Le pagine della vergogna (132)

Pubblicato il 7 Gennaio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Il Club di Roma di fatto controlla il World Economic Forum. Non lo sapevate ?



Ed a proposito del WEF di Schwab…vediamo un po’ di personaggi noti della nuova e vecchia generazione…







A volte la risposta è semplice : basta guardare i simboli.



E talvolta, anche personaggi assai controversi possono affermare la verità…



Ed a distanza di anni, certe “picconate” hanno ancora più senso di quando furono dette in pubblico.



Israele. I rabbini manifestano contro i sionisti. Il vento forse sta davvero cambiando.



Cipro : “scienziati” dell’università di Nicosia vincono il premio idiozia del secolo. Gli alberi favoriscono l’espansione del “virus” (farsa).



Spagna. “Non abbiamo mascherine. E non servono”. Cartello fuori da un negozio.



Spagna. Altro effetto collaterale dei veleni subito da una 56enne cui sono improvvisamente caduti tutti i denti e non riesce più ad articolare la mandibola.



Italia. E’ proprio vero che le persone migliori si vedono nei momenti di grande difficoltà. Questa ad esempio purtroppo non pare esserlo.



Talvolta è necessario anche sdrammatizzare un po’….e non essere (forse) troppo “complottisti”…



…anche se guardando questo servizio del tg3 del 2015, è difficile non esserlo, visti gli sviluppi successivi…



Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page