Le pagine della vergogna (211)

Pubblicato il 14 Febbraio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Cercando di coprire gli effetti nocivi del 5G uniti ai “veleni”. Tutto secondo il tema già segnalato ad Ottobre dell’anno scorso.



Il Messaggero (di c*****e) : “Rischio cardiaco per i guariti fino a 1 anno dopo“.
Certo, come no. Oppure sono gli avvelenati ?



Trudeau prevede di invocare l’Emergencies Act in risposta alle proteste dei camionisti.
Quindi i Simpson avevano predetto tutto ?
Eh, già, sono le intenzioni delle elite in tutto il mondo.
Proteste spontanee ? Rotfl…



Pfizer. La Dr. Janice Baker (non siamo parenti) ci avverte dei pericoli dovuti alla sommistrazione dei ben noti veleni del suo CEO , il ben noto Albert B(o)urla (nomen omen) che ci ricorda che “loro non hanno mai nemmeno studiato alcun virus, se non una ricostruzione in laboratorio”.
Beh, ma cosa vado affermando da sempre ?




Interessante audio sulle disposizioni interne di Poste Italiane.



Un utlizzo opportuno delle mascherine….



Eccone una dopo un solo giorno di lavoro in cantiere. Secondo alcuni, preverrebbero le malattie….



Fidelity card Pfizer, offerta da Bill Gates…




….aspettando i soliti noti a casa…



Eccone alcuni…



Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page