Manuale di sopravvivenza (per il piccolo imprenditore)

Pubblicato il 2 Gennaio 2022 da Veronica Baker

L’abolizione del contante è il più terribile ed efficace strumento per ridurre ogni individuo alla mercè di chi detiene il potere.

Veronica Baker


Manuale di sopravvivenza (per il piccolo imprenditore)

Melissa Ciummei spiega l’intero schema delle cosiddette élite delineando i punti chiave più importanti.

Il Grin Kaz non è un passaporto “vaccinale”, ma è un identificatore digitale globale.
Nelle intenzioni delle elite sarà l’ID completo con poi sarà possibile controllare ed eventualmente escludere dalla società una persona tramite un semplice clic.



Un piccolo imprenditore in alcun modo non deve rispettare alcuna misura richiesta dal governo.
Naturalmente gli stati minacceranno salate multe.
Che però sono illegali.

Una situazione del genere è quella che sta succedendo proprio in questi giorni in Belgio.



Belgio : teatri, cinema e sale da concerto ignorano l’ordine del governo di chiudere !

Niente di simile a quello che è successo negli ultimi giorni in Belgio è stato sperimentato in precedenza.

Qui si parla apertamente di “disobbedienza civile”, perché molti gestori di teatri, cinema e sale da concerto si rifiutano semplicemente di obbedire all’ordine del governo di chiudere i locali.
Il tutto tra gli applausi del pubblico.

Il governo e le regioni vorrebbero “assicurarsi” che gli ordini siano rispettati.
Ma allo stesso tempo stanno cercando colloqui con una delegazione di organizzatori di eventi culturali.
Questi ultimi, a loro volta, minacciano di denunciare il governo alla Corte Suprema.

Un esempio che mostra in modo impressionante la strada che deve essere seguita.
Occorre solo un po’ di coraggio, un accordo fra diversi operatori del settore, la volontà di rifiutarsi a rispettare degli ordini “canaglia” del governo.

L’effetto domino è immediato, e le autorità immediatamente impotenti.

La stessa cosa sta succedendo anche in Olanda, dove ormai migliaia di persone sono consapevoli della situazione e non obbediscono più agli ordini criminali dei politici venduti all’NWO.




Anche se poliziotti che hanno solo “eseguito gli ordini” (incostituzionali) nel frattempo hanno distribuito un po’ di dittatura “per il bene comune”… ed un po’ di repressione “per la salute della nazione”.




Anche in Germania la gente è scesa in piazza in massa.
Certo, se aspettate di vedere tutto questo alla TV…state freschi.



E questa è Madrid oggi.



Ed anche in Australia, dove una grande folla di sostenitori si è radunata per mostrare il loro sostegno ad un coffee shop della Gold Coast preso di mira dalla polizia per il “non rispetto delle regole del Grin Kaz”.



Tornando al tema principale, il piccolo imprenditore deve assolutamente opporsi ad ogni costo.
Altrimenti il suo business scomparirà in breve tempo.

Le cosiddette elite vogliono che le piccole imprese siano totalmente sradicate.
Infatti per mettere in atto il “loro” Great Reset è necessario prima che tutta la popolazione sia dipendente in un qualche modo dallo stato.



Alla luce del contenuto dell’intervista a Melissa Ciummei, aggiungo inoltre le mie riflessioni a riguardo su quello che già da tempo ho definito totalitarismo bancario.
Mi stupisce davvero che vengano fuori solo adesso, quando in realtà il processo è evidente da anni ed anni.
Ed ora siamo solo alle battute finali.


Aprile 20, 2012


La nostra vita appesa ad un click

Manuale di sopravvivenza
Con il pretesto dell’interesse generale si può giustificare qualunque cosa…

L’abolizione del contante è il più terribile ed efficace strumento per ridurre ogni individuo alla mercè di chi detiene il potere.

Secondo certe teorie dovremmo farci inserire dei microchip per sapere in ogni momento dove ci troviamo.

In fondo se uno non ha nulla da nascondere cos’ha da temere ?
Se qualcuno è contrario vuol dire che è un delinquente.

Dovremmo accettare che le nostre conversazioni siano tutte intercettate e registrate.

In fondo se uno non ha nulla da nascondere perchè rifiutarsi ?
Chi si rifiuta è sicuramente un criminale.

Dovremmo accettare di essere sottoposti al controllo di una macchina che legge il pensiero.

Chi non accetta vuol dire che ha pensieri “sovversivi”, e quindi socialmente pericoloso.

Se fossero valide lo sarebbero anche per controllare i movimenti di ogni singola persona, la sua dieta, le sue letture, le sue amicizie.

Con il pretesto dell’interesse generale si può giustificare qualunque cosa.
Ed a chi sostiene che l’abolizione del contante riduca i reati e soprattutto la corruzione vorrei aprire gli occhi con due esempi.

Lo spacciatore di droga chiede il pagamento dello scontrino in un certo locale dove la consumazione costa 30 €.
Naturalmente il locale appartiene all’organizzazione criminale che in tal modo pulisce anche il denaro.

Il pagamento di denaro per tangenti può benissimo avvenire attraverso società di consulenza fittizie.
La moglie apre uno studio di consulenza aziendale dove vengono pagati i soldi delle tangenti, con tanto di regolare emissione di fattura.

Quelli che sostengono l’utilizzo esclusivo della moneta elettronica sono semplicemente dei fessi.
Auguro loro di trovarsi sotto una dittatura senza denaro, in cui anche acquistare un caffè dipenderà dalla bontà di chi comanda.

Diverrebbe impossibile acquistare o vendere qualsiasi merce.
La nostra vita sarebbe appesa ad un click.

Se non si capiscono queste implicazioni, o se si sostiene che in questo momento viviamo in democrazia e che la dittatura non tornerà mai, vuol dire proprio avere perso il lume della Ragione.


Una sorta di manuale di sopravvivenza del piccolo imprenditore (o per chiunque abbia un’attività indipendente) riassunto in pochi – ma salienti – punti.

Manuale di sopravvivenza
Esplorare le opportunità nel mondo…

Fare impresa esclusivamente con fondi propri

Senza alcun tipo di aiuto da parte delle banche l’impresa creata é sana sin dall’inizio e non vengono sperperati fondi che causano solo alte spese di interessi passivi.

Una piccola impresa che non si serve di nessuna banca per il proprio business  risparmia almeno dai 1000 ai 10000 € (o $) minimo l’anno.

Farsi pagare in anticipo se si vende un prodotto

Se invece si vende un qualsiasi tipo di servizio farsi pagare alla fine del lavoro od al massimo a fine giornata.

Le perdite devono essere vicine allo zero.

Far uso di professionisti esclusivamente lo stretto necessario

Informarsi personalmente studiando da soli tutte le leggi e novità che ormai si trovano facilmente su internet e pagare i professionisti solo per consulenze mirate e soprattutto specifiche.
Inoltre dedicare almeno un paio di giorni al mese allo studio delle normative e soprattutto delle leggi che riguardano il proprio business.

Diversificazione

Manuale di sopravvivenza
Le perdite devono essere vicine allo zero…

L’elasticità del proprio business e la mobilità da un settore all’altro sono decisamente importanti in un mondo che brucia sempre più velocemente modelli vincenti anche a discapito di novità altamente discutibili, ma che attirano l’attenzione della potenziale clientela.

Se ti mancano alcune di queste caratteristiche, il tuo business è a rischio.
Ma non ti lamentare se le cose andranno sempre peggio.
Basta con gli imprenditori che poggiano il proprio business con i soldi degli altri.

Invito tutti a farcela con i propri mezzi ed a chiudere tutti i conti passivi con la propria banca.
I prestiti delle banche non servono per fare piccola impresa.
Ma servono solo a dare una visione distorta del proprio business.

Chi ha un’impresa sana non ha certamente bisogno dei loro fondi.

Inoltre, quando possibile è consigliabile utilizzare anche le seguenti accortezze :

Mai acquistare qualcosa che non può essere pagato subito
Non avere debiti significa non dover sottostare a ricatti da parte di banche, finanziarie o creditori vari.

Mai offrire garanzie personali come fidejussioni ad avvallo di operazioni societarie
La protezione del patrimonio personale (piccolo o grande che sia) deve essere sempre alla base della propria sopravvivenza economica e del proprio benessere.

Mai sposarsi in comunione dei beni
Un must soprattutto per gli imprenditori.
Inoltre prepararsi sempre psicologicamente al peggio prima di iniziare qualsiasi attività.
Prevenire è meglio di curare.

Investire sempre una parte del proprio capitale in beni di rifugio.
Sempre meglio essere prudenti e tenere un fondo per le emergenze.

Esplorare le opportunità nel mondo
Rimanere legati ad un territorio instabile economicamente non è solo da stupidi, ma proprio da masochisti.
Naturalmente occorre operare sempre in accordo alle leggi (sia locali che internazionali) del nuovo paese in cui si va a risiedere, possibilmente facendosi seguire sempre da professionisti locali o internazionali.

Avere sempre più di un’idea imprenditoriale, investendo in più settori.
Occorre avere sempre a disposizione un eventuale piano B di uscita nel caso gli eventi non andassero nel verso giusto.



You cannot copy content of this page