Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico nella tecnologia 5G

Pubblicato il 22 Settembre 2021 da Veronica Baker

La scienza è il grande antidoto contro il veleno dell’entusiasmo e della superstizione.

Adam Smith


Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico nella tecnologia 5G

Studio di riferimento

Chen, Y.; Fu, X.; Liu, L.; Zhang, Y.; Cao, L.; Yuan, D.; Liu, P. (2019). Proprietà di assorbimento delle onde millimetriche del composito flessibile di gomma grafene/acrilonitrile-butadiene nella banda di frequenza 5G. = Millimeter wave absorbing property of flexible graphene/acrylonitrile-butadiene rubber composite in 5G frequency band. Polymer-Plastics Technology and Materials, 58 (8), 903-914. https://sci-hub.mksa.top/10.1080/03602559.2018.1542714

Fatti analizzati

Questo studio analizza test di assorbimento di onde elettromagnetiche di emettitori 5G in materiali di ossido di grafene ridotto “rGO”.

A tal fine sono state studiate le variabili di frequenza e larghezza di banda, con varie varianti del “rGO”, evidenziando il tipo rGO/NBR per le sue migliori caratteristiche di assorbimento in un range di frequenza compreso tra 26,5 e 40 GHz.

NBR è la gomma nitrile butadiene, conosciuta anche come Perbunan.
Si tratta di un copolimero, caratterizzato da resistenza all’attrito, degradabilità senza temperatura, resistenza agli acidi e proprietà antistatiche.

Tuttavia, può essere fragile se sottoposto all’ozono o alla luce ultravioletta.


Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig. 1 : Assorbimento delle onde elettromagnetiche 5G

I ricercatori concludono che rGO/NBR è il materiale ottimale perché raggiunge il più basso indice di riflessione delle onde elettromagnetiche (microonde), con un valore di -45dB a 35,4 GHz, che consente l’assorbimento di quasi tutte le trasmissioni 5G. 

È molto significativa una delle conclusioni dell’articolo che afferma quanto segue : “Pertanto, la capacità di assorbimento delle microonde dei compositi potrebbe essere ben regolata cambiando il tempo di riduzione e lo spessore del campione, il che facilita la personalizzazione del materiale di assorbimento elettromagnetico ottimale per esigenze specifiche.

Oltre ai fattori menzionati sopra, la dimensione dei grani di rGO e la sua dispersione in NBR sono presumibilmente fattori influenti sull’assorbimento delle onde EM” .

Questo significa che si ha una conoscenza molto completa dei fattori che determinano l’assorbimento delle onde elettromagnetiche a seconda delle applicazioni e degli usi che si desiderano.

D’altra parte, le immagini del materiale rGO/NBR che sono presentate nell’articolo, vedi Figure 2 e 3, sono molto simili a quelle ottenute da (Campra, P. 2021) disponibili nelle Figure 4 e 5, il che ci consente di affermare che esiste una potenziale somiglianza.


Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig 2.: Immagini al microscopio elettronico a scansione (SEM) del materiale rGO / NBR discusso nell’articolo

Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig 3. : Micrografie del materiale 7h-rGO / NBR

Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig 4. : Microscopia ottica del campione RD1 del “vaccino” Pfizer (Campra, P. 2021)

Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig 5. : Microscopia in campo oscuro del campione RD1 del vaccino Pfizer (Campra, P. 2021)

D’altra parte, la letteratura citata nell’articolo è stata rivista, prestando particolare attenzione ai riferimenti che si riferiscono specificamente all’ossido di grafene GO.

Tra tutti, vale la pena evidenziare lo studio di (Chen, D .; Wang, GS; He, S .; Liu, J .; Guo, L .; Cao, MS 2013) in merito alla “produzione controllabile di nanocompositi rGO-ematite mono-disperso e le loro migliorate proprietà di assorbimento delle onde“, che evidenzia nel titolo l’obiettivo di produrre nanomateriali di ossido di grafene ridotto rGO con proprietà di assorbimento delle onde facilmente regolabili per intervalli di frequenza.

In questo caso, il materiale è costituito da un cristallo di ematite rivestito di rGO.
L’ematite o ematite è un ossido di ferro della classe trigonale/esagonale, che si magnetizza dopo essere stato riscaldato o eccitato da microonde (Bødker, F .; Hansen, MF; Koch, CB; Lefmann, K .; Mørup, S. 2000 | Wang, WW; Zhu, YJ; Ruan, ML 2007).


Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig. 6. : Processo di formazione di RGO-ematite

Riflessioni finali

L’articolo dimostra che l’ossido di grafene ridotto rGO può assorbire efficacemente le onde elettromagnetiche, in particolare facendo riferimento alle emissioni 5G.

La scala dei composti testati negli esperimenti coincide con la scala analizzata da (Campra, P. 2021) nel campione RD1.
C’è anche una grande somiglianza tra le immagini del microscopio.

Data la capacità di assorbimento delle onde dell’ossido di grafene “GO” o del suo derivato ossido di grafene ridotto “rGO”, la sua inoculazione nel corpo umano potrebbe rappresentare un rischio per la salute.

Infatti, secondo (Tien, HN; Luan, VH; Cuong, TV; Kong, BS; Chung, JS; Kim, EJ; Hur, SH 2012) l’applicazione delle microonde sull’ossido di grafene GO, provoca la deossigenazione del ossido di grafene, con conseguente riduzione dell’ossido di grafene rGO e dei “radicali liberi “.

Questi radicali liberi sono direttamente correlati all’interruzione dell’omeostasi (cioè il normale funzionamento) dei mitocondri, responsabili della respirazione cellulare, il che può portare a significativi effetti collaterali.

Le fotografie al microscopio dei campioni di questo studio (vedi figura 7) sono molto simili a quelle ottenute da (Campra, P. 2021) nell’analisi del campione RD1, vedi figure 4 e 5.

La letteratura sulla riduzione dell’ossido di grafene da parte delle microonde è ampia per riferimento diretto o indiretto, potendo evidenziare i seguenti lavori di (Jakhar, R .; Yap, JE; Joshi, R. 2020 | Tang, S .; Jin, S .; Zhang, R .; Liu, Y .; Wang, J .; Hu, Z .; Jin, M. 2019), che conferma ancora una volta l’interazione di microonde, 5G e ossido di grafene.


Ossido di grafene ed assorbimento elettromagnetico
Fig. 7.: Immagini del processo di riduzione dell’ossido di grafene

Bibliografia

1.Bødker, F.; Hansen, MF; Koch, CB; Lefmann, K.; Morup, S. (2000). Proprietà magnetiche delle nanoparticelle di ematite = Magnetic properties of hematite nanoparticles. Physical Review, 61 (10), 6826.  https://doi.org/10.1103/PhysRevB.61.6826

2.Campra, P. (2021). [Relazione] Rilevazione dell’ossido di grafene in sospensione acquosa (Comirnaty™ RD1): Studio osservazionale in microscopia ottica ed elettronica. = [Informe] Detección de óxido de grafeno en suspensión acuosa (Comirnaty™ RD1): Estudio observacional en microscopía óptica y electrónica. Universidad de Almería https://docdro.id/rNgtxyh

3.Chen, D.; Wang, GS; He, S. .; Liu, J.; Guo, L.; Cao, MS (2013). Fabbricazione controllabile di RGO mono-dispersi – nanocompositi di ematite e loro proprietà migliorate di assorbimento delle onde.  = Controllable fabrication of mono-dispersed RGO–hematite nanocomposites and their enhanced wave absorption properties. Journal of Materials Chemistry A, 1 (19), pp. 5996-6003. https://doi.org/10.1039/C3TA10664K

4.Jachar, R.; Yap, JE; Joshi, R. (2020). Riduzione a microonde dell’ossido di grafene = Microwave reduction of graphene oxide. Carbon. 170, pagg. 277-293    https://doi.org/10.1016/j.carbon.2020.08.034

5.Tang, S.; Jin, S.; Zhang, R.; Liu, Y.; Wang, J.; Hu, Z.; Jin, M. (2019). Riduzione efficace dell’ossido di grafene tramite un metodo di riscaldamento a microonde ibrido utilizzando ossido di grafene leggermente ridotto come suscettore. = Effective reduction of graphene oxide via a hybrid microwave heating method by using mildly reduced graphene oxide as a susceptor. Applied Surface Science, 473, pp. 222-229. https://doi.org/10.1016/j.apsusc.2018.12.096

6.Tie, HN; Luan, VH; Cuong, TV; Kong, BS; Chung, JS; Kim, EJ; Hur, SH (2012). Riduzione rapida e semplice dell’ossido di grafene in vari solventi organici mediante irradiazione a microonde. = Fast and simple reduction of graphene oxide in various organic solvents using microwave irradiation. Journal of nanoscience and nanotechnology, 12 (7), pp. 5658-5662. https://doi.org/10.1166/jnn.2012.6340

7.Wang, WW; Zhu, YJ; Ruan, ML (2007). Sintesi assistita da microonde e proprietà magnetiche di nanoparticelle di magnetite ed ematite = Microwave-assisted synthesis and magnetic property of magnetite and hematite nanoparticles. Journal of Nanoparticle Research, 9 (3), pp. 419-426. https://doi.org/10.1007/s11051-005-9051-8

Studio originale in lingua spagnola : Óxido de grafeno y la absorción electromagnética del 5G

Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page