Le pagine della vergogna (350)

Pubblicato il 1 Luglio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Bollettino di guerra.


6


Il Karma non perdona…di nuovo.


FWjzET6XEAIBBxq


FWh8H9KXkAIB9pw


FWg2p0iXwAMJDxR


FWk7JebXwAEmpN6


FWlNwIUWIAAja I


FWcdmzeXoAANKjw


FWjz87dXkAAxJ8G


FWgkwc UsAMJiep


FWgKmi0XgAEH qJ


Una folla commossa per l’ultimo saluto a Ettore: stroncato da un malore improvviso a soli 45 anni


FWnPo3MXoAYbYmA


CALDO KILLER A CASERTA. Si accascia e muore mentre è seduto al bar di piazza Dante


Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page