Le pagine della vergogna (300)

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Bollettino di guerra.


Riccione, morto il commerciante Marco Mami


Cremona. Stroncato da un malore a 56 anni noto commerciante.


Avellino, Luigi muore a 32 anni: ennesima vittima di malore fatale


1


FRlCk9NWUAYvLHN


FRpomf8WQAEOPG1


2


FRpo2amWUAAo714


3


FRqxVhvWUAAUElK


FRq78JaWQAcV6F


FRr7bF0WQAIK4wA


FRrFwkZXEAUNp0P


FRn9FIgWQAAgntS


9


San Pietro Vernotico, malore fatale mentre guida lo scooter: morto 36enne


5


6


FRupdH8X0AAevqY


7


1 2


1 1


FRvhCtiXIAIDCX


Ricordiamo la storia, quella vera…



Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page