L’ignoranza di chi parla senza conoscere

Pubblicato il 20 Novembre 2015 da Veronica Baker

Ora io non sono un trader professionista ma chi mi conosce sa che sono un attento, curioso e appassionato Investitore che ha sempre sete di capire.

Nik Crepaldi, un consulente che opera nel ramo finanziario, ha scoperto che l’indice VIX, anche chiamato “indice della paura“, si è impennato del 9,31% venerdì 13 novembre, senza alcun motivo apparente. L’indice misura il grado di nervosismo delle borse: quando è alto tutti vendono, quando è basso tutti comprano. Non solo, il VIX ha manifestato un rialzo del 40% nei 5 giorni precedenti all’attentato di Parigi, dopo due mesi di sostanziale noia!

Allora Stefano Fugazzi, giornalista e consulente finanziario a sua volta, è andato a vedere il comportamento del VIX nelle fasi precedenti a tutti i maggiori eventi terroristici della storia recente.

Quello che ha scoperto è impressionante. In tutti i casi, a partire dall’11 settembre 2001 (attentato alle Torri Gemelle), passando per l’11 marzo 2004 (metropolitana di Madrid), per il 7 luglio 2005 (metropolitana di Londra), per il 7 gennaio 2015 (Charlie Hebdo) e arrivando infine al 13 novembre scorso, il valore dell’Indice della Paura prima dei 5 giorni precedenti all’attentato è sempre inferiore a quello registrato alla chiusura della data fatidica e, con la sola eccezione dell’11 settembre (perché le borse restarno chiuse parecchi giorni), l’indice si è sempre normalizzato il giorno successivo

Terrorismo-le-borse-lo-sanno-5-giorni-primaMessora – e tutti coloro che credono di imparare il mestiere leggendo quattro strunzàt su internet  credendo poi di sapere tutto  – andate a  zappare la terra , che è meglio !

Non sapete nemmeno che cosa è davvero il Vix, a cosa serve, come è calcolato, quale sia il suo valore normale, come funziona e subito SENTENZIATE.

Il vero nemico di questo paese è solo uno : la IGNORANZA,che in campo economico finanziario in questo paese raggiunge vette ineguagliabili.

Se mai, come già osservai a suo tempo, il 7 Gennaio ci furono dei flussi anomali (in acquisto) sul Future dello Spoore provenienti dall’Asia intorno alle 7.00 GMT – ed il comportamento anomalo della settimana scorsa del Future sull’SP500, quando ogni tentativo di rimbalzo – dovuto al reverse carry-trade rispetto all’ EURUSD – è stato per tre giorni di fila costamente negato .

Sicuramente qualcuno sapeva in anticipo, soprattutto chi era a conoscenza del simbolismo della copertina dell’Economist…

You cannot copy content of this page