The first cut

Pubblicato il 28 Gennaio 2020 da Veronica Baker

Silenzio assordante
Una voce parlante
Parole al vento
Muri di cemento

Falsità e menzogna
Odiosa bisogna
Ingiustizia subita
Persona tradita

Difficoltà della vita
Malinconia infinita
Mancanza di affetto
Insieme causa ed effetto

Veronica Baker – Solitudine (2006)”


The first cut
Favorendo tristemente il rigurgito…

The first cut.
Esagerazioni ed estremismi.

Andare contro la ragione ed il buon senso finirà con il provocare reazioni di segno opposto.
Favorendo tristemente il rigurgito ed il ritorno di quelle discriminazioni che con il tempo stavano piano piano diminuendo.

Queste persone – evidentemente ben poco acute di ingegno – non hanno minimamente capito che ciò che è più importante di tutto, quello che fa presa, che accende la passione per un argomento, per un passatempo, per una qualsiasi attività è la umanità che riesci a trasmettere.

Trasmettere emozioni è una dote che non tutti possiedono.
Come saper attrarre, destare curiosità, interesse, entusiasmo.

Ciò che non si comprende non lo si possiede.

Già allora capii che prima di tutto dovevo togliermi immediatamente dalle palle tutti gli elementi “sinistri” che mi “ronzavano” intorno ed i loro ambienti altamente tossici.

Fu la mia prima mossa in assoluto.
Ma decisamente la più importante.

E da qui iniziò la madre di tutte le (mie) battaglie contro il cosiddetto “Club”.


9 Dicembre, 2004


The first cut
Ma allora da dove arriva la tristezza ?

Delusione e tristezza.
Solo ed esclusivamente questi sono i miei sentimenti in questo momento.

Per l’ennesima volta mi sono illusa.
E questa volta la cicatrice rimarrà.

Non capisco perchè debba andare ad impelagarmi in un mondo che non è il mio.
Con persone che dovrebbero in teoria comprendermi nel profondo della mia anima.
Ma in pratica questo non succede proprio mai.

Con molti sacrifici di ogni genere mi sto lentamente presentando al mondo intero.
Non faccio nulla di particolarmente speciale, sia ben chiaro.
Anzi, mi sembra di essere piuttosto naturale in tutto quello che faccio.

E non sta succedendo nulla di strano.
Salvo una naturale curiosità.
Ma questo è totalmente ed assolutamente normale.

So benissimo che questo può apparire molto, troppo strano agli occhi di molte persone che appartengono ad un certo ambiente.
Ma è così.

Ma allora da dove arriva la tristezza ?

Semplice.
Quando ti accorgi di non riuscire a trasmettere i tuoi stati d’animo, noti che non c’è costrutto, che il dialogo è da una sola parte.

Quando, nonostante tutti i tuoi sforzi ed i tuoi impegni, non ottieni altro che finti incoraggiamenti ed ammirazioni di facciata da persone che apprezzano esclusivamente chi ha lo stesso modo di pensare.

Senza possedere nemmeno un briciolo di sensibilità interiore.
Che invece so di possedere.

The first cut

E’ il mio modo di essere e di vivere.
Che sta prepotentemente venendo fuori ogni giorno che passa, sempre di più.

Ed è questo in realtà il mio vero segreto.
La mia totale naturalezza.
La semplicità.

Per me le cose belle sono scrivere in un diario, passare una serata tranquilla con amiche ed amici, stare insieme ai miei meravigliosi micetti.
Uscire ed andare a fare quattro passi, andare al cinema od a mangiare un gelato, o bere un aperitivo.

Passare giornate intere con chi mi apprezza, mi accetta assolutamente per come sono e che mi aiuta nel raggiungimento dei miei obiettivi.
Si potrebbe discutere a lungo su questo fatto.
Perché, a parole, moltissime persone danno assolutamente solidarietà.

Incondizionata quando capita a “casa d’altri”.
Ma quando vivono all’interno del loro ambito familiare situazioni (delicate) come la mia sono le prime ad essere intolleranti.

Stigmatizzazione da parte dei “vicini”, paura di perdere uno status sociale “rispettabile”.
Quante scuse…

Io non cerco la luna.
Ed amo la semplicità nella mia vita.

Mi ritengo fortunata proprio per questo motivo.
L’amore per la semplicità, per la naturalezza.

Naturalmente per questo motivo non sono stata mai apprezzata dai “sinistri”.
E’ normale, per loro sono una persona noiosa !
Servo certamente come spalla nei momenti di difficoltà.
Essere interrogata con mille domande per conoscere di più.
Una persona da interpellare.
Ma non da frequentare.

Il bello che io ho sempre fatto di tutto per cercare di coinvolgere.
Ma se vuoi la luna, in questo momento non la posso certamente dare.
Nè ce la faccio in questo momento a sostenere dei ritmi che non posso tenere.

Perchè nella mia corrente situazione avere una professione autonoma evidentemente consuma pesantemente le mie energie nervose.
Ma per me è l’ancora di salvezza per avere la possibilità di avere un futuro.
Indipendentemente dagli eventi imprevisti che mi potranno accadere.

Tutto questo mi ha portato a dover rinunciare a molti divertimenti.
A dover dedicare molto meno tempo ai miei molti interessi.

La mia vita è decisamente cambiata.
Ma la mia anima è sempre la stessa.

Ed amo stare insieme agli altri.
Ma…

…certo, piuttosto che ricevere auguri di fallimento professionale da chi hai invitato a casa tua a cena.
Oppure sentirsi dire dalla stessa che in fondo sei solo una idiota solamente perchè hai degli ideali diversi dai suoi…non è certo piacevole.

Ma secondo  questi “sinistri” sono queste le persone rispettabili da ammirare !
Quella che in pubblico predica uguaglianza e fraternità.
Ma in privato esprime giudizi che fanno letteralmente rabbrividire.

Senza contare il fatto che la medesima persona è abituata ad abbandonare gli animali.
Oltre che prenderli letteralmente a calci perchè ”sono essere inferiori che non servono a nulla”.

Oppure la sua carissima amica che si è permessa in più di una occasione, anche pubblicamente, di prendermi per il culo in modo plateale.
Anche su questioni ed in discussioni in cui aveva torto marcio.
Ah sì, è una persona altamente liberale !

Ma tanto io dico sempre e solo delle stronzate.
Non è mica vero nulla, eh !
Troppo facile non prendere mai opinione, non voler mai prendere posizione.

Già.
Ma a riguardo negli ultimi tempi mi sto prendendo tante di quelle soddisfazioni proprio seguendo il mio pensiero e facendo tutto ciò che ho sempre espresso pubblicamente.
Non sono abituata a bluffare.
Oppure a dire cose diverse da quello che penso.
Perché io gioco sempre e comunque pulito.

The first cut
Si gira ancora una volta pagina…

E la cosa che mi fa più piacere è che sono assolutamente apprezzata proprio in ciò per cui sono stata pesantemente dileggiata.
Non è la prima volta che mi capita questo fatto nel corso della mia vita.
Ma questa volta ha un sapore molto particolare.

Preferisco fermarmi, ora.
Storie passate.

Si gira ancora una volta pagina.
Molto dispiacere.
Ancora lacrime, forse inutili, versate di nuovo.

Ma non ci cascherò più.
L’ho promesso a me stessa, questa volta.

Io sto lentamente trovando la mia reale dimensione.
E piano piano sto imparando ad essere veramente felice.

Fino ad ora non ho mai avuto la possibilità di esserlo completamente.
E probabilmente, la maggior parte di voi non lo sarà mai.

Perchè rose internamente dalla invidia e dalla insoddisfazione interiore.
Anche se, a veder bene, non avreste nessuna ragione per esserlo.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page