosciuto questi fatti riguardo agli omicidi ebrei di bambini.

4. Il New York Herald del 6 aprile 1850 riportò il caso in prima pagina con il titolo :

“Misteri del Talmud. Terribile omicidio in Oriente”.

L’articolo, relativamente lungo, descrive il feroce omicidio su padre Thomas :

“Chi si sarebbe sognato di vedere i misteri sanguinosi del Talmud esposti a loro volta, e di avere il processo di uno dei più selvaggi e feroci omidici mai registrati mai registrati negli annali della criminalità, ancora una volta portato davanti al pubblico ?

Chi avrebbe immaginato che certi fanatici usassero sangue umano per inzuppare il loro santo pane azzimo ?
I nostri lettori ricorderanno senza dubbio lo scalpore universale creato in tutto il mondo dalla scoperta che padre Thomas, un Missionario cristiano della Sardegna e il suo servo Abrahim Amara, erano stati dissanguati a morte, le loro membra tagliate articolazione per articolazione, le loro ossa pestate nel mortaio ed i loro resti mutilati gettati in una fogna nella città di Damasco.

I manoscritti del processo originale, come sigillati dai consigli francese e austriaco, di quella città sono ora in questa città, possiamo così sfidare la ‘Grande Nazione’ a contraddire la verità delle nostre dichiarazioni”.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page