Le pagine della vergogna (202)

Pubblicato il 5 Febbraio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Italia. Testimonianze ancora dalla vita di tutti i giorni.


FIhflITWUAAPgoz


FIv96zOWQAE2HPr


FJd9COOWQAMHDaM


FJO9llhXMAABPcQ


FJO e1ZXsAEumw3


FJrbT sWUAQPlmX


FJt9Bo6XoAAkeyI


FJtrgUOWQAY7jAl


mentecatti


Anche però all’estero le follie non mancano…


Exf3P25WYAQuBxJ


FIKdfNrXoAA14g6


FJp5jeoWQA0dAtp


FJp5josWQAU7o97


sguardo assatanato


Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page