Un cerotto sulla coscienza

Pubblicato il 21 Maggio 2019 da Veronica Baker

Jeanny, komm, come on
Steh auf – bitte, du wirst ganz naß
Schon spät, komm – wir müssen weg hier
Raus aus dem Wald, verstehst du nicht ?
Wo ist dein Schuh, du hast ihn verloren,
Als ich dir den Weg zeigen mußte
Wer hat verloren ? Du dich ?
Ich mich ? Oder, oder wir uns ?

FalcoJeanny


Non c’è cosa peggiore che chiudersi gli occhi e non voler vedere.

Oppure vedere ciò che non esiste.
Oppure storpiare la realtà per renderla congruente a ciò che si desidera.

E non a quello che realmente è.


Gennaio 31, 2014


Le case chiuse tedesche sono legali e pubblicizzabili : le insegne sono sulle fiancate dei taxi e girano pulmini pubblicitari con le reclame.
Avendo approfondito la tematica in questione mentre seguivo il corso di Qualifizierte Sexualbegleiterin1 presso Kassandra a Nürnberg (ma più o meno in ogni grande città tedesca esiste un centro di aiuto del genere, i più famosi sono Hydra a Berlino e Madonna a Bochum) posso facilmente argomentare sia dal punto di vista “umano” che da quello “sociale“.

Alla luce del sole

Andando nella hall di un hotel locale e prendendo una brochure di Nürnberg, alla voce “relax” sono indicati i cosiddetti FKK2.
Spesso se arrivate di sera e chiedete di andare in un hotel ve li consigliano i tassisti.

Un cerotto sulla coscienza Her Own Destiny
Jeux d’amour – © 2013 Her Own Destiny

Nürnberg non è come Amburgo, quindi non c’è un “quartiere a luci rosse” (anche se esiste una Sperrbezirk3).
Essendo legale, per un tedesco è sempre possibile andare in un bordello senza il rischio che irrompa la Polizia, o che qualcuno mandi multe a casa come in Italia.

Per altro i bordelli sono solitamente edifici fuori città circondati da siepi, oppure hanno androni in comune con altri edifici.

Insomma, non si può mai stabilire con certezza che state andando proprio lì.
Farlo è punibile per legge, ed è un reato penale.
A meno che non siate minorenni, nessuno può avere da ridire sul fatto che entriate in un bordello, e la privacy sul piano giuridico è tutelatissima.

In Italia è possibile trovare ragazze schiavizzate, picchiate, minorenni.
In Germania è decisamente più difficile, anche se in certi casi succede.
Di solito sono donne provenienti da Romania e Bulgaria, etnie che tendono a creare dei veri e propri ghetti nelle città più grandi e che non sono viste di buon occhio dalla Polizei.

Per altro il mercato è decisamente vario, ed esistono posti per tutte le tasche, anche economici.

Ma se qualcuno pensa che il mito del bordello legale sia il viatico all’esaurimento della prostituzione come problema sociale, si sta sbagliando davvero di grosso.
Ecco quello che si apprende frequentando un centro come Kassandra.

Una verità nuda e cruda

Innanzitutto, è una chimera che le donne “si pagano i contributi per la pensione”.

Non perchè non li paghino, perchè senza registrazione al Finanzamt non lavorano proprio.
Ma per il semplice motivo che le ragazze non arrivano mai alla pensione.

La carriera inizia solitamente intorno ai 20-25 anni.

Ed all’inizio “potrebbe” andare discretamente bene.

Un cerotto sulla coscienza Her Own Destiny
Una verità nuda e cruda…

Il problema è che la concorrenza è in continuo aumento ed ormai è arrivata a livelli assolutamente folli visto il continuo afflusso di nuove ragazze praticamente da ogni parte del mondo.
Quindi i prezzi sono costantemente al ribasso visto che ormai l’offerta supera di gran lunga la richiesta.

I costi massimi a prestazione sono intorno ai 50-60€, di cui il 50% va alla ragazza ed il 50% al gestore.
Ma sul 50% la ragazza deve pure pagare a fine anno le tasse e quindi mediamente le resta il 25% : in pratica dai 15 ai 20 € a prestazione.
Infatti le ragazze lavorano 10-12 ore al giorno per guadagnare il reddito per vivere.

Ecco perchè nella stragrande maggioranza dei casi interviene lo stato sociale con un miniappartamento in qualche quartiere di periferia ed un sussidio base.

E’ quindi assolutamente falso che le prostitute legali (quelle residenti in Germania, almeno) pagando le tasse come tutti gli altri, mettano da parte i fondi per la pensione.
Semplicemente perchè non lavorano fino alla pensione, oppure non riescono ad avere un reddito tale da poter pagare i contributi necessari.

Inoltre lo stato sociale interviene praticamente quasi sempre, dato che il break-even lo si raggiunge con un fatturato minimo di circa 4500€ al mese.
Un valore evidentemente assai proibitivo da raggiungere di questi tempi : pagando le tasse, non riescono a mettere da parte nulla per il futuro.

Ad esclusione delle Hobbyhüre, ragazze “comuni” per cui è una seconda professione e che lavorano saltuariamente nei FKK, oppure più frequentemente in hotel od al loro domicilio.

Oppure una straniera che dopo pochi anni ritorna in patria.

Un effetto cosmetico

Chi pensa e soprattutto parla a sproposito nei mass-media che basti legalizzare la prostituzione per renderla “umana” è sempre e comunque in malafede.

La sicurezza del reddito ?

Le ragazze non possono avere contratti come dipendenti con i bordelli, per una semplice ragione di costituzionalità : in questo caso semplicemente non possono essere stabiliti diritti e doveri.

E’ una libera professionista che paga un affitto in percentuale ai ricavi al gestore del locale, e poi sul restante deve pagare le tasse.
In pratica, quindi, non solo non hanno sicurezza (guadagnano solo se lavorano) ma sono anche vessate sul piano fiscale.

Quindi faticano a mettere da parte soldi, a meno che non siano straniere (moltissime sono italiane, per la cronaca), nel qual caso non pagano le tasse allo stato tedesco.
La legalizzazione dei bordelli ha esclusivamente un effetto cosmetico : lava la coscienza ai clienti, la gente crede che “se paga le tasse” è una cittadina a tutti gli effetti, e quindi nessuno si sente in colpa.

Ed il mito della pensione è solo un mito, dato che non garantisce alle donne nessun servizio sociale che non avrebbero già come disoccupate.

E’ solo un cerotto sulla coscienza.


Note

1 Assistente sessuale qualificata

2 Freikörperkultur, club per nudisti

3 Cioè una zona dove la prostituzione è vietata



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page