Identificazione di pattern nelle persone vaccinate : Nano-vermi colloidali semoventi e loro relazione con le bolle PVA

Pubblicato il 27 Ottobre 2021 da Veronica Baker

La scienza non è soltanto l’unica istituzione umana che si auto-corregge, ma anche un processo che progredisce dimostrandosi errato.

Allan Sandage


Nano-vermi colloidali semoventi e loro relazione con le bolle PVA

Recentemente è stato identificato un nuovo pattern, osservato nei campioni dei cosiddetti “vaccini”, nello specifico quello di cui alla Figura 1, immagine ottenuta dal Dr. (Campra, P. 2021) presentata nel programma 149 de La Quinta Columna (Delgado, R.; Sevillano, JL 2021).

Analizzando l’immagine, si osserva un corpo flagellare formato da perline, piccole sfere di dimensioni simili, capeggiate da una sfera più grande.
La forma ricorda un batterio di tipo “
Streptococcus ; tuttavia, dopo aver confrontato tutte le specie del genere, non è stata trovata alcuna coincidenza reale.


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig. 1 : Schema simile ad un verme, con un proprio movimento, osservato nel “vaccino”. Immagine ottenuta dal Dr. Campra.

Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 2. : Il nano-verme è un nano-robot di tipo nuotatore costituito da sferoidi o colloidi omogenei o con una testa sferoidale più grande, come osservato nel campione di vaccino. I colloidi sono legati da proteine ​​e DNA, sebbene ciò sia possibile anche attraverso le proprietà paramagnetiche del materiale utilizzato.

L’oggetto osservato in figura 1 è in realtà un nano-robot autonomo semovente, nello specifico corrisponde ad un nuotatore con rotori colloidali anisotropi legati al DNA, composto da particelle colloidali paramagnetiche di dimensioni diverse o simili, come fa riferimento ad esempio lo studio di (Tierno, P . ; Golestanian, R .; Pagonabarraga, I .; Sagués, F. 2008) dal titolo ” Magnetically Actuated Colloidal Microswimmers “, come mostrato in Figura 2.

Nella letteratura scientifica sono stati adottati anche altri nomi, come ad esempio “microworm colloidale semovente“, ad esempio da (Martínez-Pedrero, F.; Ortiz-Ambriz, A.; Pagonabarraga, I.; Tierno, P. 2015).

Sebbene l’articolo sollevi lo sviluppo di questi dispositivi su microscala, vi sono prove del loro sviluppo su nanoscala, ad esempio nella ricerca di (Verber, R .; Blanazs, A .; Armes, SP 2012).

Ad esempio nello studio di (Tierno, P .; Golestanian, R .; Pagonabarraga, I .; Sagués, F. 2008) si afferma che “la realizzazione di dispositivi in ​​grado di spingersi in modo controllato attraverso stretti canali rappresenta un passo necessario verso un’ulteriore miniaturizzazione dei veicoli liquidi chimici e biochimici che saranno integrati nei chip microfluidici“.

Ovviamente i canali stretti sono le arterie e i dotti del sistema circolatorio del corpo umano, a cui è diretta la ricerca.
Fornisce anche una chiave fondamentale per comprendere il suo contesto applicativo denominato ”
integrazione in chip microfluidici“.

A questo inoltre si può aggiungere : “Se tali dispositivi potessero essere chimicamente funzionalizzati, come nel caso delle particelle colloidali, si legherebbero e consegnerebbero cariche chimiche su scala molto più piccola“, che potrebbe essere considerato lo scopo di questo tipo di oggetti nei cosiddetti “vaccini”.

Nell’articolo di (Tierno, P .; Golestanian, R .; Pagonabarraga, I .; Sagués, F. 2008) viene sviluppato un nuotatore in grado di superare i problemi di viscosità e flusso del fluido, cioè il mezzo in cui si svolgerà il suo movimento.

Sebbene non si riferiscano in nessun momento al sangue, ciò può essere dedotto dalla loro preoccupazione di operare in condizioni di basso numero di Reynolds (Re).

Ad esempio, il flusso sanguigno in generale, presenta un valore di 2.000, molto diverso dal flusso nel cuore, che sale fino a 4.000, come riportato da (Ghalichi, F.; Deng, X.; De-Champlain, A.; Douville, Y.; King, M.; Guidoin, R. 1998 | Ku, DN 1997).

La configurazione del nuotatore in questi primi esperimenti è di “doublets”, ovvero gli stessi due colloidi paramagnetici di polistirene, rivestiti di streptavidina (proteine) con diametri di proteina tetramerica che facilita l’interazione tra 2.8 micron e 1.0  micron.

Gli autori riconoscono che “utilizzando i nostri protocolli sperimentali, potremmo ottenere doppietti, triplette o particelle con multipletti di ordine superiore.
Inoltre, è anche possibile costruire architetture più complicate come catene o cluster più grandi“, il che spiega che possiamo trovare nuotatori con un numero maggiore di sfere, come si vede nella figura 2, si veda anche lo studio di (Tierno, P. 2014).

La streptavidina è usata per legare i colloidi, che si lega al “catene di cDNA terminate con biotina“, che consente di creare una catena consistente di perline, vedi Figura 4.

Il movimento è stato ottenuto applicando campi magnetici emessi da un generatore di onde (microonde), ottenendo movimenti di traslazione, rotazione e direzione nei tre assi dello spazio tridimensionale, come si vede nella Figura 3.
La dinamica del movimento di questi nanovermi è descritta anche nel lavoro di (Li, D .; Banon, S .; Biswal, SL 2010).


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 3. : Diagramma del movimento indotto dai campi magnetici nel nano-robot in mezzo acquoso. Viene prodotto un giro controllato che permette il controllo del movimento nei tre assi dello spazio. (Tierno, P .; Golestanian, R .; Pagonabarraga, I .; Sagués, F. 2008)

Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 4.: Schema del legame dei colloidi da parte di DNA, proteine ​​e magnetismo. (Dreyfus, R.; Baudry, J.; Roper, ML; Fermigier, M.; Stone, HA; Bibette, J. 2005)

La precisione del movimento è molto elevata, come si vede in Figura 5, dove viene dimostrato come i nuotatori possano riprodurre un percorso tra microcanali in un circuito registrato.

Ciò dimostra che le onde elettromagnetiche (microonde) sono adatte per controllare in modalità wireless questi oggetti e dirigerli verso il bersaglio desiderato.

Infatti, il principale ricercatore sull’argomento, Pietro Tierno, ha dichiarato in un comunicato stampa (Università di Barcellona. 2008) che “è molto facile modificare la superficie chimica di queste particelle e dirigerle attraverso campi magnetici fino a quando non entrano in contatto con cellule o strutture bersaglio.

Si può progettare una nuova generazione di trasportatori con una grande capacità di selezionare il bersaglio biologico”.


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 5. : Viaggio del nano-robot in un circuito immerso in una soluzione acquosa. Da notare il controllo e la precisione dei movimenti ottenuti in modalità wireless dai campi magnetici. (Tierno, P .; Golestanian, R .; Pagonabarraga, I .; Sagués, F. 2008)

Varietà di nuotatori colloidali

L’ampia varietà di nuotatori di tipo colloidale presentata da (Tierno, P. 2014) nella sua recensione dei progressi nei colloidi magnetici è rivelatrice.
La Figura 6 mostra un catalogo di combinazioni perfettamente identificate e caratterizzate di colloidi, flagelli e movimenti.

L’immagine di figura 1 corrisponderebbe al modello di figura 6a.
Non è da escludere la presenza di altri nuotatori qui rappresentati, ed anche con altre combinazioni, vista la capacità di autoassemblaggio, come verrà spiegato nel paragrafo successivo.


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 6. : Catalogo dei nuotatori colloidali. (Tierno, p. 2014)

Nelle parole di (Tierno, P. 2014), si indica che la Figura 6 “mostra la maggior parte delle eliche magnetiche realizzate di recente, con il campo di attuazione mostrato nella colonna centrale.

Le caratteristiche comuni sono l’uso di un campo magnetico che è uniforme e dipendente dal tempo, in modo che il movimento netto delle particelle non sia il risultato della presenza di un gradiente, ma derivi da un processo di rettifica, dove le oscillazioni o rotazioni si trasformano in movimento diretto.
Vi sono principalmente tre strategie che hanno sono stati utilizzate con successo: 1) flessibilità nell’unità colloidale (a-c); 2) elicità nella forma (d-f); 3) prossimità prossima al limite (g-j)“.

Ciò dimostra che i cosiddetti “vaccini” potrebbero contenere questi tipi di nano-robot nuotatori con l’obiettivo di trasportare farmaci verso un determinato organo o tessuto bersaglio definito in precedenza.

Ai nanovermi (o nanoworms) già descritti vanno aggiunti quelli sviluppati da (Verber, R .; Blanazs, A .; Armes, SP 2012) che si caratterizzano per essere costituiti da gel polimerici, nello specifico 2-idrossipropil metacrilato (PHPMA), glicerolo monometacrilato (PGMA), come in Figura 7.

Questa composizione ha il vantaggio di una maggiore resistenza, integrità strutturale e buone prestazioni in soluzioni acquose.
È molto probabile che questo tipo di nano-vermi sia stato osservato in alcune delle immagini ottenute dai cosiddetti “vaccini”, tuttavia questo è ancora in fase di verifica.


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 7. : Nanovermi gel a base di polimeri, che possono acquisire forma di micelio, quando c’è una notevole saturazione nel mezzo acquoso. Le tabelle e) ed f) mostrano la formazione di vescicole, probabilmente catturate nei campioni di vaccino. (Verber, R.; Blanazs, A.; Armes, SP 2012)

Autoassemblaggio di colloidi e PVA

Una delle caratteristiche più ricercate nel campo dei colloidi è il loro autoassemblaggio, come se fossero dei mattoni.

Ci sono vari metodi per questo, come illustrato da (Tierno, P. 2014) nella sua ricerca : a) Utilizzo di colloidi paramagnetici rivestiti con  streptavidina e filamenti di DNA con biotina (caso precedente) ; b) Da filamenti magnetici flessibili legati da molecole assorbite di acido poliacrilico (PAA) e  bisbiotina-poli (glicole etilenico) (PEG) ; c) Utilizzando catene magnetiche rigide, funzionalizzate con silice, vedi figura 8. 


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig 8. : La figura mostra i diversi metodi di autoassemblaggio dei nuotatori colloidali. La tabella a) mostra colloidi legati da campo magnetico, filamenti di DNA e proteine. Le tabelle b) e c) mostrano filamenti magnetici flessibili. Ciò si osserva anche nella tabella d) dove si autoassemblano con colloidi sferici. Nelle tabelle e) ed f), si possono osservare sferoidi di magnetite Fe3O4 che, quando funzionalizzati con silicio, formano catene o perline semirigide. (Tierno, p. 2014)

L’ampia varietà di possibilità di autoassemblaggio aumenta, se si considerano altri materiali già conosciuti e scoperti nei campioni dei cosiddetti “vaccini”, in particolare i nanotubi di carbonio.

Infatti i nanotubi di carbonio possono servire come da guide per creare sfere o catene colloidali, grazie alle loro proprietà magnetiche, ottenendo il loro legame tramite teslaforesi (Bornhoeft, LR; Castillo, AC; Smalley, PR; Kittrell, C.; James, DK; Brinson , BE; Cherukuri, P. 2016 |  Liu, L.; Chen, K.; Xiang, N.; Ni, Z. 2019).

Ciò è dimostrato nella figura 6, tabella c) dove (Tierno, P. 2014) mostra come le microsfere possono essere attaccate dai filamenti, a condizione che presentino proprietà paramagnetiche.

Pertanto, la possibilità che i nanotubi di carbonio servano da guida per la formazione di vermi colloidali (che in realtà sono nano-robot autonomi semoventi) è piuttosto fondata.

Sfere colloidali di vari materiali potrebbero essere filate da nanotubi di carbonio per formare una struttura simile a un nano-verme azionabile da campi magnetici, come mostrato nel diagramma di figura 9.  


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig. 9. Si noti l’esperimento di assemblaggio citato da (Tierno, P. 2014) in cui le microsfere sono unite attraverso una fibra mediante campi magnetici che favoriscono la teslaforesi. La procedura è simile a quella applicata nella sua ricerca sui colloidi. Questo ci permette di dedurre la possibilità che i nanotubi di carbonio servano a creare catene colloidali con alcuni dei materiali trovati nei campioni di vaccini, come i dischi di PVA o qualsiasi altro materiale paramagnetico. Il riquadro in basso a sinistra corrisponde a un’immagine ottenuta dal Dr. Zandre Botha nel programma di (Peters, S. 2021). Il riquadro in basso a destra corrisponde ad un’immagine ottenuta dal medico (Campra 2021)

Questa scoperta è molto importante, poiché i nano-robot possono autoconfigurarsi in soluzioni acquose, da materiali correlati e presenti nel loro ambiente, in un insieme disordinato o caotico, simile a quello trovato nei cosiddetti “vaccini”.

In questo modo, modelli come le bolle di PVA (Polyvinyl Alcohol), tra gli altri possibili materiali sferoidali, osservati nei campioni dei cosiddetti “vaccini” (vedi figura 9, tabelle inferiori), potrebbero essere assimilati nei nanotubi di carbonio per formare questo tipo di oggetti mobili.

In effetti, ciò è parzialmente dimostrato nel lavoro sul PVA di (Yao, ZC; Yuan, Q .; Ahmad, Z .; Huang, J .; Li, JS; Chang, MW 2017) dove si indica che “in tempi recenti, la diversificazione della struttura della fibra tramite ES (processo di elettrofilatura) è stata dimostrata dall’ingegnerizzazione di strutture Janus, braid e core-shell.

Oltre a queste strutture, anche le fibre a perline stanno emergendo come preziose architetture, sebbene l’uniformità di tali materiali sia significativamente diversa dalle loro controparti perfettamente elettrofilate.

Le fibre a perline sono comunemente preparate (quando si utilizza ES), distribuendo soluzioni che possiedono basse concentrazioni di polimeri”.

In altre parole, le fibre di perline PVA, o colloidi, sono uno strumento di consegna di farmaci per applicazioni biomediche anti-tumorali (Zhang, Y.; He, Z.; Yang , F.; Ye, C .; Xu, X .; Wang, S .; Zou, D. 2021) e persino rigenerazione dei tessuti in combinazione con il già noto Chitosan (Grande-Tovar, CD; Castro, JI; Valencia , CH; Navia-Porras, DP ; Mina-Hernández, JH, Valencia, ME; Chaur, MN 2019).

È a questo punto che si trova nella letteratura scientifica la seconda identificazione dei modelli osservati nei cosiddetti “vaccini”, come si può vedere in figura 10. 


Nano-vermi colloidali semoventi
Fig. 10. Confronto del PVA (Polyvinyl Alcohol) osservato nella letteratura scientifica e nei campioni di vaccino. Si apprezzano anche il profilo della bolla di PVA a forma di idrogel e il suo angolo di incidenza, compatibile anche con la forma delle immagini analizzate. Il riquadro in alto a destra corrisponde a un’immagine ottenuta dal Dr. Zandre Botha nel programma di (Peters, S. 2021 ). Il riquadro in basso a destra corrisponde ad un’immagine ottenuta dal medico (Campra 2021)

Analizzando le proprietà del PVA (Polyvinyl Alcohol), si scopre la sua capacità conduttiva (Chaudhuri, B .; Mondal, B .; Ray, SK; Sarkar, SC 2016), nonché la sua funzione di elettrodo quando combinato con altri materiali (Liu, S.; Zheng, Y.; Qiao, K.; Su, L.; Sanghera, A.; Song, W.; Sun, Y. 2015), in particolare con nanotubi di carbonio a parete multipla e per estensione di grafene, con cui sono bagnati o rivestiti (Malikov, EY; Muradov, MB; Akperov, OH; Eyvazova, GM; Puskás, R .; Madarász, D .; Kónya, Z. 2014).

Tutto ciò consente di dedurre che le bolle di PVA, anche sotto forma di idrogel, sono suscettibili di essere controllate e dirette da campi magnetici e correnti elettriche, il che supporta ulteriormente la possibilità che le perle di bolle di PVA e persino gli accumuli di bolle si possano formare per effetto di capillarità e magnetismo, per effetto Janus, per cui ogni bolla ha un polo opposto che serve sia ad attrarre altre bolle che a muoversi (Jian, H .; Qi, Q .; Wang, W .; Yu , D. 2021 |  Wang, M.; Yu, DG; Li, X.; Williams, GR 2020).

Bibliografia

1.Bornhoeft, L.R.; Castillo, A.C.; Smalley, P.R.; Kittrell, C.; James, D.K.; Brinson, B.E.; Cherukuri, P. (2016). Teslaforesis de nanotubos de carbono = Teslaphoresis of carbon nanotubes. ACS nano, 10(4), pp. 4873-4881. https://doi.org/10.1021/acsnano.6b02313

2.Campra, P. (2021). Immagini inedite del contenuto dei vaccini Pfizer e AstraZeneca. = Imágenes inéditas del contenido de las vacunas de Pfizer y AstraZeneca.  https://odysee.com/@laquintacolumna:8/IM%C3%81GENESIN%C3%89DITASCONTENIDOVACUNAS:9

3.Chaudhuri, B.; Mondal, B.; Ray, S.K.; Sarkar, S.C. (2016). Una nuova impalcatura composita conduttiva in polivinilalcol (PVA) – polivinilpirrolidone (PVP) – idrossiapatite (HAP) biocompatibile per una probabile applicazione biologica = A novel biocompatible conducting polyvinyl alcohol (PVA)-polyvinylpyrrolidone (PVP)-hydroxyapatite (HAP) composite scaffolds for probable biological application. Colloids and surfaces B: Biointerfaces, 143, pp. 71-80. https://doi.org/10.1016/j.colsurfb.2016.03.027

4.Delgado, R.; Sevillano, J.L. (2021). Nocturno Quinta Columna – Programa 149. La Quinta Columna. https://odysee.com/@laquintacolumna:8/IM%C3%81GENESEXCLUSIVASDELCONTENIDODELASVACUNAS-PROGRAMA149-:3

5.Dreyfus, R.; Baudry, J.; Roper, M.L.; Fermigier, M.; Stone, H.A.; Bibette, J. (2005). Nuotatori artificiali microscopici = Microscopic artificial swimmers. Nature, 437(7060), pp. 862-865. https://doi.org/10.1038/nature04090

6.Ghalichi, F.; Deng, X.; De-Champlain, A.; Douville, Y.; King, M.; Guidoin, R. (1998). Modello di turbolenza a basso numero di Reynolds del flusso sanguigno nelle stenosi arteriose = Low Reynolds number turbulence modeling of blood flow in arterial stenoses. Biorheology, 35(4-5), pp. 281-294. https://doi.org/10.1016/S0006-355X(99)80011-0

7.Grande-Tovar, C.D.; Castro, J.I.; Valencia, C.H.; Navia-Porras, D.P.; Mina-Hernández, J.H.;  Valencia, M.E.; Chaur, M.N. (2019). Preparazione di film nanocompositi di chitosano/poli (alcool vinilico) incorporati con nano-cipolle di carbonio ossidato (fullerene multistrato) per applicazioni di ingegneria tissutale = Preparation of chitosan/poly (vinyl alcohol) nanocomposite films incorporated with oxidized carbon nano-onions (multi-layer fullerenes) for tissue-engineering applications. Biomolecules, 9(11), 684. https://doi.org/10.3390/biom9110684

8.Jian, H.; Qi, Q.; Wang, W.; Yu, D. (2021). Un evaporatore composito di nanotubi di carbonio Janus / poli (alcol vinilico) per un’efficiente evaporazione dell’acqua interfacciale azionata dal sole = A Janus porous carbon nanotubes/poly (vinyl alcohol) composite evaporator for efficient solar-driven interfacial water evaporation. Separation and Purification Technology, 264, 118459. https://doi.org/10.1016/j.seppur.2021.118459

9.Ku, D.N. (1997). Flusso sanguigno nelle arterie = Blood flow in arteries. Annual review of fluid mechanics, 29(1), pp. 399-434. https://doi.org/10.1146/annurev.fluid.29.1.399

10.Li, D.; Banon, S.; Biswal, S.L. (2010). Dinamica di flessione delle catene di particelle colloidali legate al DNA = Bending dynamics of DNA-linked colloidal particle chains. Soft Matter, 6(17), pp. 4197-4204. https://doi.org/10.1039/C0SM00159G

11.Liu, L.; Chen, K.; Xiang, N.; Ni, Z. (2019). Manipolazione dielettroforetica dei nanomateriali: una rassegna. = Dielectrophoretic manipulation of nanomaterials: A review. Electrophoresis, 40(6), pp. 873-889. https://doi.org/10.1002/elps.201800342

12.Liu, S.; Zheng, Y.; Qiao, K.; Su, L.; Sanghera, A.; Song, W.; Sun, Y. (2015). Leggera crescita in situ di nanoparticelle di platino su elettrodo idrogel di poli (alcool vinilico) a nanotubi di carbonio a parete multipla per l’ossidazione elettrochimica del glucosio = Mild in situ growth of platinum nanoparticles on multiwalled carbon nanotube-poly (vinyl alcohol) hydrogel electrode for glucose electrochemical oxidation. Journal of Nanoparticle Research, 17(12), pp. 1-13. https://doi.org/10.1007/s11051-015-3274-0

13.Malikov, E.Y.; Muradov, M.B.; Akperov, O.H.; Eyvazova, G.M.; Puskás, R.; Madarász, D.; Kónya, Z. (2014). Sintesi e caratterizzazione di nanocompositi di nanotubi di carbonio multiparete a base di alcol polivinilico = Synthesis and characterization of polyvinyl alcohol based multiwalled carbon nanotube nanocomposites. Physica E: Low-dimensional Systems and Nanostructures, 61, pp. 129-134. https://doi.org/10.1016/j.physe.2014.03.026

14.Martínez-Pedrero, F.; Ortiz-Ambriz, A.; Pagonabarraga, I.; Tierno, P. (2015). Microrganismi colloidali spinti attraverso un nastro trasportatore idrodinamico cooperativo = Colloidal microworms propelling via a cooperative hydrodynamic conveyor belt. Physical review letters, 115(13), 138301. https://doi.org/10.1103/PhysRevLett.115.138301

15.Peters, S. (2021). [Programa de televisión]. VAXX FIALS Sviluppo innovativo : i dischi trasportano un misterioso carico utile = VAXX VIALS Breaking Development: Discs Carry Mystery Payload https://www.redvoicemedia.com/video/2021/10/vaxx-vials-breaking-development-discs-carry-mystery-payload/

16.Tierno, P.; Golestanian, R.; Pagonabarraga, I.; Sagués, F. (2008). Micronuotatori colloidali ad attivazione magnetica = Magnetically actuated colloidal microswimmers. The Journal of Physical Chemistry B, 112(51), pp. 16525-16528. https://doi.org/10.1021/jp808354n

17.Tierno, P. (2014). Recenti progressi nei colloidi magnetici anisotropi: realizzazione, assemblaggio e applicazioni. = Recent advances in anisotropic magnetic colloids: realization, assembly and applications. Physical chemistry chemical physics, 16(43), pp. 23515-23528. https://doi.org/10.1039/C4CP03099K

18.Universidad de Barcelona. (2008). [Articolo di giornale]. Nuovo prototipo di micronader artificiali con applicazioni in biotecnologia. = [Nota de prensa] Nuevo prototipo de micronadadores artificiales con aplicaciones en biotecnología. Noticias.   https://www.ub.edu/web/ub/es/menu_eines/noticies/2008/11/319.html

19.Verber, R.; Blanazs, A.; Armes, S.P. (2012). Studi reologici di gel di verme copolimero diblock termo-reattivi. = Rheological studies of thermo-responsive diblock copolymer worm gels. Soft Matter, 8(38), pp. 9915-9922. https://doi.org/10.1039/C2SM26156A

20.Wang, M.; Yu, D.G.; Li, X.; Williams, G.R. (2020). Lo sviluppo e le bioapplicazioni dell’elettrofilatura multifluida = The development and bio-applications of multifluid electrospinning. Materials Highlights, 1, pp. 1-13. https://doi.org/10.2991/mathi.k.200521.001

22.Yao, Z.C.; Yuan, Q.; Ahmad, Z.; Huang, J.; Li, J.S.; Chang, M.W. (2017). Trasformazione controllata di microbolle in nanofibre stampate mediante stiramento del film sottile forzato elettricamente = Controlled morphing of microbubbles to beaded nanofibers via electrically forced thin film stretching. Polymers, 9(7), 265. https://doi.org/10.3390/polym9070265

23.Zhang, Y.; He, Z.; Yang, F.; Ye, C.; Xu, X.; Wang, S.; Zou, D. (2021) Nuove microsfere a base di PVA co-caricate con agente trasformante fototermico e chemioterapico per il trattamento del cancro del colon-retto. = Novel PVA-Based Microspheres Co-Loaded with Photothermal Transforming Agent and Chemotherapeutic for Colorectal Cancer Treatment. Pharmaceutics, 13(7), 984. https://doi.org/10.3390/pharmaceutics13070984

Studio originale : Identificación de patrones en vacunas : nano-gusanos coloidales autopropulsados y su relación con las burbujas de PVA

Traduzione a cura di Veronica Baker


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page