Identificazione di pattern nelle persone vaccinate : nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene

L’affermazione più profonda che sia mai stata pronunciata a proposito di Auschwitz non fu affatto un’affermazione, ma una risposta.

La domanda : “Ditemi, dov’era Dio, ad Auschwitz ?”.
La risposta : “E l’uomo, dov’era ?”.

William Clark Styron


Identificazione di pattern nelle persone vaccinate : nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene

La comparsa di nuove immagini al microscopio dei cosiddetti “vaccini” ha destato allarme e dubbi sui nuovi oggetti, schemi ed elementi non identificati, di cui la Quinta Colonna nel suo programma 147 (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021) e la Dr. Carrie Madej nel programma di (Stew, P. 2021) hanno fatto eco.

Tutte queste immagini sono state analizzate per trovare somiglianze nella letteratura scientifica, al fine di individuare i pattern già rilevati ed una spiegazione nel contesto della ricerca in corso.
Le immagini fornite dalla dottoressa Carrie Madej durante lo spettacolo Stew Peter sono le seguenti, vedere le figure 1, 2 e 3. 


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig. 1. : Si noti un nanotubo di carbonio a più pareti, noto in inglese come “Multi-Walled Carbon Nanotube MWNT” che attraversa l’intero spettro visivo. Si osserva anche nelle tabelle a) e b) legami per la connessione con altri nanotubi di carbonio. Immagine ottenuta dal programma di (Stew, P. 2021)

Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig. 2. : Notare il nanotubo di carbonio sull’asse x in cui è attaccato un tipo di polipo di nanotubulo di carbonio sull’asse y. Immagine ottenuta dal programma di (Stew, P. 2021)

Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 3. : Nanofibre di carbonio o nanotubi a parete multipla. Immagine ottenuta dal programma di ( Stew, P. 2021 )

Le immagini fornite nel programma de La Quinta Columna 147 sono le seguenti, vedere le Figure 4, 5 e 6.
E’ possibile notare pattern e motivi simili a quelli esposti dalla Dr. Carrie Madej nel programma Stew Peters.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 4. : Notare i semplici nanotubi di carbonio nelle tabelle a) e b), noti anche come (SWNT di nanotubi di carbonio a parete singola). I nanotubi di carbonio a parete multipla (Multi Walled Carbon Nanotubi MWNTs) sono visibili in figura c) in cui si vedono anche gangli o nanotubuli alla loro estremità destra, coincidenti con quelli visti in figura 2. Immagine ottenuta dal programma 147 de La Quinta Columna. (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021)

Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig. 5.: Questa immagine mostra più in dettaglio un nanotubo di carbonio a parete singola (SWNTs di nanotubi di carbonio a parete singola), il cui contenuto potrebbe essere di natura farmacologica. Ciò si apprezza meglio nella figura 6. Immagine ottenuta dal programma 147 della Quinta Colonna. (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021)

Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 6. : Immagine dettagliata del nanotubo di carbonio a parete multipla (più scuro) che mostra un nucleo leggermente verdastro che potrebbe essere un prodotto farmacologico da rilasciare negli organi bersaglio a cui è destinato. Notare l’estremità a forma di polipo dei gangli/flagelli. A destra dell’immagine c’è un nanotubo di carbonio a parete singola (più leggero). Immagine ottenuta dal programma 147 de La Quinta Columna. (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021)

Polpi al grafene

L’oggetto più sorprendente nei campioni di “vaccino” è quello visto nelle figure 2 e 6, che ricordano la forma di un polipo con i suoi tentacoli (come l’ idra attenuata o l’idra vulgaris ).

In realtà è un polpo di carbonio, come è stato dimostrato nei riferimenti di (Dasgupta, K .; Joshi, JB; Paul, B .; Sen, D .; Banerjee, S. 2013) e (Sharon, M .; Sharon, M. 2006) nelle Figure 7 e 9.
La forma dei tentacoli è molto simile e la loro conformazione è derivata da nanotubi di carbonio.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 7. : Identificazione di polpi di grafene che possono essere sviluppati da nanotubi di carbonio o collegati. Le immagini della letteratura scientifica si trovano nello studio di (Dasgupta, K.; Joshi, JB; Paul, B.; Sen, D.; Banerjee, S. 2013). L’immagine ad alta risoluzione può essere vista al seguente link : https://blogger.googleusercontent.com/img/a/AVvXsEiuel4dLkiuLU7Z1-6EhkwTQEtqfNMtExRNgwdlCRdC9MByJdAjYKufn9-qYZoYsSH0Uj5hMr2eHmXZNU85-IE0PViyNP0xeUVhTsFAA1U1v8ENDec0L67fUeBrJodNCqUIyA9fVhFdTDAG40S-2vUfpk8SciB2wyZxhxQk8GHtiALZS7v65B5qNCA3ww=s2048

Non bisogna dimenticare che i nanotubi di carbonio a parete singola ed a parete multipla sono essenzialmente dei cilindri di grafene o di ossido di grafene, come mostrato nella figura 8.

I nanotubi di carbonio a parete singola (SWCNT) non hanno altri cilindri al loro interno, cosa che invece accadrebbe per i nanotubi di carbonio a parete multipla (MWCNT).

Questi oggetti sono ben documentati nella letteratura scientifica, sia per quanto riguarda la loro caratterizzazione, la loro funzionalizzazione, ma soprattutto la loro tossicità e i loro danni, vedi (Bottini, M.; Bruckner, S.; Nika, K.; Bottini, N.; Bellucci, S.; Magrini, A.; Mustelin, T. 2006 | Muller, J.; Decordier, I.; Hoet, P.H.; Lombaert, N.; Thomassen, L.; Huaux, F.; Kirsch-Volders, M. 2008 | Pulskamp, K.; Diabaté, S.; Krug, H.F. 2007 | Brown, D.M.; Kinloch, I.A.; Bangert, U.; Windle, A.H.; Walter, D.M.; Walker, G.S.; Stone, V.I.C.K.I. 2007 | Tian, F.; Cui, D.; Schwarz, H.; Estrada, G.G.; Kobayashi, H. 2006 | Shvedova, A.A.; Kisin, E.R.; Mercer, R.; Murray, A.R.; Johnson, V.J.; Potapovich, A.I.; Baron, P. 2005 | Lam, C.W.; James, J.T.; McCluskey, R.; Hunter, R.L. 2004 | Davoren, M.; Herzog, E.; Casey, A.; Cottineau, B.; Chambers, G.; Byrne, H.J.; Lyng, F.M. 2007 | Zhu, L.; Chang, D.W.; Dai, L.; Hong, Y. 2007 | Manna, S.K.; Sarkar, S.; Barr, J.; Wise, K.; Barrera, E.V.; Jejelowo, O.; Ramesh, G.T. 2005 | Jia, G.; Wang, H.; Yan, L.; Wang, X.; Pei, R.; Yan, T.; Guo, X. 2005 | Cui, D.; Tian, F.; Ozkan, C.S.; Wang, M.; Gao, H. 2005 | Warheit, D.B. 2006 | Ghosh, M.; Chakraborty, A.; Bandyopadhyay, M.; Mukherjee, A. 2011).


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 8. Illustrazione concettuale di nanotubi di carbonio a parete singola e multipla. Immagine ottenuta dal lavoro di (Tan, JM; Arulselvan, P.; Fakurazi, S.; Ithnin, H.; Hussein, MZ 2014)

Tornando all’analisi della figura 7 ed al suo confronto con il lavoro di (Dasgupta, K.; Joshi, J.B.; Paul, B.; Sen, D.; Banerjee, S. 2013), gli autori spiegano che nel corso della loro ricerca per sviluppare un metodo economico per la produzione di CNT (nanotubi di carbonio) dal carbonio (indicato nell’articolo come “black carbon”) hanno osservato che nella sua sintesi a “letto fluido” (fenomeno di fluidificazione – processo nanoparticellare e misto), il il grafene “si trasformava in strutture simili a polpi di carbonio“.

Secondo i ricercatori, le nanofibre che compongono il polpo in carbonio avrebbero potuto essere utili per creare connessioni o contatti di supercondensatori.
Questi polpi si possono produrre “sia separatamente che insieme a nanotubi cresciuti da un Fe (composto organometallico ferrocenico) e catalizzatore acetilene “.

Va notato che i nanotubi di carbonio a cui si fa riferimento nell’articolo per realizzare questi polipi sono a più pareti (MWCNT), prodotti a temperature comprese tra 700 e 1000ºC.

Nelle prime due tabelle a sinistra della figura 7, si osserva come si sviluppa il polpo dopo 15 minuti, con un diametro ed una lunghezza delle zampe leggermente variabili ed una superficie ruvida.

Le dichiarazioni dei ricercatori, mettono in evidenza il seguente concetto : “le zampe del polpo sono nanofibre di carbonio che non sono strutture ordinate.. per la trasformazione del nerofumo in una struttura simile al polpo, era necessaria la presenza di acetilene insieme al ferrocene.
Se non c’era fornitura di acetilene, non c’era trasformazione”, ed allo stesso modo, in assenza di ferrocene, non c’era nemmeno trasformazione.

Secondo gli autori, i polpi si formano quando c’è una rottura del nanotubo di carbonio, da cui si agglomerano nanoparticelle primarie di acetilene e ferrocene, dove si depositano o precipitano molecole di carbonio, formando così i tentacoli del polpo.

La forma del polpo ”dipende dalle dimensioni del catalizzatore. Quando la dimensione delle particelle di Fe è inferiore a 50 nm, catalizza MWCNT. Quando le nanoparticelle di Fe vengono fuse a una dimensione maggiore all’interno del letto fluidizzato, nucleazioni multiple di un singolo catalizzatore portano a una struttura simile a un polpo“.

Ciò significa che i polpi di grafene sono una parte intrinseca della produzione di nanotubi di carbonio. come dimostrato dai ricercatori, e riflettono le possibilità offerte da questa struttura superconduttiva, da un punto di vista commerciale e tecnico applicato, come si evince dalle loro conclusioni. 

Continuando la rassegna, la figura 9 mostra un altro esempio di polipo di carbonio, questa volta presentato da (Sharon, M.; Sharon, M. 2006).

Anche se l’articolo mira a sviluppare un metodo per produrre nanomateriali di carbonio, prendendo il carbonio da materiale organico vegetale come base, al fine di evitare l’uso di combustibili fossili e favorire la produzione di massa, vale la pena sottolineare le immagini ottenute nella sperimentazione pirolitica del carbonio a 750ºC, dove si ottiene la ramificazione del carbonio, qualificata da (Dasgupta, K. Joshi, J.B.; Paul, B.; Sen, D.; Banerjee, S. 2013) come polpo di carbonio, caratterizzato anche nella tesi di dottorato di (Saavedra, M. S. 2014).

Questo tipo di polpo è stato ottenuto nella “pirolisi della canfora utilizzando rame nichelato“, che ci permette di dedurre che ci sono molti modi e possibili combinazioni per ottenere i polpi di carbonio osservati nei campioni di vaccino.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 9. : Immagini che dimostrano nel 2006 la sperimentazione e lo sviluppo dei polpi carbonio-grafene e la loro relazione con i nanotubi di carbonio. (Sharon, M.; Sharon, M. 2006) . L’immagine ad alta risoluzione può essere vista al seguente link : https://blogger.googleusercontent.com/img/a/AVvXsEgKhxIqrMCKwlV5PL74pj3CraP_O2TbRYL4eZr0MKExmw3aVARF0TazW2COQrIRjMrm2YV5l-GE_mUqWGslG1hWA_j9y_sCQkDmWtWSiqC9peGPbkiCc32X2K7gkV7DcYVBxgpXMbXjOyQ-4P2WL95JWEQ4p5A-tx3QmS6JRFloBTTCbfS3f-36OIvM3g=s2048

Un altro riferimento che affronta la formazione di polpi di carbonio è quello di (Lobo, LS 2016) che conferma il progresso scientifico nella produzione di nanotubi di carbonio e con esso la fabbricazione di nano-polpi, poiché “ora c’è una buona base usando la cinetica, termodinamica, chimica dello stato solido e geometria insieme, consentendo una migliore comprensione dei percorsi alternativi per la crescita del carbonio che portano a varie geometrie e strutture.

Comprendere la crescita del carbonio del polpo fornisce una base eccellente per un’analisi dettagliata del ruolo della nano-geometria nella cinetica“.

Nello specifico si fa riferimento alla catalisi della formazione del polpo al carbonio, in cui la geometria del catalizzatore diventa uno dei pezzi chiave per la sua configurazione, infatti si afferma che “la superficie del nanopiano superiore di una particella catalitica sferoide ha lo stesso orientamento cristallino della base (contatto metallo-substrato).

La dimensione di quella superficie nano superiore è la base del diametro del nanotubo che cresce dal grafene piatto iniziale dopo aver ruotato di 90 gradi a causa della formazione di 6 pentagoni di carbonio.
La crescita del carbonio del polpo è un’eccellente dimostrazione di un processo di crescita e dei ruoli della cinetica e della geometria combinati per ottenere un percorso facile per la nucleazione e la crescita del CNT a basse temperature (sotto i 1000ºC)
”. 

Nanofibre e nanotubi di carbonio-grafene a parete singola e multipla

Un altro oggetto ricorrente nelle immagini tratte dai campioni dei “vaccini” sono i filamenti di lunghezza, spessore, densità e colore variabili, con una certa flessibilità nelle loro forme.

Come si può vedere nelle Figure 1, 4 e 5, questi oggetti sono stati identificati come nanotubi di carbonio, il che significa che sono in realtà tubi di grafene, come indicato nella Figura 8.

I nanotubi di carbonio possono essere a parete singola (nanotubi di carbonio a parete singola SWCNT) o multi-parete (nanotubi di carbonio multi-parete MWCNT).
Le immagini in figura 10 mostrano la differenza ed è in contrasto con la letteratura scientifica.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 10. : Identificazione di nanotubi di grafene a parete singola e multipla nella letteratura scientifica. La sua presenza è verificata nei cosiddetti “vaccini”. Si osserva anche l’inviluppo dei collegamenti o giunzioni tra i nanotubi (indicato nei quadrati verdi). L’immagine ad alta risoluzione può essere vista al seguente link : https://blogger.googleusercontent.com/img/a/AVvXsEh-M0-kWauKPE_glb-N4kqoxoOIrxWSsiIT0IqcUxQPlwlRW13KSlCpJuRIWbJVDxsAmFzJXckxCBKuOz_1ezPY5Jdmpko3JncGSP1YL1k0wieB4XfoXqGQxuktaKAgqiGjOAfDDeqdPlJQ0bruRYDLJgZUqKayV-1X31e3hvOx49dIFVlc_abCRLfVdQ=s2048

Si può notare che i nanotubi di carbonio a parete singola presentano una maggiore trasparenza rispetto ai nanotubi di carbonio a parete multipla, dovuta al fatto che questi ultimi contengono altri nanotubi concentrici, inseriti all’interno, il che spiega una sezione di diametro maggiore ed un colore leggermente più scuro.

Se fosse disponibile una maggiore capacità di ingrandimento, le immagini indicherebbero le diverse linee tubolari, con le quali si potrebbe anche distinguere il numero di nanotubi di cui è composto.

Nel primo fotogramma del campione di vaccino in figura 10 (sfondo rosa), è visibile un nanotubo di carbonio a parete singola.
Nel riquadro successivo del campione, nella stessa figura 10, si può vedere un nanotubo di carbonio a più pareti, anch’esso caratterizzato da un nesso o punto di giunzione (distinto da un riquadro verde)
.

Questo attributo può corrispondere a un involucro di un altro nanotubo di carbonio, secondo il lavoro di (Raimondo, M.; Naddeo, C.; Vertuccio, L.; Bonnaud, L.; Dubois, P.; Binder, W.H.; Guadagno, L. 2020), basato su ciò che è noto come “eterogiunzioni tra metalli e nanotubi di carbonio come nanocontatti finali”, definizione data dal lavoro di (Rodríguez-Manzo, J.A.; Banhart, F.; Terrones, M.; Terrones, H.; Grobert, N.; Ajayan, P.M.; Golberg, D. 2009).

Le etero-giunzioni fungono da collegamento per legare altri nanotubi alla struttura dei nanotubi o per funzionalizzarli con altri elementi, che rimangono legati.
Anche se non è chiaramente visibile nell’immagine del campione, non è un elemento essenziale per l’incollaggio dei nanotubi di carbonio, poiché è sufficiente circondare il nanotubo con un altro più corto, o utilizzare i nanopolpi di carbonio per servire da collegamento.

Un’altra delle immagini identificate è quella mostrata in Figura 11, in quello che sembra essere un nanotubo di carbonio-grafene a più pareti.

Tuttavia, in questo caso appare completamente opaco, aspetto che può essere dovuto a vari fattori di regolazione del microscopio, all’incidenza della luce e persino alla scala della fotografia (che non è nota).
Questo apre la possibilità di ipotizzare che, se non si tratta di un nanotubo di carbonio a più pareti, è in realtà una nanofibra di carbonio, secondo le immagini della letteratura scientifica (Zhang, ZJ; Chen, XY 2020), perché il nanotubo osservato non è vuoto.

Le nanofibre di carbonio sono caratterizzate dall’essere cilindri solidi di carbonio o grafene, il che potrebbe spiegare l’opacità del filamento.
Nello specifico, l’articolo di (Zhang, ZJ; Chen, XY 2020) presenta un metodo per creare fibre di carbonio superconduttive, funzionalizzate con una superficie in polidopamina, adatte ad aumentare le prestazioni dei supercondensatori, in un contesto di applicazione in bioelettronica e biomedicina.

Ciò si ottiene da “cellulosa batterica commerciale come materia prima“, che ne consente la produzione in serie.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 11. : Identificazione di nanofibre di carbonio nel campione di vaccino, secondo la letteratura scientifica (potrebbero comunque trattarsi di nanotubi di carbonio a parete multipla, poiché non si osserva una sufficiente espansione di scala). L’immagine ad alta risoluzione può essere ottenuto al seguente link : https://blogger.googleusercontent.com/img/a/AVvXsEi-vYdfI99fcI3R3g3NZXPcx_mHPpPySYKlMF48M-ka7JNjh5Y-5JkTBTnu25ji4kxrxHjaTlWr6ATjOlitBU8i77H97GeRKy2uMao057OH9yLxSNrzkrtqkZYKNJIksm6lgV6AO9xOxKrymGbasR0Zgx5qB8AJRu60c56qY66UT1otbs0lx3diQPuc-A=s2048

Va inoltre notato che la colorazione blu scuro del filamento coincide con quella dello schema di trasformazione della fibra nell’articolo di (Zhang, ZJ; Chen, XY 2020), vedi riquadro in basso a destra della figura 11.

Inoltre, si può affermare che la nanofibra ha proprietà superconduttive, molto simili ai nanotubi di carbonio, data la sua caratterizzazione

Crescita di nanotubi 

Come si può vedere nell’analisi dei campioni di “vaccino” e nel loro confronto con la letteratura scientifica, si può affermare che con alta probabilità gli oggetti osservati nelle immagini recensite sono nanotubi di carbonio a parete singola, a parete multipla, a parete singola, oppure polpi al carbonio.

Tuttavia, anche il processo di crescita di questi oggetti è rilevante, in particolare i nanotubi di carbonio.
Per comprendere meglio questo processo, si consiglia di rivedere il lavoro di (Lobo, LS 2017) che lo delinea in modo esemplare.

Innanzitutto, il ricercatore chiarisce che esistono tre metodi per avviare la produzione di nanotubi di carbonio (CNT) : I percorsi di formazione dei nanotubi di carbonio (CNT) possono essere avviati piroliticamente o cataliticamente” ed anche attraverso un processo ibrido nella “fase gassosa di pirolisi, che interessa la superficie di un catalizzatore, che dissolve gli atomi di carbonio, nucleante e facendo crescere la grafite in altre parti della superficie di detto catalizzatore “.

La figura 12a mostra il processo di “catalisi pentagonale” necessario per la nucleazione dei nanotubi di carbonio.

Questo produce una base pentagonale da cui inizia la crescita a strati del nanotubo (come mostrato nella figura 12b), ed è chiamata la regola del pentagono, sviluppandosi nelle 12 molecole di carbonio che si vedono nella geometria del nucleo del carburo di nichel (come si riflette nella figura 12c).


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 12 : Schema del processo di crescita e nucleazione dei nanotubi di grafene. (Lobo, LS 2017)

Il ricercatore affronta anche in una sezione indipendente la formazione del polpo carbonioso, indicando che il metodo più adatto per la sua produzione è ibrido (catalitico e pirolitico), spiegando che “quando le condizioni sperimentali sono tali che la nucleazione del grafene avviene solo sulle facce (111), si spiega una tendenza a crescere nanotubi in circa 8 zone con simmetria ottaedrica….Qui scegliamo di mettere in relazione la forma dello sferoide con un riferimento ad un cubo immaginario per aiutare a capire il numero delle sue sfaccettature e la geometria.

Con questa geometria in mente, quando la nucleazione e la crescita avvengono su un particolare insieme di sfaccettature, il comportamento osservato può essere meglio compreso.
C’è una crescita preferenziale su 6, 8 o 12 gambe ?
Questa sarà una chiave per confermare l’orientamento prevalente dei cristalli favorito per la nucleazione”.

Questo fenomeno è osservabile nella seguente figura 13, dove il catalizzatore al carburo di nichel è visibile sotto forma di una particella sferoide, che può essere contenuta o avvolta nel grafene (ad esempio in un fullerene).

Il suo processo di nucleazione e pirolitico, provoca la reazione del catalizzatore sul carbonio e questo favorisce la crescita per deposizione dei bracci del polpo al grafene.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig. 13. Schema della crescita del polpo di carbonio da una particella sferoide di carburo di nichel. (Lobo, LS 2017)

Nel caso dei nanotubi di carbonio (CNT), la nucleazione può determinare la forma di deposizione e crescita del materiale.

L’autore (Lobo, LS 2017) descrive il metodo del “contatto basale piatto” (figura 14a) che si verifica quando  la superficie di contatto tra la nanoparticella di catalizzatore e il substrato è piatta.

Ciò fa sì che la particella nucleante si alzi e la sua crescita continui in strati successivi.

Il metodo di crescita “sulla faccia esterna cristallina” (figura 14b) è considerato il più semplice, poiché la nanoparticella nucleante rimane attaccata alla superficie, il che implica che la deposizione degli strati successivi avvenga per sovrapposizione.

Il metodo del “contatto interno conico incorporato” (figura 14c) viene utilizzato per creare nanofibre di carbonio (fibre di nanocarbonio CNF), la sua crescita avviene quando la nanoparticella nucleante è incorporata sulla base, generando una spirale conica (nanofibra conica CNF), essendo quasi impercettibile al microscopio TEM, tranne che da un vista dall’alto (in alto).


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig. 14. Processo di crescita dei nanotubi di grafene, secondo la loro tipologia, ad esempio in una spirale conica, per deposizione di strati superiore e inferiore. (Lobo, LS 2017)

L’interfaccia neuronale e la neuromodulazione: il ruolo dei nanotubi

Una delle idee più ricorrenti nella letteratura scientifica sui nanotubi di carbonio è la creazione di un’interfaccia neurale che favorisca le finalità di neuromodulazione, di reti di nanocomunicazione wireless interagenti con il corpo umano, biosensori, punti quantici di grafene GQD., e (in via sussidiaria) progettare terapie per la cura delle malattie neurodegenerative e anche per la riparazione dei tessuti cerebrali che possono essere danneggiati (Fabbro, A.; Prato, M.; Ballerini, L. 2013 | Gaillard, C.; Cellot, G .; Li, S .; Toma, FM; Dumortier, H .; Spalluto, G .; Bianco, A. 2009 | Roman, JA; Niedzielko, TL; Haddon, RC; Parpura, V .; Floyd, CL 2011 | Violoncello , G .; Cilia, E .; Cipollone, S .; Rancic, V .; Sucapane, A .; Giordani, S .; Ballerini, L. 2009).

Per raggiungere questi scopi, i nanotubi di grafene sono utilizzati per collegare il tessuto neurale, in particolare le cellule gliali (neuroglia) e i neuroni che occupano il cervello ed il sistema nervoso centrale.

Questo è possibile attraverso l’inoculazione di nanotubi di carbonio nel flusso sanguigno, grazie alla loro capacità di attraversare la barriera emato-encefalica (BBB), condivisa con l’ossido di grafene e i nanostrati di grafene 2D, come risulta dalla letteratura scientifica (Abbott, N. J. 2013 | Shityakov, S.; Salvador, E.; Pastorin, G.; Förster, C. 2015 | Kafa, H.; Wang, J.T.W.; Rubio, N.; Venner, K.; Anderson, G.; Pach, E.; Al-Jamal, K.T. 2015).

Una delle prime esperienze di legame neurale con nanotubi di carbonio-grafene è il lavoro di (Gabay, T .; Jakobs, E .; Ben-Jacob, E .; Hanein, Y. 2005) in cui ha sviluppato un nuovo approccio alla geometria di cluster di reti neurali utilizzando cluster di nanotubi di carbonio.

In questo modello, i neuroni migrano da un substrato a bassa affinità a un substrato ad alta affinità in un modello di nanotubi di carbonio definito litograficamente.

Dopo aver raggiunto i substrati ad alta affinità, i neuroni formeranno reti interconnesse inviando messaggi di neuriti.

La Figura 15 mostra le immagini dell’esperimento in vivo con i neuroni, il loro legame autonomo con i nanotubi di carbonio (indicati con le frecce) e la loro completa interconnessione in una rete macro-neuronale.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 15. : Una delle prime esperienze nell’interconnessione di neuroni con nanotubi di carbonio, indicata con frecce nelle immagini (Gabay, T.; Jakobs, E.; Ben-Jacob, E.; Hanein, Y. 2005)

Secondo il lavoro di (Voge, CM; Stegemann, JP 2011) i nanotubi di carbonio hanno proprietà meccaniche, fisiche ed elettriche che li rendono adatti a ” studiare e controllare le cellule del sistema nervoso”.

Ciò include l’uso di CNT (nanotubi di carbonio)come substrati di colture cellulari, per creare superfici modellate e per studiare le interazioni cellula-matrice … per quanto riguarda le applicazioni neurali, forse la proprietà dei CNT (nanotubi di carbonio) più promettente è l’elevata conduttività elettrica, che offre il potenziale per interagire direttamente con neuroni per rilevare e trasmettere segnali.
Pertanto, i CNT possono agire come substrati passivi e attivi da utilizzare nell’ingegneria neurale
“.

Questo ci permette di dedurre che l’obiettivo finale di una parte importante della ricerca sui nanotubi di carbonio e sui loro derivati ​​è la neurostimolazione/neuromodulazione, come spiegato nel lavoro di (Ménard-Moyon, C. 2018).

La Figura 16 mostra, ancora una volta, come i nanotubi di carbonio collegano le estremità delle cellule neuronali con altri neuroni e tessuti nel cervello, consentendo di condurre elettricità e segnali in una rete neurale più interconnessa.

Questa configurazione è chiamata “interfaccia neurale” ed è possibile grazie alle proprietà dei nanotubi di carbonio di superare la barriera emato-encefalica e depositarsi in organi con attività elettrica, compreso il cervello e il sistema nervoso centrale.

Sembra ovvio che un modo per fermare, connettere ed attaccare i nanotubi di carbonio alle estremità dei neuroni e della glia sono i suddetti polipi di carbonio.

I tentacoli dei polpi al carbonio hanno flessibilità, lunghezza e capacità superconduttive, ideali per stabilire il legame con le cellule neuronali, migliorandone così l’integrazione.

Questa opinione è condivisa da altri autori come (Won, SM; Song, E .; Reeder, JT; Rogers, JA 2020), dove l’approccio di neurostimolazione elettromagnetica a microonde viene eseguito utilizzando fibre di grafene poroso ed altre forme di carbonio su scala nanometrica, come i nanotubi di carbonio, grazie alla loro stabilità chimica, resistenza meccanica e superficie conduttiva.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig.16 : Schema dell’interfaccia neurale con i nanotubi di carbonio. (Ménard-Moyon, C. 2018)

Si segnala inoltre che i nanotubi di carbonio possono contribuire allo sviluppo e alla crescita del tessuto neuronale (Oprych, KM; Whitby, RL; Mikhalovsky, SV; Tomlins, P.; Adu, J. 2016), poiché “fungono da impalcature per l’ingegneria tissutale neurologica”.

La corsa alla comprensione dei circuiti neurali e del loro sistema di segnalazione elettrochimica è stata una costante da quando sono stati prodotti i nanotubi di carbonio, come si evince dall’articolo di (Mazzatenta, A .; Giugliano, M .; Campidelli, S. ; Gambazzi, L .; Businaro , L .; Markram, H .; Ballerini, L. 2007) in cui si sperimenta l’introduzione di nanotubi di carbonio a parete singola (SWCNT) per la stimolazione delle cellule cerebrali, proponendo un modello di accoppiamento neuronale che fosse in grado di stimolare la vie sinaptiche singole e multiple della rete.

Gli autori hanno affermato che “i circuiti cerebrali coltivati ​​forniscono un semplice modello in vitro di una rete neurale.
I neuroni dell’ippocampo sono cresciuti e hanno sviluppato circuiti funzionali sulle superfici SWCNT, indicando, come descritto sopra, la biocompatibilità complessiva di SWCNT purificato (Hu, H .; Ni, Y .; Mandal, SK; Montana, V .; Zhao, B .; Haddon, RC; Parpura, V. 2005).

Rispetto alle superfici di controllo abiotiche, SWNT ha potenziato l’attività della rete neurale in condizioni di crescita cronica (Lovat, V .; Pantarotto, D .; Lagostena, L .; Cacciari, B .; Grandolfo, M .; Righi, M .; Ballerini, L. 2005).
Questo effetto è stato precedentemente descritto e non è attribuibile a differenze nella sopravvivenza neuronale, nella morfologia o nelle proprietà passive della membrana, ma rappresenta forse una conseguenza delle proprietà del substrato SWNT”.

In effetti, nella Figura 17 è possibile vedere le prove della crescita dai nanotubi di carbonio.


Nanopolpi e nanotubi di carbonio/grafene
Fig 17. : Notare l’interconnessione e la crescita dei neuroni nei riquadri a sinistra, rispetto ai riquadri a destra, dove vengono applicati i nanotubi di carbonio (CNT). Immagine tratta dallo studio di (Lovat, V.; Pantarotto, D.; Lagostena, L.; Cacciari, B.; Grandolfo, M.; Righi, M.; Ballerini, L. 2005)

Si può infatti ritenere che i nanotubi di carbonio funzionalizzati con polimeri possono favorire la crescita dei dendriti nelle cellule neuronali e quindi aumentare la loro capacità sinaptica (Hu, H .; Ni, Y .; Mandal, SK; Montana, V .; Zhao, B .; Haddon, RC; Parpura, V. 2005).

A conferma di quanto fin qui esposto, vale la pena evidenziare il lavoro di rassegna di (Rauti, R.; Musto, M.; Bosi, S.; Prato, M.; Ballerini, L. 2019) in cui alcuni dei più importanti progressi nei nanotubi di carbonio “per le loro caratteristiche peculiari, sembrano adatti all’interazione con tessuti elettricamente attivi, come i tessuti neuronali e cardiaci… Inoltre, i CNT sono attraenti come elettrodi neuronali sia in-vitro che in-vivo grazie all’alto rapporto di superficie elettrochimica inerente alla geometria dei nanotubi, che si traduce in un’alta capacità di carica elettrica.

Nel contesto della stimolazione neurale, sono state trovate capacità di iniezione di carica di 1-1,6 µC/cm-2 con elettrodi di nanotubi allineati verticalmente, ipotizzando lo sviluppo di interfacce neurali di nanotubi e nanofibre.

Queste proprietà hanno permesso l’ingegnerizzazione di elettrodi a base di CNT (nanotubi di carbonio) utilizzati nell’interconnessione dell’attività neuronale in-vitro e in-vivo, che si riassumono nelle seguenti pietre miliari : a) stimolazione dei potenziali d’azione/eccitabilità del Ca2+ in un piccolo gruppo di neuroni in coltura attraverso molteplici array di elettrodi, b) stimolazione e registrazione di neuroni in colture di sezioni organotipiche dell’ippocampo ed anche in tutta la retina nei topi, c) stimolazione e registrazione delle cortecce cerebrali in ratti e scimmie, d) registrazione dell’elettroencefalogramma umano (EEG)“.

Questa recensione include abbondanti prove documentali della sperimentazione di nanotubi di carbonio nel tessuto cerebrale, con particolare attenzione alla loro implementazione nel cervello umano.

I più rilevanti sono analizzati in seguito :

1.Il lavoro di (Lee, W.; Parpura, V. 2010) dimostra come i nanotubi “possono essere utilizzati come interfacce/elettrodi neurali grazie alle loro proprietà superconduttive con il cervello, in particolare con i neuroni… offrono vantaggi rispetto agli elettrodi metallici. standard in termini di monitoraggio e stimolazione dell’attività neuronale…Una delle sfide per l’interconnessione del cervello e della macchina è la biocompatibilità dei materiali utilizzati per la costruzione degli elettrodi.

Mentre i CNT sembrano essere biocompatibili, i limiti di esposizione non sono stati stabiliti finora.
Prima che elettrodi/dispositivi basati su CNT possano essere usati sugli esseri umani, è necessario stabilire norme/regole internazionali appropriate per l’uso dei CNT
“.

2.La stimolazione neuronale con un array di microelettrodi di nanotubi di carbonio proposta da (Wang, K.; Fishman, HA; Dai, H.; Harris, JS 2006) presenta un’interfaccia neurale sperimentale finalizzata allo sviluppo di protesi neurali, dove si studia “l’interfacciamento neurale” basato su nanotubi di carbonio a parete multipla (MWCNT), allineati verticalmente come microelettrodi, confermando che possono essere utilizzati per questo scopo.

Il loro lavoro è rilevante per essere la prima dimostrazione di “stimolazione elettrica dei neuroni primari” corrispondente all’ippocampo, a cui aggiungono che “i neuroni possono crescere e differenziarsi sul dispositivo a nanotubi (che funge da elettrodi) e possono essere ripetutamente eccitati anche con protocolli di stimolazione di carica sbilanciata.

Mostriamo anche che i microelettrodi CNT hanno proprietà elettrochimiche superiori, che possono essere ulteriormente migliorate modificando la superficie.
Gli elettrodi CNT funzionano prevalentemente con corrente capacitiva (ideale per la stimolazione neurale), offrendo un’elevata capacità di iniezione di carica. Pertanto, si possono utilizzare elettrodi di piccole dimensioni senza rischi elettrochimici
”.

3.La stimolazione delle cellule neuronali attraverso correnti elettriche laterali è stata studiata da (Gheith, MK; Pappas, TC; Liopo, AV; Sinani, VA; Shim, BS; Motamedi, M.; Kotov, NA 2006).
È stato sperimentato uno strato/film di nanotubi di carbonio a parete singola (SWCNT) con l’incorporazione di una coltura cellulare neuronale. Successivamente, è stata applicata una corrente elettrica che scorreva attraverso le estremità del film di nanotubi di carbonio.

Questo “non ha alterato le caratteristiche elettrofisiologiche chiave delle cellule NG108-15, confermando precedenti osservazioni con un diverso materiale di nanotubi… La corrente passa attraverso il rivestimento cellulare, che è identico ai tradizionali mezzi di eccitazione neuronale e può essere associato all’apertura di canali cationici voltaggio-dipendenti.

Fondamentalmente, questa è una prova importante dell’accoppiamento elettrico tra film di coltura neuronale basati su nanotubi di carbonio a parete singola (SWCNT) e cellule neuronali simili a NG108-15 nella configurazione elettrica laterale“.

4.La ricerca di (Vitale, F.; Summerson, SR; Aazhang, B.; Kemere, C.; Pasquali, M. 2015) è rilevante per l’applicazione di nanotubi di carbonio in vivo nel cervello dei ratti, per sperimentare le capacità di neuromodulazione .

Tra le loro conclusioni, si cita testualmente : “Presentiamo la fabbricazione, la caratterizzazione e la prima valutazione in vivo delle prestazioni e della biocompatibilità dei microelettrodi in fibra CNT (nanotubi di carbonio) per la stimolazione e la registrazione neuronale.

Abbiamo scoperto che le fibre CNT sono il materiale candidato ideale per lo sviluppo di microelettrodi piccoli, sicuri, ad alta densità di carica, bassa impedenza e flessibili in grado di stabilire interfacce stabili per manipolare l’attività degli assemblaggi neuronali, senza la necessità di alcuna modifica aggiuntiva in superficie.

Pertanto, in un unico dispositivo, questi elettrodi combinano perfettamente le proprietà degli elettrodi tradizionali di forme e materiali molto diversi ottimizzati per la stimolazione o la registrazione, beneficiando anche del vantaggio della morbidezza dei materiali CNT“.

Reti di nanocomunicazione wireless in nanotubi di carbonio

Sebbene i nanotubi di carbonio, in linea di principio, possano contribuire a migliorare la sinapsi e la crescita delle cellule neuronali, nonché a tessere meglio la loro rete di interconnessione, presentano rischi molto importanti che non sono stati sufficientemente considerati dalla comunità scientifica, oltre a quelli tossicologici (di cui parleremo nel prossimo paragrafo).

Poiché la neuromodulazione e la neurostimolazione è possibile attraverso i nanotubi di carbonio (che in realtà è grafene di forma tubolare), poiché agiscono come elettrodi attivando specifiche regioni del cervello, rappresentano anche un’interfaccia neurale de facto in grado di collegarsi con le reti di nanocomunicazione wireless inoculate nel corpo umano, in cui punti quantici di grafene GQD , le nano-antenne al grafeneed altri oggetti identificati fanno parte dell’hardware di questa rete.

Una rete per la quale esistono software di simulazione, protocolli di routing e MAC, ed una complessa ed ampia bibliografia specializzata che ne documenta l’implementazione nel corpo umano.

Con questi precedenti, non è sorprendente trovare articoli di ricerca che affrontano la comunicazione molecolare integrata con nanotubi di carbonio con la capacità di interagire in nanonreti di sensori neuronali, consegnati in modalità wireless, come riflesso in (Abd-El-atty, SM; Lizos, KA; Gharsseldien, ZM; Tolba, A.; Makhadmeh, ZA 2018).

Ciò è confermato nella loro introduzione affermando che “la comunicazione molecolare (MC) è considerata un approccio promettente per la trasmissione di informazioni nella nanorete intracorporea.

In questo contesto, l’uso di nanomacchine nelle nano-reti facilita le operazioni di elaborazione, attuazione, logica e rilevamento.
Inoltre, le nanomacchine hanno la capacità di scambiare informazioni quando sono interconnesse attraverso la nano-rete.

Un semplice nanoregrid intracorporeo può essere ottenuto collegando un gruppo di nanomacchine artificiali/sintetiche o biologiche per eseguire compiti e funzioni complesse nel corpo umano, come la diagnosi e il trattamento biomedico, o la trasduzione del segnale neurale e il controllo neurale… nanotubi di carbonio (CNTs) facilitano l’interazione molecolare tra le cellule viventi, compresi i neuroni“.

Tutto quanto sopra è possibile perché i neuroni emettono picchi di tensione (elettrici) che sono i potenziali d’azione che rilasciano le molecole di neurotrasmettitore che si propagano attraverso l’assone.

Pertanto, stimolando i neuroni, si ottiene un effetto sulla segregazione dei neurotrasmettitori e quindo sulla neuromodulazione.

Questo ha conseguenze sulla plasticità, le sinapsi e la correlazione neuronale nel cervello.

Permette anche la misurazione di neurotrasmettitori, dopamina, risposte elettrofisiologiche, attività sinaptiche, elaborazione delle informazioni nella rete neurale (del sistema nervoso).
Inoltre, i ricercatori notano l’esistenza di “protocolli di programmazione della trasmissione ed un’interfaccia tra la bio-nanomacchina ed i neuroni per facilitare l’inizio della segnalazione e ridurre la possibilità di interferenze nei segnali elettrici che generano“.

Cioè un metodo per differenziare chiaramente i segnali emessi e propagarli alla nano-rete comunicante (Suzuki, J .; Budiman, H .; Carr, TA; DeBlois, JH 2013 | Balasubramaniam, S .; Boyle, NT; Della-Chiesa, A .; Walsh, F .; Mardinoglu, A .; Botvich , D.; Prina-Mello, A. 2011)

Sebbene sia stato dimostrato che i nanotubi di carbonio (CNT) sono in grado di essere collegati al nanoregrid di comunicazione wireless, secondo i chiarimenti di (Akyildiz, IF; Jornet, JM 2010), la loro applicazione neurale implica protocolli di comunicazione neuronale, che sono diversi da comunicazione elettromagnetica.

È anche vero che “non è necessario inserire nanotubi di carbonio nei neuroni perché le nanomacchine attivino la segnalazione”.

Le nanomacchine possono utilizzare una neurointerfaccia basata su agenti chimici” secondo (Suzuki, J.; Budiman, H.; Carr, TA; DeBlois, JH 2013), tuttavia, questo rappresenta difficoltà operative e di tossicità, che si traducono in maggiori disagi.

Per superare questo problema, la comunità scientifica ha proposto la “nanocomunicazione ibrida” che consente l’interazione elettromagnetica e molecolare, unendo il controllo di entrambe le nano-reti, come si evince dal lavoro di revisione di (Yang, K.; Bi, D.; Deng, Y.; Zhang, R.; Rahman, MMU ; Ali, NA; Alomainy, A. 2020), di cui si riassumono i punti più importanti :

Prima di tutto, esiste già un protocollo quadro per le comunicazioni intra-extra-corporee in nanorete, sotto il nome IEEE P1906.1, che rappresenta una parte importante dell’implementazione delle applicazioni nanotecnologiche nel corpo umano.

Tuttavia, la comunicazione di dati e parametri tra nano-reti elettromagnetiche e molecolari è stata una sfida fondamentale per le applicazioni biomediche, come indicato nel seguente paragrafo : “Tuttavia, l’obiettivo dello standard IEEE P1906.1 è evidenziare i componenti minimi richiesti e le funzioni corrispondenti richieste per implementare una nano-rete.

Ciò richiede un paradigma di comunicazione ibrido che venga adottato all’interno del corpo umano ed all’esterno delle persone, che serva da interfaccia per trasmettere parametri .

Gli autori sono consapevoli delle limitazioni della comunicazione elettromagnetica per il monitoraggio del sistema nervoso centrale e soprattutto del tessuto neuronale, per cui è necessario collegare la comunicazione molecolare ed elettromagnetica con un approccio ibrido, se si desidera la trasmissione wireless di parametri, richieste, risposte e operazioni nell’architettura della nano-rete.

In altre parole, il monitoraggio del cervello e delle sue regioni dipende dalla presenza di nano-reti basate sulla comunicazione elettromagnetica, dato che hanno le nanoantenne con cui propagare i segnali, i comandi, le richieste ed i dati che si ottengono attraverso i nanosensori ed i nanodispositivi abilitati in tutto il corpo, compresi i nanotubi di carbonio che si trovano nel tessuto neurale.

Tuttavia, ottenere la registrazione delle informazioni rilevate attraverso i nanotubi richiede un metodo di comunicazione molecolare, che richiede lo sviluppo di modelli di comunicazione ibridi.

Questa percezione è raccolta nel paragrafo seguente : “Apparentemente, tutti gli schemi di cui sopra possono consentire la connessione tra tra la rete intra-corporea e la rete extra-corporea utilizzando paradigmi elettromagnetici o paradigmi molecolari, ma ci sono alcuni fattori che li rendono meno pratici.

In primo luogo, i nanonodi (come i punti quantici di grafene GQD, tra gli altri) e i nanodispositivi non sono biologici e possono intervenire in altre attività fisiologiche, poiché i nanonodi devono essere iniettati nei vasi sanguigni o entrare nel corpo umano bevendo una soluzione che li contenga.

Inoltre, il pubblico potrebbe non accettare l’iniezione o l’inserimento di molti nanonodi nel corpo umano, e alcuni paesi hanno emanato leggi nazionali per regolare rigorosamente la produzione e la commercializzazione di tali dispositivi

Da questa spiegazione, la premeditazione della “vaccinazione” di massa e l’inoculazione di tutta la popolazione con la nanotecnologia o l’hardware di nanonetwork è implicita e data per scontata, per la quale i ricercatori avvertono di alcuni inconvenienti.

Viene inoltre sottolineato un dettaglio rilevante.
Sottolineano anche che i nanonodi della rete possono essere introdotti nel corpo umano, non solo per iniezione nei vasi sanguigni, ma anche attraverso soluzioni acquose che possono essere bevute.

Questo è particolarmente grave, poiché apre una nuova gamma di possibilità di contaminazione e intossicazione delle persone, che aiuterebbe a spiegare il fenomeno del cosiddetto virus COVID-19, con un altro approccio complementare a quelli già noti.

I ricercatori (Yang, K .; Bi, D .; Deng, Y .; Zhang, R .; Rahman, MMU; Ali, NA; Alomainy, A. 2020) attribuiscono particolare rilevanza al ruolo dei nanotubi di carbonio nell’interpretazione dei segnali neuronali, sotto forma di neurotrasmettitori secreti per la registrazione e l’interpretazione con protocolli di comunicazione molecolare

Infatti spiegano spiega che “un processo fisiologico che avviene naturalmente è la trasmissione di neurotrasmettitori tra la parte presinaptica ed il terminale postsinaptico.

In risposta all’eccitazione di una fibra nervosa, il potenziale d’azione generato si sposta lungo la parte presinaptica ed innesca il rilascio di neurotrasmettitori (particelle di segnalazione) contenuti nelle vescicole.

Le molecole di informazione rilasciate si diffondono nell’ambiente e possono legarsi al canale ionico situato nella membrana del terminale postsinaptico.
Il canale ionico legato diventa quindi permeabile ad alcuni ioni, il cui afflusso alla fine porta a una depolarizzazione della membrana cellulare che successivamente si diffonde come nuovo potenziale d’azione in tutta la cellula.

Indubbiamente, la consegna del neurotrasmettitore stabilisce un collegamento di comunicazione molecolare (MC) ed è molto più biologico, biocompatibile e meno invasivo dei sistemi basati su nanonodi (che utilizzano il paradigma elettromagnetico), poiché i paradigmi molecolari spontaneamente esistenti eliminano il rischio di iniezione o ingestione di nanodispositivi“.

Nonostante i vantaggi del modello di comunicazione molecolare, gli autori ignorano il fatto che non è possibile interagire, modulare o stimolare regioni del cervello senza la presenza di nanonodi a base di nanotubi di carbonio, che, come è già stato dimostrato, agiscono come sensori, giunzioni ed elettrodi per neuroni, glia e dendriti.

È un fatto che il contenuto osservato nei “vaccini” viene inoculato e presenta chiaramente questo obiettivo, il che porta di nuovo alla necessità di un approccio ibrido di comunicazione bidirezionale.

Inoltre, il trasferimento controllato di informazioni attraverso un sistema nervoso in vivo (Abbasi, N.A.; Lafci, D.; Akan, O.B. 2018) “dimostra ulteriormente la fattibilità che alcuni processi fisiologici possono essere interpretati come sistemi di comunicazione molecolare (MC).

In questo tipo di modelli di comunicazione, l’informazione è generalmente modulata dalla concentrazione di molecole, mentre l’informazione è generalmente trasmessa fuori dal corpo umano tramite onde elettromagnetiche, richiedendo così un convertitore o un’interfaccia concentrazione chimica/onda elettromagnetica.

Fortunatamente, alcuni nanonodi con nanosensori chimici integrati in CNTs o GNRs possono assumere questa responsabilità“, confermata dai seguenti studi e articoli scientifici :

1.(Roman, C.; Ciontu, F.; Courtois, B. 2004) con il titolo “Rilevazione di una singola molecola e ponderazione macromolecolare da parte di un sensore nanoelettromeccanico di nanotubi di carbonio“.
Da notare in questo caso il coinvolgimento necessario-fondamentale dei nanotubi di carbonio.

Come indicato dai suoi autori, “proponiamo e simuliamo un sensore di nanotubi di carbonio ad alta sensibilità, in grado di trasdurre il legame proteina-ligando, o più in generale, il riconoscimento macromolecolare in una variazione di frequenza di una corrente elettrica“.

Questo è il tassello fondamentale su cui è costruito il modello ibrido di comunicazione molecolare-elettromagnetica, dimostrando che è possibile la sua interazione, trasduzione o, se si preferisce, traduzione di segnali molecolari in frequenze e impulsi di corrente elettrica.

2.(Georgakilas, V .; Otyepka, M .; Bourlinos, AB; Chandra, V .; Kim, N .; Kemp, KC; Kim, KS 2012), con il lavoro dal titolo “Funzionalizzazione del grafene : approcci, derivati ​​e applicazioni covalenti e non covalente“, in cui si dimostra che le nanopiastre di grafene hanno la capacità di agire come biosensori, compreso il drogaggio con altri materiali (polimeri, metalli…).

Pertanto, i biosensori di grafene fungono da input di dati che sono potenzialmente trasmessi attraverso il nanogrid.

3.(Lazar, P .; Karllicky, F .; Jurecka, P .; Kocman, M .; Otyepková, E .; Šafářová, K .; Otyepka, M. 2013), la cui ricerca dal titolo “Adsorbimento di piccole molecole organiche nel grafene” spiega chiaramente lo scopo dell’utilizzo di questo nanomateriale per interpretare la comunicazione molecolare.

Nello specifico, si affronta “la quantificazione combinata sperimentale e teorica delle entalpie di adsorbimento di sette molecole organiche (acetone, acetonitrile, diclorometano, etanolo, acetato di etile, esano e toluene) in grafene“, che dimostra al di là di ogni dubbio la capacità del grafene di essere utilizzato ai fini della comunicazione molecolare e quindi della comunicazione elettromagnetica, poiché è il materiale con cui si formano i nanodi del nanoregrid intracorporeo.

A tutto quanto sopra va aggiunto che (Yang, K.; Bi, D .; Deng, Y .; Zhang, R .; Rahman, MMU; Ali, NA; Alomany, A. 2020) propongono anche un modello di comunicazione ibrida che combina il paradigma molecolare e il paradigma elettromagnetico per i sistemi nanoregrid mostrati in figura 18, che chiarisce l’obiettivo finale delle operazioni di “vaccinazione”, ovvero l’inoculazione dell’hardware di nanodi, nanorouter, nanosensori e nanotubi di grafene, da in grado di monitorare tutta l’attività biologica, vitale e neuronale delle persone, di ogni individuo.

Gli autori di questa proposta spiegano che “la comunicazione molecolare viene utilizzata nel corpo umano perché mostra superiorità rispetto ad altri schemi di comunicazione in termini di biocompatibilità e non invasività… Le nano-reti molecolari sono costituite da più trasmettitori e ricevitori MC o da un trasmettitore MC, ricevitore MC e ricetrasmettitori multipli che svolgono la funzione di relè.

Un trasmettitore biologico prima raccoglie i parametri sanitari e poi modula e trasmette le informazioni raccolte tra le nanoreti molecolari.
Per inviare correttamente le informazioni all’esterno del corpo umano, nel corpo umano viene impiantato un nanodispositivo a base di grafene.

Questo dispositivo è composto principalmente da un nanosensore chimico, un ricetrasmettitore e la batteria.
Il nanosensore chimico integrato è in grado di rilevare le informazioni sulla concentrazione provenienti dalle nanogriglie molecolari e di convertirle in un segnale elettrico.

Il segnale elettromagnetico THz viene anche trasmesso a un’interfaccia nano-micro.
Questa interfaccia può essere un dispositivo di visualizzazione cutanea o un gateway per la connessione a Internet.

L’interfaccia nano-micro è generalmente dotata di due tipi di antenne : antenna THz e antenna micro/macro.

L’architettura di comunicazione ibrida proposta non solo fa ogni sforzo per evitare l’uso di nanodi non biologici all’interno del corpo, ma rende anche i parametri salutari del corpo facilmente rilevabili all’esterno.
Questa interfaccia può essere un dispositivo di visualizzazione cutanea o un gateway per la connessione a Internet.

L’architettura di comunicazione ibrida proposta non solo fa ogni sforzo per evitare l’uso di nanodi non biologici all’interno del corpo, ma rende anche i parametri salutari del corpo facilmente rilevabili all’esterno”.

Mentre l’obiettivo dei ricercatori è quello di ridurre l’effetto invasivo delle nano-reti, la pratica sfortunata della “vaccinazione” dimostra che hanno torto.

È stato dimostrato che non solo ci sono nanonodi di grafene sotto forma di punti quantici GQD nei campioni di vaccini e nel sangue delle persone vaccinate, ma anche fibre, nanotubi di carbonio a parete singola e multipla, nano fogli di grafene, nastri di grafene, nanoantenne frattali di grafene, nuvole di idrogel di grafene, polipi di carbonio e altri elementi che devono ancora essere identificati.

Pertanto, non c’è dubbio che la comunicazione ibrida elettromagnetica e molecolare è fondamentale in questo modello, come si può vedere dalla letteratura (Burkovski, A.; Schober, R. 2015 | Wang, X.; Higgins, medico; Leeson, MS 2015 | Nacano, T.; Moore, MJ; Wei, F.; Vasilakos, AV; Shuai, J. 2012 | Abbasi, QH; El-Sallabi, H.; Chopra, N.; Yang, K.; Qaraqe, KA; Alomainy, A. 2016 | Zhang, R.; Yang, K.; Abbasi, QH; Qaraqe, KA; Alomania, A. 2017). 

Bibliografia

1.Abbasi, NA; Lafci, D.; Akan, OB (2018). Trasferimento controllato di informazioni attraverso un sistema nervoso in vivo = Controlled information transfer through an in vivo nervous system. Scientific reports, 8 (1), pp. 1-12. https://doi.org/10.1038/s41598-018-20725-2

2.Abbasi, QH; El-Sallabi, H.; Chopra, N.; Yang, K.; Qaraqe, KA; Alomania, A. (2016). Caratterizzazione del canale Terahertz all’interno della pelle umana per reti body-centric su nanoscala. = Terahertz channel characterization inside the human skin for nano-scale body-centric networks. IEEE Transactions on Terahertz Science and Technologyy, 6 (3), pp. 427-434. https://doi.org/10.1109/TTHZ.2016.2542213

3.Abd-El-atty, SM; Lizos, KA; Gharsseldien, ZM; Tolba, A.; Makhadmeh, ZA (2018). Ingegneria delle comunicazioni molecolari integrate con nanotubi di carbonio in nanoreti di sensori neurali. = Engineering molecular communications integrated with carbon nanotubes in neural sensor nanonetworks. IET Nanobiotechnology, 12 (2), pp. 201-210. https://ietresearch.onlinelibrary.wiley.com/doi/pdfdirect/10.1049/iet-nbt.2016.0150

4.Abbott, New Jersey (2013). Struttura e funzione della barriera emato-encefalica e sfide per la somministrazione di farmaci nel SNC = Blood–brain barrier structure and function and the challenges for CNS drug delivery. Journal of inherited metabolic disease, 36 (3), pp. 437-449. https://doi.org/10.1007/s10545-013-9608-0

5.Ahmadzadeh, A.; Noel, A.; Schober, R. (2015). Analisi e progettazione di reti di comunicazione molecolare basate sulla diffusione multi-hop. = Analysis and design of multi-hop diffusion-based molecular communication networks. IEEE Transactions on Molecular, Biological and Multi-Scale Communications, 1 (2), pp. 144-157. https://doi.org/10.1109/TMBMC.2015.2501741

6.Ahmadzadeh, A.; Noel, A.; Burkovski, A.; Schober, R. (2015). Amplificazione e inoltro in reti di comunicazione molecolare basate sulla diffusione a due salti. = Amplify-and-forward relaying in two-hop diffusion-based molecular communication networks. En: 2015 IEEE Global Communications Conference (GLOBECOM)) (pp. 1-7). IEEE.   https://doi.org/10.1109/GLOCOM.2015.7417069

7.Akyildiz, SE; Jornet, JM (2010). Reti di nanosensori wireless elettromagnetici = Electromagnetic wireless nanosensor networks. Nano Communication Networks, 1(1), pp. 3-19. https://doi.org/10.1016/j.nancom.2010.04.001

8.Balasubramaniam, S.; Boyle, NT; Della Chiesa, A.; Walsh, F.; Mardinoglu, A.; Botvich, D.; Prina-Mello, A. (2011). Sviluppo di reti neuronali artificiali per la comunicazione molecolare.  = Development of artificial neuronal networks for molecular communication. Nano Communication Networks, 2 (2-3), pp. 150-160. https://doi.org/10.1016/j.nancom.2011.05.004

9.Bottini, M.; Bruckner, S.; Nika, K.; Bottini, N.; Bellucci, S.; Magrini, A.; Mustelin, T. (2006). I nanotubi di carbonio a parete multipla inducono l’apoptosi dei linfociti T. I nanotubi di carbonio a parete multipla inducono l’apoptosi dei linfociti T. = Multi-walled carbon nanotubes induce T lymphocyte apoptosis. Toxicology letters, 160 (2), pp. 121-126. https://doi.org/10.1016/j.toxlet.2005.06.020

10.Marrone, DM; Kinloch, IA; Bangert, U.; Windle, AH; Walter, DM; Walker, GS; Stone, VICKI (2007). Uno studio in vitro del potenziale dei nanotubi di carbonio e delle nanofibre per indurre mediatori dell’infiammazione e fagocitosi frustrata.= An in vitro study of the potential of carbon nanotubes and nanofibres to induce inflammatory mediators and frustrated phagocytosis. Carbon, 45 (9), pp. 1743-1756. https://doi.org/10.1016/j.carbon.2007.05.011

11.Burblies, N.; Schulze, J.; Schwarz, H C .; Kranz, K.; Motz, D.; Vogt, C.; Behrens, P. (2016). Rivestimenti di diversi nanotubi di carbonio su elettrodi di platino per dispositivi neuronali: preparazione, citocompatibilità e interazione con cellule gangliari spirali. = Coatings of different carbon nanotubes on platinum electrodes for neuronal devices: Preparation, cytocompatibility and interaction with spiral ganglion cells. PloS one, 11 (7), e0158571. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0158571.g002

12.Cellot, G.; Ciglia, E.; Cipollone, S.; Rancico, V.; Sucapane, A.; Giordani, S.; Ballerini, L. (2009). I nanotubi di carbonio potrebbero migliorare le prestazioni neuronali favorendo le scorciatoie elettriche. = Carbon nanotubes might improve neuronal performance by favouring electrical shortcuts. Nature nanotechnology, 4 (2), pp. 126-133. https://doi.org/10.1038/nnano.2008.374

13.Cui, D.; Tian, ​​F.; Ozkan, CS; Wang, M.; Gao, H. (2005). Effetto dei nanotubi di carbonio a parete singola sulle cellule umane HEK293. = Effect of single wall carbon nanotubes on human HEK293 cells. Toxicology letters, 155 (1), pp. 73-85.   https://doi.org/10.1016/j.toxlet.2004.08.015

14.Dasgupta, K.; Joshi, JB; Paolo, B.; Sen, D..; Banerjee, S. (2013). Crescita di strutture simili a polpi di carbonio dal nerofumo in un letto fluidizzato. = Growth of carbon octopus-like structures from carbon black in a fluidized bed. Materials Express, 3 (1), pp. 51-60. https://doi.org/10.1166/mex.2013.1093https://www.ingentaconnect.com/contentone/asp/me/2013/00000003/00000001/art00007

15.Davoren, M.; Herzog, E.; Casey, A.; Cottineau, B.; Chambers, G.; Byrne, HJ; Lyng, FM (2007). Valutazione della tossicità in vitro di nanotubi di carbonio a parete singola su cellule polmonari umane A549.  = In vitro toxicity evaluation of single walled carbon nanotubes on human A549 lung cells. Toxicology in vitro, 21 (3), pp. 438-448. https://doi.org/10.1016/j.tiv.2006.10.007

16.Delgado, R.; Sevillano, JL (2021). Programa 147: Contenido de otro de los viales al microscopio. La Quinta Columna. [publicado en 2021/10/02]    https://odysee.com/@laquintacolumna:8/DIRECTONOCTURNODELAQUINTACOLUMNA-PROGRAMA147-:6

17.Fabbro, A.; Prato, M.; Ballerini, L. (2013). Nanotubi di carbonio in neurorigenerazione e riparazione =  Carbon nanotubes in neuroregeneration and repair. Advanced drug delivery reviews, 65 (15), pp. 2034-2044.   https://doi.org/10.1016/j.addr.2013.07.002

18.Gabay, T.; Jakobs, E.; Ben-Jacob, E.; Hanein, Y. (2005). Auto-organizzazione ingegnerizzata di reti neurali utilizzando cluster di nanotubi di carbonio. Engineered self-organization of neural networks using carbon nanotube clusters. Physica A: Statistical Mechanics and its Applications, 350 (2-4), pp. 611-621. https://doi.org/10.1016/j.physa.2004.11.007

19.Gaillard, C.; Cellot, G.; Li, S.; Tomai, FM; Dumortier, H.; Spalluto, G.; Bianco, A. (2009). I nanotubi di carbonio che trasportano peptidi di adesione cellulare non interferiscono con la funzionalità neuronale. = Carbon nanotubes carrying cell‐adhesion peptides do not interfere with neuronal functionality. Advanced Materials, 21 (28), pp. 2903-2908.   https://doi.org/10.1002/adma.200900050

20.Gao, S.; Yu, Z.; Xu, K.; Peng, J.; Xing, Y.; Ren, Y.; Chen, M. (2016). Polimero anfifilico a stella con nucleo di silsesquioxano come disperdente efficiente per nanotubi di carbonio a parete multipla = Silsesquioxane-cored star amphiphilic polymer as an efficient dispersant for multi-walled carbon nanotubes. RSC advances, 6 (36), pp. 30401-30404. https://doi.org/10.1039/C6RA00130K

21.Georgakilas, V.; Otyepka, M.; Bourlinos, AB; Chandra, V.; Kim, N.; Kemp, KC; Kim, KS (2012). Funzionalizzazione del grafene: approcci covalenti e non covalenti, derivati ​​e applicazioni. = Functionalization of graphene: covalent and non-covalent approaches, derivatives and applications. Chemical reviews, 112 (11), pp. 6156-6214. https://doi.org/10.1021/cr3000412

22.Gheith, MK; Pappas, TC; Liopo, AV; Sinani, VA; Shim, BS; Motamedi, M.; Kotov, NA (2006). Stimolazione delle cellule neurali mediante correnti laterali in film conduttivi strato per strato di nanotubi di carbonio a parete singola. = Stimulation of neural cells by lateral currents in conductive layer‐by‐layer films of single‐walled carbon nanotubes. Advanced Materials 18 (22), pp. 2975-2979.   https://doi.org/10.1002/adma.200600878

23.Ghosh, M.; Chakraborty, A.; Bandyopadhyay, M.; Mukherjee, A. (2011). Nanotubi di carbonio a parete multipla (MWCNT): induzione del danno al DNA nelle cellule vegetali e di mammifero = Multi-walled carbon nanotubes (MWCNT): induction of DNA damage in plant and mammalian cells. Journal of hazardous material, 197, pp. 327-336.   https://doi.org/10.1016/j.jhazmat.2011.09.090

24.Hu, H.; Ni, Y.; Mandal, SK; Montana, V.; Zhao, B.; Haddon, RC; Parpura, V. (2005). Nanotubi di carbonio a parete singola funzionalizzati con polietileneimmina come substrato per la crescita neuronale. = Polyethyleneimine functionalized single-walled carbon nanotubes as a substrate for neuronal growth. The Journal of Physical Chemistry B, 109 (10), pp. 4285-4289. https://doi.org/10.1021/jp0441137

25.Jia, G.; Wang, H.; Yan, L.; Wang, X.; Pei, R.; Yan, T.; Guo, X. (2005). Citotossicità dei nanomateriali di carbonio: nanotubo a parete singola, nanotubo a parete multipla e fullerene = Cytotoxicity of carbon nanomaterials: single-wall nanotube, multi-wall nanotube, and fullerene. Environmental science & technology, 39 (5), pp. 1378-1383. https://doi.org/10.1021/es048729l

26.Kafa, H.; Wang, JTW; Rubio, N.; Venner, K.; Anderson, G.; Pach, E.; Al Jamal, KT (2015). L’interazione di nanotubi di carbonio con un modello di barriera ematoencefalica in vitro e cervello di topo in vivo = The interaction of carbon nanotubes with an in vitro blood-brain barrier model and mouse brain in vivo. Biomaterials, 53, pp. 437-452.   https://doi.org/10.1016/j.biomaterials.2015.02.083

27.Kumar, AS; Barathi, P.; Pillai, KC (2011). Precipitazione in situ di esacianoferrato di nichel all’interno di un elettrodo modificato con nanotubi di carbonio a parete multipla e sua elettrocatalisi selettiva di idrazina a pH fisiologico = In situ precipitation of Nickel-hexacyanoferrate within multi-walled carbon nanotube modified electrode and its selective hydrazine electrocatalysis in physiological pH. Journal of electroanalytical chemistry, 654 (1-2), pp. 85-95. https://doi.org/10.1016/j.jeelechem.2011.01.022

28.Lam, CW; James, JT; McCluskey, R.; Hunter, RL (2004). Tossicità polmonare di nanotubi di carbonio a parete singola nei topi 7 e 90 giorni dopo l’instillazione intratracheale. = Pulmonary toxicity of single-wall carbon nanotubes in mice 7 and 90 days after intratracheal instillation. Toxicological sciences, 77 (1), pp. 126-134.   https://doi.org/10.1093/toxsci/kfg243

29.Lazzaro, P.; Karllicky, F.; Jurecka, P.; Kocman, M.; Otyepková, E .; Šafářová, K.; Otyepka, M. (2013). Adsorbimento di piccole molecole organiche su grafene = Adsorption of small organic molecules on graphene. Journal of the American Chemical Society, 135 (16), pp. 6372-6377. https://doi.org/10.1021/ja403162r

30.Lee, W.; Parpura, V. (2010). I nanotubi di carbonio come interfacce elettriche con i neuroni = En: Brain Protection in Schizophrenia, Mood and Cognitive Disorders (pp. 325-340). Springer, Dordrecht. https://doi.org/10.1007/978-90-481-8553-5_11

31.Lobo, LS (2016). Formazione catalitica del carbonio: chiarire le vie cinetiche alternative e definire una linearità cinetica per il concetto di crescita sostenuta. =Catalytic carbon formation: Clarifying the alternative kinetic routes and defining a kinetic linearity for sustained growth concept. Reaction Kinetics, Mechanisms and Catalysis, 118 (2), pp. 393-414. https://doi.org/10.1007/s11144-016-0993-x

32.Lobo, LS (2017). Nucleazione e crescita di nanotubi e nanofibre di carbonio : Meccanismo e controllo della geometria catalitica. = Nucleation and growth of carbon nanotubes and nanofibers : Mechanism and catalytic geometry control. Carbon, 114, pp. 411-417.   https://doi.org/10.1016/j.carbon.2016.12.005

33.Lovat, V.; Pantarotto, D.; Lagostena, L.; Cacciari, B.; Grandolfo, M.; Righi, M.; Ballerini, L. (2005). I substrati di nanotubi di carbonio potenziano la segnalazione elettrica neuronale. = Carbon nanotube substrates boost neuronal electrical signaling. Nano letters, 5 (6), pp. 1107-1110. https://doi.org/10.1021/nl050637m

34.Maiolo, L.; Guarino, V.; Saracino, E.; Convertino, A.; Melucci, M.; Muccini, M.; Benfenati, V. (2021). Interfacce gliali: materiali e dispositivi avanzati per scoprire il ruolo delle cellule astrogliali nella funzione e disfunzione del cervello. = Glial interfaces: advanced materials and devices to uncover the role of astroglial cells in brain function and dysfunction. Advanced Healthcare Materials, 10 (1), 2001268. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1002/adhm.202001268

35.Manna, SK; Sarkar, S.; Barr, J.; Wise, K.; Barrera, EV; Jejelowo, O.; Ramesh, GT (2005). Il nanotubo di carbonio a parete singola induce stress ossidativo e attiva il fattore di trascrizione nucleare-κB nei cheratinociti umani = Single-walled carbon nanotube induces oxidative stress and activates nuclear transcription factor-κB in human keratinocytes. Nano letters, 5 (9), pp. 1676-1684. https://doi.org/10.1021/nl0507966

36.Mattson, MP; Haddon, RC; Rao, AM (2000). = Funzionalizzazione molecolare di nanotubi di carbonio e utilizzo come substrati per la crescita neuronale. = Molecular functionalization of carbon nanotubes and use as substrates for neuronal growth. Journal of Molecular Neuroscience, 14 (3), pp. 175-182. https://doi.org/10.1385/JMN:14:3:175

37.Mazzatenta, A.; Giugliano, M.; Campidelli, S.; Gambazzi, L.; Businaro, L.; Markram, H.; Ballerini, L. (2007). Interfaccia di neuroni con nanotubi di carbonio: trasferimento di segnali elettrici e stimolazione sinaptica in circuiti cerebrali in coltura = Interfacing neurons with carbon nanotubes: electrical signal transfer and synaptic stimulation in cultured brain circuits. Journal of Neuroscience, 27 (26), pp. 6931-6936. https://doi.org/10.1523/JNEUROSCI.1051-07.2007

38.Menard-Moyon, C. (2018). Applicazioni dei nanotubi di carbonio in campo biomedico =  Applications of carbon nanotubes in the biomedical field. En: Smart nanoparticles for biomedicine (pp. 83-101). Altrove. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-814156-4.00006-9

39.Muller, J.; Decordier, I.; Hoet, PH; Lombaert, N.; Thomassen, L.; Huaux, F.; Kirsch-Volders, M. (2008). Effetti clastogenici e aneugenici dei nanotubi di carbonio multiparete nelle cellule epiteliali = Clastogenic and aneugenic effects of multi-wall carbon nanotubes in epithelial cells. Carcinogenesis, 29 (2), pp. 427-433. https://doi.org/10.1093/carcin/bgm243

40.Nakano, T.; Moore, MJ; Wei, F.; Vasilakos, AV; Shuai, J. (2012). Comunicazione molecolare e networking: opportunità e sfide. = Molecular communication and networking: Opportunities and challenges. IEEE transactions on nanobioscience, 11 (2), pp. 135-148.   https://doi.org/10.1109/TNB.2012.2191570

41.Oprych, KM; Whitby, RL; Mikhalovskij, SV; Tomlins, P.; Adu, J. (2016). Riparazione dei nervi periferici: i nanotubi di carbonio giocano un ruolo ? = Repairing peripheral nerves: is there a role for carbon nanotubes ?. Advanced healthcare materials, 5 (11), pp. 1253-1271. https://doi.org/10.1002/adhm.201500864

42.Pulskamp, ​​K.; Diabaté, S.; Krug, HF (2007). I nanotubi di carbonio non mostrano alcun segno di tossicità acuta ma inducono specie intracellulari reattive dell’ossigeno in dipendenza dai contaminanti = Carbon nanotubes show no sign of acute toxicity but induce intracellular reactive oxygen species in dependence on contaminants. Toxicology letters, 168 (1), pp. 58-74. https://doi.org/10.1016/j.toxlet.2006.11.001

43.Raimondo, M.; Naddeo, C.; Vertuccio, L.; Bonnaud, L.; Dubois, P.; Binder, WH; Guadagno, L. (2020). Multifunzionalità dei nanoibridi strutturali: il ruolo cruciale della funzionalizzazione covalente e non covalente dei nanotubi di carbonio per consentire elevate prestazioni termiche, meccaniche e di autoriparazione = Multifunctionality of structural nanohybrids: The crucial role of carbon nanotube covalent and non-covalent functionalization in enabling high thermal, mechanical and self-healing performance. Nanotechnology,, 31 (22), 225708.  https://doi.org/10.1088/1361-6528/ab7678

44.Rauti, R., Musto, M., Bosi, S., Prato, M., & Ballerini, L. (2019). Proprietà e comportamento dei nanomateriali di carbonio quando interagiscono con le cellule neuronali : a che punto siamo ? = Properties and behavior of carbon nanomaterials when interfacing neuronal cells : How far have we come ?. Carbon, 143, 430-446. https://doi.org/10.1016/j.carbon.2018.11.026

45.Rodríguez-Manzo, JA; Banhart, F.; Terrones, M.; Terrones, H.; Grobert, N.; Ajayan, PM; Golberg, D. (2009). Eterogiunzioni tra metalli e nanotubi di carbonio come nanocontatti finali. = Single-walled carbon nanotubes chemically functionalized with polyethylene glycol promote tissue repair in a rat model of spinal cord injury. Journal of neurotrauma, 106 (12), pp. 4591-4595. https://doi.org/10.1073/pnas.0900960106

46.Roman, C.; Ciontu, F.; Courtois, B. (2004). Rilevamento di singole molecole e pesatura macromolecolare utilizzando un sensore nanoelettromeccanico composto da nanotubi di carbonio. = Functional Nanomaterial-Enabled Synthetic Biology. Nano Futures, 2004. (pp. 263-266). IEEE. https://doi.org/10.1109/NANO.2004.1392318

47.Romano, JA; Niedzielko, TL; Haddon, RC; Parpura, V.; Floyd, CL (2011). I nanotubi di carbonio a parete singola funzionalizzati chimicamente con glicole polietilenico promuovono la riparazione dei tessuti in un modello di ratto di lesione del midollo spinale. = Single-walled carbon nanotubes chemically functionalized with polyethylene glycol promote tissue repair in a rat model of spinal cord injury. Journal of neurotrauma, 28 (11), pp. 2349-2362. https://doi.org/10.1089/neu.2010.1409

48.Sesser, CD; Huang, Z.; Wang, X.; Liu, J. (2021). Biologia sintetica funzionale con nanomateriali =  Functional Nanomaterial-Enabled Synthetic Biology. Nano Futureshttps://doi.org/10.1088/2399-1984/abfd97

49.Sharon, M.; Sharon, M. (2006). Nanomateriali di carbonio e loro sintesi da precursori di origine vegetale = Carbon nanomaterials and their synthesis from plant‐derived precursors. Synthesis and Reactivity in Inorganic, Metal-Organic and Nano-Metal Chemistry, 36 (3), pp. 265-279. https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/15533170600596048

50.Saavedra, MS (2014). [Tesi di dottorato]. Nano-polpi di carbonio: crescita e caratterizzazione =  [Tesis doctoral]. Nano-pulpos de carbono: crecimiento y caracterización = Carbon Nano-Octopi: Growth and Characterisation. University of Surrey (United Kingdom). https://www.proquest.com/openview/fd52e404bd09604147ca46b3a6e50f60/1

51.Shityakov, S.; Salvador, E.; Pastorin, G.; Forster, C. (2015). Studi sul trasporto della barriera emato-encefalica, aggregazione e simulazione della dinamica molecolare di nanotubi di carbonio multiparete funzionalizzati con isotiocianato di fluoresceina funzionalizzato con isotiocianato di fluoresceina. = Blood–brain barrier transport studies, aggregation, and molecular dynamics simulation of multiwalled carbon nanotube functionalized with fluorescein isothiocyanate. International journal of nanomedicine, 10, 1703.    https://dx.doi.org/10.2147%2FIJN.S68429

52.Shvedova, AA; Kisin, ER; Mercer, R.; Murray, AR; Johnson, VJ; Potapovič, AI; Barone, P. (2005). Risposte polmonari infiammatorie e fibrogene insolite ai nanotubi di carbonio a parete singola nei topi. = Unusual inflammatory and fibrogenic pulmonary responses to single-walled carbon nanotubes in mice. American Journal of Physiology-Lung Cellular and Molecular Physiology, 289 (5), L698-L708. https://doi.org/10.1152/ajplung.00084.2005

53.Stew, P. (2021).[Programma televisivo]. Dr. Carrie Madej: il primo laboratorio statunitense esamina le fiale di “vaccino”, rivelati risultati ORRITANTI = Dr. Carrie Madej: First U.S. Lab Examines “Vaccine” Vials, HORRIFIC Findings Revealed. Stew Peters Show.[2021/09/29]  https://www.redvoicemedia.com/2021/09/dr-carrie-madej-first-us-lab-examines-vaccine-vials-horrific-findings-revealed/

54.Suzuki, J.; Budiman, H.; Carr, TA; De Blois, JH (2013). Un framework di simulazione per la comunicazione molecolare basata sui neuroni. = A simulation framework for neuron-based molecular communication. Procedia Computer Science, 24, pp. 103-113. https://doi.org/10.1016/j.procs.2013.10.032

55.Tan, JM; Arulselvan, P.; Fakurazi, S.; Itnin, H.; Hussein, MZ (2014). Una revisione sulle caratterizzazioni e la biocompatibilità dei nanotubi di carbonio funzionalizzati nella progettazione della somministrazione di farmaci. = A review on characterizations and biocompatibility of functionalized carbon nanotubes in drug delivery design. Journal of Nanomaterials,, 2014. https://doi.org/10.1155/2014/917024

56.Tian, ​​F.; Cui, D.; Schwarz, H.; Estrada, GG; Kobayashi, H. (2006). Citotossicità di nanotubi di carbonio a parete singola su fibroblasti umani. = Cytotoxicity of single-wall carbon nanotubes on human fibroblasts. Toxicology in vitro, 20 (7), pp. 1202-1212. https://doi.org/10.1016/j.tiv.2006.03.008

57.Vitale, F.; Summerson, SR; Aazhang, B.; Kemer, C.; Pasquali, M. (2015). Stimolazione neurale e registrazione con microelettrodi bidirezionali in fibra di nanotubi di carbonio. = Neural stimulation and recording with bidirectional, soft carbon nanotube fiber microelectrodes. ACS nano, 9 (4), pp. 4465-4474. https://doi.org/10.1021/acsnano.5b01060

58.Voge, CM; Stegemann, JP (2011). Nanotubi di carbonio in applicazioni di interfaccia neurale = Carbon nanotubes in neural interfacing applications. Journal of neural engineering, 8 (1), 011001.  https://doi.org/10.1088/1741-2560/8/1/011001

59.Wang, K.; Fishman, HA; Dai, H.; Harris, JS (2006). Stimolazione neurale con una matrice di microelettrodi di nanotubi di carbonio = Neural stimulation with a carbon nanotube microelectrode array. Nano letters, 6 (9), pp. 2043-2048. https://doi.org/10.1021/nl061241t

60.Wang, X.; Higgins, MD; Leeson, MS (2015). Analisi a relè nelle comunicazioni molecolari con concentrazione tempo-dipendente. = Relay analysis in molecular communications with time-dependent concentration. IEEE Communications Letters, 19 (11), pp. 1977-1980. https://doi.org/10.1109/LCOMM.2015.2478780

61.Warheit, DB (2006). Cosa si sa attualmente sui rischi per la salute legati all’esposizione ai nanotubi di carbonio ? = What is currently known about the health risks related to carbon nanotube exposures ?. Carbon, 44 (6), pp. 1064-1069.   https://doi.org/10.1016/j.carbon.2005.10.013

62.Won, SM; Song, E.; Reeder, JT; Rogers, JA (2020). Modalità emergenti e tecnologie impiantabili per la neuromodulazione. = Emerging modalities and implantable technologies for neuromodulation. Cell, 181 (1), pp. 115-135. https://doi.org/10.1016/j.cell.2020.02.054

63.Xiang, C., Zhang, Y., Guo, W. e Liang, XJ (2020). Nanotubi di carbonio biomimetici per terapie di malattie neurologiche come farmaci intrinseci = Biomimetic carbon nanotubes for neurological disease therapeutics as inherent medication. Acta Pharmaceutica Sinica B, 10 (2), pp. 239-248. https://doi.org/10.1016/j.apsb.2019.11.003

64.Yang, K.; Bi, D.; Deng, Y.; Zhang, R.; Rahman, MMU; Alì, NA; Alomania, A. (2020). Una rassegna completa sulla comunicazione ibrida nel contesto della comunicazione molecolare e della comunicazione terahertz per le nanoreti incentrate sul corpo = A comprehensive survey on hybrid communication in context of molecular communication and terahertz communication for body-centric nanonetworks. IEEE Transactions on Molecular, Biological and Multi-Scale Communications, 6 (2), pp. 107-133. https://doi.org/10.1109/TMBMC.2020.3017146

65.Zhang, R.; Yang, K.; Abbasi, QH; Qaraqe, KA; Alomania, A. (2017). Caratterizzazione analitica della nanorete in-vivo terahertz in presenza di interferenza basata su schema di comunicazione TS-OOK = Analytical characterisation of the terahertz in-vivo nano-network in the presence of interference based on TS-OOK communication scheme. IEEE Access, 5, pp. 10172-10181. https://doi.org/10.1109/ACCESS.2017.2713459

66.Zhang, ZJ; Chen, XY (2020). Nanofibre di carbonio derivate dalla cellulosa batterica: modifica della superficie mediante polidopamina e uso di ioni ferrosi come additivo elettrolitico per aumentare in modo collaborativo le prestazioni del supercondensatore = Carbon nanofibers derived from bacterial cellulose: Surface modification by polydopamine and the use of ferrous ion as electrolyte additive for collaboratively increasing the supercapacitor performance. Applied Surface Science, 519, 146252.  https://doi.org/10.1016/j.apsusc.2020.146252

67.Zhu, L.; Chang, DW; Dai, L.; Hong, Y. (2007). Danno al DNA indotto da nanotubi di carbonio a parete multipla in cellule staminali embrionali di topo = DNA damage induced by multiwalled carbon nanotubes in mouse embryonic stem cells. Nano letters, 7 (12), pp. 3592-3597. https://doi.org/10.1021/nl071303v

Studio originale in lingua spagnola : Identificación de patrones en vacunas : nanopulpos y nanotubos de carbono-grafeno

Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page