Le pagine della vergogna (339)

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Bollettino di guerra.


Malore in auto, morto ex calciatore Omolade


FVF2s0LXEAAS8jw


FVF2souWYAA9gxP


FVJ 11eWAAMGT8o


FVJ1kMTXEAorsfQ


Malore improvviso non gli lascia scampo: 62enne muore in piazza


FVNzmVRXEAMuWtE


3 9


2 8


4 12


5 12


6 11


7 7


8 2


9 1


b


a


e


FVKV lsX0AIqO9V


Malore nel sonno, il notaio Antonio Fabi muore a 59 anni


La massoneria ha comprato tutti i politici (e da sempre succede), dovrebbe essere evidente…



Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page