Più chiari di così…

Pubblicato il 29 Settembre 2020 da Veronica Baker

Quando tutti cominciano a raccontare la stessa bugia, allora non è più una bugia.
Non più.

Chuck Palahniuk


Più chiari di così
Holodomor…

Forsi pochi sanno che il New York Times è sempre stato un giornale di sinistra, anche piuttosto estrema.
Negli anni ’30, parteggiava apertamente per Stalin, caldeggiando per gli USA un futuro (politico) molto simile a quello della Unione Sovietica.

Il loro giornalista di punta di allora era Walter Duranty (1884-1957), ed (ovviamente) era il corrispondente da Mosca.
Solo Gareth Jones (1905-1935) nel Marzo del 1933 riferì che tutti i reportage sulla “età dell’oro” che stava vivendo l’Unione Sovietica erano totalmente falsi.
E la verità iniziò finalmente ad apparire in tutta la sua atroce semplicità.

Il New York Times ha “smentito” questa notizia falsa solamente nel 1990.

Ben 57 anni per ammettere che in realtà in Ucraina c’era stata una gravissima carestia causata proprio da Stalin stesso che aveva sottratto ingiustamente al popolo il grano necessario per sfamarsi.
Causando in questo modo dai 6 ai 7 Milioni di morti di fame.

Una tecnica da sempre ben consolidata nell’arsenale dei comunisti.
Infatti anni dopo in Cina pure Mao vi ricorse.
Da cui nacque il triste (ma purtroppo reale) detto “I comunisti mangiano i bambini“.

Ovviamente allora lo scopo di Duranty era puramente elettorale.
Promuovere l’imminente New Deal di Franklin Delano Roosevelt.

Il cui aspetto più famoso è stato senza dubbio (oltre alla confisca dell’oro fisico appartenente alla gente comune) una drastica progressività della tassazione per i salari (americani).

Nel 1932 l’aliquota marginale massima fu aumentata al 63% a causa della Grande Depressione.
Il presidente allora era ancora il Repubblicano Herbert Hoover.

Negli anni successivi Roosevelt continuò ad aumentarla in modo costante.
Raggiungendo nel 1944 (in piena seconda guerra mondiale) il valore del 94% per i redditi che superavano i 200.000 dollari.

Allora fu definita come “Soak the Rich”.
Ed infatti all’apparenza sembrava davvero che le classi meno abbienti fossero state protette.

Invece anche allora (esattamente come oggi) il problema era che questa legge tassava tutti i lavoratori che percepivano un salario.
Ma non colpiva in alcun modo i cosiddetti super-ricchi.
Che evidentemente non guadagnavano alcuno stipendio fisso.

L’altro slogan che ripetono incessantemente è che non “esiste democrazia e pluralità di informazione”.

Sì, in effetti è vero.
Non solo non gli basta controllare praticamente tutti i mezzi di informazione principale.
Ma da sempre sono dei veri e propri artisti della propaganda.
Disonesti e bugiardi.
Ed ogni giorno che passa minacciano sempre di più lo stile di vita di tutte le persone che desiderano semplicemente libertà.

Più chiari di così…

La loro promessa di “un mondo migliore” è semplicemente miseria, povertà, corruzione e tristezza.
Cambiano solo i personaggi.
Ma il loro comportamento nella storia è sempre il medesimo.

Basta solamente guardare quello che che hanno combinato nel corso degli ultimi mesi a causa di questa farsa.
Grazie a loro il numero di disoccupati nel mondo è salito in pochi mesi alla cifra esorbitante di 300 milioni.

Una devastazione economica profonda.
Che ha avuto un pesantissimo impatto sia sulle catene di fornitura che sulle filiere alimentari.
Un film già visto troppe volte nella storia.

Inoltre stanno già iniziando a sospendere libere elezioni.
Non è certo sorprendente.
In Nuova Zelanda rinvio “temporaneo di quattro settimane a causa del virus”.

Oh, proprio non me lo aspettavo mica.
Altra pellicola (rigorosamente in bianco e nero) in replica.

I (veri) comunisti sono sempre e comunque questi.
Ad Ottobre che scusa si inventeranno per la definitiva sospensione ?

Ah, ovviamente non lo faranno mica negli Stati Uniti.
Ricordo sempre l’obiettivo principale di questi loschi figuri, come da prima pagina dell’Economist del Dicembre dell’anno scorso.

Trump exit.
Più chiari di così…



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page