Nano-rectenne : ulteriori prove che confermerebbero la teoria delle nano-reti incentrate nel corpo umano

Pubblicato il 17 Dicembre 2021 da Veronica Baker

Non è quindi necessaria una deduzione molto acuta per comprendere che la presenza di nano-antenne plasmoniche nei campioni del cosiddetto “vaccino”, siano essi a forma di papillon, o di cubo, o di prisma, come è stato osservato, sono una chiara prova della presenza di nanotecnologie non dichiarate.

Veronica Baker


Nano-rectenne : ulteriori prove che confermerebbero la teoria delle nano-reti incentrate nel corpo umano

La ricerca sulle reti di nano-comunicazione per i nano-dispositivi inoculati nel corpo umano continua ad accumulare prove.

In questa occasione viene presentato l’articolo dei ricercatori (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) dal titoloNano-rectenna powered body-centric nano-networks in the terahertz band” che conferma la teoria già verificata in precedenza osservando le immagini dei campioni del cosiddetto “vaccino” ottenuti dal Dr. (Campra, P. 2021).

Le nano-reti centrate sul corpo umano richiedono l’uso di nano-antenne che operano nella banda dei terahertz, che sono dello stesso tipo di quelle presenti nei campioni del cosiddetto “vaccino”.

Nella letteratura scientifica queste nano-antenne plasmoniche sono anche chiamate “antenne bowtie” (o nano-antenne plasmoniche a forma di doppio papillon), e nell’articolo in questione sono chiamate nano-rectenne.

La menzione esplicita del tipo di antenna e della tecnologia delle nano-reti intracorporee confermerebbe che i cosiddetti “vaccini” sono, tra l’altro, vettori per l’installazione di nanotecnologie, o nanodispositivi nel corpo umano.

Tuttavia, al di là della pura coincidenza, gli autori esplicitano l’uso del grafene e dei nanotubi di carbonio come elementi necessari per questo modello di rete, elementi che sono stati identificati anche nelle immagini scattate dal Dr. Campra e che coincidono con la presenza del grafene nella sua relazione tecnica con la spettroscopia Micro-Raman.

Oltre a quanto già descritto, l’articolo aggiunge che la modalità di comunicazione e trasmissione dati nelle nanoreti avviene tramite segnali TS-OOK (sequenze di impulsi che trasmettono codici binari), un fatto che coincide esattamente con gli studi ed i protocolli di nanocomunicazione visti in precedenza, avallando di conseguenza tutte le ricerche realizzate fino ad ora su questo argomento.

Se quanto spiegato non bastasse a confermare la teoria delle nanoreti di comunicazione intracorporea, l’articolo di (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) esplicita l’uso di nano-sensori che sono collegati da segnali elettromagnetici, per mezzo delle già citate nano-rectenne (o nano-antenne bowtie), il che evidenzia necessariamente la presenza di nano-routers che servono a gestire il collegamento dati intra-corpo e out-of-body, utilizzando come gateway il telefono cellulare.

Data l’importanza del contenuto dell’articolo, verrà analizzato in dettaglio.

Analisi dell’articolo

L’oggetto di ricerca del lavoro di (Rong, Z .; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) è l’analisi comparativa delle capacità di energy harvesting delle nano-rectenne, finalizzata alla loro implementazione in reti di nanodispositivi wireless e nanotecnologia intracorporea.

Questo fatto viene spiegato nell’introduzione dell’articolo nei seguenti termini : “Nel campo delle applicazioni sanitarie, l’obiettivo è sviluppare una rete di nanodispositivi terapeutici che sia in grado di funzionare nel corpo umano dal suo interno per supportare il monitoraggio del sistema immunitario, monitoraggio sanitario, sistemi di somministrazione di farmaci e impianti bioibridi”.

Ciò non lascia dubbi sul fatto che le nano-antenne, qui chiamate nano-rectenne, implicano necessariamente la presenza di una rete di nano-dispositivi o nanotecnologie finalizzate al controllo delle variabili e dei fattori biologici delle persone

Inoltre, (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) affermano che “esistono due approcci principali alle comunicazioni wireless su scala nanometrica, vale a dire le comunicazioni molecolari ed elettromagnetiche (EM)” (Akyildiz, IF; Jornet, JM 2010).

Quest’ultima opera comunemente nella banda dei terahertz (THz) (0,1-10 THz) ed è una tecnica promettente per supportare lo scambio di dati in reti di nanosensori per applicazioni sanitarie o nano-reti centrate sul corpo.

Per le dimensioni previste dei nanosensori, la frequenza irradiata dalle loro antenne sarebbe normalmente nella gamma ottica, con conseguente attenuazione del canale molto ampia che potrebbe rendere irrealizzabile la comunicazione wireless su scala nanometrica.
Per superare questa limitazione sono state sviluppate antenne a base di grafene, in grado di risuonare nella banda THz con dimensioni di pochi
𝜇𝑚, ad una frequenza fino a due ordini di grandezza inferiore rispetto ad un’antenna metallica delle stesse dimensioni”.

Questa spiegazione conferma i due tipi di comunicazione intracorporea, quella molecolare utilizzata per il monitoraggio e la neuromodulazione del tessuto neuronale e del sistema nervoso centrale (Akyildiz, IF; Jornet, JM; Pierobon, M. 2011 | Malak, D. ; Akan, OB 2012 | Rikhtegar, N .; Keshtgary, M. 2013 | Balasubramaniam, S .; Boyle, NT; Della-Chiesa, A .; Walsh, F .; Mardinoglu, A .; Botvich, D .; Prina- Mello, A. 2011) e quella elettromagnetica, concepita per il controllo di variabili e fattori biologici nel resto del corpo, mediante nano-nodi (detti anche nano-dispositivi, nano-biosensori, ecc.).

Conferma anche la banda operativa in cui opera la nanorete intra-corpo, in un intervallo di 0,1-10 THz, confermata in questo blog da (Abbasi, QH; Nasir, AA; Yang, K.; Qaraqe, KA ; Alomainy, A. 2017 |  Zhang, R.; Yang, K.; Abbasi, QH; Qaraqe, KA; Alomainy, A. 2017  |  Yang, K.; Bi, D.; Deng, Y.; Zhang, R. ; Rahman, MMU; Ali, NA; Alomany, A. 2020).

Affronta anche il fatto che la scala dei nano-dispositivi, nano-sensori della rete costringe a “risuonare la banda THz” mediante antenne speciali di pochi micron (𝜇𝑚), ma con la capacità di ritrasmettere segnali e a sua volta di raccogliere energia per far funzionare la rete.

Queste proprietà speciali sono ottenute attraverso l’effetto plasmonico dato dalla scala delle nanoantenne, che conferisce proprietà fisiche e quantistiche speciali a questi oggetti, come spiegato in (Jornet, JM; Akyildiz, IF 2013 | Nafari, M. ; Jornet, JM 2015 | Guo , H.; Johari, P.; Jornet, JM; Sun, Z. 2015).

Nella dissertazione introduttiva, (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) citano anche il seguente aspetto sostanziale : “lo scambio di informazioni tra nanosensori impiantabili [iniettabili] è il più significativo, poiché consente il controllo ed il monitoraggio del rilascio o del flusso molecolare, dei composti biochimici e di altre importanti funzioni all’interno del corpo umano”.

La rilevanza di questa affermazione è cruciale poiché presuppone che i nanodispositivi debbano essere installati, iniettati od impiantati nel corpo umano, ma anche che è necessario ricevere i loro segnali e dati generati per effettuare il monitoraggio corrispondente, anche a livello di flusso molecolare e composti biochimici, come i neurotrasmettitori prodotti dal tessuto neuronale o dal sistema nervoso (Abd-El-atty, SM; Lizos, KA; Gharsseldien, ZM; Tolba, A.; Makhadmeh, ZA 2018).

Questo spiega la necessità di introdurre grafene, nanotubi di carbonio e derivati ​​per catturare questi segnali e marcatori bioelettrici per catturare le informazioni, ma anche di una nanorete wireless che permetta di trasmettere questi dati all’esterno del corpo umano.

Pertanto, si deve comprendere che le nano-antenne (o nano-rectenne) incaricate di ripetere i segnali potrebbero non solo farlo dall’interno, essendo in grado di effettuare il processo inverso, alterando, ad esempio, la sinapsi neuronale.

Allo stesso modo, (Rong, Z .; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) affermano che un problema rilevante nelle nano-reti intra-corporee è la disponibilità di energia (Bouchedjera, IA; Aliouat, Z .; Louail , L. 2020 | Fahim, H .; Javaid, S .; Li, W .; Mabrouk, IB; Al-Hasan, M .; Rasheed, MBB 2020 ), per i quali sono stati sviluppati protocolli e processi di routing efficienti (Sivapriya, S.; Sridharan, D. 2017 | Piro, G .; Boggia, G .; Grieco, LA 2015) che rendono plausibile il funzionamento della nanorete.

Ai fini delle nano-antenne o nano-rectenne, Rong e il suo team affermano quanto segue : “Una delle maggiori sfide nelle nanogriglie centrate sul corpo è causata dallo stoccaggio di energia molto limitato di una nano batteria…Poiché le onde elettromagnetiche trasportano non solo informazioni ma anche energia, le nano-rectenne possono funzionare a frequenze THz e microonde, consentendo loro di funzionare durante la notte.

Poiché le onde elettromagnetiche trasportano non solo informazioni, ma anche energia (Varshney, LR 2008), le nano-rectenne possono condividere lo stesso segnale utilizzato per trasportare le informazioni all’interno delle nanoreti.
Di conseguenza, l’informazione wireless simultanea ed il trasferimento di potenza (SWIPT) diventa una tecnica fondamentale per alimentare le nanogriglie ed è una soluzione promettente per alimentare i colli di bottiglia…Un grande vantaggio della tecnica è che le nano-rectena proposte sono in grado di convertire un segnale EM in corrente continua senza alcuna alimentazione esterna del sistema.

Inoltre, la conversione energetica ottenibile raggiunge circa l’85% di efficienza“.

Queste affermazioni sono fondamentali per confermare che le onde elettromagnetiche EM, od in altre parole le microonde, servono a trasportare contemporaneamente sia energia che dati, e possono farlo nella banda THz compatibile con la rete wireless intracorporea.

Ciò conferma quanto è già stato spiegato in precendeza nello studio sulle reti di nanocomunicazione per le nanotecnologie nel corpo umano, già pubblicato su questo blog.

Questo fenomeno ambivalente di trasporto di energia e dati è noto con l’acronimo SWIPT, che ci permette di dedurre che le nano-antenne o nano-rectenne hanno questa proprietà.

Gli autori affermano infatti la sua capacità di convertire un segnale EM in corrente continua senza alcuna alimentazione esterna, con un’efficienza molto elevata, il che spiegherebbe perché è stata generata e probabilmente immagazzinata energia sufficiente per far funzionare la rete intracorporea.

Infatti, secondo (Zainud-Deen, SH; Malhat, HA; El-Araby, HA 2017) le nanoantenne con un diodo geometrico come il papillon (bowtie) od altro tipo poligonale, a base di grafene, non raccolgono solo energia dalle onde elettromagnetiche EM (microonde), possono farlo anche con lo spettro infrarosso (El-Araby, HA; Malhat, HA; Zainud-Deen, SH 2017 | 2018), garantendo un flusso costante di energia.


Nano-rectenne
Fig. 1. Nano-rectenna in composizione array e double bowtie, simile a quello trovato nei campioni del cosiddetto “vaccino” Pfizer analizzati dal Dr. Campra.

D’altra parte, (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) definiscono il concetto di rectenna come “una combinazione di un’antenna e di un dispositivo raddrizzatore, generalmente un diodo, con lo scopo di raccogliere energia in e verso i nanofili, in modo tale che le onde EM vengano ricevute da una nano-antenna e quindi accoppiate ad un raddrizzatore … questo rende possibile che siano utilizzate per raccogliere energia da THz e frequenze superiori.

Poiché le antenne di dimensioni nano operano nella banda THz, i loro diodi raddrizzatori associati hanno bisogno di una risposta veloce in modo che possano reagire correttamente al segnale in arrivo e fornire un segnale DC (Direct Current)…Il raddrizzatore può raccogliere energia dal segnale THz o dall’energia residua nell’ambiente“.

Tuttavia, è noto che le rectenne sono anche in grado di trasmettere e raccogliere energia e dati nella banda GHz come spiegato nel lavoro di (Suh, YH; Chang, K. 2002 |  Abdel-Rahman, MR; Gonzalez, FJ; Boreman, GD 2004).

A tal proposito va evidenziato anche il lavoro di (Khan, AA; Jayaswal, G.; Gahaffar, FA; Shamim, A. 2017), in cui si dimostra che le nano-rectenne sono in grado di raccogliere energia da radiofrequenze ambientali (RF) per cui impiegano diodi a tunnel, che consumano pochissima energia durante il processo di conversione in corrente continua.

Questi diodi a tunnel, conosciuti anche come diodi MIM (metal-insulator-metal), possono fornire una rettifica a polarizzazione zero, permettendo loro di operare su una gamma di frequenza di 2-10GHz, che permette loro di abbinare l’impedenza di ingresso.

Infatti, Khan ed il suo team affermano che “sebbene il vero vantaggio dei diodi MIM siano le alte frequenze (gamma THz), la loro capacità di rettifica a polarizzazione zero può anche essere utile per la ricezione e l’alimentazione wireless alle frequenze RF…La caratterizzazione di DC (corrente continua) ha indicato che il diodo MIM potrebbe fornire una reattività di polarizzazione zero di 0,25 V -1 con una discreta resistenza dinamica di 1200 (Ohm).

La caratterizzazione RF (Radiofrequenza) metallo-isolante-diodo-metallo è stata eseguita utilizzando due metodi : 1) misurazioni del parametro S (spessore della barriera del tunnel del diodo) da 500 MHz a 10 GHz e 2) rettifica RF a DC con polarizzazione zero.

I risultati dell’impedenza di ingresso presentati possono essere utili per l’integrazione di diodi MIM con antenne per applicazioni di raccolta.
La seconda parte della caratterizzazione RF ha verificato una rettifica da RF a DC di zero bias”.

In altre parole, i ricercatori confermano che le nano-rectenne possono funzionare in gamme di frequenza inferiori e persino a radiofrequenza, il che spiega che le rende il metodo ideale per alimentare le nano-reti wireless e  le loro applicazioni di connessione IoNT (Internet of NanoThings).


Nano-rectenne
Fig 2. : Schema circuitale di una rectenna con i suoi elementi base. (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018)

Tornando all’analisi di (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018), il suo lavoro affronta il confronto di due tipi di rectenne orientate per l’utilizzo in nano-reti intracorporee.

Una di queste è la nano-rectenna basata su nanotubi di carbonio, che corrisponde esattamente alle identificazioni osservate nei campioni del cosiddetto “vaccino” .

A questo proposito, Rong ed il suo team citano il lavoro di (Sharma, A.; Singh, V.; Bougher, TL; Cola, BA 2015) che hanno proposto le rectenne di CNT (Carbon Nanotubi) “composte da milioni di nanotubi che funzionano come nano-antenne, con le loro punte realizzate in Metallo Isolante (IM) in modo tale che posano comportarsi come diodi.

Le rectenne CNT hanno mostrato un grande potenziale per applicazioni di nanodispositivi centrati sul corpo e raccolta di energia EM wireless.

Questo potrebbe confermare che i nanotubi di carbonio e le nano-antenne plasmoniche osservate hanno lo scopo, fra gli altri, di fornire energia alla nano-rete installata con le diverse inoculazioni del cosiddetto “vaccino”, un aspetto che spiegherebbe la necessità di diverse “dosi” fino a completare  l’approvvigionamento energetico di base per il suo perpetuo mantenimento operativo.

Elaborando le rectenne di nanotubi di carbonio, si afferma anche che “quando i CNT assorbono radiazioni EM, una corrente continua verrà generata dopo la rettifica dall’area della punta.

Questa corrente convertita è usatata per caricare un condensatore.
Il processo di conversione in DC (Direct Current) viene effettuato utilizzando il segnale THz all’interno del sistema e l’ambiente EM libero, quindi la fonte di alimentazione di un tale generatore di nano-rectenna non necessita di un’altra fonte di alimentazione esterna specifica”.

Questo suggerisce che non sono necessari altri componenti per il funzionamento.


Nano-rectenne
Fig. 3 : Nano-rectenna formata da nanotubi di carbonio a parete multipla incapsulati in un sandwich di nanomateriali metallici. (Sharma, A.; Singh, V.; Bougher, TL; Cola, BA 2015)

Oltre alle nano-rectenne CNT,  (Rong, Z .; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018) le confrontano con la loro proposta principale, le “nano-rectenne bowtie, con due sezioni triangolari.

Lo spessore dell’antenna è di 100 nm, ed i nano-diodi, realizzati in grafene e situati al centro della zona di vuoto dell’antenna bowtie, producono l’azione della rectenna.

Inoltre, possono connettersi a formano un array o array nano-rettilineo.
L’antenna a dipolo a cravatta a farfalla riceve la radiazione EM e converte il segnale in flusso CA (corrente alternata) al nano diodo.
Il diodo poi rettifica la corrente alternata (corrente alternata) in corrente continua continua
“.

Questo confermerebbe il tipo di nano-antenne plasmoniche osservate nei campioni del cosiddetto “vaccino”, così come il materiale di grafene utilizzato come collegamento tra le loro sezioni triangolari, che coincide appunto con la presenza di grafene rilevata dal Dr. Campra nei cosiddetti “vaccini”.

Un altro dettaglio rilevante è che le nano-rectenne possono funzionare in una matrice od array.
Il che significa che migliaia di esse possono funzionare contemporaneamente, come confermano Rong ed il suo team : “
Poiché la potenza di uscita di una singola rectenna è 0,11 nW (circa), se utilizziamo un array di queste linee, la potenza e le dimensioni richieste dalla nano-rete possono essere soddisfatte… Più elementi collegati in serie possono aumentare la produzione di corrente e potenza”.

Tutto questo è dimostrato dal lavoro di (Aldrigo, M.; Dragoman, M. 2014) dal titolo “Graphene-based nano-rectennas in the far-infrared frequency band” dove i ricercatori spiegano che le nano-rectenne sono in grado di raccogliere il calore umano nella banda di frequenza dell’infrarosso, e che il modello proposto è incoraggiante “sia in termini di corrente rettificata da una singola nano-rectenna che di potenza rettificata da un macro-sistema che unisce migliaia di nano-rectenne”.

Questo non lascia più alcun dubbio sul fatto che le nano-rectenne non sono un componente isolato, ma sono in realtà più comuni e numerose di quanto si possa pensare.
Forse una dose del cosiddetto “vaccino” coinvolge migliaia o forse milioni di nano-rectenne, a seconda della sua scala.

L’articolo di Rong continua a fornire indizi molto rilevanti, questa volta in relazione alle rectenne CNT, indicando che la tensione di uscita generata dalla rectenna CNT è dell’ordine delle decine di millivolt…lo schema di accesso al canale per le comunicazioni sarà basato su impulsi di femtosecondi al nanofilo…le cifre 1 (del codice binario) vengono trasmesse utilizzando impulsi da 100 𝑓𝑠, questo è un impulso lungo, mentre le cifre 0 vengono trasmesse come silenzio…poiché il tempo di separazione tra bit adiacenti è 1000 volte la durata dell’impulso (Ts = 100ps), la potenza media tornerà al livello nW, quindi la potenza di uscita della rectenna CNT è in grado di soddisfare i requisiti di potenza del sistema (della nanorete).

Questa affermazione conferma quanto già riscontrato negli studi precedenti, le nano-reti operano con segnali TS-OOK per il trasferimento di pacchetti di dati (come discusso nei  seguenti post : reti di nanocomunicazione wireless interagenti con il corpo umano, sistema di routing CORONA per nanoreti di grafene nel sangue, nanorouters nei cosiddetti “vaccini” , Bit software : software di nanonetwork (o nanoreti) elettromagnetici) grazie alla sua semplicità e ridotti consumi energetici.

Inoltre conferma che i nanotubi di carbonio possono operare nella trasmissione di segnali e dati, nonché nella raccolta di energia, come era già stato risconstrato nello studio riguardo i nanopolpi e nanotubi di carbonio.


 
Nano-rectenne
Fig. 4. Impulsi TS-OOK che trasmettono il codice binario dei segnali ottenuti nelle nano-reti. (Rong, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. 2018)

Secondo i calcoli di Rong, per un dispositivo rectenna CNT, la tensione di uscita massima riportata è 68 mV e per un array rectenna bowtie a 25 elementi è 170 mV.

Pertanto, secondo lo studio (9), l’array di rettangoli bowtie fornisce più carica rispetto al rettangolo CNT…quando questi due dispositivi di rettangoli sono utilizzati per caricare lo stesso ultracapacitore (9nF), è evidente che il rettangolo CNT richiede più tempo (più di 6 minuti) a causa della sua resistenza di giunzione molto più alta.

Mentre per la rectenna bowtie, la resistenza è relativamente molto piccola, quindi ci vogliono solo circa 6 ms per fornire più energia al condensatore”.

Questa spiegazione è molto importante quando si confrontano i due tipi di rectenna per le nano-reti intra-corporali.
Le nano-rectenne bowtie array funzionano meglio di quelle basate sui nanotubi di carbonio, impiegando solo 6 millisecondi per caricare un nano-capacitore

Questo spiegherebbe la presenza di questi componenti nei campioni del cosiddetto “vaccino”, su micro e su nanoscala.

E’ inoltre rilevante l’allusione agli ultra-nanocondensatori utilizzati per eseguire il test di carico.
I condensatori sono dispositivi elettrici passivi in grado di immagazzinare energia mantenendo un campo elettrico.

Questo potrebbe far sorgere la domanda : dov’è l’energia immagazzinata nelle nano-reti intra-corporee ?

La risposta è molto semplice.
In un materiale riscontrato in modo assai abbondante e soprattutto riconosciuto in tutti i cosiddetti “vaccini”.
Il grafene stesso.

Infatti i nanofogli e le maglie di grafene possono funzionare da condensatori, come mostrato nel lavoro di (Bai, J.; Zhong, X.; Jiang, S.; Huang, Y.; Duan, X. 2010), perché  “i nanonastri di fogli di grafene con larghezze inferiori a 10 nm possono aprire un gap di banda sufficientemente grande per funzionare come transistor a temperatura ambiente“.

Questo è di fatto ciò che permette la generazione di un campo magnetico, per effetto della carica elettrica trasmessa dalle nano-rectenne.
Inoltre spiegherebbe il fenomeno delle braccia magnetiche (oltre che in altre parti del corpo) dopo l’inoculazione dei cosiddetti “vaccini”.

Osservando infatti la figura 5, è possibile vedere una nano-maglia diffusa (grafene) simile a quella della letteratura scientifica, che potrebbe agire come un condensatore.

In molti casi queste forme sono state trovate intorno a poligonali, oggetti quadrangolari e nano-antenne, il che sembra avere un senso nel fornire un residuo energetico per le nano-griglie.


Nano-rectenne
Fig 5. : Nei campioni del cosiddetto “vaccino” Pfizer, si osserva, sebbene sfuocata, una rete di grafene che sembra essere osservata attorno ai cristalli, ai nano-cubi ed alle strutture poligonali dove sono state trovate le nano-antenne. (Bai, J.; Zhong, X.; Jiang, S.; Huang, Y.; Duan, X. 2010)

Infine, tra le conclusioni, Rong e il suo team evidenziano quanto segue : “Insieme al continuo progresso della tecnica SWIPT (informazione wireless simultanea e trasferimento di potenza), la pionieristica CNT array rectenna e la bowtie array nano-rectenna aprono la porta all’alimentazione wireless dei nanosensori.

Questo perchè una nano-rectenna è in grado di alimentare nanosensori senza alcuna fonte esterna, ed inoltre la sua proprietà a banda larga consente alla rectenna di essere un modo molto efficiente e promettente per alimentare nanodispositivi impiantati nel corpo umano.

L’array rectenna di CNT è in grado di fornire con successo la potenza richiesta dalla nanorete wireless corpo-centrica umana, stimata a circa 27,5 nW.

Anche se le nano-antenne non possono fornire una tensione così alta rispetto a un nanogeneratore piezoelettrico, un array di nano-antenne bowtie è molto più efficiente producendo anche DC (corrente continua) direttamente dal segnale THz all’interno del sistema (il corpo umano) ed il segnale EM ambientale senza nessun’altra alimentazione esterna al sistema.

Questo sembra rendere chiaro che questo tipo di nano-antenne è quello più appropriato nel caso si vogliano installare nano-reti intra-corporee di nano-dispositivi e nano-sensori.

Non è quindi necessaria una deduzione molto acuta per comprendere che la presenza di nano-antenne plasmoniche nei campioni del cosiddetto “vaccino”, siano essi a forma di papillon, o di cubo, o di prisma, come è stato osservato, sono una chiara prova della presenza di nanotecnologie non dichiarate. 

Bibliografia

1.Abbasi, QH; Nasir, AA; Yang, K.; Qaraqe, KA; Alomania, A. (2017). Comunicazione cooperativa di nano-reti in vivo a frequenze terahertz. = Cooperative in-vivo nano-network communication at terahertz frequencies. IEEE Access, 5, pp. 8642-8647. https://doi.org/10.1109/ACCESS.2017.2677498

2.Abd-El-atty, SM; Lizos, KA; Gharsseldien, ZM; Tolba, A.; Makhadmeh, ZA (2018). Ingegneria delle comunicazioni molecolari integrate con nanotubi di carbonio in nanoreti di sensori neurali. = Engineering molecular communications integrated with carbon nanotubes in neural sensor nanonetworks. IET Nanobiotechnology, 12 (2), 201-210. https://ietresearch.onlinelibrary.wiley.com/doi/pdfdirect/10.1049/iet-nbt.2016.0150

3.Abdel-Rahman, MR; González, FJ; Boreman, GD (2004). Diodi metallo-ossido accoppiati ad antenna per rilevamento dual band a 92,5 GHz e 28 THz = Antenna-coupled metal-oxide-metal diodes for dual-band detection at 92.5 GHz and 28 THz. Electronics Letters, 40 (2), pp. 116-118. https://sci-hub.mksa.top/10.1049/el:20040105

4.Akyildiz, SE; Jornet, JM (2010). Reti di nanosensori wireless elettromagnetici = Electromagnetic wireless nanosensor networks. Nano Communication Networks, 1 (1), pp. 3-19. https://doi.org/10.1016/j.nancom.2010.04.001

5.Akyildiz, SE; Jornet, JM; Pierobon, M. (2011). Nanonetworks : una nuova frontiera nelle comunicazioni = Nanonetworks : A new frontier in communications. Communications of the ACM, 54 (11), pp. 84-89. https://doi.org/10.1145/2018396.22018417

6.Aldrigo, M.; Dragoman, M. (2014). Nano-rectenna a base di grafene nella banda di frequenza del lontano infrarosso = Graphene-based nano-rectenna in the far infrared frequency band. En: 2014 44th European Microwave Conference (pp. 1202-1205). IEEE. https://doi.org/10.1109/EuMC.2014.6986657https://sci-hub.mksa.top/10.1109/eumc.2014.6986657

7,.Bai, J.; Zhong, X.; Jiang, S.; Huang, Y.; Duan, X. (2010). Nano-mesh di grafene =  Graphene nanomesh. Nature nanotechnology, 5 (3), pp. 190-194. https://doi.org/10.1038/nnano.200.8  | https://sci-hub.mksa.top/10.1038/nnano.200.8

8.Balasubramaniam, S.; Boyle, NT; Della Chiesa, A.; Walsh, F.; Mardinoglu, A.; Botvich, D.; Prina-Mello, A. (2011). Sviluppo di reti neuronali artificiali per la comunicazione molecolare. = Development of artificial neuronal networks for molecular communication. Nano Communication Networks, 2 (2-3), pp. 150-160. https://doi.org/10.1016/j.nancom.2011.05.004

9.Bouchedjera, IA; Aliouat, Z.; Louail, L. (2020). EECORONA: Sistema di coordinate e di instradamento dell’efficienza energetica per le nanoreti = EECORONA: Energy Efficiency Coordinate and Routing System for Nanonetworks. En: International Symposium on Modelling and Implementation of Complex Systems. Cham. pp. 18-32. https://doi.org/10.1007/978-3-030-58861-8_2

10.Campra, P. (2021). Rilevazione del grafene nei vaccini COVID19 mediante spettroscopia Micro-RAMAN. = Detección de grafeno en vacunas COVID19 por espectroscopía Micro-RAMAN https://www.researchgate.net/publication/355684360_Deteccion_de_grafano_en_vacunas_COVID19_por_espectroscopia_Micro-RAMAN

11.El-Araby, HA; Malhat, HA; Zainud-Deen, SH (2017). Prestazioni diodo geometrico accoppiato a nanoantenna con radiazione infrarossa =  Performance of nanoantenna-coupled geometric diode with infrared radiation. En: 2017 34th National Radio Science Conference (NRSC) (pp. 15-21). IEEE. https://doi.org/10.1109/NRSC.2017.7893471https://sci-hub.mksa.top/10.1109/NRSC.2017.7893471

12.El-Araby, HA; Malhat, HA; Zainud-Deen, SH (2018). Nanoantenna con diodo geometrico per energy harvesting. = Nanoantenna with geometric diode for energy harvesting. Wireless Personal Communications, 99 (2), pp. 941-952. https://doi.org/10.1007/s11277-017-5159-2

13.Fahim, H.; Javaid, S.; Li, W.; Mabrouk, IB; Al-Hasan, M.; Rashid, MBB (2020). Uno schema di routing efficiente per nanoreti intracorporee che utilizza un algoritmo di colonia di api artificiali. = An efficient routing scheme for intrabody nanonetworks using artificial bee colony algorithm. IEEE Access, 8, pp. 98946-98957.   https://doi.org/10.1109/ACCESS.2020.2997635

14.Guo, H.; Johari, P.; Jornet, JM; Sun, Z. (2015). Modellazione del canale ottico intra-corpo per reti di nanosensori wireless in-vivo = Intra-body optical channel modeling for in vivo wireless nanosensor networks. IEEE transactions on nanobioscience, 15 (1), pp. 41-52. https://doi.org/10.1109/TNB.2015.2508042

15.Jornet, JM; Akyildiz, IF (2013). Nano-antenna plasmonica a base di grafene per la comunicazione in banda terahertz nelle nanoreti = Graphene-based plasmonic nano-antenna for terahertz band communication in nanonetworks. IEEE Journal on selected areas in communications, 31 (12), pp. 685-694. https://doi.org/10.1109/JSAC.2013.SUP2.1213001

16.Jornet, JM; Akyildiz, IF (2014). Modulazione basata sull’impulso lungo di femtosecondi per la comunicazione in banda di terahertz nelle nanoreti = Femtosecond-long pulse-based modulation for terahertz band communication in nanonetworks. IEEE Transactions on Communications, 62 (5), pp. 1742-1754. https://doi.org/10.1109/TCOMM.2014.033014.130403

17.Khan, AA; Jayaswal, G.; Gahaffar, FA; Shamim, A. (2017). Diodi metallo-isolante-metallo con rugosità superficiale sub-nanometrica per applicazioni di energy harvesting. = Metal-insulator-metal diodes with sub-nanometre surface roughness for energy-harvesting applications. Microelectronic Engineering, 181, pp. 34-42. https://doi.org/10.1016/j.mee.2017.07.003

18.Malak, D.; Akan, OB (2012). Nanoreti di comunicazione molecolare all’interno del corpo umano. = Molecular communication nanonetworks inside human body. Nano Communication Networks, 3 (1), pp. 19-35. https://doi.org/10.1016/j.nancom.2011.10.002

19.Nafari, M.; Jornet, JM (2015). Nano-antenna plasmonica metallica per la comunicazione ottica wireless in nanoreti intracorporee. In: Atti del 10° Convegno Internazionale EAI sul Body Area Networks = Metallic plasmonic nano-antenna for wireless optical communication in intra-body nanonetworks. En: Proceedings of the 10th EAI International Conference on Body Area Networks (pp. 287-293). https://doi.org/10.4108/eai.28-9-2015.2261410

20.Piro, G.; Boggia, G.; Grieco, LA (2015). Sulla progettazione di uno stack di protocollo per la raccolta dell’energia per Body Area Nano-NETworks =  On the design of an energy-harvesting protocol stack for Body Area Nano-NETworks. Nano Communication Networks, 6 (2), pp. 74-84. https://doi.org/10.1016/j.nancom.2014.10.001

21.Reed, JC; Zhu, H.; Zhu, AY; Li, C.; Cubukcu, E. (2012). Sensori di nanoantenna d’argento abilitati al grafene = Graphene-enabled silver nanoantenna sensors. Nano letters, 12 (8), pp. 4090-4094. https://doi.org/10.1021/nl301555t

22.Rikhtegar, N.; Keshtgary, M. (2013). Cenni sulle comunicazioni molecolari ed elettromagnetiche nelle nanoreti = A brief survey on molecular and electromagnetic communications in nano-networks. International Journal of Computer Applications, 79 (3). https://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.402.8701&rep=rep1&type=pdf

23.Ron, Z.; Leeson, MS; Higgins, MD; Lu, Y. (2018). Nano-reti centrate sul corpo alimentate da nano-Rectena nella banda terahertz = Nano-rectenna powered body-centric nano-networks in the terahertz band. Healthcare technology letters, 5 (4), pp. 113-117. http://dx.doi.org/10.1049/htl.2017.0034  | https://www.researchgate.net/publication/322782473_Nano-Rectenna_Powered_Body-Centric_Nanonetworks_in_the_Terahertz_Band  | https://sci-hub.mksa.top/10.1049/htl.2017.0034

24.Sharma, A.; Singh, V.; Bougher, TL; Cola, BA (2015). Rectenna ottica con nanotubi di carbonio = A carbon nanotube optical rectenna. Nature nanotechnology, 10 (12), pp. 1027-1032. https://doi.org/10.1038/nnano.2015.220

25.Sivapriya, S.; Sridharan, D. (2017). Protocollo MAC ad alta efficienza energetica per le nano-reti Body Centric (BANNET) = Energy Efficient MAC Protocol for Body Centric Nano-Networks (BANNET). ADVANCED COMPUTING (ICoAC 2017), 422.  https: //www.researchgate.net/profile/H-Mohana/publication/322790171 …

26.Suh, YH; Chang, K. (2002). Rectenna a doppia frequenza ad alta efficienza per trasmissione di potenza wireless a 2,45 e 5,8 GHz = A high-efficiency dual-frequency rectenna for 2.45-and 5.8-GHz wireless power transmission. IEEE Transactions on Microwave Theory and Techniques, 50 (7), pp. 1784-1789. https://doi.org/10.1109/TMTT.2002.800430  | https://sci-hub.mksa.top/10.1109/TMTT.2002.800430

27.Varshney, LR (2008). Trasporto simultaneo di informazioni ed energia = Transporting information and energy simultaneously. En: 2008 IEEE international symposium on information theoryhttps://doi.org/10.1109/ISIT.2008.4595260

28.Yang, K.; Bi D. .; Deng, Y.; Zhang, R.; Rahman, MMU; Alì, NA; Alomania, A. (2020). Una rassegna completa sulla comunicazione ibrida nel contesto della comunicazione molecolare e della comunicazione terahertz per le nanoreti incentrate sul corpo = A comprehensive survey on hybrid communication in context of molecular communication and terahertz communication for body-centric nanonetworks. IEEE Transactions on Molecular, Biological and Multi-Scale Communications, 6 (2), pp. 107-133. https://doi.org/10.1109/TMBMC.2020.3017146

29.Yang, K.; Pellegrini, A.; Munoz, MO; Brizzi, A.; Alomania, A.; Hao, Y. (2015). Analisi numerica e caratterizzazione del canale di propagazione THz per nanocomunicazioni body-centric. = Numerical analysis and characterization of THz propagation channel for body-centric nano-communications. IEEE Transactions on Terahertz Science and technology, 5 (3), pp. 419-426. https://doi.org/10.1109/TTHZ.2015.2419823

30.Zainud-Deen, SH; Malhat, HA; El-Araby, HA (2017). Miglioramento della raccolta di energia di nanoantenna accoppiata a diodi geometrici mediante trasmittanza. = Energy harvesting enhancement of nanoantenna coupled to geometrie diode using transmitarray. En: 2017 Japan-Africa Conference on Electronics, Communications and Computers (JAC-ECC) (pp. 152-155). IEEE.  https://doi.org/10.1109/JEC-ECC.2017.8305799https://sci-hub.mksa.top/10.1109/JEC-ECC.2017.8305799

31.Zhang, R.; Yang, K.; Abbasi, QH; Qaraqe, KA; Alomania, A. (2017). Caratterizzazione analitica della nanorete in-vivo di terahertz in presenza di interferenza basata sullo schema di comunicazione TS-OOK. = Analytical characterisation of the terahertz in-vivo nano-network in the presence of interference based on TS-OOK communication scheme. IEEE Access, 5, pp. 10172-10181. https://doi.org/10.1109/ACCESS.2017.2713459

Studio originale : Encontrada evidencia que confirmaría la teoría de las nanorredes centradas en el cuerpo humano : nano-rectenas

Traduzione e rielaborazione di Veronica Baker



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page