Le pagine della vergogna (244)

Pubblicato il 10 Marzo 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Bollettino di guerra.







Comunità piange l’improvvisa scomparsa di Ottavio Pengue, 60 anni presidente Ass. Testimoni di Geova


Malore improvviso per Patrizio Bianchi, ministro dell’istruzione.


Natasha, from Russia with love…non so se questo filmato sia autentico, ma in ogni caso è divertente…




Un esempio di azione reale contro il sistema.



Le multe ? Basta non pagarle…



Fare sempre molta attenzione ai cosiddetti “guru” che hanno largo seguito popolare…tipo Sadhguru.




Il potere occulto della televisione…



Noi siamo…indovina un po’ ?



Pare che gli USA pagassero scienziati ucraini tra i 2.5 e i 5 dollari all’ora per sviluppare armi biologiche (probabilmente lavoravano alla Ecohealth Alliance di Fauci), quindi fra i 20 ed i 40 dollari al giorno (una miseria).

Secondo i documenti, l’esercito americano aveva contratti con almeno otto laboratori in Ucraina.
Il lavoro è stato pagato per conto della Defense Threat Reduction Agency (DTRA), una divisione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Il disegno di legge si riferisce a un progetto chiamato in codice UP-8.
Il progetto ha studiato la febbre emorragica della Crimea-Congo e gli hantavirus.
Casualmente, questi ultimi due sono stati anche oggetto di studi recentemente da parte della famigerata GAVI del duo Gates&Schwab.




You cannot copy content of this page