Patch di grafene (o cerotti multistrato di grafene non uniformi)

Pubblicato il 20 Ottobre 2021 da Veronica Baker

La scienza senza coscienza non è che la rovina dell’anima.

“François Rabelais”


Patch di grafene (o cerotti multistrato di grafene non uniformi o patch di grafene)

L’indagine e l’identificazione dei modelli osservati nei campioni dei cosiddetti “vaccini”, nonché nei campioni di sangue delle persone “vaccinate” sono da sempre una priorità in questo sito internet.

Ovviamente perchè tali indagini consentono di comprendere i componenti che sono stati incorporati e non dichiarati da Big Pharma, come nonché i suoi effetti, funzioni e obiettivi.

In questo ultimo studio è stato scoperto il pattern di Figura 1, corrispondente all’analisi del sangue di una persona “vaccinata”, un’immagine presentata da un team indipendente di ricercatori tedeschi (Axel Bolland; Bärbel Ghitalla; Holger Fischer; Elmar Becker), divulgata in vari programmi, come ad esempio il documentario di (Tim Truth, 2021), il programma 119 de La Quinta Columna (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021) e più recentemente in una conferenza stampa scientifica il 20 settembre presso l’Istituto di Patologia di Reutlingen (Burkhardt, A .; Lang, W .; Bergholz, W. 2021).



A prima vista si osserva una rete la cui morfologia non segue uno schema regolare, sebbene il suo layout in molti casi sia configurato con forme rettilinee.
Le aree delimitate dal pattern della rete sembrano contenere una sorta di particelle molto piccole, difficili da identificare.


Patch di grafene
Fig. 1. : Crepe di grafene osservate in campioni di sangue di persone “vaccinate”. (Burkhardt, A.; Lang, W.; Bergholz, W. 2021)

L’immagine mostra effettivamente delle “crepe di grafene“, che più frequentemente sono chiamate “patch di grafene multistrato non uniforme“.
Un fenomeno che si verifica quando diversi strati di grafene sono sovrapposti (uno sopra l’altro), ed hanno difetti strutturali, fino a causare la loro rottura, od il sollevamento dei loro bordi, causando la loro parziale cristallizzazione.

Così, ciò che si osserva è la comparsa di canali che separano aree ben definite (che sono le patch di grafene) il cui numero di strati può variare rispetto alle parti che stanno vicino.

Questo è dimostrato confrontando l’immagine campione con la letteratura scientifica conosciuta, come in figura 2.


Patch di grafene
Fig. 2 : Le caselle a sinistra mostrano i bordi rialzati dei cerotti di grafene, causati dalla sovrapposizione di diversi strati di grafene durante il processo di produzione di deposizione da vapore CVD. Il riquadro in basso a destra mostra il fenomeno del cracking, causato da difetti nella fabbricazione del grafene. Si noti che è presente anche la caratteristica punteggiatura, che ci consente di confermare che si tratta dello stesso caso.

Patch di grafene multistrato non uniformi

Una prima approssimazione al pattern osservato in figura 1 è la configurazione di cerotti (o patch) multistrato di grafene non uniformi.

In questo caso, il lavoro ottico di (Bykov, AY; Rusakov, PS; Obraztsova, ED; Murzina, TV 2013) è illuminante quando affronta l’analisi di vari campioni di grafene multistrato “non uniforme” e di “vari spessori“, con diversi metodi di microscopia ottica.

Nella loro introduzione riconoscono almeno tre proprietà fondamentali del grafene, ovvero la sua interazione con il NIR  (Nair, RR; Blake, P.; Grigorenko, AN; Novoselov, KS; Booth, TJ; Stauber, T.; Geim, AK 2008 ), fotoluminescenza (He, CH; Mak, KF; Shan, J.; Heinz, TF 2010) e le sue proprietà superconduttive e di assorbimento delle microonde sulla scala dei terahertz (Ju, L .; Geng, B .; Horng, J .; Girit, C .; Martin, M .; Hao, Z .; Wang, F. 2011).

Tutto questo viene spiegato nel paragrafo successivo : “Nei multistrati cristallini, il grafene offre ancora una serie di proprietà elettroniche ed ottiche promettenti, tra cui l’assorbimento universale a struttura fine costante definito nella gamma di lunghezze d’onda del visibile e del vicino infrarosso, diffusione Raman nel grafene, fotoluminescenza e plasmonica terahertz “.

D’altra parte, la coltura di grafene cristallizzato in figura 3 è ottenuta mediante tecniche di “deposizione chimica da vapore” (CVD), giustificandola come “la tecnica di produzione di grafene più performante e più probabilmente scalabile“, con le migliori prestazioni per la produzione del grafene  scoperto nei cosiddetti “vaccini”.


Patch di grafene
Fig 3. : Immagine al SEM di un film di grafene, in cui si osservano piastrine di grafene cristallizzate di 1 µm, separate da rughe, che formano le linee caratteristiche (da 200 a 400 nm) già osservate nel campione di figura 1. (Bykov, AY; Rusakov, PS ; Obraztsova, ED; Murzina, TV 2013)

Un altro esempio si trova nelle immagini allegate allo studio di (Malesevic, A.; Vitchev, R.; Schouteden, K.; Volodin, A.; Zhang, L.; Van Tendeloo, G.; Van Haesendonck, C. 2008) dal titolo “Sintesi di grafene a basso strato attraverso la deposizione chimica da vapore potenziata al plasma a microonde“, che conferma la tecnica CVD come un “modo facile ed economico per produrre grafene in serie “.

Tutto questo è sintetizzato sotto forma di scaglie micrometriche di quattro o sei strati atomici di fogli di grafene impilati “mediante ricombinazione controllata di radicali di carbonio in un plasma a microonde“.

Questa affermazione evidenzia ancora una volta l’interazione delle microonde con il grafene in modo ovvio e inequivocabile.


Patch di grafene
Figura 4. : Formazione di crepe in un foglio di grafene (Malesevic, A .; Vitchev, R .; Schouteden, K .; Volodin, A .; Zhang, L .; Van Tendeloo, G .; Van Haesendonck, C. 2008)

La sintesi del grafene a pochi strati, detto anche “FLG” (Few Layer Grafene), si compone di tre fasi, secondo quanto affermato da (Malesevic, A.; Vitchev, R.; Schouteden, K.; Volodin, A.; Zhang , L .; Van Tendeloo, G .; Van Haesendonck, C. 2008), che sono le seguenti : a) Conformazione di uno strato di base di grafite, che è quello costituito da tipiche crepe e irregolarità, osservabili in figura 4, che sarà la base per la crescita delle piastrine di grafene ; b) Curvatura dei bordi delle piastrine di grafene, che corrispondono ai punti di nucleazione e di crescita del grafene ; c) Accumulo di materiale nei punti di nucleazione.

Questa tecnica di produzione del grafene non richiede alcun catalizzatore.

Cracks di grafene/crepe di grafene

Un altro modo per riferirsi allo stesso fenomeno è “cracks di grafene“, o “crepe di grafene.

Questa differenza terminologica è molto sottile e in questo caso rappresenta l’uso di un materiale precursore nella dissoluzione in un “vaccino” o nel sangue (secondo l’origine del campione in Figura 1).

Secondo (Vervuurt, RH; Kessels, WM; Bol, AA 2017), la deposizione atomica di strati, chiamata anche ALD, causata da un materiale precursore e da un co-reagente, porta alla comparsa di crepe e grani sulla superficie di i fogli di grafene, come si vede in figura 5.

I bordi delle fessure prodotte, sono sollevati verso l’alto, come sopra descritto.


Patch di grafene
Fig 5. : Crepe di grafene, causate dalla deposizione atomica di strati di platino (Pt). (Vervuurt, RH; Kessels, WM; Bol, AA 2017)

Nell’esperimento di figura 5 si osserva del grafene cresciuto mediante deposizione chimica da vapore (CVD), al quale è stata applicata una soluzione di particelle di platino (Pt) mediante deposizione di strato atomico (ALD).
Il precursore utilizzato è era “MeCpPtMe3″ cioè “Trimetil (metilciclopentadienil) platino (IV)” insieme al gas “O2” (ossigeno).
Sebbene il “
Trimetil (metilciclopentadienil) platino (IV)” sia un composto chimico utilizzato nella deposizione del platino, l’articolo cita l’ossigeno come elemento essenziale per la reazione del grafene e il suo cracking.

Si afferma infatti che “aumentando la pressione del co-reagente (aumentando efficacemente la dose di O2) si ottiene una deposizione più selettiva verso le rughe e i bordi dei grani del grafene, molto probabilmente a causa della diffusione di (Pt)nel sangue e anche nelle arterie e nei dotti circolatori in cui è attaccato, a causa dell’inevitabile conduzione di ossigeno.

Infatti, (Elapolu, MS; Tabarraei, A. 2020) affermano che l’ossigeno corrode e indebolisce la struttura degli strati di grafene, provocandone la rottura.

Questo fenomeno è così spiegato : “Abbiamo usato delle simulazioni di dinamica molecolare (MD) per studiare la tensocorrosione (SCC) di fogli di grafene monostrato con crepe su un bordo iniziale.

Nelle simulazioni vengono considerati due tipi di crepe nel bordo; una con la forma a poltrona ed una con i bordi a zigzag … l’ambiente corrosivo è costituito da molecole di O2…Per comprendere il meccanismo della crescita subcritica della fessura durante SCC, abbiamo esposto fogli di grafene a molecole di O2 nei ceppi 0,047 e 0,076.

Le nostre simulazioni MD catturano il processo di chemisorbimento tra le molecole di O2 e il foglio di grafene precompresso.
Le molecole di ossigeno reagiscono con i radicali di carbonio ai bordi della punta della fessura e si adsorbono sulla superficie del grafene.

Le sollecitazioni atomiche in prossimità della punta della fessura si rilassano a causa dell’adsorbimento della molecola di O2.
I nostri risultati mostrano che la reazione delle molecole di O2 con i radicali di carbonio sulla punta della fessura può causare la rottura dei legami di carbonio, portando a fessurazioni subcritiche
“. 

Riflessioni finali

Secondo le immagini e le prove documentali ricavate dalla letteratura scientifica, l’immagine ottenuta da un campione di sangue di una persona “vaccinata”, in Figura 1, corrisponde al fenomeno di formazione delle cosiddette “crepe di grafene”.

Questo può essere causato dall’effetto ossidativo dell’ossigeno nel campione di sangue prelevato per analisi di laboratorio.
Tuttavia, è abbastanza probabile che ciò avvenga anche all’interno dell’organismo, soprattutto in quelle zone più vicine ai polmoni a causa dello scambio di gas e di una maggiore presenza di ossigeno.

Il cracking causa in parte la cristallizzazione del grafene, specialmente quando ci sono diversi strati atomici sovrapposti, formando così patch di grafene multistrato.

Occorre ricordre che in un precedente post è già stato affrontato il tema del “grafene cristallizzato“, identificato dai dendriti che si sono formati in uno schema frattale.
Una volta individuati, si è riscontrato che potevano agire da nanoantenne, proprio per questa caratteristica o peculiarità.

È stato inoltre verificato che la cristallizzazione potrebbe avvenire a temperatura corporea (Fang, J .; Wang, D .; DeVault, CT; Chung, TF; Chen, YP; Boltasseva, A .; Kildishev, AV 2017).

Non si può escludere che il cracking del grafene possa essere una fase precedente alla cristallizzazione nella forma di frattale (tuttavia, questo resta da confermare).

In ogni caso, è noto che i cerotti multistrato di grafene, causati dopo il cracking, hanno eccellenti proprietà superconduttive nella banda Terahertz, essendo preferibili al grafene monostrato,perché possono propagare in modo migliore i segnali di nanocomunicazione, anche se ci sono imperfezioni nella loro sintesi, come nel caso dell’ossido di grafene.

I punti od i grani osservati in figura 1 possono corrispondere alla deposizione di particelle di carbonio, o di altri materiali, inclusi metalli o leghe metalliche, che potrebbero funzionalizzare o drogare i cerotti di grafene.

Tuttavia, è difficile identificare che tipo di materiale potrebbe essere.

Quello che si sa è che i bordi delle crepe dei cerotti possono crescere usando il metodo ALD (Atomic Layer Deposition), il che spiega perfettamente la morfologia osservata.

È anche possibile che il materiale particolato nel sangue si depositi sullo strato di grafene, soprattutto quando inizia il processo di ossidazione

Ulteriori studi di riferimento

Il lavoro di (Nair, RR; Blake, P .; Grigorenko, AN; Novoselov, KS; Booth, TJ; Stauber, T .; Geim, AK 2008) non solo dimostra la capacità di assorbimento del grafene nel visibile e nel vicino infrarosso, ma dimostra anche che il grafene è trasparente.
L’interazione nel vicino infrarosso (NIR) nel grafene è usata per innescare l’attivazione del grafene, per il rilascio della sua capacità farmacologica oppure per l’interazione con altri componenti.
L’articolo pubblicato sulla rivista Science, ha
ricevuto quasi 9000 citazioni da altri articoli e ricerche correlate. 

La ricerca di (He, CH; Mak, KF; Shan, J.; Heinz, TF 2010) dimostra empiricamente le proprietà luminescenti del grafene, la cui emissione dipende dall’irradiazione con impulsi laser ultracorti di 30 fps.
È considerato un articolo di riferimento sull’argomento.

L’articolo di (Ju, L .; Geng, B .; Horng, J .; Girit, C .; Martin, M .; Hao, Z .; Wang, F. 2011) è un riferimento nello studio delle proprietà elettromagnetiche e propagazione di segnali nella gamma di frequenze terahertz nel grafene, in particolare nella plasmonica del grafene, ponendo le basi per lo sviluppo di antenne con elevata capacità di trasferimento e larghezza di banda.
L’articolo ha
ricevuto più di 2.600 citazioni da opere direttamente correlate. 

Per curiosità, i cerotti al grafene, o “patch di grafene” possono essere acquistati commercialmente nel negozio specializzato graphene-supermarket.com in molte forme e sintesi diverse, come si può vedere nei seguenti prodotti : grafene multistrato su lamina di nichel , fogli di grafene conduttivi , grafene monostrato su lamina di rame .

Bibliografia

1.Burkhardt, A.; Lang, W.; Bergholz, W. (2021). [Conferenza stampa]. Causa di morte dopo la vaccinazione COVID-19: Componenti non dichiarati dei vaccini COVID-19 = [Press Conference] Cause of death after COVID-19 vaccination: Undeclared Components of the COVID-19 vaccines. https://pathologie-konferenz.de/en/

2.Bykov, AY; Rusakov, PS; Obraztsova, ED; Mursina, TV (2013). Sondaggio della disomogeneità strutturale degli strati di grafene tramite diffusione ottica non lineare = Probing structural inhomogeneity of graphene layers via nonlinear optical scattering. Optics letters, 38 (22), pp. 4589-4592. https://doi.org/10.1364/ol.38.004589

3.Delgado, R.; Sevillano, JL (2021). Nocturno Quinta Colummna – Programa 119 https://odysee.com/@laquintacolumna:8/DIRECTONOCTURNODELAQUINTACOLUMNA-PROGRAMA119-:2

4.Elapolu, MS; Tabarraei, A. (2020). Graphene Corrosion Cracking = Cracking da stress corrosione del grafene. = Stress Corrosion Cracking of Graphene. En: ASME International Mechanical Engineering Congress and Exposition (Vol. 84607, p. V012T12A030). American Society of Mechanical Engineers https://doi.org/10.1115/IMECE2020-23842

5.Fang, J.; Wang, D.; DeVault, CT; Chung, TF; Chen, YP; Boltasseva, A.; Kildishev, AV (2017). Fotorivelatore di grafene potenziato con superficie frattale =  Enhanced graphene photodetector with fractal metasurface. Nano letters, 17 (1), pp. 57-62. https://doi.org/10.1021/acs.nanolett.6b03202

6.Gong, C.; He, K.; Lee, GD; Chen, Q.; Robertson, AW; Yoon, E.; Warner, JH (2016). Dinamica a livello atomico in situ della nucleazione eterogenea e della crescita del grafene da semi di nanoparticelle inorganiche. = In situ atomic level dynamics of heterogeneous nucleation and growth of graphene from inorganic nanoparticle seeds. ACS nano, 10 (10), pp. 9397-9410. https://doi.org/10.1021/acsnano.6b04356

7.Ju, L.; Geng, B.; Horng, J.; Girit, C.; Martin, M.; Hao, Z.; Wang, F. (2011). Plasmonica del grafene per metamateriali terahertz sintonizzabili = Graphene plasmonics for tunable terahertz metamaterials. Nature nanotechnology, 6 (10), pp. 630-634. https://doi.org/10.1038/nnano.2011.146

8.Kuang, Q.; Xie, SY; Jiang, ZY; Zhang, XH; Xie, ZX; Huang, RB; Zheng, LS (2004). Sintesi solvotermica a bassa temperatura di nanosheet di carbonio accartocciato = Low temperature solvothermal synthesis of crumpled carbon nanosheets. Carbon, 42 (8-9), pp. 1737-1741. https://doi.org/10.1016/j.carbon.2004.03.008

9.Lee, HC; Liu, WW; Chai, SP; Mohamed, AR; Aziz, A.; Khe, CS; Hashim, U. (2017). Cenni sui meccanismi di sintesi, trasferimento, caratterizzazione e crescita del grafene singolo e multistrato = Review of the synthesis, transfer, characterization and growth mechanisms of single and multilayer graphene. RSC advances, 7 (26), pp. 15644-15693. https://doi.org/10.1039/C7RA00392G

10.Li, Z.; Wu, P.; Wang, C.; Ventola, X.; Zhang, W.; Zhai, X.; Hou, J. (2011). Crescita a bassa temperatura di grafene mediante deposizione chimica da vapore utilizzando fonti di carbonio solido e liquido =  Low-temperature growth of graphene by chemical vapor deposition using solid and liquid carbon sources. ACS nano, 5 (4), pp. 3385-3390. https://doi.org/10.1021/nn200854p

11.Lui, CH; Mak, KF; Shan, J.; Heinz, TF (2010). Fotoluminescenza ultraveloce da grafene = Fotoluminescenza ultraveloce da grafene. = Ultrafast photoluminescence from graphene. Physical review letters, 105 (12), 127404. https://doi.org/10.1103/PhysRevLett.105.127404

12.Malesevic, A.; Vitchev, R.; Schoutden, K.; Volodin, A.; Zhang, L.; Van Tendeloo, G.; Van Haesendonck, C. (2008). Sintesi di grafene a pochi strati tramite deposizione chimica da vapore potenziata con plasma a microonde. = Synthesis of few-layer graphene via microwave plasma-enhanced chemical vapour deposition. Nanotechnology, 19 (30), 305604.  https://doi.org/10.1088/0957-4484/19/30/305604

13.Nair, RR; Blake, P.; Grigorenko, AN; Novoselov, KS; Stand, TJ; Stauber, T.; Geim, AK (2008). La costante di struttura fine definisce la trasparenza visiva del grafene. = Fine structure constant defines visual transparency of graphene. Science, 320 (5881), pp. 1308-1308. https://doi.org/10.1126/science.1156965

14.Park, HJ; Meyer, J.; Roth, S.; Skakalová, V. (2010). Crescita e proprietà del grafene a pochi strati preparato mediante deposizione chimica da vapore. = Growth and properties of few-layer graphene prepared by chemical vapor deposition. Carbon, 48 (4), pp. 1088-1094. https://doi.org/10.1016/j.carbon.2009.11.030

15.Tim Truth. (2021). Vaccino e analisi del sangue al microscopio presentate da ricercatori, avvocati e dottori indipendenti = Vaccine & Blood Analysis Under Microscope Presented By Independent Researches, Lawyers & Doctor. https://odysee.com/@TimTruth:b/microscopio-vaccino-sangue:9

16.Vervuurt, RH; Kessels, WM; Bol, AA (2017). Deposizione di strati atomici per l’integrazione di dispositivi in ​​grafene. = Atomic layer deposition for graphene device integration. Advanced Materials Interfaces, 4 (18), 1700232.  https://doi.org/10.1002/admi.201700232

Studio originale in lingua spagnola : Identificación de patrones en sangre de personas vacunadas: Parches de grafeno multicapa no uniformes o grietas de grafeno
Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker

You cannot copy content of this page