Le pagine della vergogna (192)

Pubblicato il 30 Gennaio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


USA. E’ tornato prepotentemente sugli schermi Donald Trump, che (fra le altre cose) ha raccomandato il cosiddetto “vaccino” Regeneron (ovviamente anche questo sperimentale), combinazione dei due anticorpi monoclonali REGN10933 e REGN10987

Ricordo però che all’epoca la sua malattia “improvvisa” – nonostante l’uso della idrossiclorochina come profilassi – fosse davvero improbabile, così come la sua guarigione più veloce di un fulmine.
Tutto lascia pensare che fosse solo uno spot pubblicitario e nulla più.



Italia. Un lento risveglio su alcuni temi fondamentali come Grin Kaz ed interazione fra grafene e 5G. Saranno mica collegati ?





Nel frattempo, pare che un’altra inquietante predizione dei Simpsons stia per prendere forma.



NASA. Guardate un po’ cosa viene fuori sommando tutti le lettere corrispondenti ai numeri delle lettere della definizione. Il solito numerino…



Austria. Game over.



Intervista a Nino Galloni su…Mario Draghi e la sua carriera.
Nel frattempo, ecco un elenco aggiornato sulle sentenze già emesse contro le leggi del Governo Draghi firmate dal “nuovo”, padron “vecchio”, presidente Sergio Mattarella.



Intanto pare che la predizione dei Simpsons sui camionisti sia sempre più corretta.



Italia. RedBull si compra un tratto di costa Adriatica grazie alla cosiddetta direttiva Bolkestein.



Un nuovo studio proveniente dalla Forensic Science, Medicine and Pathology afferma che si può letteralmente morire di piacere, perchè il sesso può causare un arresto cardiaco.
Secondo tali scienziati, lo 0.2% dei “decessi” infatti accadono durante la attività sessuale.
Ok, credo che correrò il rischio e verificherò la veridicità del cosiddetto 99.8%.



Italia. La Repubblica pubblica sempre notizie attendbili.



Si dice che i politici siano lo specchio del paese. Ecco quelli attuali dell’Italia, iniziando dal Partito DemoNcratico, passando dalla Sega fino al Mo’ Vi Mento 5 Stalle.






Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page