Un pensiero da boicottare

Pubblicato il 21 Dicembre 2021 da Veronica Baker

Il marxismo e la propaganda comunista hanno contagiato i letterati facendogli credere che, non aderendo alle visioni, alle tesi, al linguaggio della “sinistra” si è poco intelligenti, ed addirittura meno viventi.

I letterati hanno scambiato i comunisti per impressionisti da non rifiutare, pena la condanna dell’avvenire.

“E’ vero, non mi piacciono, ma potrebbero avere un valore eccezionale !
Se un giorno entrassero al Louvre ?
Se alle aste li pagassero miliardi ?”

Così si riempiono la testa di venerate idiozie.

Guido Ceronetti


Un pensiero da boicottare

Importante avvertenza (ancora una volta) per i lettori più “distratti” o – piuttosto – in malafede.

Protesto fermamente che eventuali “critiche” contenute in questo articolo (così come in tutti gli altri pubblicati in precedenza sul medesimo tema in questo sito) su ebrei, cattolici, americani, inglesi, italiani, africani, cinesi  od altri non investono i popoli in quanto tali.

Bensì soltanto quelle persone che in modo più o meno legittimo od occulto ne hanno guidato, o ne guidano, i loro destini.

E neppure considerano queste ultime per l’appartenenza a detti popoli – poichè il razzismo contraddice nel termine ad esempio l’attributo cattolico – ma unicamente per le loro azioni, dichiarazioni e programmi che puntualmente si sono avverati o sono in corso di svolgimento.


Un pensiero da boicottare
Una specie di imperialismo culturale portato all’estremo…

Essere contro la Cina (e tutto ciò che gli sta intorno) non è semplicemente una questione commerciale, ma è una lotta per la nostra sopravvivenza culturale e spirituale.

Il fatto è che quella che oggi si fa chiamare “sinistra” è una ideologia biecamente vetero-comunista, intrisa di materialismo totale, ferocia assassina e volontà di supremazia ed annientamento di ogni opposizione.

Una specie di imperialismo culturale portato all’estremo.

Ovviamente è di “sinistra” anche un pensiero socialdemocratico.
Ma è nella logica delle cose che un pensiero più radicale ne soppianti uno più moderato.

Oggi siamo a questo punto.

Questo pensiero vetero-comunista ha ormai colonizzato qualunque ambito, da quelli culturali a quelli sociali, ai sindacati, associazioni, enti, istituzioni.
Insomma, qualunque cosa.

Ed una volta che diventa pensiero comune un assunto farneticante come “tutto è politica”, allora tutto diventa un campo di battaglia per affermare la supremazia del proprio pensiero.

Esiste una specie di “sopravvivenza del più forte” anche tra le idee, non solo tra organismi biologici.

Del resto il pensiero “sinistro” è piuttosto ovvio da comprendere.
Una volta che si accettano presupposti come il materialismo (l’esclusione delle motivazioni ideali dall’agire umano) ed il razionalismo (la negazione del sentimento e dei vari valori morali quali motivazioni valide) rimane esclusivamente un agire umano portato all’estremo, razionale, spietato.

Quindi gli avversari non si devono solo sconfiggere, si devono distruggere completamente.
La pietà non ha alcun valore in quanto risparmiare un avversario significa solo ritrovarselo di fronte nuovamente in futuro.

Per i “sinistri” ammettere altre culture od ideologie è altrettanto irrazionale, perchè costituiscono una minaccia all’affermazione del “loro” pensiero unico (materialista/razionalista).
E quindi vanno eliminate quali pericolosi focolai di “infezione”.

Ed ovviamente una volta che entriamo in quest’ottica razionalista i concetti di verità o giustizia non significano più nulla.
Esiste solo una verità “politica”, una giustizia “politica”, e così via.
Non possono esistere cioè valori assoluti in quanto in contrasto con il razionalismo relativistico.

Sono di uso comune espressioni come “democrazia proletaria”, “magistratura democratica”, “giustizia proletaria”.
Ma è evidente a tutti che non esista una Giustizia unica con la g maiuscola.

Perchè infatti esistono la giustizia dei “padroni” e la giustizia “proletaria”.

Secondo i primi infatti i valori assoluti propugnati dall’idealismo e dalle varie religioni sono totalmente superati.
Per loro conta solo ciò che si possiede materialmente.
Non deve sorprendere quindi la saldatura fra il pensiero cinese ed il cosiddetto “Club”.

Questo è un pensiero assolutamente da boicottare e da combattere.
Così come tutte le persone (e soprattutto gli stati) che fanno del bieco materialismo il loro mantra.



Nel 2005, The Epoch Times ha pubblicato un discorso tenuto dal ministro della Difesa Chi Haotian ai quadri di alto livello del Partito comunista, poco prima del suo ritiro nel 2003.

Pur essendo un discorso assai datato (quindi va letto solo a titolo puramente informativo), e pur essendo il pensiero fondamentalmente di uno psicopatico (basta leggere il contenuto delirante, oltre che decisamente logorroico), può (forse) essere interessante verificare (al di là della fonte) come tutti i tasselli sul disegno globale (di alcuni) abbiamo un filo logico.


Compagni,

Oggi sono molto eccitato, perché un sondaggio online su larga scala che è stato compiuto per noi ha mostrato che la nostra prossima generazione è abbastanza promettente e la causa del nostro partito sarà portata avanti.

Rispondendo alla domanda “Sparerai a donne, bambini e prigionieri di guerra”, più dell’80% degli intervistati ha risposto affermativamente, superando di gran lunga le nostre aspettative.

Oggi vorrei concentrarmi sul perché abbiamo chiesto di condurre questo sondaggio online tra la nostra gente.

Un pensiero da boicottare
Se questi futuri soldati non esitano a uccidere anche i non combattenti, saranno naturalmente doppiamente pronti e spietati nell’uccidere i combattenti.

Il mio discorso di oggi è il seguito del mio discorso dell’ultima volta, durante il quale ho iniziato con una discussione sulla questione delle tre isole, [dove] ho menzionato che 20 anni del tema idilliaco di “pace e sviluppo” sono giunti al termine, e ho concluso che la modernizzazione sotto la sciabola è l’unica opzione per la prossima fase della Cina.

Ho anche detto che abbiamo un interesse vitale all’estero.
Oggi parlerò più specificamente di queste due questioni.

La questione centrale di questo sondaggio sembra essere se sia opportuno sparare a donne, bambini e prigionieri di guerra, ma il suo vero significato va ben oltre.

In apparenza, la nostra intenzione è principalmente quella di capire quale sia l’atteggiamento del popolo cinese verso la guerra.

Se questi futuri soldati non esitano a uccidere anche i non combattenti, saranno naturalmente doppiamente pronti e spietati nell’uccidere i combattenti.

Pertanto, le risposte alle domande del sondaggio possono riflettere l’atteggiamento generale della gente verso la guerra.

In realtà, però, questa non è la nostra vera intenzione.
Lo scopo del Comitato Centrale del PCC nel condurre questo sondaggio è quello di sondare la mente della gente.

Volevamo sapere :

“Se lo sviluppo globale della Cina richiederà morti di massa nei paesi nemici, la nostra gente approverà questo scenario ?
Sarà favorevole o contrario ?”

Come tutti sanno, l’essenza del pensiero del compagno Xiaoping è :

“Lo sviluppo è la dura verità”.

Ed il compagno Jintao, ha anche sottolineato ripetutamente ed enfaticamente :

“Lo sviluppo è la nostra massima priorità”.

Il che non dovrebbe essere trascurata nemmeno per un momento.
Ma molti compagni tendono a intendere lo “sviluppo” in senso stretto, assumendo che sia limitato allo sviluppo interno.

Il fatto è che il nostro “sviluppo” si riferisce alla grande rivitalizzazione della nazione cinese, che, naturalmente, non si limita alla terra che abbiamo ora, ma comprende anche il mondo intero.

Perché la metto in questo modo ?

Sia il compagno Liu Huaquing, uno dei leader della vecchia generazione del nostro Partito, che il compagno He Xin, un giovane stratega del nostro Partito, hanno ripetutamente sottolineato la teoria riguardante lo spostamento del centro della civiltà mondiale.

Il nostro slogan “rivitalizzare la Cina” ha come base questo modo di pensare.
Si può guardare nei giornali e nelle riviste pubblicate negli ultimi anni od andare online per fare qualche ricerca per scoprire chi ha sollevato per primo lo slogan della rivitalizzazione nazionale.

È stato il compagno He Xin.
Sapete chi è He Xin ?

Può sembrare aggressivo e spregevole quando parla in pubblico, con le maniche e i pantaloni arrotolati, ma la sua visione storica è un tesoro che il nostro Partito dovrebbe custodire.

Nel discutere questo argomento, cominciamo dall’inizio.

Come tutti sanno, secondo le opinioni propagate dagli studiosi occidentali, l’umanità nel suo insieme ha avuto origine da una sola madre in Africa.

Pertanto, nessuna razza può rivendicare la superiorità razziale.
Tuttavia, secondo la ricerca condotta dalla maggior parte degli studiosi cinesi, i cinesi sono diversi dalle altre razze sulla terra.

Non abbiamo avuto origine in Africa.
Invece, abbiamo avuto origine indipendentemente nella terra della Cina.

L’Uomo di Pechino a Zhoukoudian che tutti conosciamo rappresenta una fase dell’evoluzione dei nostri antenati.
Il “Progetto di Ricerca delle Origini della Civiltà Cinese” attualmente intrapreso nel nostro paese ha come obiettivo una ricerca più completa e sistematica sull’origine, il processo e lo sviluppo dell’antica civiltà cinese.

Si usa dire :

“La civiltà cinese ha avuto una storia di cinquemila anni”.

Ma ora, molti esperti impegnati nella ricerca in vari campi tra cui l’archeologia, le culture etniche e le culture regionali hanno raggiunto il consenso sul fatto che le nuove scoperte come la cultura Hongshan nel nord-est, il Liangahn Cutlure nella provincia di Zhejiang, le rovine Jinsha nella provincia di Sichuan, ed il sito culturale di Yongzhou Shun Emperor nella provincia di Hunan sono tutte prove convincenti dell’esistenza delle prime civiltà cinesi, e dimostrano che la sola storia agricola cinese della coltivazione del riso può essere fatta risalire fino a 8.000-10.000 anni fa.

Questo confuta il concetto di “cinquemila anni di civiltà cinese”.

Un pensiero da boicottare
Questa è la nazione cinese che si definisce “discendente di Yan e Huang”, la nazione cinese di cui siamo così orgogliosi…

Pertanto, possiamo affermare che siamo il prodotto di radici culturali di più di un milione di anni, e un’unica entità cinese di duemila anni.
Questa è l’entità cinese di duemila anni.

Questa è la nazione cinese che si definisce “discendente di Yan e Huang”, la nazione cinese di cui siamo così orgogliosi.

La Germania di Hitler una volta si vantava che la razza tedesca era la razza più superiore sulla terra, ma il fatto è che la nostra nazione è molto superiore ai tedeschi.

Durante la nostra lunga storia, il nostro popolo si è diffuso in tutte le Americhe e nelle regioni lungo l’orlo del Pacifico, ed è diventato indiano nelle Americhe e i gruppi etnici dell’Asia orientale nel Pacifico meridionale.

Sappiamo tutti che, grazie alla nostra superiorità nazionale, durante la florida e prosperosa dinastia Tang la nostra civiltà era all’apice del mondo. Eravamo il centro della civiltà mondiale, e nessun’altra civiltà nel mondo era paragonabile alla nostra.

Più tardi, a causa del nostro compiacimento, della nostra ristrettezza mentale e dell’autoreferenzialità del nostro paese, siamo stati superati dalla civiltà occidentale e il centro del mondo si è spostato in Occidente.

Ripercorrendo la storia, ci si può chiedere : il centro della civiltà mondiale si sposterà di nuovo in Cina ?

Il compagno He Xin ha detto nel suo rapporto al Comitato Centrale nel 1988 :

“Se il fatto è che il centro della leadership del mondo si trovava in Europa a partire dal XVIII secolo, e poi si è spostato negli Stati Uniti a metà del XX secolo, il centro della leadership del mondo si sposterà a est del nostro pianeta”.

E, “l’Est”, naturalmente, si riferisce principalmente alla Cina.

In realtà, il compagno Lui Huaquing ha fatto ragionamenti simili negli anni ’80.

Sulla base di un’analisi storica, ha sottolineato che il centro della civiltà mondiale si sta spostando.
Si è spostato dall’Est all’Europa occidentale e poi agli Stati Uniti ; ora si sta spostando di nuovo verso l’Est.

Pertanto, se ci riferiamo al XIX secolo come al secolo britannico, e al XX secolo come al secolo americano, allora il XXI secolo sarà il secolo cinese.

Comprendere coscienziosamente questa legge storica e salutare l’avvento del secolo cinese è la missione storica del nostro Partito.
Come tutti sappiamo, alla fine del secolo scorso, abbiamo costruito a Pechino l’altare del secolo cinese.

Nel momento stesso dell’arrivo del nuovo millennio, la direzione collettiva del Comitato Centrale del Partito si è riunita lì per un raduno, sostenendo le torce di Zhoukoudian, per impegnarsi a prepararsi a salutare l’arrivo del secolo cinese.

Lo facevamo per seguire la legge storica e fissare la realizzazione del secolo cinese come obiettivo degli sforzi del nostro Partito.

Più tardi, nel rapporto politico del sedicesimo Congresso nazionale del nostro Partito, abbiamo stabilito che la rivitalizzazione nazionale doveva essere il nostro grande obiettivo e abbiamo specificato esplicitamente nella nostra nuova Costituzione del Partito che il nostro Partito è il pioniere del popolo cinese.

Un pensiero da boicottare
Dobbiamo salutare l’arrivo del secolo cinese alzando la bandiera della rivitalizzazione nazionale…

Tutti questi passi hanno segnato un grande sviluppo del marxismo, riflettendo il coraggio e la saggezza del nostro Partito.

Come tutti sappiamo, Marx e i suoi seguaci non si sono mai riferiti a nessun partito comunista come pioniere di un certo popolo ; né hanno detto che la rivitalizzazione nazionale potesse essere usata come slogan di un partito comunista.

Persino il compagno Mao Zedong, un coraggioso eroe nazionale, alzò solo la bandiera della “rivoluzione proletaria globale”, ma nemmeno lui ebbe il coraggio di dare la più forte pubblicità allo slogan della rivitalizzazione nazionale.

Dobbiamo salutare l’arrivo del secolo cinese alzando la bandiera della rivitalizzazione nazionale.
Come dobbiamo lottare per la realizzazione del secolo cinese ?

Dobbiamo prendere in prestito le preziose esperienze della storia umana, approfittando dell’eccezionale fruizione della civiltà umana e traendo lezioni da ciò che è successo ad altri gruppi etnici.

Le lezioni includono il crollo del comunismo nell’ex Unione Sovietica e nell’Europa dell’Est, così come le sconfitte della Germania e del Giappone nel passato.

Recentemente si è discusso molto delle lezioni del crollo del comunismo nell’ex Unione Sovietica e nei paesi dell’Europa orientale, quindi non mi soffermerò su di esse in questa sede.
Oggi vorrei parlare delle lezioni della Germania e del Giappone.

Come tutti sappiamo, anche la Germania nazista pose molta enfasi sull’educazione del popolo, specialmente delle giovani generazioni.
Il partito e il governo nazista organizzarono e stabilirono varie istituzioni di propaganda ed educazione come il “Guiding Bureau of National Propaganda”, il “Department of National Education and Propaganda”, il “Supervising Bureau of Worldview Study and Education” e l'”Information Office”, tutti volti a instillare nella mente del popolo, dalle scuole elementari ai college, l’idea che il popolo tedesco era superiore, e a convincere la gente che la missione storica del popolo ariano è di diventare i “signori della terra” il cui diritto è di “dominare il mondo”.

Allora il popolo tedesco era molto più unito di quanto lo siamo noi oggi.

Ciononostante, la Germania fu sconfitta nella vergogna più totale, insieme al suo alleato, il Giappone.
Perché ?

Abbiamo raggiunto alcune conclusioni nelle riunioni di studio del Politburo, in cui cercavamo le leggi che regolavano le vicissitudini delle grandi potenze, e cercavamo di analizzare la rapida crescita della Germania e del Giappone.
Quando decidiamo di rivitalizzarci sulla base del modello tedesco, non dobbiamo ripetere gli errori che hanno commesso.

In particolare, le cause fondamentali della loro sconfitta sono le seguenti.

Primo, avevano troppi nemici tutti in una volta, poiché non si attenevano al principio di eliminare i nemici uno alla volta.
Secondo, erano troppo impazienti, mancando della pazienza e della perseveranza necessarie per i grandi risultati.
Terzo, quando arrivò il momento di essere spietati, si rivelarono troppo morbidi, lasciando quindi problemi che riaffiorarono in seguito.

Supponiamo che allora la Germania e il Giappone fossero stati capaci di mantenere gli Stati Uniti neutrali ed avessero combattuto una guerra prolungata passo dopo passo sul fronte sovietico.

Se avessero adottato questo approccio, avessero guadagnato un po’ di tempo per far progredire la loro ricerca, alla fine fossero riusciti ad ottenere la tecnologia delle armi nucleari e dei missili, ed avessero lanciato attacchi a sorpresa contro gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica utilizzandoli.

Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica non sarebbero stati in grado di difendersi ed avrebbero dovuto arrendersi.
Il piccolo Giappone, in particolare, ha commesso un errore madornale nel lanciare l’attacco furtivo a Pearl Harbor.

Un pensiero da boicottare
Apparentemente, in confronto, la Cina di oggi è simile alla Germania di allora. Entrambe si considerano le razze più superiori…

Questo attacco non ha colpito le parti vitali degli Stati Uniti.

Invece, trascinò gli Stati Uniti nella guerra, nelle file dei becchini che alla fine seppellirono i fascisti tedeschi e giapponesi.

Naturalmente, se non avessero fatto questi tre errori ed avessero vinto la guerra, la storia sarebbe stata scritta in modo diverso.

Se fosse stato così, la Cina non sarebbe nelle nostre mani.
Il Giappone avrebbe potuto trasferire la sua capitale in Cina e dominare la Cina.

In seguito, la Cina e tutta l’Asia sotto il comando del Giappone avrebbero messo in gioco la saggezza orientale, conquistato l’Occidente governato dalla Germania ed unificato il mondo intero.

Questo è irrilevante, naturalmente.
Basta con le digressioni.

Quindi, la ragione fondamentale delle sconfitte della Germania e del Giappone è che la storia non li ha predisposti ad essere i “signori della terra”, perché non sono, dopo tutto, la razza più superiore.

Apparentemente, in confronto, la Cina di oggi è simile alla Germania di allora.
Entrambe si considerano le razze più superiori.

Entrambe hanno una storia di sfruttamento da parte di potenze straniere e sono quindi vendicative ; entrambe hanno la tradizione di venerare le proprie autorità ; entrambe sentono di avere uno spazio vitale gravemente insufficiente ; entrambe innalzano le due bandiere del nazionalismo e del socialismo e si etichettano come “socialismo nazionale” ; entrambe adorano “uno stato, un partito, un leader e una dottrina”.

Eppure, se dobbiamo davvero fare un confronto tra Germania e Cina, allora, come ha detto il compagno Jiang Zemin, la Germania appartiene alla “pediatria” – troppo banale per essere paragonata.

Quanto è grande la popolazione della Germania ?
Quanto è grande il suo territorio ?

E quanto è lunga la sua storia ?

Abbiamo eliminato otto milioni di truppe nazionaliste in soli tre anni.
Quanti nemici ha ucciso la Germania ?

Un pensiero da boicottare
Di conseguenza, abbiamo una storia più lunga, più persone e un territorio più vasto…

Sono stati al potere per un periodo transitorio di poco più di una dozzina di anni prima di morire, mentre noi siamo ancora energici dopo essere stati in giro per più di ottant’anni.

La nostra teoria dello spostamento del centro della civiltà è naturalmente più profonda della teoria di Hitler dei “signori della terra”.

La nostra civiltà è profonda ed ampia, il che ha determinato che siamo molto più saggi di loro.

Il nostro popolo cinese è più saggio dei tedeschi perché, fondamentalmente, la nostra razza è superiore alla loro.
Di conseguenza, abbiamo una storia più lunga, più persone ed un territorio più vasto.

Su questa base i nostri antenati ci hanno lasciato i due patrimoni più essenziali, che sono l’ateismo e la grande unità.
È stato Confucio, il fondatore della nostra cultura cinese, a darci queste eredità.

Questo patrimonio ha determinato che abbiamo una capacità di sopravvivenza più forte dell’Occidente.
Questo è il motivo per cui la razza cinese è stata in grado di prosperare così a lungo.

Siamo destinati a “non essere sepolti né dal cielo né dalla terra”, non importa quanto gravi siano i disastri naturali, causati dall’uomo e nazionali. Questo è il nostro vantaggio.

Prendiamo come esempio la risposta alla guerra.

La ragione per cui gli Stati Uniti rimangono oggi è che non hanno mai visto una guerra sulla loro terraferma.
Una volta che i suoi nemici puntano alla terraferma, questi nemici raggiungerebbero Washington prima che il suo congresso finisca di discutere e autorizzi il presidente a dichiarare guerra.

Ma per noi, non perdiamo tempo in queste cose banali.

Il compagno Deng Xiaoping una volta disse :

“La leadership del Partito è pronta a prendere decisioni.
Una volta presa una decisione, viene immediatamente attuata”.

Non si perde tempo in cose banali come nei paesi capitalisti.
Questo è il nostro vantaggio !

Il centralismo democratico del nostro partito è costruito sulla tradizione della grande unità.
Sebbene anche la Germania fascista sottolineasse il centralismo di alto livello, si concentrava solo sul potere del leader superiore, ma ignorava la leadership collettiva del gruppo centrale.

Questo è il motivo per cui Hitler fu tradito da molti nella sua vita, il che impoverì fondamentalmente i nazisti della loro capacità bellica.

Ciò che ci rende diversi dalla Germania è che noi siamo completamente atei, mentre la Germania era principalmente un paese cattolico e protestante. Hitler era ateo solo a metà.

Sebbene Hitler credesse anche che i cittadini comuni avessero poca intelligenza, e che i leader dovessero quindi prendere decisioni, e sebbene il popolo tedesco allora venerasse Hitler, la Germania non aveva la tradizione di venerare i saggi su una base ampia.

Un pensiero da boicottare
La linea di fondo è che solo la Cina è una forza affidabile nel resistere al sistema democratico occidentale basato sul parlamento…

La nostra società cinese ha sempre adorato i saggi, e questo perché non adoriamo nessun dio.

Una volta che si adora un dio, non si può adorare una persona allo stesso tempo, a meno che non si riconosca la persona come rappresentante del dio, come fanno nei paesi del Medio Oriente.

D’altra parte, una volta che riconosci una persona come saggia, naturalmente vorrai che sia il tuo leader….
Questo è il fondamento del nostro centralismo democratico.

La linea di fondo è che solo la Cina è una forza affidabile nel resistere al sistema democratico occidentale basato sul parlamento.

La dittatura di Hitler in Germania è stata probabilmente solo un errore momentaneo nella storia.

Forse ora avete capito perché abbiamo recentemente deciso di promulgare ulteriormente l’ateismo.
Se lasciamo che la teologia dall’Occidente entri in Cina e ci svuoti dall’interno, se lasciamo che tutto il popolo cinese ascolti Dio e segua Dio, chi ci ascolterà e seguirà in modo obbediente ?

Se la gente comune non crede che il compagno Hu Jintao sia un leader qualificato, mette in dubbio la sua autorità e vuole controllarlo, se i seguaci religiosi della nostra società si chiedono perché stiamo lasciando Dio nelle chiese, il nostro Partito può continuare a governare la Cina ?

Il sogno della Germania di essere “padrona della terra” è fallito, perché alla fine la storia non le ha conferito questa grande missione.

Ma le tre lezioni che la Germania ha imparato da quella esperienza sono quelle che noi dobbiamo ricordare mentre completiamo la nostra missione storica e rivitalizziamo la nostra razza.
Le tre lezioni sono :

Afferrare saldamente lo spazio vitale del paese.
Afferrare saldamente il controllo del Partito sulla nazione.
Afferrare saldamente la direzione generale per diventare il “signore della terra”.

Ora vorrei affrontare queste tre questioni.

La prima questione è lo spazio vitale.
Questo è il più grande obiettivo della rivitalizzazione della razza cinese.

Nel mio ultimo discorso, ho detto che la lotta per le risorse vitali di base (compresa la terra e l’oceano) è la fonte della stragrande maggioranza delle guerre nella storia.
Questo può cambiare nell’era dell’informazione, ma non fondamentalmente.

Le nostre risorse pro capite sono molto inferiori a quelle della Germania di allora.
Inoltre, lo sviluppo economico degli ultimi venti e più anni ha avuto un impatto negativo, ed i climi stanno rapidamente cambiando in peggio.

Le nostre risorse sono molto scarse.
L’ambiente è gravemente inquinato, soprattutto quello del suolo, dell’acqua e dell’aria.

Non solo la nostra capacità di sostenere e sviluppare la nostra razza, ma persino la sua sopravvivenza è gravemente minacciata, in una misura molto maggiore di quella affrontata dalla Germania di allora.

Chiunque sia stato nei paesi occidentali sa che il loro spazio vitale è molto migliore del nostro.
Loro hanno foreste lungo le autostrade, mentre noi non abbiamo quasi nessun albero vicino alle nostre strade.

Il loro cielo è spesso blu con nuvole bianche, mentre il nostro cielo è coperto da uno strato di foschia scura.
La loro acqua di rubinetto è abbastanza pulita per essere bevuta, mentre la nostra acqua di falda è così inquinata che non si può bere senza filtrare.

Un pensiero da boicottare
Il ministero delle risorse terrestri è specializzato in questo tema…

Loro hanno poche persone per le strade, e due o tre persone possono occupare un piccolo edificio residenziale ; al contrario, le nostre strade sono sempre piene di gente, e diverse persone devono condividere una stanza.

Molti anni fa, c’era un libro intitolato “Catastrofi gialle”.

Diceva che, a causa del nostro stile di consumo americano, le nostre risorse limitate non avrebbero sostenuto a lungo la popolazione e la società sarebbe crollata, una volta che la nostra popolazione avesse raggiunto 1,3 miliardi.

Ora la nostra popolazione ha già superato questo limite, ed ora dipendiamo dalle importazioni per sostenere la nostra nazione.
Non è che non abbiamo prestato attenzione a questo problema.

Il ministero delle risorse terrestri è specializzato in questo tema.

Ma il termine “spazio vitale” (lebensraum) è troppo legato alla Germania nazista.
La ragione per cui non vogliamo discuterne troppo apertamente è per evitare che l’Occidente ci associ alla Germania nazista, il che potrebbe a sua volta rafforzare l’opinione che la Cina sia una minaccia.

Pertanto, nella nostra enfasi sulla nuova teoria di He Xin, “I diritti umani sono solo diritti viventi”, parliamo solo di “vivere”, ma non di “spazio”, in modo da evitare di usare il termine “spazio vitale”.

Dal punto di vista della storia, la ragione per cui la Cina si trova di fronte al problema dello spazio vitale è che i paesi occidentali hanno stabilito colonie prima dei paesi orientali.

I paesi occidentali hanno stabilito colonie in tutto il mondo, dandosi così un vantaggio sulla questione dello spazio vitale.
Per risolvere questo problema, dobbiamo condurre il popolo cinese fuori dalla Cina, in modo che possa svilupparsi fuori dalla Cina.

La seconda questione è la nostra attenzione sulla capacità di leadership del partito al potere.
Su questo abbiamo fatto meglio del loro partito.

Anche se i nazisti hanno diffuso il loro potere in ogni aspetto del governo nazionale tedesco, non hanno sottolineato la loro posizione di leadership assoluta come abbiamo fatto noi.

Non hanno preso la questione della gestione del potere del partito come priorità assoluta, come abbiamo fatto noi.

Quando il compagno Mao Zedong ha riassunto i “tre tesori” della vittoria del nostro partito nella conquista del paese, ha considerato che il “tesoro” più importante fosse lo sviluppo del Partito Comunista Cinese (PCC) ed il rafforzamento della sua posizione di leadership.

Dobbiamo concentrarci su due punti per rafforzare la nostra posizione di leadership e migliorare la nostra capacità di leadership.

Il primo è promuovere la teoria delle “Tre Rappresentanze”, sottolineando che il nostro Partito è il pioniere della razza cinese, oltre ad essere il pioniere del proletariato.

Molti cittadini dicono in privato :

“Non abbiamo mai votato voi, il Partito Comunista, per rappresentarci.
Come potete pretendere di essere i nostri rappresentanti?”.

Non c’è bisogno di preoccuparsi di questo problema.
Il compagno Mao Zedong ha affermato che se potessimo guidare il popolo cinese fuori dalla Cina, risolvendo la mancanza di spazio vitale in Cina, il popolo cinese ci sosterrebbe.

In quel momento, non dobbiamo preoccuparci delle etichette di “totalitarismo” o “dittatura”.
Se potremo rappresentare per sempre il popolo cinese dipende dalla nostra capacità di condurre il popolo cinese fuori dalla Cina.

Il secondo punto, se possiamo condurre il popolo cinese fuori dalla Cina, è il più importante determinante della posizione di leadership del PCC.

Perché dico questo ?

Tutti sanno che senza la leadership del nostro Partito, la Cina oggi non esisterebbe.
Pertanto, il nostro principio più alto è quello di proteggere per sempre la posizione di leadership del nostro Partito.

Prima del 4 giugno, ci siamo resi conto vagamente che finché l’economia della Cina sarà sviluppata, la gente sosterrà ed amerà il Partito comunista. Perciò abbiamo dovuto usare diversi decenni di tempo di pace per sviluppare l’economia cinese.

Non importa quale sia l’atteggiamento, che sia un gatto bianco o un gatto nero, è un buon gatto se può sviluppare l’economia della Cina.
Ma a quel tempo, non avevamo idee mature su come la Cina avrebbe affrontato le dispute internazionali dopo che la sua economia si fosse sviluppata.

Il compagno Xiaoping disse allora che i temi principali nel mondo erano la pace e lo sviluppo.
Ma la rivolta del 4 giugno ha dato al nostro Partito un avvertimento e ci ha dato una lezione che è ancora fresca.

Un pensiero da boicottare
Perciò, se sviluppiamo solo l’economia, abbiamo ancora la possibilità di perdere il controllo…

La pressione dell’evoluzione pacifica della Cina ci fa riconsiderare questi due temi principali del nostro tempo.
Vediamo che nessuna di queste due questioni, pace e sviluppo, è stata risolta.

Le forze di opposizione occidentali cambiano sempre il mondo secondo le loro visioni ; vogliono cambiare la Cina e usare l’evoluzione pacifica per rovesciare la leadership del nostro Partito Comunista.

Perciò, se sviluppiamo solo l’economia, abbiamo ancora la possibilità di perdere il controllo.

La rivolta del 4 giugno è quasi riuscita a portare una transizione pacifica ; se non fosse stato per il fatto che un gran numero di compagni veterani erano ancora vivi e in un momento cruciale hanno rimosso Zhao Ziyang e i suoi seguaci, allora saremmo stati tutti messi in prigione.

Dopo la morte ci saremmo vergognati troppo per riferire a Marx.

Anche se abbiamo superato la prova del 4 giugno, dopo la morte del nostro gruppo di compagni anziani, senza il nostro controllo, l’evoluzione pacifica può ancora arrivare in Cina come è successo all’ex Unione Sovietica.

Nel 1956, hanno soppresso l’incidente ungherese e hanno sconfitto gli attacchi dei revisionisti jugoslavi di Tito, ma non hanno potuto resistere a Gorbaciov alcuni anni dopo.
Una volta morti quei compagni anziani pionieri, il potere del Partito Comunista è stato portato via dall’evoluzione pacifica.

Dopo che la rivolta del 4 giugno è stata soppressa, abbiamo pensato a come impedire alla Cina un’evoluzione pacifica e a come mantenere la leadership del Partito Comunista.

Ci abbiamo pensato e ripensato, ma non abbiamo trovato nessuna buona idea.
Se non abbiamo buone idee, la Cina cambierà inevitabilmente in modo pacifico, e noi diventeremo tutti criminali nella storia.

Dopo una profonda riflessione, siamo finalmente giunti a questa conclusione :

“Solo trasformando la nostra forza nazionale sviluppata nella forza di un primo colpo verso l’esterno – solo portando la gente ad uscire – possiamo vincere per sempre il sostegno del popolo cinese e l’amore per il Partito Comunista”.

Il nostro partito starà allora su un terreno invincibile, e il popolo cinese dovrà dipendere dal partito comunista.
Seguiranno per sempre il Partito comunista con il cuore e con la mente, come era scritto in un distico che si vedeva spesso nelle campagne alcuni anni fa :

“Ascolta il presidente Mao, segui il Partito comunista !”

Pertanto, la rivolta del 4 giugno ci ha fatto capire che dobbiamo combinare lo sviluppo economico con la preparazione alla guerra e la guida del popolo all’uscita !

Perciò, da allora, la nostra politica di difesa nazionale ha preso una svolta di 180 gradi e da allora abbiamo enfatizzato sempre di più “combinare pace e guerra”.
Il nostro sviluppo economico serve solo a preparare le necessità della guerra !

Pubblicamente enfatizziamo ancora lo sviluppo economico come nostro centro, ma in realtà lo sviluppo economico ha come centro la guerra !

Abbiamo fatto un enorme sforzo per costruire il “Progetto Grande Muraglia” per costruire, lungo le nostre frontiere costiere e terrestri e intorno alle città grandi e medie, una solida “Grande Muraglia” sotterranea che possa resistere ad una guerra nucleare.
Stiamo anche immagazzinando tutto il materiale bellico necessario.

Un pensiero da boicottare
Preferiamo che il mondo intero, o addirittura l’intero globo, condivida la vita e la morte con noi, piuttosto che scendere dal palcoscenico della storia !

Pertanto, non esiteremo a combattere una terza guerra mondiale, in modo da condurre il popolo all’uscita e assicurare la posizione di leadership del Partito.

In ogni caso, noi, il PCC, non scenderemo mai dal palco della storia !

Preferiamo che il mondo intero, o addirittura l’intero globo, condivida la vita e la morte con noi, piuttosto che scendere dal palcoscenico della storia !

Non esiste una teoria della “schiavitù nucleare” ?

Significa che poiché le armi nucleari hanno vincolato la sicurezza del mondo intero, tutti moriranno insieme se la morte è inevitabile.
Secondo me, c’è un altro tipo di schiavitù, e cioè che il destino del nostro Partito è legato a quello del mondo intero.

Se noi, il PCC, siamo finiti, la Cina sarà finita, e il mondo sarà finito.

La missione storica del nostro Partito è di condurre il popolo cinese ad uscire.
Se guardiamo in prospettiva, vedremo che la storia ci ha portato su questa strada.

In primo luogo, la lunga storia della Cina ha portato alla più grande popolazione del mondo, compresi i cinesi in Cina e all’estero.
Secondo, una volta che abbiamo aperto le nostre porte, i capitalisti occidentali in cerca di profitto investiranno capitale e tecnologia in Cina per aiutare il nostro sviluppo, in modo da poter occupare il più grande mercato del mondo.

In terzo luogo, i nostri numerosi cinesi d’oltremare ci aiutano a creare l’ambiente più favorevole per l’introduzione di capitale straniero, tecnologia straniera ed esperienza avanzata in Cina.

Così, è garantito che la nostra riforma e la politica delle porte aperte otterranno un enorme successo.
Quarto, la grande espansione economica della Cina porterà inevitabilmente alla riduzione dello spazio vitale pro-capite per il popolo cinese, e questo incoraggerà la Cina a rivolgersi all’esterno in cerca di nuovi spazi vitali.

Quinto, la grande espansione economica della Cina verrà inevitabilmente con un significativo sviluppo delle nostre forze militari, creando le condizioni per la nostra espansione oltremare.
Fin dai tempi di Napoleone, l’Occidente è stato attento al possibile risveglio del leone addormentato che è la Cina.

Ora, il leone addormentato si sta alzando e sta avanzando nel mondo, ed è diventato inarrestabile !

Qual è la terza questione che dovremmo affrontare con fermezza per compiere la nostra missione storica di rinascita nazionale ?
È tenere saldamente la grande “questione dell’America”.

Questo sembra scioccante, ma la logica è in realtà molto semplice.

Il compagno He Xin ha espresso un giudizio fondamentale e molto ragionevole.
Ha affermato nel suo rapporto al Comitato Centrale del Partito :

La rinascita della Cina è in conflitto fondamentale con l’interesse strategico occidentale, e quindi sarà inevitabilmente ostacolata dai paesi occidentali che fanno tutto il possibile.
Quindi, solo rompendo il blocco formato dai paesi occidentali con a capo gli Stati Uniti, la Cina può crescere e muoversi verso il mondo !

Gli Stati Uniti ci permetterebbero di uscire per conquistare nuovi spazi vitali ?
Innanzitutto, se gli Stati Uniti sono fermi nel bloccarci, è difficile per noi fare qualcosa di significativo a Taiwan, in Vietnam, in India o anche in Giappone, [quindi] quanto spazio vitale in più possiamo ottenere ?

Molto banale !
Solo paesi come gli Stati Uniti, il Canada e l’Australia hanno la vasta terra per servire il nostro bisogno di colonizzazione di massa.

Quindi, risolvere la “questione dell’America” è la chiave per risolvere tutte le altre questioni.

In primo luogo, questo rende possibile la migrazione di molte persone e persino la creazione di un’altra Cina sotto la stessa guida del PCC.
L’America è stata originariamente scoperta dagli antenati della razza gialla, ma Colombo ha dato il merito alla razza bianca.

Noi, discendenti della nazione cinese, abbiamo diritto al possesso della terra !
Si dice che i residenti della razza gialla abbiano uno status sociale molto basso negli Stati Uniti.
Dobbiamo liberarli.

In secondo luogo, dopo aver risolto la “questione dell’America”, i paesi occidentali dell’Europa si inchineranno a noi, per non parlare di Taiwan, del Giappone e di altri piccoli paesi.
Quindi, risolvere la “questione dell’America” è la missione assegnata ai membri del PCC dalla storia.

A volte penso quanto sia crudele che la Cina e gli Stati Uniti siano nemici destinati a incontrarsi su una strada stretta !
Vi ricordate un film sulle truppe dell’Esercito di Liberazione guidate da Liu Bocheng e Deng Xiaoping ?

Il titolo è qualcosa come “Battaglia decisiva nelle pianure centrali”.

C’è una famosa osservazione nel film che è piena di potenza e grandezza :

“I nemici sono destinati a incontrarsi su una strada stretta, solo i coraggiosi vinceranno !”

È questo tipo di spirito di lotta per vincere o morire che ci ha permesso di prendere il potere nella Cina continentale.
È il destino storico che la Cina e gli Stati Uniti arriveranno a un confronto inevitabile su una strada stretta e si combatteranno a vicenda !

Gli Stati Uniti, a differenza della Russia e del Giappone, non hanno mai occupato e ferito la Cina, e hanno anche assistito la Cina nella sua battaglia contro i giapponesi.
Ma, sarà certamente un ostacolo, e il più grande ostacolo !

A lungo termine, la relazione tra la Cina e gli Stati Uniti è una lotta di vita e di morte.

Una volta, alcuni americani sono venuti in visita e hanno cercato di convincerci che la relazione tra Cina e Stati Uniti è una relazione di interdipendenza.

Il compagno Xiaoping ha risposto in modo educato :

“Andate a dire al vostro governo che la Cina e gli Stati Uniti non hanno una relazione così interdipendente e di reciproca dipendenza”.

In realtà, il compagno Xiaoping è stato troppo educato, avrebbe potuto essere più franco :

“La relazione tra la Cina e gli Stati Uniti è una lotta tra la vita e la morte”.

Certo, in questo momento non è ancora il momento di rompere apertamente con loro.
La nostra riforma e l’apertura al mondo esterno dipendono ancora dal loro capitale e dalla loro tecnologia, abbiamo ancora bisogno dell’America.

Pertanto, dobbiamo fare tutto il possibile per promuovere la nostra relazione con l’America, imparare dall’America in tutti gli aspetti e usare l’America come esempio per ricostruire il nostro paese.

Come abbiamo gestito i nostri affari esteri in questi anni ?
Anche se abbiamo dovuto fare una faccia sorridente per compiacerli, anche se dobbiamo porgere loro la guancia destra dopo che ci hanno colpito la sinistra, dobbiamo comunque resistere per promuovere le nostre relazioni con gli Stati Uniti.

Vi ricordate il personaggio di Wuxun nel film “Storia di Wuxun” ?

Per compiere la sua missione, ha sopportato tanto dolore e ha subito tante botte e calci !
Gli Stati Uniti sono oggi il paese di maggior successo al mondo.

Solo dopo aver appreso tutte le sue utili esperienze potremo sostituirli in futuro.
Anche se attualmente stiamo imitando il tono americano “La Cina e gli Stati Uniti contano l’uno sull’altro e condividono onore e disgrazia”, non dobbiamo dimenticare che la storia della nostra civiltà ci ha insegnato ripetutamente che una montagna non permette a due tigri di vivere insieme.

Inoltre non dobbiamo mai dimenticare ciò che il compagno Xiaoping ha sottolineato :

“Astenersi dal rivelare le ambizioni e mettere gli altri fuori strada”.

Il messaggio nascosto è : dobbiamo sopportare l’America ; dobbiamo nascondere i nostri obiettivi finali, nascondere le nostre capacità e aspettare l’occasione.

In questo modo, la nostra mente è chiara.
Perché non abbiamo aggiornato il nostro inno nazionale con qualcosa di pacifico ?
Perché non abbiamo cambiato il tema della guerra dell’inno ?

Un pensiero da boicottare
Tutti conosciamo il principio di “fare una cosa sotto la copertura di un’altra”.

Invece, quando abbiamo rivisto la Costituzione questa volta, per la prima volta abbiamo specificato chiaramente che la “Marcia dei Volontari” è il nostro inno nazionale.

Così capiremo perché si parla costantemente a gran voce della “questione di Taiwan” ma non della “questione americana”.

Tutti conosciamo il principio di “fare una cosa sotto la copertura di un’altra”.

Se la gente comune può vedere solo la piccola isola di Taiwan nei suoi occhi, allora voi come élite del nostro paese dovreste essere in grado di vedere l’intero quadro della nostra causa.

In questi anni, secondo le disposizioni del compagno Xiaoping, un grande pezzo del nostro territorio nel Nord è stato ceduto alla Russia ; pensate davvero che il nostro Comitato del Partito sia uno sciocco ?

Per risolvere la questione dell’America dobbiamo essere capaci di trascendere le convenzioni e le restrizioni.
Nella storia, quando un paese sconfiggeva un altro paese o occupava un altro paese, non poteva uccidere tutta la gente nella terra conquistata perché allora non si poteva uccidere efficacemente con sciabole o lunghe lance, e nemmeno con fucili o mitragliatrici.

Pertanto, era impossibile conquistare un tratto di terra senza mantenere la gente su quella terra.
Tuttavia, se conquistassimo l’America in questo modo, non saremmo in grado di farvi migrare molte persone.

Solo usando mezzi speciali per “ripulire” l’America saremo in grado di condurvi il popolo cinese.
Questa è l’unica scelta che ci rimane.

Non si tratta di sapere se siamo disposti a farlo o meno.
Che tipo di mezzi speciali abbiamo a disposizione per “ripulire l’America” ?

Le armi convenzionali come i caccia, i cannoni, i missili e le navi da guerra non basteranno ; e nemmeno le armi altamente distruttive come le armi nucleari.

Non siamo così sciocchi da voler perire insieme all’America usando armi nucleari, nonostante il fatto che abbiamo esclamato di voler risolvere la questione di Taiwan a qualunque costo.
Solo con l’uso di armi non distruttive, che possono uccidere molte persone, potremo riservare l’America a noi stessi.

C’è stato un rapido sviluppo della moderna tecnologia biologica, e nuove armi biologiche sono state inventate una dopo l’altra.
Naturalmente, non siamo stati inattivi, negli anni passati abbiamo colto l’opportunità di padroneggiare armi di questo tipo.

Siamo in grado di raggiungere il nostro scopo di “ripulire” l’America all’improvviso.
Quando il compagno Xiaoping era ancora con noi, il Comitato Centrale del Partito ha avuto la perspicacia di prendere la giusta decisione di non sviluppare gruppi di portaerei e concentrarsi invece sullo sviluppo di armi letali che possono eliminare le popolazioni di massa del paese nemico.

Da un punto di vista umanitario, dovremmo lanciare un avvertimento al popolo americano e persuaderlo a lasciare l’America e lasciare la terra in cui ha vissuto al popolo cinese.
O almeno dovrebbero lasciare metà degli Stati Uniti come colonia della Cina, perché l’America è stata scoperta dai cinesi.

Ma questo funzionerebbe ?
Se questa strategia non funzionasse, allora ci rimane solo una scelta.

Cioè usare mezzi decisivi per “ripulire” l’America e riservare l’America al nostro uso in un momento.
La nostra esperienza storica ha dimostrato che finché lo facciamo noi, nessuno al mondo può fare nulla contro di noi.
Inoltre, se gli Stati Uniti come leader non ci sono più, allora gli altri nemici devono arrendersi a noi.

Le armi biologiche sono senza precedenti nella loro spietatezza, ma se gli americani non muoiono, allora i cinesi devono morire.
Se il popolo cinese è legato alla terra attuale, un crollo totale della società è destinato a verificarsi.

Secondo il calcolo dell’autore di Yellow Peril, più della metà dei cinesi morirà, e questa cifra sarebbe più di 800 milioni di persone !
Subito dopo la liberazione, la nostra terra gialla sosteneva quasi 500 milioni di persone, mentre oggi la cifra ufficiale della popolazione è più di 1,3 miliardi.

Questa terra gialla ha raggiunto il limite della sua capacità.
Un giorno, chissà quanto presto arriverà, il grande collasso avverrà in qualsiasi momento e più della metà della popolazione dovrà andarsene.

Dobbiamo prepararci a due scenari.

Se le nostre armi biologiche avranno successo nell’attacco a sorpresa, il popolo cinese potrà mantenere al minimo le perdite nella lotta contro gli Stati Uniti.
Se invece l’attacco fallisce e scatena una rappresaglia nucleare da parte degli Stati Uniti, la Cina subirebbe forse una catastrofe in cui perirebbe più della metà della sua popolazione.

Ecco perché dobbiamo essere pronti con sistemi di difesa aerea per le nostre città grandi e medie.
Qualunque sia il caso, possiamo solo andare avanti senza paura, per il bene del nostro Partito e Stato e per il futuro della nostra nazione, indipendentemente dalle difficoltà che dobbiamo affrontare e dai sacrifici che dobbiamo fare.

La popolazione, anche se più della metà muore, può essere riprodotta.
Ma se il Partito cade, tutto è perduto, e per sempre.

Nella storia cinese, nella sostituzione delle dinastie, gli spietati hanno sempre vinto ed i benevoli hanno sempre fallito.
L’esempio più tipico riguarda Xiang Yu, re di Chu, che, dopo aver sconfitto Liu Bang, non riuscì a continuare a inseguirlo ed eliminare le sue forze, e la sua indulgenza portò alla morte di Xiang Yu e alla vittoria di Liu.

Pertanto, dobbiamo sottolineare l’importanza di adottare misure risolute.
In futuro, i due rivali, Cina e Stati Uniti, alla fine si incontreranno in una strada stretta, e la nostra indulgenza verso gli americani significherà crudeltà verso il popolo cinese.

Qui qualcuno potrebbe chiedermi :

“Ed i diversi milioni di nostri compatrioti negli Stati Uniti ?”

Potrebbero chiedere :

“Non siamo contro i cinesi che uccidono altri cinesi ?”

Questi compagni sono troppo pedanti, non sono abbastanza pragmatici.

Se avessimo insistito sul principio che i cinesi non devono uccidere altri cinesi, avremmo liberato la Cina ?
Per quanto riguarda i diversi milioni di cinesi che vivono negli Stati Uniti, questo è ovviamente un grosso problema.

Perciò, negli ultimi anni, abbiamo condotto ricerche sulle armi genetiche, cioè quelle armi che non uccidono i gialli.
Ma produrre un risultato con questo tipo di ricerca è estremamente difficile.

Tra le ricerche fatte sulle armi genetiche in tutto il mondo, Israele è la più avanzata.

Le loro armi genetiche sono progettate per colpire gli arabi e proteggere gli israeliani.
Ma anche loro non hanno raggiunto lo stadio di un effettivo dispiegamento.

Un pensiero da boicottare
Ma le loro tecnologie non sono ancora mature, ed è difficile per noi superarle in pochi anni. ..

Abbiamo collaborato con Israele in alcune ricerche.
Forse possiamo introdurre alcune delle tecnologie usate per proteggere gli israeliani e rimodellare queste tecnologie per proteggere il popolo giallo.

Ma le loro tecnologie non sono ancora mature, ed è difficile per noi superarle in pochi anni.

Se devono passare cinque o dieci anni prima di ottenere qualche progresso nelle armi genetiche, non possiamo permetterci di aspettare ancora.

I vecchi compagni come noi non possono permettersi di aspettare così a lungo, perché non abbiamo così tanto tempo da vivere.

I vecchi soldati della mia età possono essere in grado di aspettare per altri cinque o dieci anni, ma quelli del periodo della guerra anti-giapponese o i pochi vecchi soldati dell’Armata Rossa non possono più aspettare.

Pertanto, dobbiamo rinunciare alle nostre aspettative sulle armi genetiche.
Naturalmente, da un altro punto di vista, la maggioranza di quei cinesi che vivono negli Stati Uniti sono diventati il nostro peso, perché sono stati corrotti dai valori liberali borghesi per molto tempo e sarebbe difficile per loro accettare la leadership del nostro Partito.

Se fossero sopravvissuti alla guerra, avremmo dovuto lanciare in futuro delle campagne per trattare con loro, per riformarli.
Vi ricordate ancora che quando avevamo appena sconfitto il Koumintang (KMT) e liberato la Cina continentale, così tante persone della classe borghese e intellettuali ci accolsero così calorosamente, ma più tardi dovemmo lanciare campagne come la “soppressione dei reazionari” e il “Movimento anti-destra” per ripulirli e riformarli ?

Alcuni di loro si sono nascosti per molto tempo e non sono stati smascherati fino alla Rivoluzione Culturale.
La storia ha dimostrato che qualsiasi disordine sociale può comportare molti morti.

Forse possiamo metterla così : la morte è il motore che fa andare avanti la storia.
Durante il periodo dei tre regni, quante persone sono morte ?

Quando Gengis Khan conquistò l’Eurasia, quante persone morirono ?
Quando i Manciù invasero l’interno della Cina, quante persone morirono ?

Non morirono molte persone durante la Rivoluzione del 1911, ma quando rovesciammo le Tre Grandi Montagne, e durante le campagne politiche come “soppressione dei reazionari”, “Tre-Anti-Campagna” e “Cinque-Anti-Campagna”, morirono almeno 20 milioni di persone.

Avevamo il timore che alcuni giovani di oggi tremassero di paura quando sentivano parlare di guerre e di gente che moriva.

Durante la guerra, eravamo abituati a vedere i morti.
Sangue e carne volavano ovunque, i cadaveri giacevano in mucchi sui campi e il sangue scorreva come fiumi.

Vedevamo tutto questo.
Sui campi di battaglia, gli occhi di tutti diventavano rossi per l’uccisione, perché era una lotta tra la vita e la morte e solo i coraggiosi sarebbero sopravvissuti.

È davvero brutale uccidere uno o duecento milioni di americani.
Ma questa è l’unica strada che assicurerà un secolo cinese in cui il PCC guiderà il mondo.

Noi, come umanitari rivoluzionari, non vogliamo morti.
Ma se la storia ci mette di fronte alla scelta tra le morti dei cinesi e quelle degli americani, dovremmo scegliere la seconda, poiché, per noi, è più importante salvaguardare la vita del popolo cinese e la vita del nostro Partito.

Questo perché, dopo tutto, siamo cinesi e membri del PCC.
Dal giorno in cui siamo entrati nel PCC, il Partito, la vita è sempre stata al di sopra di tutto !
La storia dimostrerà che abbiamo fatto la scelta giusta.

Ora, quando sto per finire il mio discorso, probabilmente capite perché volevamo sapere, se il popolo si solleverebbe contro di noi se un giorno adottassimo segretamente mezzi risoluti per “ripulire” l’America.

Da più di vent’anni, la Cina gode della pace, e un’intera generazione non è stata messa alla prova dalla guerra.
In particolare, dalla fine della seconda guerra mondiale, ci sono stati molti cambiamenti nei formati di guerra, nel concetto di guerra e nell’etica della guerra.

Soprattutto dopo il crollo dell’ex Unione Sovietica e degli stati comunisti dell’Europa orientale, l’ideologia dell’Occidente è arrivata a dominare il mondo intero, e la teoria occidentale della natura umana e la visione occidentale dei diritti umani sono state sempre più diffuse tra i giovani in Cina.

Pertanto, non eravamo molto sicuri dell’atteggiamento del popolo.
Se il nostro popolo è fondamentalmente contrario a “ripulire” l’America, dovremo naturalmente adottare misure corrispondenti.

Perché non abbiamo condotto il sondaggio per via amministrativa invece che attraverso il web ?
Abbiamo fatto quello che abbiamo fatto per una buona ragione.

Prima di tutto, l’abbiamo fatto per ridurre le inferenze artificiali e per essere sicuri di ottenere i veri pensieri della gente.
Inoltre, è più confidenziale e non rivelerà il vero scopo del nostro sondaggio.

Ma la cosa più importante è il fatto che la maggior parte delle persone che sono in grado di rispondere alle domande online provengono da gruppi sociali relativamente ben istruiti e intelligenti.
Sono i gruppi più forti e importanti che giocano un ruolo decisivo tra la nostra gente.

Se ci sostengono, allora tutto il popolo ci seguirà.
Se si oppongono a noi, giocheranno il ruolo pericoloso di incitare la gente e creare disordini sociali.

Ciò che si è rivelato molto confortante è che non hanno consegnato un foglio bianco.
Infatti, hanno consegnato un foglio con un punteggio superiore a 80.
Questo è il risultato eccellente del lavoro di propaganda e di educazione del nostro Partito negli ultimi decenni.

Naturalmente, alcune persone sotto l’influenza occidentale hanno obiettato di sparare ai prigionieri di guerra, alle donne e ai bambini.
Sono tutti pazzi ?

Altri hanno detto :

“I cinesi amano etichettarsi come un popolo amante della pace, ma in realtà sono il popolo più spietato. I commenti risuonano di uccisioni e assassinii, mandando brividi al mio cuore”.

Anche se non ci sono troppe persone che hanno questo tipo di punto di vista e non influenzano la situazione generale in modo significativo, ma abbiamo ancora bisogno di rafforzare la propaganda per rispondere a questo tipo di argomento.

Cioè propagandare vigorosamente l’ultimo articolo del compagno He Xin, che è già stato segnalato al governo centrale.

Se andate sul sito usando parole chiave per la ricerca, scoprirete che qualche tempo fa il compagno He Xin ha sottolineato all’Hong Kong Business News durante un’intervista :

“Gli Stati Uniti hanno una cospirazione choccante”.

Secondo quanto aveva in mano, dal 27 settembre al 1° ottobre 1995, la Fondazione Mikhail Sergeevich Gorbaciov, finanziata dagli Stati Uniti, ha riunito 500 tra i più importanti statisti, leader economici e scienziati del mondo, tra cui George W. Bush (all’epoca non era il presidente degli Stati Uniti), la baronessa Thatcher, Tony Blair, Zbigniew Brzezinski, oltre a George Soros, Bill Gates, il futurista John Naisbitt, ecc, tutti i personaggi più popolari del mondo, nell’hotel Fairmont di San Francisco per una tavola rotonda di alto livello, discutendo i problemi sulla globalizzazione e su come guidare l’umanità ad andare avanti nel XXI secolo.

Secondo ciò che He Xin aveva in mano, le persone di spicco del mondo presenti pensavano che nel 21° secolo solo il 20% della popolazione mondiale sarà sufficiente a mantenere l’economia e la prosperità del mondo, l’altro 80% o 4/5 della popolazione mondiale sarà spazzatura umana incapace di produrre nuovi valori.

I presenti hanno pensato che questo 80% di popolazione in eccesso sarà una popolazione di spazzatura e si dovranno usare mezzi “high-tech” per eliminarla gradualmente.

Un pensiero da boicottare
L’ultimo problema di cui voglio parlare è quello di prendere saldamente in mano i preparativi per la battaglia militare…

Poiché i nemici stanno segretamente pianificando di eliminare la nostra popolazione, non possiamo certo essere infinitamente misericordiosi e compassionevoli con loro.

L’articolo del compagno He Xin è uscito al momento giusto, ha dimostrato la correttezza del nostro approccio di battaglia tit for tat … [e] la grande lungimiranza del compagno Deng Xiaoping di schierarsi contro la strategia militare degli Stati Uniti.

Certamente, nel diffondere il punto di vista del compagno He Xin, non possiamo pubblicare l’articolo nei giornali del Partito, per evitare di sollevare la vigilanza del nemico.

La conversazione di He Xin può ricordare al nemico che abbiamo afferrato la scienza e la tecnologia moderna, compresa la tecnologia nucleare “pulita” e quella delle armi biologiche, e possiamo usare misure potenti per eliminare la loro popolazione su larga scala.

L’ultimo problema di cui voglio parlare è quello di prendere saldamente in mano i preparativi per la battaglia militare.

Attualmente, siamo al bivio di avanzare o retrocedere.
Alcuni compagni hanno visto i problemi inondare ovunque il nostro paese – il problema della corruzione, il problema delle imprese statali, il problema dei cattivi conti delle banche, i problemi ambientali, i problemi della sicurezza della società, i problemi dell’educazione, il problema dell’AIDS, vari problemi di ricorsi, persino il problema delle rivolte.

Questi compagni vacillavano nella determinazione di preparare le battaglie militari.
Pensavano : devono prima afferrare il problema della riforma politica, cioè, la nostra riforma politica viene prima.

Dopo aver risolto i problemi interni, possiamo affrontare il problema delle battaglie militari all’estero.

Questo mi ricorda il periodo cruciale della rivoluzione cinese nel 1948.

A quel tempo i “cavalli dell’Esercito Popolare di Liberazione bevevano acqua” nel fiume Yangtze, ma dovevano affrontare situazioni estremamente complesse e problemi difficili ovunque nelle zone liberate, e l’autorità centrale riceveva quotidianamente rapporti di emergenza.

Cosa fare ?
Dovevamo fermarci a gestire le aree posteriori e le questioni interne prima di andare avanti, o insistere per superare il fiume Yangtze con uno sforzo vigoroso ?

Il presidente Mao, con la sua straordinaria saggezza e coraggio, ha dato l’ordine di marcia “Porta avanti la rivoluzione fino alla fine”, e ha liberato tutta la Cina.

I “seri” problemi conflittuali che prima si pensava fossero “gravi” furono tutti risolti in questa grande ondata rivoluzionaria che avanzava.

Ora, sembra che siamo nello stesso periodo critico dei “cavalli che bevevano acqua” nei giorni del fiume Yangtze nell’era rivoluzionaria, finché risolviamo il problema degli Stati Uniti in un colpo solo, i nostri problemi interni saranno tutti facilmente risolti.

Pertanto, la nostra preparazione della battaglia militare sembra mirare a Taiwan, ma in realtà mira agli Stati Uniti, e la preparazione va ben oltre l’obiettivo di attaccare le portaerei o i satelliti.

Il marxismo ha sottolineato che la violenza è la levatrice per la nascita del secolo della Cina.
Mentre la guerra si avvicina, sono pieno di speranza per la nostra prossima generazione.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page