Sfere mesoporose

Pubblicato il 14 Ottobre 2021 da Veronica Baker

Più che un sistema di credenze, la scienza può essere considerata un sistema di problemi.

Karl Popper


Sfere mesoporose

Continuando con il compito di identificare i modelli nelle immagini al microscopio dei cosiddetti “vaccini”, in particolare quelli a cui fa riferimento “La Quinta Columna” nel programma 147 (Delgado, R .; Sevillano, JL 2021), abbiamo trovato la seguente immagine mostrata nella figura 1.

Questo oggetto di forma sferica con cavità alveolari, che potrebbe assomigliare ad un Volvox Carteri (una specie di colonie di alghe verdi), ha più a che fare con nanoparticelle sferiche mesoporose il cui materiale non è stato ancora identificato, poiché sono necessari test di spettrometria Raman per confermare il profilo del materiale.

Tuttavia, si stanno considerando diverse possibilità, come il carbonio, la silice e il biossido di silicio, come mostrato nella figura 2, o la polidopamina.
Sembra che i materiali più probabili siano il carbonio e la polidopamina, a causa delle chiare allusioni al loro uso coniugato in biomedicina, secondo la letteratura scientifica.

In questo post, i risultati della indagine saranno esaminati al fine di determinare le loro caratteristiche più importanti.


Sfere mesoporose
Fig. 1.: Immagine dettagliata della nanoparticella mesoporosa sferica, con le caratteristiche cavità alveolari. L’oggetto è stato trovato in uno dei “vaccini” testati. Immagine ottenuta dal programma 147 de “La Quinta Columna”. (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021)

Sfere mesoporose
Fig 2 : Identificazione della sfera carboniosa mesoporosa di carbonio (quadrati a sinistra)/silice-biossido di silicio (quadrati a destra). I test di spettrometria Raman sono necessari per confermare la composizione con uno di questi materiali. L’immagine ad alta risoluzione può essere ottenuta al link https://blogger.googleusercontent.com/img/a/AVvXsEhH-475XkeG3MlqpfocJ1AVtr258fOCMT6S40vzkzYS7S6OKdhtzvIR4rFwThYzoegFlcbzshYoxa2WsiG_fHt5TrlRPNZL06miQ7UYOmsplDj0Y-zaXWXRd7u5dczirGJvmA0_5DAp5OGuhKJvCmRCFfL9jSNIDXp1SQuDCAW2VKkvbU-evjYHPFegNg=s2048

Sfere mesoporose di carbonio o silicio

Secondo le proprietà citate da (Wang, H.; Shao, Y.; Mei, S.; Lu, Y.; Zhang, M.; Sun, J.K.; Yuan, J. 2020) nella loro revisione sui materiali in carbonio poroso drogato, a cui corrisponde questa scoperta, si attribuisce la capacità di trasportare farmaci, date le sue proprietà adsorbenti ed i pori di diverse dimensioni e forme con cui può essere configurato.

Inoltre “i materiali in carbonio con pori di diverse dimensioni e forme riducono la loro densità di massa ed espandono la loro area superficiale per accelerare l’energia interfacciale e il trasferimento di massa, un passo che è cruciale e decisivo in molti processi fisici e chimici legati alla superficie“, in particolare per quanto riguarda la combinazione od il doping di queste sfere di carbonio con altri materiali.

Altrettanto importante è l’effetto del drogaggio di eteroatomi dei materiali di carbonio con non-metalli, ad esempio azoto (N), fosforo (P), boro (B), zolfo (S) e selenio (Se), alcuni dei quali (nello specifico azoto) è stato citato nel rapporto di “The Scientists Club” a cui ha partecipato il Dr. Campra, dal titolo “Indagini nanotecnologiche sui “vaccini” COVID-19 : rilevazione di nanoparticelle tossiche di ossido di grafene e metalli pesanti“.

Accenna anche a una delle possibili ragioni per cui questo materiale potrebbe essere stato scelto, rispetto ad altri, per comporre il “vaccino” : “Considerando il potenziale dei materiali di carbonio poroso drogati con eteroatomi (HPCM) come catalizzatori privi di metalli che possono sostituire i costosi catalizzatori basati su metalli nobili/transizione, come è già stato osservato per diverse applicazioni chiave, e che sono stabili anche in condizioni difficili, vale a dire ad alte temperature, sotto specie di zolfo e atmosfere di monossido di carbonio, o in soluzioni acide e alcaline forti”.

A tutto questo si aggiunge che ”la scelta giusta dei precursori del carbonio è di enorme importanza, in particolare i polimeri a causa della disponibilità di una miriade di strutture macromolecolari e autoassemblate (nano), composizioni chimiche sintonizzabili e tecniche di lavorazione versatili.

Gli HPCM (Hetero Atom Doped Porous Carbon Materials) sono stati prodotti in diverse forme, attraverso la scelta razionale dei polimeri, tra cui sfere, fibre, film/membrane sottili, schiume, monoliti e loro equivalenti cavi.

I polimeri sono scelti tra biopolimeri o polimeri sintetici, che vanno dal tradizionale poliacrilonitrile (PAN) e polimeri coniugati a polimeri appena emergenti ben carbonizzabili, ad esempio poli (liquidi ionici) (PIL) o polidopamina.

Questa spiegazione sta chiarendo la polivalenza e la versatilità di questo tipo di composti che accettano dai polimeri, ai poliliquidi e persino alla polidopamina“.

La figura 3 mostra più in dettaglio l’immagine delle sfere di carbonio mesoporoso drogate con azoto con pori extra-large (16 nm) ottenute dai ricercatori (Tang, J .; Liu, J .; Li, C .; Li, Y .; Tade, MO; Dai, S .; Yamauchi, Y. 2015).

Le sfere raggiungono una dimensione uniforme delle particelle di circa (200nm).

Sia i grandi mesopori che il drogaggio con alti livelli di N (azoto) sono molto efficaci per l’accelerazione ORR (reazione di riduzione dell’ossigeno). Le nostre NMCS (sfere di carbonio mesoporoso altamente drogate con azoto) realizzano un’elevata attività elettrocatalitica ed un’eccellente stabilità a lungo termine contro la ORR (reazione di riduzione dell’ossigeno), anche paragonabile al catalizzatore Pt/C (platino/carbonio)“.

Questi risultati fanno luce sulla sintesi di sfere di carbonio mesoporose per varie applicazioni come i supercondensatori, elettrodi (che sarebbero compatibili con le proprietà dei nanotubi di carbonio), supporto del catalizzatore, condensatore elettrochimico, ricettacolo di adsorbimento e persino anodi per nanobatterie, come indicato nel lavoro di caratterizzazione di (Chen, J.; Xia, N .; Zhou, T .; Tan, S .; Jiang, F .; Yuan, D. 2009).

Tuttavia, anche le applicazioni biomediche sono molto importanti, come spiegato di seguito.


Sfere mesoporose
Fig 3 : Identificazione di sfere di carbonio mesoporose in altri lavori di ricerca.

Secondo (Gui, X .; Chen, Y .; Zhang, Z .; Lei, L .; Zhu, F .; Yang, W .; Chu, M. 2020) le sfere di carbonio mesoporose possono essere utilizzate per la somministrazione di farmaci ed il trattamento dei tumori mediante “coirradiazione a microonde“.

Infatti affermano che “rispetto ai tipici materiali in carbonio come il fullerene C60, i nanotubi di carbonio, l’ossido di grafene ridotto e i nanocorni di carbonio (forma simile ai nano-polpi di carbonio), le HMCS (sfere di carbonio mesoporose cave) hanno mostrato minori effetti sul ciclo cellulare distribuzione e minore tossicità per le cellule.

Dieci diversi farmaci sono stati incorporati in HMCSe l’efficienza di carico massima ha raggiunto il 42,79 ± 2,7%”.

È importante sottolineare che è stato scoperto che le microonde migliorano l’effetto fototermico generato da HMCS quando combinate con l’irradiazione laser a 980 nm“.

In altre parole, gli autori riconoscono i problemi di tossicità cellulare di fullereni, nanotubi, nanopolpi, nanohorns di carbonio e per estensione grafene, rispetto alle sfere di carbonio che hanno una tossicità inferiore, sostenendo così la pericolosità dei componenti identificati nei “vaccini”.

Un altro dettaglio importante è l’introduzione del componente “microonde” che interagisce con l’irradiazione laser (a 980 nm) per bruciare le cellule tumorali attraverso le sfere di carbonio.

A riguardo ci sono molti riferimenti scientifici (Lee, SY; Lee R.; Kim, E.; Lee, S.; Park, YI 2020) che condividono questa visione nel trattamento delle cellule tumorali.

Tuttavia, il pericolo di questa combinazione può verificarsi anche a lunghezze d’onda inferiori.
Ricordiamo che la luce naturale ha una lunghezza d’onda nell’intervallo 400 – 700 nm e che le sfere di carbonio iniziano ad assorbire la luce visibile con una lunghezza d’onda maggiore di 600 nm (Xu, T.; Ji, H. ; Gu, Y.; Tong , T.; Xia, Y.; Zhang, L.; Zhao, D. 2020).

Ciò significa che le sfere di carbonio mesoporose, anche non drogate con altri materiali, possono assorbire sia la radiazione della luce visibile che quella UV, che, in combinazione con le onde elettromagnetiche, può causare un aumento di temperatura e danneggiare i tessuti corporei in cui si applicano.

Estrapolato al caso dell’inoculazione nel corpo umano, questo rappresenta un potenziale rischio per la salute, poiché luce ed emissioni (EM) interagiscono con le sfere di carbonio mesoporose, aumentando la temperatura del tessuto circostante, e possono causare la morte cellulare.

Anche se la lunghezza d’onda del laser 980 nm non è paragonabile alla luce visibile, il danno può essere causato dall’accumulo di esposizioni, poiché le emissioni dalle antenne sono costanti, proprio come la luce visibile o la radiazione ultravioletta naturale.

Sapendo questo, risultano paradossali e sorprendenti alcune pubblicazioni in cui la rilevazione di SARS-CoV-2 viene proposta con sfere fluorescenti di silice mesoporosa, attivate da un diodo laser LED da 980 nm e da un sensore a fluorescenza elettromagnetica 5G, che emette e riceve l’eco elettromagnetico di queste sfere (Guo, J.; Chen, S.; Tian, ​​S.; Liu, K.; Ni, J.; Zhao, M.; Guo, J. 2021).

Infatti, continuando l’analisi di (Gui, X.; Chen, Y.; Zhang, Z.; Lei, L.; Zhu, F.; Yang, W.; Chu, M. 2020), le sfere di carbonio mesoporoso sotto irradiazione di microonde e con l’effetto fototermico, “hanno inibito significativamente i tumori nei topi, riducendoli al punto che non erano più rilevati…. Le HMCS (sfere di carbonio mesoporoso cave) hanno rapidamente convertito la luce laser 980 nm in energia termica, e l’effetto fototermico ha danneggiato significativamente le cellule tumorali“.

Lo schema di questo esperimento può essere visto nella Figura 4.


Sfere mesoporose
Fig 4. : Applicazione di laser e microonde nei trattamenti per eliminare il cancro. Statistiche di vitalità cellulare e schema di applicazione (Gui, X .; Chen, Y .; Zhang, Z .; Lei, L .; Zhu, F .; Yang, W .; Chu, M. 2020)

Da segnalare tra i risultati riportati da (Gui, X.; Chen, Y.; Zhang, Z.; Lei, L.; Zhu, F.; Yang, W.; Chu, M. 2020) che “nessun tumore è stato rilevato dopo soli 3 giorni di irradiazione.
noltre, nessuno dei tumori in questi due gruppi ha recuperato quando l’irradiazione laser e a microonde è stata interrotta“.

Ciò significa che non appena l’emissione elettromagnetica cessa, il rischio di danni in una persona inoculata dovrebbe diminuire notevolmente.

Molto interessante è anche l’analisi del sangue effettuata su topi utilizzati come cavie sperimentali, dove sono state rilevate differenze significative negli indicatori albumina, globulina, fosfatasi alcalina, alanina aminotransferasi, aspartato aminotransferasi, urea e creatina.

Questi valori dovrebbero essere monitorati in modo particolare negli esami del sangue di individui inoculati per controllare le differenze con il sangue sano di individui non “vaccinati”.

Infine, occorre notare un altro risultato importante, riguardante la diffusione delle sfere di carbonio nel corpo dei topi.

È stato riscontrato che anche 30 giorni dopo l’iniezione (intratumorale) di sfere di carbonio mesoporoso, queste sono rimaste confinate nel tessuto del sito di inoculazione sotto forma di sedimento nero.

Questo ha permesso ai ricercatori di sezionare l’area per la pulizia con procedura chirurgica standard, come segue : “HMCS ha persistito nel sito di iniezione a lungo termine (30 giorni) dopo l’iniezione locale e potrebbe essere sia facilmente che completamente rimosso dal tessuto con una procedura chirurgica“.

Un’altra opera relativa alle sfere di carbonio mesoporose è quella di (Wei, B.; Zhou, C.; Yao, Z.; Chen, P.; Wang, M.; Li, Z.; Li, W. 2021) il cui oggetto di studio si concentra sull’assorbimento delle onde elettromagnetiche (EM), al fine di mitigare l’impatto che hanno sulla salute umana, come si evince dalla sua introduzione : “Purtroppo, la radiazione elettromagnetica e le interferenze generate da varie apparecchiature elettroniche ed elettriche durante il funzionamento porterà al graduale deterioramento dell’ambiente elettromagnetico dello spazio di vita umano, quindi l’inquinamento elettromagnetico è diventato un nuovo importante problema sociale, ampiamente analizzato dalla società e dalla scienza“.

In questo caso, gli autori progettano sfere di carbonio mesoporose a forma di “globuli rossi“, capaci di “trasformare l’energia dell’onda elettromagnetica in energia termica, attraverso risonanza, conduzione e polarizzazione, fornendo un’efficace protezione elettromagnetica “.

Il materiale ottenuto è sorprendentemente simile agli eritrociti, soprattutto al microscopio SEM, come mostrato nella figura 6.


Sfere mesoporose
Fig 5.: Schema del modello di assorbimento elettromagnetico con sfere di carbonio mesoporose a forma di globuli rossi/eritrociti, rappresentato in combinazione con nanotubi di carbonio e nanoparticelle magnetiche. (Wei, B .; Zhou, C .; Yao, Z .; Chen, P .; Wang, M .; Li, Z .; Li, W. 2021)

Sfere mesoporose
Fig 6. : Notare la stretta somiglianza tra i veri eritrociti e quelli costituiti da sfere di carbonio mesoporose. È possibile che alcuni eritrociti visti nelle immagini dei campioni di sangue di persone vaccinate siano in realtà sfere di carbonio mesoporose a forma di eritrociti. Questo potrebbe spiegare anche l’effetto Rouleaux, poiché potrebbe contribuire alla sua formazione.

L’articolo spiega questioni rilevanti per comprendere la natura di questi materiali in relazione alla loro capacità di mitigare le onde elettromagnetiche e le loro proprietà elettriche : “Le eccellenti proprietà della luce, materie prime poco costose e facilmente disponibili, e la resistenza alla corrosione chimica rendono i materiali in carbonio potenziali candidati come assorbitori di microonde con eccellenti prestazioni a tutto tondo.

Tuttavia, l’esclusiva proprietà dielettrica spesso porta a squilibrio di adattamento dell’impedenza, maggiore riflettività superficiale e mancato ingresso di onde elettromagnetiche nell’assorbitore.

L’esclusivo meccanismo di perdita dielettrica difficilmente soddisfa anche l’attenuazione efficiente dell’energia delle onde elettromagnetiche, con conseguente banda di assorbimento stretta.
Di fronte a questo problema, la soluzione disponibile è combinare materiali in carbonio con un meccanismo di dispersione magnetica, come grafene, fibra di carbonio, nanotubi di carbonio, aerogel di carbonio, nano sfere di carbonio”
.

In altre parole, l’opposizione alla conduzione elettrica (cioè all’impedenza) è difficile da ottenere nei materiali carbonio e grafene e per le loro proprietà superconduttive, che costringe a cercare in questi materiali diverse morfologie (nanotubi, nanopolpi, sfere, aerogel , fullereni…) e la loro combinazione.

Questa proprietà è rilevante per regolare la larghezza di banda delle microond adatta alla propagazione del segnale nelle reti di nanocomunicazione wireless per nanotecnologie nel corpo, soprattutto nella comunicazione o collegamento con i nanorouter e le interfacce gateway.

Tra i materiali assorbenti, gli autori evidenziano le ricerche di (Zhang, X.; Dong, Y.; Pan, F.; Xiang, Z.; Zhu, X.; Lu, W. 2021) con nanosfere e nanotubi di carbonio autoassemblati mediante teslaforesi, come riportato nel paragrafo successivo  : “le nanosfere di 0D Fe3O4 e MoS2 in nanotubi di carbonio cavi sono state unite mediante tecnologia di autoassemblaggio elettrostatico, ottenendo una perdita di riflessione minima e una larghezza di banda effettiva che può raggiungere – 62 dB e 6,8 GHz rispettivamente”, il che dimostra ancora una volta la capacità di assorbimento elettromagnetico di queste forme sferiche, come riportato anche in altre ricerche (Tao, J.; Zhou, J.; Yao, Z.; Jiao, Z.; Wei, B.; Tan, R.; Li, Z. 2021 | Qin, Y.; Wang, M.; Gao, W.; Liang, S. 2021 ).

Bibliografia

1.Chen, J.; Xia, N.; Zhou, T.; Tan, S.; Jiang, F.; Yuan, D. (2009). Sfere di carbonio mesoporoso : Sintesi, caratterizzazione e supercapacità = Mesoporous carbon spheres : Synthesis, characterization and supercapacitance. Int. J. Electrochem. Sci, 4(8)., pp. 1063-1073. http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.512.5327&rep=rep1&type=pdf

2.Delgado, R.; Sevillano, JL (2021). Programma 147: Contenuto di un’altra delle fiale al microscopio. Quinta colonna. [pubblicato nel 2021/10/02]    https://odysee.com/@laquintacolumna:8/DIRECTONOCTURNODELAQUINTACOLUMNA-PROGRAMA147-:6

3.Guan, DA; Yu, L.; Lou, XW (2016). Formazione di particelle mesoporose asimmetriche simili a ciotole tramite assemblaggio anisotropo dell’interfaccia indotta da emulsione. = Formation of asymmetric bowl-like mesoporous particles via emulsion-induced interface anisotropic assembly. Journal of the American Chemical Society, 138 (35), pp. 11306-11311. https://doi.org/10.1021/jacs.6b06558

4.Gui, X.; Chen, Y.; Zhang, Z.; Lei, L.; Zhu, F.; Yang, W.; Chu, M. (2020). Sfere di carbonio mesoporose cave fluorescenti per il caricamento di farmaci e il trattamento del tumore tramite laser a 980 nm e co-irradiazione a microonde. = Fluorescent hollow mesoporous carbon spheres for drug loading and tumor treatment through 980-nm laser and microwave co-irradiation. Biomaterials, 248, 120009.  https://doi.org/10.1016/j.biomaterials.2020.1200095.

5.Guo, J.; Chen, S.; Tian, ​​S.; Liu, K.; Ni, J.; Zhao, M.; Guo, J. (2021). Sensore di fluorescenza ultrasensibile abilitato per 5G per una prognosi proattiva di COVID-19 = 5G-enabled ultra-sensitive fluorescence sensor for proactive prognosis of COVID-19. Biosensors and Bioelectronics, 181, 113160.  https://doi.org/10.1016/j.bios.2021.113160

6.He, Q.; Ma, M.; Wei, C.; Shi, J. (2012). Carbonio mesoporoso @ nanoteranostica di silicio-silice per il rilascio sincrono di farmaci insolubili e imaging a luminescenza = Mesoporous carbon@ silicon-silica nanotheranostics for synchronous delivery of insoluble drugs and luminescence imaging. Biomaterials 33 (17), pp. 4392-4402. https://doi.org/10.1016/j.biomaterials.2012.02.056

7.Lee, SY; Lee R..; Kim, E.; Lee, S.; Park, YI (2020). Apoptosi e terapia fotodinamica attivata dalla luce nel vicino infrarosso utilizzando nanoparticelle di conversione con doppio fotosensibilizzatore = Near-infrared light-triggered photodynamic therapy and apoptosis using upconversion nanoparticles with dual photosensitizers. Frontiers in bioengineering and biotechnology, 8, 275.  https://doi.org/10.3389/fbioe.2020.00275

8.Tang, J.; Liu, J.; Li, C.; Li, Y.; Tade, MO; Dai, S.; Yamauchi, Y. (2015). Sintesi di sfere di carbonio mesoporoso drogato con azoto con pori extra-large mediante assemblaggio di micelle di copolimero diblock. = Synthesis of nitrogen‐doped mesoporous carbon spheres with extra‐large pores through assembly of diblock copolymer micelles. Angewandte Chemie International Edition, 54 (2), pp. 588-593.

9.Tao, J.; Zhou, J.; Yao, Z.; Jiao, Z.; Wei, B.; Tan, R.; Li, Z. (2021). Nanoparticelle di carbonio porose cave multi-guscio con eccellenti proprietà di assorbimento delle microonde. = Multi-shell hollow porous carbon nanoparticles with excellent microwave absorption properties. Carbon,, 172, pp. 542-555. https://doi.org/10.1016/j.carbon.200.10.062

10.Qin, Y.; Wang, M.; Gao, W.; Liang, S. (2021). Struttura razionalmente progettata di microsfere cave di carbonio mesoporoso per acquisire eccellenti prestazioni di assorbimento delle microonde.  Rationally designed structure of mesoporous carbon hollow microspheres to acquire excellent microwave absorption performance. RSC Advances, 11 (24), pp. 14787-14795. https://doi.org/10.1039/D1RA00465D

11.Wang, H.; Shao, Y.; Mei, S.; Lu, Y.; Zhang, M.; Sun, JK; Yuan, J. (2020). Materiali di carbonio porosi drogati con eteroatomi derivati ​​da polimeri = Polymer-derived heteroatom-doped porous carbon materials. Chemical Reviews, 120 (17), pp. 9363-9419.   https://doi.org/10.1021/acs.chemrev.0c00080

12.Wang, R.; Fang, B. (2012). Un approccio combinato alla segmentazione dell’immagine RBC attraverso l’estrazione delle caratteristiche della forma. = A combined approach on RBC image segmentation through shape feature extraction. Mathematical Problems in Engineering. https://doi.org/10.1155/2012/194953

13.Wei, B.; Zhou, C.; Yao, Z.; Chen, P.; Wang, M.; Li, Z.; Li, W. (2021). Incapsulamento di sfere di carbonio mesoporose simili a globuli rossi ad alta superficie specifica mediante nanoparticelle magnetiche: una nuova strategia per realizzare meccanismi di perdita di onde elettromagnetiche multiple = Encapsulation of high specific surface area red blood cell-like mesoporous carbon spheres by magnetic nanoparticles: A new strategy to realize multiple electromagnetic wave loss mechanism., 184, pp. 232-244.   https://doi.org/10.1016/j.carbon.2021.08.029

14.Xu, T.; Ji, H.; Gu, Y.; Tong, T.; Xia, Y.; Zhang, L.; Zhao, D. (2020). Maggiore adsorbimento e degradazione fotocatalitica dell’acido perfluoroottanoico in acqua utilizzando un composito di ossidi di ferro (idrossido)/sfera di carbonio. = Enhanced adsorption and photocatalytic degradation of perfluorooctanoic acid in water using iron (hydr) oxides/carbon sphere composite. Chemical Engineering Journal, 388, 124230.

15.Yi, R.; Song, Y.; Wu, C.; Wei, G.; Yuan, R.; Chen, Y.; Matyjaszewski, K. (2020). Preparazione di carbonio mesoporoso drogato con azoto per l’efficace rimozione della bilirubina nell’emoperfusione. = Preparation of nitrogen-doped mesoporous carbon for the efficient removal of bilirubin in hemoperfusion. ACS Applied Bio Materials, 3 (2), pp. 1036-1043. https://doi.org/10.1021/acsabm.9b01029

16.Zhang, X.; Dong, Y.; Pan, F.; Xiang, Z.; Zhu, X.; Lu, W. (2021). Costruzione elettrostatica di autoassemblaggio di nanofiori cavi 2D MoS2 avvolti in Fe3O4 con ibridi in tubo di carbonio 1D per assorbitori di microonde ad alte prestazioni autopulenti = Electrostatic self-assembly construction of 2D MoS2 wrapped hollow Fe3O4 nanoflowers@ 1D carbon tube hybrids for self-cleaning high-performance microwave absorbers. Carbon, 177, pp. 332-343. https://doi.org/10.1016/j.carbon.2021.02.092

Studio originale in lingua spagnola : Identificación de patrones en vacunas : esferas mesoporas
Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page