SNB : un segnale di debolezza

Pubblicato il 15 Dicembre 2011 da Veronica Baker

Ecco i punti salienti ( riassunti in breve ) del comunicato pubblicato questa mattina alle 9.30 da parte della SNB .

Introduction Of Minimum Fx Rate Has Corrected The Massive Overvaluation Of Chf :

  • SNB expecting temporarily negative inflation rates, but not a sustained decline
  • SNB to maintain liquidity at exceptionally high levels, no sight deposit target
  • Despite expansionary monetary policy, no signs of inflation risks over forecast horizon
  • Labour market deterioration should constrain consumer spending, investment in residential construction
  • To defend cap with utmost determination
SNB Sticks To 1.2000 Peg :
  • Prepared to buy foreign currency in unlimited quantities
  • Will continue to aim for 3-month libor at 0
  • Ready to take further measures if economic outlook, deflation risks so require
  • Swiss franc still high, should weaken over time
  • Sees Swiss growth in 2012 at some +0.5%
  • Further escalation of the European sovereign debt crisis would have grave consequences for international financial system
  • Inflation will dip into negative territory sooner, owing to the effects of the earlier currency appreciation
  • In the longer-term, the worsening of the growth outlook for the euro area is damaging inflation
  • In the foreseeable future, there is no risk of inflation in Switzerland
  • Downside risks to price stability would emerge if foreign demand falls more sharply than expected
  • Sees 2011 inflation 0.2%. previous forecast 0.4%
  • Sees 2012 inflation -0.3%, previous forecast -0.3%
  • Sees 2013 inflation 0.45, previous forecast 0.5%

Al di là di tutte le considerazioni tecniche che si possono fare sull’andamento del cross contro € ( ad 1.225 sta lo stop delle posizioni rialziaste , ed a quel punto il probabile obiettivo sarebbe il “peg” ad 1.20 , oltre al fatto che c’erano rumour sul mercato di options vanilla in scadenza oggi ad 1.23 ) e delle dichiarazioni di facciata sempre presenti in una comunicazione di una Central Bank ,  è da segnalare il fatto che la SNB è l’unica banca centrale che sta segnalando l’arrivo di una pesante – e distruttiva – deflazione : ed infatti vorrebbe a tutti i costi inflazionare il Chf soprattutto contro € .

Ma l’impresa non è affatto semplice, anzi , perchè – ragione talmente facili da comprendere che non si dovrebbe nemmeno aggiungere nulla – la richiesta di Chf da parte di istituzionali europei è destinata ulteriormente ad aumentare, e la SNB non può di certo comprare all’infinito € ( discorso che sto facendo in termini di certo non tecnici, ma comprensibili anche ai non addetti ai lavori ).

Quindi, questo comunicato di fatto rappresenta un segnale di debolezza ( non ancora di arresa ) da parte delle SNB , che però rischia alla fine di non disporre più di armi contro l’avanzare dello tsunami .

E l’economia del Ticino – che dipende a doppio filo da quella dell’Ita(g)lia , al di là delle polemiche sul numero sempre crescente dei frontalieri , in questo momento oltre 53000 – è sull’orlo di un baratro da cui in seguito sarà decisamente difficile risalire .

You cannot copy content of this page