Le pagine della vergogna (235)

Pubblicato il 26 Febbraio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Ecco come occupa il tempo la maggior parte del personale medico negli ospedali.






Bollettino di guerra


Il paese piange Luisa, muore a soli 59 anni


MONDRAGONE. Lutto nell’imprenditoria: muore a 45 anni titolare di un noto lido


Lutto in due comunità. Addio Salvatore: lascia la moglie Rosa e un figlio


TRAGEDIA. Donna colta da malore improvviso cade nel camino sul fuoco acceso e muore


ADDIO CIRO. Muore a 57 anni. Lascia due figli


FMdiuCvXwAA4CSX


FMdnPzTXsAknvkn


FMgP iWXsAAGXOB


FMeDvBFXwAg4bJW


FMietKaWQAI3zSk


Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page