Ossido di grafene ridotto ed effetti sul sistema nervoso centrale

Pubblicato il 11 Settembre 2021 da Veronica Baker

She’s only got one reason to live
This is your life
She’s only got one message to give
Give it tonight

The Cranberries – Wake Up And Smell The Coffee



Ossido di grafene ridotto ed effetti sul sistema nervoso centrale

“I risultati finora indicano che l’ossido di grafene ridotto ha il potenziale di trasportare farmaci nel cervello o di aprire la barriera emato-encefalica e permettere ad altri veicoli di trasportare i farmaci stessi nel cervello”, afferma la Dr. Da Cruz-Höfling, che ha iniziato a studiare modi per permeare la barriera emato-encefalica 20 anni fa.”

Una citazione illuminante da uno studio del 2017 effettuato dalla Faculdade de Ciências Médicas (FCM). Universidade Estadual de Campinas (UNICAMP). Campinas, SP, Brasil.

Naturalmente le elite stavano già da molto tempo prima ancora cercando un modo per controllare mentalmente le persone.

Tutto questo porta sempre di più a comprendere che questo è un piano certosino che questa gente ha portato avanti impunemente per anni.
Ed infatti, ascoltate con attenzione le parole di questo individuo, tale Dr. Pierre Gilbert, di nazionalità canadese:



E poi guardate pure questo video, tanto per non farsi mancare nulla :



Penso che anche il più fedele CoVidiota a questo punto dovrebbe iniziale forse a comprendere qualcosa…

Come on and wake up, wake up, wake up, wake up
Shut up, shut up, shut up, shut up
It’s time, smell the coffee, the coffee
Wake up, wake up, wake up, wake up
Shut up, shut up, shut up, shut up
This time smell the coffee, the coffee

Tornando allo studio del 2017 appena menzionato – di cui riporterò in seguito i passi più importanti – è iniziato con il possibile utilizzo dell’ossido di grafene e poi è passato all’rGO (l’ossido di grafene ridotto) perché secondo la ricercatrice Dr. Da Cruz-Höfling “ha migliorato le proprietà del nanomateriale ed è solubile in acqua“.

La sua idea era che il nanomateriale avrebbe interagito con neuroni e astrociti, così come le cellule endoteliali che rivestono i vasi della microcircolazione cerebrale.

Hanno testato il rGO nei ratti, somministrato per via endovenosa, e hanno scoperto che il nanomateriale colpisce la barriera emato-encefalica e ne promuove l’apertura temporaneamente da una a tre ore.
Il rGO era principalmente concentrato nel talamo e nell’ippocampo.

Questa può essere la spiegazione della perdita della realtà dei cosiddetti “vaccinati”, dei problemi neurali, della paralisi di Bell ed in generale di tutti gli effetti collaterali che hanno colpito il sistema neuronale.


Studio di riferimento

Maria Alice da Cruz Höfling, Monique Culturato Padilha Mendonça : Óxido de grafeno e sistema nervoso central : avaliação dos efeitos na barreira hematoencefálica e perfil nanotoxicológico = L’ossido di grafene e il sistema nervoso centrale : analisi degli effetti sulla barriera emato-encefalica e profilo nanotossicologico, 2017, Faculdade de Ciências Médicas (FCM). Universidade Estadual de Campinas (UNICAMP). Campinas , SP, Brasil   (nº 12/24782-5)

Fatti analizzati

Ossido di grafene ridotto
Questa struttura, chiamata barriera emato-encefalica, permette solo il passaggio di alcuni composti necessari per il corretto funzionamento del cervello, come nutrienti, ormoni e gas…

I vasi sanguigni che riforniscono il sistema nervoso centrale sono rivestiti da una struttura speciale composta da tre tipi di cellule che, insieme, agiscono come un filtro molto selettivo.

Questa struttura, chiamata barriera emato-encefalica, permette solo il passaggio di alcuni composti necessari per il corretto funzionamento del cervello, come nutrienti, ormoni e gas.

Questa selettività protegge il sistema nervoso centrale dalle molecole tossiche contenute nel sangue ed impedisce anche che un farmaco ingerito per via orale, od iniettato nel sangue, raggiunga il cervello, anche quando è necessario.

All’Università di Campinas (Unicamp), i ricercatori (Mendonça M.C.P. ;  Soares E.S. ; De Jesus M.B.; Ceragioli H.J. ; Sakane, K.K.; da Cruz Höfling M.A., 2016) hanno testato la possibilità di utilizzare l’ossido di grafene ridotto -che ricordo ancora una volta essere un composto nanostrutturato fatto di atomi di carbonio – per aprire questa barriera e permettere a certi farmaci di raggiungere il cervello con meno effetti collaterali di quelli causati dai composti attualmente in uso.

Secondo i ricercatori, “i test iniziali con l’ossido di grafene ridotto sono stati promettenti”.
Esperimenti con cellule e animali da laboratorio hanno indicato che questo composto apre temporaneamente la barriera.

Successivamente, in un successivo studio (Mendonça M.C.P. ;  Soares E.S. ; De Jesus M.B.; Ceragioli H.J. ; Sakane, K.K.; Da Cruz-Höfling M.A., 2016) hanno riportato il seguente risultato : “Abbiamo lavorato con questo composto perché i nanomateriali della famiglia del grafene avevano il potenziale per interagire con il sistema nervoso, poiché il grafene è un eccellente conduttore di elettricità e le cellule neuronali comunicano tra loro attraverso impulsi elettrici“.

Il grafene, costituito da un singolo strato di atomi di carbonio disposti in esagoni regolari, è 200 volte più forte dell’acciaio ed è uno dei migliori conduttori elettrici conosciuti.

Tuttavia, il grafene puro ha applicazioni biologiche limitate perché è scarsamente solubile in acqua.
L’ossido di grafene ridotto, invece, si diluisce in acqua e mantiene proprietà elettriche simili a quelle del materiale.

Mendonça è stato introdotta all’ossido di grafene ridotto nel 2013, durante una conversazione con gli scienziati del laboratorio di nanoingegneria e diamanti presso la facoltà di ingegneria elettrica e informatica (FEEC) di Unicamp, e ha deciso di valutare il suo potenziale per rompere la barriera.

Abbiamo adattato il processo di produzione di questo materiale per sintetizzarlo senza bisogno di processi chimici intermedi e aumentare la sua purezza a circa il 99%“, dice il ricercatore del FEEC Helder Ceragioli.

I metodi di produzione descritti nella letteratura scientifica lasciano spesso impurità (atomi di ferro, tungsteno o nichel) che possono essere tossiche. Secondo le previsioni teoriche, più puro è l’ossido di grafene ridotto, minore è il rischio di danni ai tessuti viventi.

Negli esperimenti, Mendonça ha iniettato l’ossido di grafene nel flusso sanguigno dei ratti e, utilizzando tecniche che permettono di tracciare il composto nel corpo, ha osservato che un’ora dopo, era già penetrato in strutture cerebrali come l’ippocampo e il talamo.

Rilevando una riduzione del livello delle proteine che tengono insieme le cellule che rivestono i vasi sanguigni, ha concluso che l’ossido di grafene ridotto aveva aperto la barriera creando spazio tra le cellule che la compongono.
Mendonça ha anche notato che poche ore dopo l’inoculazione del composto, la barriera si è chiusa di nuovo.

Il gruppo Unicamp sta attualmente studiando i possibili meccanismi biochimici che verrebbero attivati nelle cellule per aprire la barriera.

Neuroni conservati

Sette giorni dopo l’applicazione, la maggior parte del composto era già stata eliminata dal corpo, suggerendo che il composto non tende ad accumularsi e diventare tossico per le cellule.
Ulteriori test hanno dimostrato che non c’era morte neuronale nei roditori trattati e che la morfologia del cervello rimaneva intatta.

Né il materiale ha causato danni alle cellule del sangue o ad altri organi come il fegato e i reni.
Inoltre, l’ossido di grafene ridotto sembra avere vantaggi rispetto a composti come il mannitolo, che i medici usano per aprire la barriera emato-encefalica.

L’ossido di grafene ridotto è potenzialmente più sicuro del mannitolo, che altera il flusso dei fluidi nel sistema nervoso centrale e può lasciare i neuroni suscettibili di danni, oltre ad alterare il funzionamento dei reni“, dice Licio Velloso, un medico della facoltà di scienze mediche (FCM) di Unicamp.

Velloso sta studiando le alterazioni nell’organismo che modificano la permeabilità della barriera e considera l’ossido di grafene ridotto come un candidato promettente per lo svolgimento di questa funzione.

Tuttavia l’uso farmacologico delle nanoparticelle è ancora nelle sue fasi iniziali e sono necessari più studi per verificare se causano effetti collaterali a lungo termine.”

I risultati finora indicano che l’ossido di grafene ridotto ha il potenziale di trasportare farmaci nel cervello o di aprire la barriera emato-encefalica e permettere ad altri veicoli di trasportare i farmaci stessi nel cervello”, dice Da Cruz-Höfling, che ha iniziato a studiare modi per permeare la barriera emato-encefalica 20 anni fa, quando stava studiando l’effetto del veleno dei ragni del genere Phoneutria (il ragno errante brasiliano o ragno banana).

Poiché le persone morse da questi ragni hanno mostrato sintomi neurotossici, ho supposto che il veleno potesse attraversare la barriera“, ricorda. Successivamente, il ricercatore ha scoperto che basse dosi hanno aperto la barriera nei ratti. Di fronte alla difficoltà di isolare il componente del veleno responsabile di questo effetto, ha continuato a testare altri composti.

Nonostante i risultati incoraggianti, sarebbe prematuro dire se l’ossido di grafene ridotto può essere utilizzato nella pratica clinica.
Prima di ciò, bisogna valutare se è sicuro per gli esseri umani e se permette effettivamente ad altri composti di raggiungere il cervello in modo più efficace.

Riflessioni finali

I trattamenti farmacologici dei disturbi neurologici sono sempre stati complicati a causa dell’incapacità dei farmaci di attraversare la barriera emato-encefalica (BHE).

Il BHE è essenziale per mantenere l’omeostasi del sistema nervoso centrale (CNS), tuttavia è il più grande ostacolo per l’accesso di farmaci al microambiente neurale poiché ha caratteristiche strutturali e molecolari che limitano la permeazione di xenobiotici.

In questo contesto, la nanotecnologia può offrire una soluzione innovativa attraverso l’uso di nanocarrier di geni, farmaci o biomolecole.
Tra i diversi tipi di nanoparticelle (NPs), le NPs di carbonio, come l’ossido di grafene (GO), sono prodotti di grande interesse nella nanotecnologia poiché le loro caratteristiche fisico-chimiche uniche forniscono una vasta gamma di applicazioni biologiche, compresa l’interfaccia con i componenti dei sistemi neurali.

Lo studio appena analizzato ha verificato la capacità del GO in sospensione in diversi veicoli (acqua e glicole polietilenico) di attraversare l’HEB nei ratti, oltre ad avere valutato la tossicità dei due tipi di NP nel tessuto neurale.

La comprensione dei meccanismi coinvolti ha sicuramente contribuito allo sviluppo di strumenti utili per l’intervento clinico, così come può essere rilevante per la comprensione dei meccanismi legati al funzionamento dell’HEB.

Ed ora questo video che avevo guardando con molta attenzione, e mi era parso molto strano all’epoca, quasi artefatto, ha tutta una diversa connotazione…



(1 – continua)

Biblografia

1.Mendonça , M. C. P.; Soares, E. S.; De Jesus, M. B.; Ceragioli, H. J.; Sakane, K. K.; Da Cruz-Höfling, M. A. Raman Spectroscopy as a Tool to Evaluate Brain Tissue Composition After Administration of Reduced Graphene Oxide. Journal of Applied Spectroscopy, v. 83, n. 5, p. 805-810, NOV 2016. Citações Web of Science: 2.

2.Mendonça M.C.P. ; Soares E.S.; De Jesus M.B.; Ceragioli, H.J.; Batista A.G.; Nyul-Toth, A.; Molnar, J.; Wilhelm, I.; Marostica Jr., M.R.; Krizbal, I.; Da Cruz-Höfling, M. A. PEGylation of Reduced Graphene Oxide Induces Toxicity in Cells of the Blood-Brain Barrier: An in Vitro and in Vivo Study. Molecular pharmaceutics, v. 13, n. 11, p. 3913-3924, NOV 2016. Citações Web of Science: 19.

3.Soares, E.S.; Stavale, L.M..; Mendonça M.C. P.; Coope, A.; Da Cruz-Höfling, M. A. Age-Related Modulations of AQP4 and Caveolin-1 in the Hippocampus Predispose the Toxic Effect of Phoneutria nigriventer Spider Venom. International journal of molecular sciences, v. 17, n. 11 NOV 2016. Citações Web of Science: 0.

4.Mendonça , M.C.P.; Soares, E.S.; De Jesus, M.B.; Ceragioli, H.J.; Irazusta, S.P.; Batista, A.G.; Ramirez Vinolo, M.A.; Marostica Jr., M.R. ; Da Cruz-Höfling, M. A. Reduced graphene oxide: nanotoxicological profile in rats. Journal of nanobiotechnology, v. 14, JUN 24 2016. Citações Web of Science: 15.

5.Soares, E.S.; Mendonça , M.C.P.;  Da Cruz-Höfling, M. A.. Caveolae as a target for Phoneutria nigriventer spider venom. NeuroToxicology, v. 54, p. 111-118, MAY 2016. Citações Web of Science: 5.

6.Soares, E.S.; Mendonça , M.C.P.; ; De Jesus, M.B. ; Ceragioli H.J.; Ferreira, M.S.; Catharino, R.R.; Da Cruz-Höfling, M. A.Reduced graphene oxide induces transient blood-brain barrier opening: an in vivo study. Journal of nanobiotechnology, v. 13, OCT 30 2015. Citações Web of Science: 31.

7.Soares, E.S.; Mendonça , M.C.P.;  Da Cruz-Höfling, M. A. eNOS uncoupling in the cerebellum after BBB disruption by exposure to Phoneutria nigriventer spider venom. Toxicon, v. 104, p. 7-13, SEP 15 2015. Citações Web of Science: 7.

8.Soares, E.S.; Mendonça , M.C.P.; Stavale, L.; Kalapothakis, E.; Da Cruz-Höfling, M. A. Vascular Endothelial Growth Factor Increases during Blood-Brain Barrier-Enhanced Permeability Caused by Phoneutria nigriventer Spider Venom. Biomed Research International, 2014. Citações Web of Science: 6.

9.Mendonca, Monique Culturato Padilha.  Graphene oxide and central nervous system: evaluation of effects on blood brain barrier and nanotoxicological profile.. 2016. Tese de Doutorado – Universidade Estadual de Campinas, Faculdade de Ciências Médicas.


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page