L’inferno dei vaccinati

Pubblicato il 11 Gennaio 2022 da Veronica Baker

Proprio noi “no-vax” – che da lungo tempo siamo dileggiati da coloro che stanno ancora credendo alla propaganda governativa, e che continuiamo a subire ricatti da parte dei nostri politici – dobbiamo tendere una mano ed aiutare tutti coloro che sono stati inoculati dei cosiddetti “vaccini”.

Perchè in questo momento hanno veramente bisogno del nostro aiuto.

Veronica Baker


L’inferno dei vaccinati

I mass media li chiamano “malori improvvisi”.
Bambini, adolescenti, giovani, padri o madri di famiglia che se ne vanno per sempre lasciando compagno/a e figli, soli e senza un perché.

Nessuno si ricorderà mai di loro.
Soprattutto lo stato canaglia se ne dimenticherà immediatamente.

Si perderanno le tracce nel tempo.
Memorie sbiadite di quando un cosiddetto “siero” fu introdotto al fine di uniformarsi alla genocida Agenda 2030.

Mi ricorderò per sempre di tutti voi, scrivendomi tutti i vostri nomi.
Alla fine questo mio sito internet diventerà il ricordo della follia collettiva che ha colto in questi ultimi due anni l’intera umanità.

E spero che alla fine sia possibile possano usare per l’ultima volta queste parole :

Never again.

Ecco due delle centinaia di esempi che potrei portare.


L'inferno dei vaccinati


L'inferno dei vaccinati


L’inferno dei giovani cosiddetti “vaccinati” a Pordenone tenuto nascosto dall’omertà infame di medici ed operatori sanitari.
Ascoltate bene le parole di questa testimonianza, ed agite localmente in ogni parte del paese.



Qualcuno proveniente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri è venuto a navigare nel mio sito.
Possibile che ancora ignori quello che sta accadendo intorno a noi ?


Screenshot 2022 01 11 at 13 10 39 7 herowndestiny com Visitors Clicky


Screenshot 2022 01 11 at 13 10 54 6 herowndestiny com Actions Clicky


Screenshot 2022 01 11 at 13 11 29 6 herowndestiny com Actions Clicky


“Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli – ha annunciato il suo portavoce Roberto Cuillo – si è spento alle ore 1.15 dell’11 Gennaio presso il CRO di Aviano (PN) dove era ricoverato.
Nelle prossime ore verrà comunicata data e luogo delle esequie“.

Il decesso di David Sassoli  a causa di una grave complicanza del sistema immunitario ha indubbiamente scosso l’opinione pubblica di tutto il mondo.
Ma ancora una volta, secondo i massmedia del mainstream, è stata esclusa alcuna correlazione con i cosiddetti “vaccini”.

E soprattutto, immediatamente mi è venuta spontanea una domanda :

“Perchè è stato ricoverato all’ospedale militare di Aviano, noto per essere una struttura di ricerca americana ?”

Per poter insabbiare facilmente le cause reali del decesso, come nella migliore tradizione italiana, il primo pensiero.
Ma una seconda ipotesi appare decisamente più inquietante.


Oncomir, microRNA associato ad un tumore

Solo una strana coincidenza (così come l’altro anagramma Moronic), oppure è un altro tassello in questo tentativo di distruzione della intera Umanità ?
Solo il tempo ce lo dirà.

nucleotide
Un nucleotide è l’elemento base degli acidi nucleici. RNA e DNA sono polimeri formati da lunghe catene di nucleotidi. Un nucleotide consiste in una molecola di zucchero (ribosio nell’RNA o desossiribosio nel DNA) attaccata a un gruppo fosfato e a una base contenente azoto. Le basi usate nel DNA sono adenina (A), citosina (C), guanina (G) e timina (T). Nell’RNA, la base uracile (U) prende il posto della timina.

Un oncomir è un microRNA che è associato ad un tumore.
I microRNA sono brevi molecole di RNA lunghe circa 22 nucleotidi.

Essenzialmente, i miRNA mirano specificamente a certi RNA messaggeri (mRNA) per impedire loro di codificare una proteina specifica.

La disregolazione di alcuni microRNA (oncomir) è stata associata a specifici eventi di formazione del cancro (oncogeni).

Molti diversi oncomir da tempo sono stati identificati in numerosi tipi di cancro.

Gli oncomir sono associati alla carcinogenesi, alla trasformazione maligna ed alle metastasi.
Alcuni sono oncogeni, nel senso che la sovraespressione del gene porta alla crescita cancerosa.

Altri sono degli oncosoppressori, cioè geni che codificano per prodotti che agiscono negativamente sulla progressione del ciclo cellulare, proteggendo in tal modo le cellule dall’accumulo di mutazioni potenzialmente tumorali.

Gli oncogeni causano il cancro abbassando la regolazione dei geni attraverso meccanismi di repressione traslazionale e destabilizzazione dell’mRNA.
Questi geni down-regolati possono codificare per proteine che regolano il ciclo di vita della cellula.

Gli oncomir possono aumentare o diminuire nei tessuti cancerosi.
Nel caso di una maggiore attività degli oncomir, quest’ultimo sta probabilmente eliminando un gene soppressore del tumore.

Nei casi di oncomir sottoespressi, la regolazione è attenuata, permettendo alla cellula di proliferare liberamente.
Si è anche scoperto che i virus hanno miRNA che imitano parti di miRNA umani regolatori naturali.

Un esempio è il virus Epstein-Barr (EBV) che è associato a vari tipi di cancro.

Il primo legame tra miRNA e la crescita del cancro è stato riportato nel 2002 quando i ricercatori hanno osservato una down-regolazione di miR-15a e miR-16-1 in pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a cellule B.
Il termine è un portmanteau, derivato da “oncogenic” + “miRNA”, coniato da Scott M. Hammond in un articolo del 2006 che caratterizzava OncomiR-1.

Alcuni tumori possono essere “dipendenti” dagli oncomir, il che significa che per “rimanere” tumori, una concentrazione costante di oncomir deve essere presente.

Ciò è dimostrato dall’inattivazione dell’oncomir miR-21.
I topi che esprimono il miR-21 hanno contratto tumori pre-B di tipo linfoide maligno.

Dopo l’inattivazione del miR-21, i tumori sono completamente regrediti.
Questa dipendenza fa parte di un fenomeno più generale che coinvolge gli oncogeni, chiamato dipendenza da oncogene.


L'inferno dei cosiddetti vaccinati


Personalmente, non appena qualche mese fa ho avuto la notizia della polmonite (bilaterale) di David Sassoli ho compreso che molto probabilmente si trattava di un’intossicazione da grafene.

Il fatto che successivamente lo abbiano di nuovo ricoverato “per il sopraggiungere di una grave complicanza dovuta a una disfunzione del sistema immunitario” invece mi ha subito riportato alla mente la previsione del PHE inglese ad Ottobre 2020 per cui i sistemi immunitari dei cosiddetti “vaccinati” avrebbero iniziato a degenerare molto velocemente fra gennaio e marzo 2022.


weekly decline immunity vaccine
Statistiche per il Regno Unito : tempo di degradazione del sistema immunitario per persone “doppiamente inoculate”


Mi sorge spontanea a questo punto una seconda domanda da porre alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di Palazzo Chigi, ammesso che torni ancora a visitarmi in questo mio spazio web.


L'inferno dei cosiddetti vaccinati


Eravate mica a consocenza che Pfizer Comirnaty non può essere utilizzato sui minori di 12 anni, come da foglietto illustrativo ?



Il fatto che “lo facciano tutti” oppure che l’AIFA dopo una autorizzazione che definire superficiale è dire poco “sostanzialmente se ne sia lavata le mani” non è certo una motivazione valida.



La tristissima storia di David Sassoli – primo leader dell’Unione Europea ad essere deceduto in carica – è esattamente come una parabola del Vangelo.
Noto per la sua posizione pro-vaccini, è morto di una grave immunodeficienza.

Era così convinto che il cosiddetto “vaccino” sperimentale fosse così sicuro che non ha esitato ad inocularsi.

Questa è la vera lezione che si può trarre.
Quando credi ciecamente alla menzogna la verità prima o poi arriva.
E ti colpisce con tutta la sua forza.

Addio David, riposa in pace.


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page