Le pagine della vergogna (286)

Pubblicato il 13 Aprile 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Bollettino di guerra


Autostrada Valsusa: autista di un TIR trovato morto nella cabina






Torino, trovato in casa senza vita il dott. Paolo Forni: aveva 41 anni


Tragedia a Foggia: commerciante di 28 anni muore improvvisamente



Sascha Mancini trovato morto in casa a 29 anni


Ancona, infermiere con contratto Covid si spegne a soli 28 anni


Roma. Stroncata da un malore in tribunale.




Addio Giuliana. Muore a 53 anni





Domani l’ultimo saluto a Maria Carmela, stroncata in auto da un malore improvviso


Malore improvviso stronca una 57enne


Malore improvviso, operaio 29enne muore al lavoro


Infarto nel sonno a Cagliari, muore il banconiere di Su Cumbidu: addio ad Alessandro Tedde


Terribile lutto per l’ex portiere, è morto il fratello


Si sa che i pappagalli sono animali molto intelligenti…



Come dargli torto…



Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page