Mobbing. Come resistere

Pubblicato il 2 Marzo 2019 da Veronica Baker

Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere.

Bertolt Brecht


Mobbing. Come resistere
Semplice gusto nel far del male ad un altra persona…

Con la parola inglese “mobbing” si indica una pratica consistente in abusi psicologici impartiti ad una persona indesiderata.

Il termine è stato coniato agli inizi degli anni settanta dall’etologo Konrad Lorenz1 per descrivere un particolare comportamento di alcune specie animali che circondano un proprio simile e lo assalgono rumorosamente in gruppo al fine di allontanarlo dal branco.

Nei paesi di lingua inglese viene in realtà usato il termine “harassment” (molestie domestiche o sul lavoro), oppure “abuse” (maltrattamento) od ancora “intimidation”.

Il significato (in italiano) di mobbing è dunque il prodotto di una traduzione errata del termine originale.

I motivi della persecuzione possono essere i più svariati.

Invidia, razzismo, diversità religiosa o culturale rispetto al gruppo prevalente, carrierismo sfrenato.
Oppure semplice gusto nel far del male ad un altra persona.

Una violenza psicologica che a poco a poco diventa insopportabile.
Si comincia con un saluto negato, battute che sono insulti, scherzi troppo pesanti.

Ed alla fine l’ansia diventa insopportabile.

Regole da seguire per chi subisce mobbing

Avere pazienza.
La prima regola da seguire.
Il viaggio contro il mobbing è lungo, duro e difficile, occorre organizzarsi ad una dura lotta.

Non cedere allo scoramento ed alla depressione.

Non andarsene subito.
La prima cosa alla quale si pensa è quella di fuggire e di liberarsi dalla situazione stressante.

Non pensare di essere gli unici.
Organizzarsi per resistere.

Raccogliere la documentazione delle vessazioni subite.
E’ necessario documentare nel modo migliore possibile le azioni mobbizzanti messe in atto.

Trovare amici (o colleghi, nel caso di rapporto di lavoro) disposti a testimoniare.

Tenere un diario di ogni azione mobbizzante contenente data, ora, luogo, autore, descrizione, persone presenti, testimoni.

Tenere un resoconto delle conseguenze psico-fisiche sul vostro organismo delle azioni mobbizzanti.
Il mobbing fa infatti ammalare.

Non isolarsi.
Occorre coltivare ancora di più le proprie relazioni sociali.

Potenziali vittime di mobbing

Sono le persone che hanno una grande personalità.
Coloro che ancora possiedono sia valori, sia una forte etica.

Il loro carattere molto forte infatti le rende rigide e ferme sulle loro posizioni soprattutto quando l’integrazione (o l’adattamento) al sistema significa esclusivamente corruzione.


Note

1 Konrad Zacharias Lorenz (Vienna, 7 novembre 1903 – Altenberg, 27 febbraio 1989) è stato uno zoologo ed etologo austriaco, premio Nobel nel 1973. È considerato il fondatore della moderna etologia scientifica.



BannerVeronica 1


 

You cannot copy content of this page