Manuale del perfetto gatekeeper

Pubblicato il 14 Gennaio 2021 da Veronica Baker

Le bugie, ragazzo mio, si riconoscono subito !
Perché ve ne sono di due specie.

Vi sono le bugie che hanno le gambe corte.
E le bugie che hanno il naso lungo.

Carlo Collodi


Ricordo :

I Gatekeeper servono per monopolizzare e guidare il dissenso.
Ponendo l’attenzione su certi temi, ma omettendone altri.

E proponendo determinate soluzioni (utili alla elite od innocue per la medesima).

Le principali funzioni ed i metodi dei Gatekeeper sono :

Mischiare verità e menzogna.

Naturalmente ciò viene fatto per confondere il lettore in modo tale che non riesca a capire quali siano i dati reali e quali quelli falsi.

Screditare un dato reale mischiandolo a falsità spesso talmente palesi da risultare ridicole.
Oppure screditare un dato reale omettendo le prove migliori ed adducendo come prove fatti insensati od irrilevanti.

Questa tattica serve più che altro a porgere il fianco ai Debunker e ad allontanare dalle teorie non ufficiali gran parte delle masse.
In questo modo ben presto hanno l’impressione che si tratti di una marea di panzane sostenute solo da pazzoidi.

Far finire i lettori in un “binario morto”.

La loro ricerca deve andare a vuoto e/o le loro deduzioni risultare errate, poichè basate su dati in parte falsi.

Inserire sempre una certa percentuale di verità scomode nei loro libri/film/conferenze.

Questo serve a dare loro credibilità verso i lettori.
Se raccontassero solo bugie palesi nessuno li leggerebbe.
La vecchia tattica della “Polpetta Avvelenata”.

Inserire subdolamente nelle loro opere idee e valori affini alla elite senza menzionarne le fonti reali.

Gli esempi più comuni sono l’inserimento di elementi tratti da new age, finto-ambientalismo, transumanesimo.
Oppure delineare come soluzione un qualcosa che somiglia troppo alla realtà proposta dalla elite stessa degli Illuminati, chiamata solo in modo diverso e descritta come una meravigliosa Utopia.

Hanno la funzione di “Leader di movimento/guru/messia”.

Compattano gran parte del dissenso contro gli Illuminati nelle loro fila.
In questo modo permettono alla elite di manipolarlo come un vero e proprio Movimento.
E quindi di indirizzarlo su binari prestabiliti utili ai loro piani.

Ciò fa anche in modo che le persone siano indotte non tanto ad indagare per conto proprio.
Ma aspettino le rivelazioni del loro “Leader”, uniformando la loro visione alla sua, scoraggiando il pensiero critico e nel contempo rendendo le persone più facilmente manipolabili.

Indicano come movimenti di resistenza alle elite o comunque positivi dei movimenti creati dagli stessi Burattinai.

Infatti solitamente commettono grossolani errori su alcune tematiche.
Oppure ne omettono altre decisamente importanti, che difficilmente possono essere imputati ad una semplice ignoranza.
Questo è il motivo per cui occorre valutare sempre se l’accuratezza di certi dati e la loro qualità differisce troppo marcatamente da quella su altri dati da loro proposti.

Inoltre, se in un qualche modo li si riesce ad avvicinare e gli si fa notare uno dei “grossolani errori” o un tema in cui propagandano l’ideologia della elite (chiaramente portando tutte le prove di ciò), danno risposte evasive.
Ed in seguito continueranno imperterriti senza modificare le idee divulgate.

Talvolta proporranno un’alta percentuale di verità mista a qualche menzogna.
Ovviamente nel corso del tempo aumentano sempre più la percentuale di menzogne.
Oppure hanno un brusco cambiamento (in negativo) su alcune questioni (senza apparente motivo) in seguito ad accordi di marketing.

Nel prossimo post – anche questo di qualche anno fa – analizzerò il comportamento di un personaggio assai noto del settore.


1 Luglio, 2015


Se si vuole comprendere a fondo la figura del gatekeeper, non si può omettere lo studio della figura del più celebre gatekeeper italiano che da anni ed anni sta insozzando il panorama internettiano : Uriel Fanelli.

Al cui cospetto gli elementi che in passato per anni hanno frequentato questo sito (ed i precedenti) con il medesimo scopo come ad esempio Camelot (alias Al2011 o Al2012 o Dr.Mouse o A Horse with No Name, ribattezzato da me “Avvocatello”). Fennec Fox, Gingerino, MisteryGirl, e soprattutto Michele Nista (a volte Michele Brambilla) sicuramente sfigurerebbero.
E non poco.

Il suddetto Fanelli infatti da più di un decennio sta applicando alla lettera il manuale del perfetto Gatekeeper.
E sicuramente nel fare questo è davvero ben pagato, visto lo stile personalissimo, la varietà degli argomenti trattati, e la apparente competenza nel trattarli.

Doti che sono purtroppo sufficienti per riuscire a confondere la stragrande maggioranza dei lettori.
E di conseguenza riuscire ad indirizzarne l’opinione allontanandoli dalla verità dei fatti.

Questo è il celeberrimo manifesto in cui il Fanelli fa finta di fare coming-out a favore del sistema.
Ma i pochi che capiscono come funziona DAVVERO l’intero sistema – e che soprattutto possiedono realmente la SPIRITUALITA’ INTERIORE per poter pienamente apprendere questo modo di fare avvelenato – non hanno difficoltà a trovare nei suoi scritti tutti gli ingredienti necessari per essere un perfetto Gatekeeper.


Ricevo, con cadenza regolare, email dove mi chiedono che fine abbia fatto la “teoria della montagna di merda” che avevo scritto anni fa per suggerire un approccio vivibile a tutte le porcherie tipo “signoraggio”, “motore di Schietti”, e tutte le altre minchiate che si incontrano su Internet oggi.

Non la ricordo a memoria, ma possedendone i concetti, posso ri-enunciarla oggi, per chi continua a richiederla.

Dunque, partiamo da un’ipotesi di lavoro.

Centomila milioni di scimmie che battono a casaccio su una tastiera finiranno, se battono per abbastanza tempo, per scrivere il miglior romanzo della storia.
L’opera assoluta.

Questa cosa sembra confortante.

Quasi un invito a consentire a milioni di scimmie di scrivere su una tastiera.
Il guaio è che l’enunciazione non parla degli effetti collaterali.

Centomila milioni di scimmie che battono a casaccio su una tastiera produrranno sì il miglior romanzo della storia, ma produrranno anche una catastrofica, cataclismica, gigantesca, sterminata,

MONTAGNA DI MERDA.

E questo e quanto sta accadendo oggi al mondo democratico, diretto dalla “gente”.
Nel momento in cui essi erano limitati e potevano solo leggere i mass media, o potevano solo ascoltarli, tutto andava bene, o quasi.
Erano comunque delle elite che battevano sui tasti, e anche se non era sicuro che avrebbero scritto il migliore romanzo della storia, era comunque garantita una certa qualità.

Quando le scimmie iniziarono a battere sui tasti, ed il problema sembrava quasi approcciabile, ci furono persone, dette “debunkers” , che iniziarono a contestarli.
Persone come Attivissimo, Piero Angela o altri, che si misero in mente che, rimboccandosi le maniche, si poteva informare correttamente chiunque su tutto.

C’era un errore di base in questa idea di debunking, ed era molto semplice.
Chi si proponeva di informare meglio aveva studiato.
Chi andava informato no.

E l’ipotesi ottimistica dei debunkers era che bastasse informare per capire.
Che è la stessa idea dei ciarlatani, che dicono sempre la stessa cosa : “informatevi”.
Senza nessuno che dica loro: no, informarsi non serve ad un cazzo, quel che serve è studiare.

Ma specialmente, senza nessuno che faccia notare loro che informarsi dentro una montagna di merda prodotta da scimmie che battono a casaccio serve solo a leggere merda.
Ovvero, a niente.

Questa è la ragione per la quale non mi metto MAI a debunkare le minchiate delle scie chimiche, del signoraggio, degli alieni, e tutte le altre stronzate, e se preferite, più analiticamente :

Il fattore economico, ovvero: per battere un ciarlatano occorre un esperto.

Quando tutte le scimmie battono stronzate, se volete smentirle dovete chiamare un esperto.
Il guaio è che milioni di scimmie che scrivono stronzate lo fanno volontariamente e gratis.
L’esperto invece vi costa.

Anche se aveste un esperto qualificato per ogni scimmia, la differenza di costo renderebbe più economico riempire internet di merda, di quanto non sia economico ripulirla.

Come se non bastasse, la scimmia incompetente non accetta di essere smentita da una scimmia sua pari.
No : vuole un esperto, (e se l’esperto smentisce poi si discute dell’esperto), e il motivo per cui lo fa è che sa bene che un esperto costa molto più di lui.

Il fesso che sta ammorbando la internet italiana con le scie chimiche non accetta che una persona qualsiasi dica “stronzate”, lui pretende che si creino costosissime commissioni parlamentari, pretende i massimi esperti di aviazione, chimica, fisica, metereologia.

Questo è ovvio : lui , che si dedica alle stronzate 24/7, puo’ apparire in TV al semplice gettone di presenza, mentre un esperto, oltre ad essere più costoso, ha anche altro da fare nella vita.
Per esempio, andare al lavoro.

Se un ciarlatano vi parla di scie chimiche, e voi tirate in ballo un esperto di aereonautica, lui ribatte con la percentuale di bario.
E allora vi serve un esperto di misurazioni chimiche dell’atmosfera.

Se anche voi faceste notare che per mettere tutto quel bario in tutta quell’atmosfera non basta la produzione mondiale di bario, loro tiraranno in ballo numeri che la moltiplicano per mille.
E allora voi dovrete portare in campo un esperto di mineralogia e di mercato delle commodities.

Ma appena questo sarà sputtanato, tirerà fuori l’osmosi e la fusione nucleare che produce bario.
Allora avrete bisogno di un fisico nucleare, il quale vi dirà che il bario si usa nella fissione per i reattori ma non nella fusione.

Allora – sempre la stessa persona – tirerà in ballo Tesla e l’energia gratis, e vi toccherà portare in campo uno storico della scienza che conosca i lavori di Tesla.

Ma a parlare di tutte queste materie e’ sempre e solo UNA persona.
Questo significa che, mentre per essere smentito chiede SEMPRE il maggior esperto del mondo, il ciarlatano – senza essere esperto di nulla – spazia tranquillamente fra decine e decine di campi del sapere.
Questo moltiplica a dismisura la quantità di costi che servono per il debunking.

L’asimmetria nei costi è evidente: avete bisogno di una intera squadra di esperti per debunkare un solo tizio che non è esperto in nessuno dei campi che cita.
E lui salterà di palo in frasca di continuo, dalla fisica quantistica a tesla alla fisica atmosferica ai buchi neri alla neurologia, senza porsi alcun limite.

Perchè queste scimmie battono sui tasti ?
Perchè si convincono di essere spiate dagli alieni ?
Perche’ si comprano l’ “acqua diamante” ?
Perche’ credono nel complotto contro l’umanita’ ?

Semplice.
Perchè la loro vita è andata a puttane.

Si tratta di quelli che si definiscono “underachiever”, persone la cui esistenza non ha concluso niente.
Persone infelici di un’esistenza che non ha sbocchi di soddisfazione, frustrante, povera, vuota.

Manuale del perfetto gatekeeper
Complotto o realtà ?

Il motivo per il quale aderiscono a queste teorie, il motivo per il quale se ne fanno essi stessi portatori, è che se togliete il grande complotto, se togliete le multinazionali malvagie, se togliete gli alieni, le scie chimiche, il signoraggio, l’euro, questi poveretti non possono più giustificare, prima di tutto con sè stessi, il proprio fallimento, economico ed esistenziale.

Non possono giustificare la moglie fuggita con qualcuno se non con il complotto dei gay contro la famiglia, perchè è l’unica scusa che non dice “sei un uomo da poco”.
Non possono spiegare a sè stessi il proprio fallimento economico se non con il grande ordine mondiale del Bildberg (errore VOLUTO e ripetuto, N.d.A.), perchè altrimenti dovrebbero dire “perchè non so fare niente per cui qualcuno mi pagherebbe”.

La forza che li spinge a credere in queste cose è la necessità di convivere col proprio fallimento.

La forza che li spinge a farsi apostoli di queste teorie è il desiderio di fare in modo che gli altri credano alla stessa giustificazione che si danno loro.

Quindi non vi illudete : arriveranno sempre all’attacco.
Non si fermeranno mai.
Niente spinge un uomo in avanti quanto un fallimento alle spalle.
Esaurirete le energie molto prima di loro.

Allora come fate con questi elementi?

Fate così : ammettete tutto.

Si, voi siete membri di questa cosa delle scie chimiche.
Gli mostrate pure la tessera. (se li avete in ufficio, bastano pochi euro per stamparsene una online).
Voi siete parte del Bildberg e siete dalla loro parte.

Perchè volete dominare il mondo ?
Perchè la classe politica è fatta di Gasparri.
E che cazzo, è chiaro che se il grande complotto, della durata di migliaia di anni, condotto con intelligenza sovrumana, su decine di piani diversi e su scala globale, prendesse il posto di Gasparri, il mondo ne gioverebbe.

Perchè volete che gli alieni invadano il mondo ?
E’ ora che il genere umano si evolva e mediante innesti genetici diventi piu’ simile agli alieni.

Perchè non volete che si sappia del motore ad energia gratis di Schietti ?
Il metanodotto è un amico sincero. (R)(Daw).
Dobbiamo apprezzare il metanodotto.
Dobbiamo imparare ad AMARE il metanodotto, perchè lui ci ama.
Non vedi le bollicine di gioia quando ti avvicini ?

Ammettetelo.
Ditegli che il complotto fa bene a fare quel che fa.
Che fanno bene a fare le schie chimiche.
Che il New World Order sarà meraviglioso.

E che il Bilderberg sta lavorando per il bene del genere umano.
Che siete parte del complotto gay contro la famiglia perchè la famiglia é una cagata pazzesca.

CONFESSATE.
VI HANNO SMASCHERATO.

Ma non dovete farlo per scherzo.
Dovete farlo parlando seriamente.
Dovete davvero difendervi da ogni accusa dicendo che il Complotto fa bene a fare ciò che fa.

Miracolo a Milano
Miracolo alle spalle del Duomo…

Non dovete negare che lo faccia, dovete solo dire che fa bene a farlo.
Che è giusto così, e che voi date il vostro contributo come potete.

E’ il momento in cui si sgonfiano.
Il momento in cui si rendono conto che  non possono più rubarvi energia.
Questo finisce.

E loro non sanno come rispondere, perchè dentro di loro sanno che sono palle, ma specialmente, di fronte alla domanda “ok, è tutto vero. E adesso che fai”? scoprono come la loro “lotta” non serva assolutamente a nulla, se non a giustificare i loro fallimenti personali.

E la montagna di merda si sgonfia.

E se ne avete attorno e dovete levarveli di dosso, è la maniera migliore.
Anche perchè, non appena si rendono conto di avere di fronte un vero rappresentante del Complotto , si rendono conto che hanno sempre dato per scontato che non ne avrebbero mai incontrato uno di persona.

E realizzeranno che non sanno cosa fare nel caso.

Ovvero, che stanno solo strillando al vento.



No, caro Ivan, pardon Uriel.
Non tutti sono come te così avidi da vendere la propria anima (al “Demonio”, come affermi nella tua “biografia”) per fama e denaro.
Anche se almeno il 95% della gente di questo pianeta farebbe esattamente come te.

Di personaggi come te ne ho avuti purtroppo intorno a decine (la tua pseudo biografia è per me assai significativa, visto che conosco il vostro ambiente molto meglio di quanto pensi), e delle vostre lusinghe mi sono sempre fatta beffe.

Non ho mai voluto avere successo.
Nè fare carriera in questo modo.

Nonostante il mio talento sia in ogni campo anni luce superiore al tuo.

Ma ho scelto di essere LIBERA.

E questo sito a te – ed alla gente come te – è sempre stato terribilmente sulle palle.
Non solo perchè vero e reale.

Ma soprattutto perchè scritto e gestito da una persona che mai e poi mai si piegherà ai diktat degli STRONZI come te.
E che quindi da sempre ha compreso molto in anticipo le intenzioni di chi sin dall’inizio ti muove come una pedina.
Anche se – sinceramente – non ci voleva certo molto per capirlo.



44


You cannot copy content of this page