Perchè…

Pubblicato il 15 Agosto 2019 da Veronica Baker

Sarò sempre la prostituta vergine, l’angelo perverso, la donna dai due volti, santa e sinistra.

Anaïs Nin


Perchè
Dicendomi in faccia senza tanti giri di parole…

Nei cosiddetti ambienti “progressisti” ho trovato molto spesso persone davvero insulse, se non proprio malvagie.
Anche quando ero casta e pura come la neve in modo “elegante” solitamente mi trattavano come una puttana.
Quindi per il loro metro di giudizio un essere abietto e volgare, indegno di una vita “civile”.

Dicendomi in faccia senza tanti giri di parole che senza una adeguata “protezione” (la loro, ovviamente) era impossibile che potessi lavorare da anni nel mondo economico/finanziario.

Così come per esempio non avrei mai potuto essere un’insegnante.
E quindi ogni professione diversa da quella che loro ritenevano era solo una “copertura”.

In realtà sapevano benissimo che non era così.
Si trattava semplicemente del solito rosicamento di chi non riesce ad ottenere risultati tangibili.

Per cui chi vince o sa fare qualcosa è sempre un ladro.
Mentre un incompetente idiota è sempre simpatico.

Allora soffrivo molto per questa situazione.

Oggi invece è esattamente il contrario.
Tale epiteto non lo considero più una offesa.
Anzi, ritengo senza ogni ombra di dubbio di avere avuto un gran culo a “conoscere”, e quindi ad “essere tale”.

“Un’identità” cercata volontariamente.
Per sviluppare gli anticorpi adatti a combattere i veri nemici che ormai hanno gettato la maschera.
Ma che già allora conoscevo molto bene.

Perchè altrimenti non avrei mai imparato dalla vita tutte quelle nozioni di rispetto dell’altrui persona e di conoscenza delle diverse situazioni di vita che non avrei mai appreso in altro modo.

Conoscere, prima di giudicare.
Non si devono sbandierare certe cose se non si vuole, naturalmente.
Ma un minimo di coerenza nelle proprie azioni, almeno…

A tutti loro oggi dedico questo mio vecchio post.
Sicuramente un po’ pazzo e decisamente post-moderno.

Indubbiamente ruvido.
Ma anche (forse) un po’ geniale.


2 Giugno, 2012


Perchè
Perchè…

Un’identità complicata.
Piena di debolezza e forza.
Lotta e resistenza.

Certo, mi è stata cucita in parte addosso.

Ma ora ascolta ciò che ho da dire.
Non dirmi in maniera accondiscendente che sono solo una puttana.
O se posso trovare forza o meno in questa mia scelta.

Sono una puttana perché :

Mi piace

Ho amato senza riserve
Ho disobbedito senza riserve

Non confondo più sesso e amore
Per questo motivo posso ridere senza motivo ed anche a sproposito

Quando la faccio lo sono anche intimamente
La natura mi ha creata puttana

In questo modo capisco chi mi vuole veramente bene e mi accetta anche se sono una puttana
Non sopporto i tacchi a spillo e voglio indossarli il meno possibile per camminare a piedi scalzi

Gli uomini che rispondono agli annunci erotici vogliono sesso senza dire né buongiorno né buonasera e dando per scontato che sei una puttana
Dai diamanti non nasce niente, mentre dal letame nascono i fiori

Gli uomini vogliono fare con me cose che non hanno il coraggio di chiedere alle mogli e alle fidanzate
Il proprio compagno spesso confonde la persona con cui convive con la propria madre e qualche volta anche con sua figlia

Gli uomini “perbene” vogliono vivere con una “perbene”, ma per fare sesso preferiscono una puttana
Qualcuno mi ha detto ti vesti come una puttana, ti trucchi come una puttana, fai sesso come una puttana

Per sapere cosa provano in strada le donne sfruttate, mie sorelle
Il dumping è schiavitù per uomini e donne

Ho bisogno di leggere e avere tanti libri
Voglio continuare ad essere un’artista
Il lavoro intellettuale ed il lavoro artistico sono sottopagati, sfruttati ed offesi

Amo il mio corpo e non lo disprezzo
Certe volte quando ho fatto l’amore mi sono sentita stuprata

La famiglia in questo momento storico molto spesso è il luogo più violento che esista

Rappresento tutte le donne che sono morte a causa del loro essere donne, madri, lavoratrici, figlie incomprese, mogli sole, puttane sole, amanti nascoste, fidanzate uccise

Il sesso a pagamento è un lavoro e ha una dignità
La puttana è genere sessuale diverso e un piacere diverso per tutti coloro che lo praticano

Il sesso è sacro e sacro in questo mondo attuale vuol dire monetizzato
Ogni gesto è puro, incluso il più riprovevole se lo fai con l’istinto di un animale e non di un uomo

Sono femmina e femminista
Per una femmina fare sesso libero in molti posti è ancora un reato

Sono una puttana, una strega, una mistica, una madre, una santa perché posso contenere il mondo, tenendomi in equilibrio
Il mio pensiero potrebbe dare fastidio

Il mio cuore è puro e non ha doppio fondo
Rigetto il potere

Voglio stabilire il prezzo che gli uomini mi hanno dato e mi hanno tolto
Questo è un lavoro nobile

Una compagna “perbene” può essere più in vendita di una puttana
Non voglio la protezione di un uomo

Questa parola si usa a sproposito
Voglio ridere delle mie imperfezioni fisiche

Meglio freddare i bollenti spiriti con una puttana che fare violenza alle proprie donne
La civiltà di un paese si misura anche da questi dettagli

Amo la democrazia ed odio la dittatura della maggioranza
Non ho mai accettato aiuto e compromessi da parte di nessuno

Finalmente mi amo e mi accudisco come merito

Voglio sapere perché le donne hanno paura di essere definite puttane
Questa società ingiuria le puttane, le occulta, le biasima, le disprezza ma dietro la porta delle puttane c’è sempre la fila

Sono colta e la gente dice che se fai la puttana è perché non hai altre possibilità
Vorrei che tutte le donne dicessero anch’io sono una puttana come te e non mi vergogno di dirlo

Ho tette grandi che strabordano da ogni camicia e che mostro a tutti
Quando mi faccio pagare per fare sesso godo sempre

Adoro scopare
Mi piace succhiare e mi faccio venire in faccia e sulle tette

Adoro il sesso anale
Mi diverto con i miei giocattoli erotici

Adoro masturbarmi via webcam
Poso nuda per fotografie erotiche

Sì, posso.
La faccio.
La sono.



Veronica


You cannot copy content of this page