Le pagine della vergogna (113)

Pubblicato il 2 Gennaio 2022 da Veronica Baker

La gran massa dei tedeschi ignorò sempre i particolari più atroci di quanto avvenne più tardi nei Lager.
Lo sterminio metodico e industrializzato sulla scala dei milioni, le camere a gas tossico, i forni crematori, l’abietto sfruttamento dei cadaveri, tutto questo non si doveva sapere, ed in effetti pochi lo seppero, fino alla fine della guerra.

Per mantenere il segreto, fra le altre precauzioni, nel linguaggio ufficiale si usavano soltanto cauti e cinici eufemismi.
Non si scriveva “sterminio” ma “soluzione definitiva”, non “deportazione” ma “trasferimento”, non “uccisione col gas” ma “trattamento speciale”, e così via.

Primo Levi


Le pagine della vergogna


Qualcuno vede le differenze ?



Purtroppo non dobbiamo stupirci del comportamento di molta gente, la ragione è spiegata nella vignetta sotto.




Oppure, spiegato ancora meglio in questo video : come fare diventare una popolazione mentalmente malata



La star del “Mickey Mouse Club” Tiffini Hale muore a 46 anni per un improvviso attacco cardiaco. Esclusa correlazione.


Hospital de Concepción


Il difensore della nazionale di calcio italiana e della Juve Giorgio Chiellini – da buon aziendalista – posa per uno spot pubblicitario “pro-vax” (terza dose).

Visto il ruolo che hanno gli Elkann nella farsa (la mascherina sarà mica di Lapo ?) credete che esporrebbero uno dei giocatori di punta della squadra di loro proprietà ad un rischio del genere (l’avvelenamento, intendo) ?

Poi tutto è possibile, eh.
Ah, a scanso di equivoci : ho lontane origini livornesi e da giovane tifavo Juve 😀😀😀…



La parole alla legge : chi può controllare per davvero al certificazione del Grin Kaz ?



Altissimo rapporto tra popolazione e positivi” ; questo succede(va) in data 30.12.2021 a Brembio, provincia di Lodi.
Facciamo un passo indietro.

All’inizio della “plandemia” – nel 2020 – in alcuni paesi i primissimi decessi per COVID erano stati etichettati come “morti per radiazioni”.

Secondo la versione “ufficiale” (quella dell’inesistente “virus”), questo non aveva senso.

Ma ora che la ricerca è progredita, ed è stato dimostrato scientificamente che COVID è un nome camuffato per non mostrare la triste verità dei fatti (sindrome da radiazione acuta) si capisce la ragione di un tale protocollo.

Ed ora si comprende anche il perchè tutti gli operatori sanitari indossavano tute bianche anti-radiazione (la scusa era che si doveva avere a che fare con un “virus” sconosciuto e quindi potenzialmente “letale”), come se dovessero soccorrere persone colpite da radiazioni nucleari ionizzanti.

Senza contare che le autopsie – ovviamente sempre vietate dai governi mondiali con motivazioni ridicole ma che a questo punto hanno ancora di più senso – avrebbero mostrato immediatamente la verità dei fatti.

Inoltre ricordo che pochi giorni prima dell’inizio della farsa (6.2.2020) vicino Lodi ci fu un incidente ferroviario – il deragliamento del FrecciaRossa Milano-Salerno – causato secondo la versione ufficiale di “regime”- da un errore del sistema degli scambi intelligenti.

Invece la causa era la accensione delle antenne 5G in quelle zone, frequenze che possono naturalmente interferire in tutto ciò che entra in funzione elettronicamente .

Ed infatti proprio lì vicino (guardacaso !) iniziò tutta la farsa (in data 19.2.2020) con la cosiddetta “zona rossa” di Codogno ed il cordone militare dovuto a causa del diffondersi di un “misterioso virus” da combattere (con tanto di tute bianche che si usano in caso di radioattività…)

Ma ora è ormai tutto chiaro.



Le miocarditi e la pericarditi causate dai cosiddetti “vaccini” sono ormai all’ordine del giorno.
Atleti che improvvisamente sono costretti a ritirarsi dall’attività o – peggio – sono colti da un infarto.
Il Dr. Noack ci ha spiegato il perchè di tutto questo da tempo.

Le cosiddette autorità letteralmente se ne fregano e sono andate avanti con i loro piani per inoculare anche i bambini.
Dovrebbe essere ormai ovvio a chiunque che non si tratta di un problema di salute pubblica.



Campionessa brasiliana di thai boxe improvvisamente muore a causa di un attacco cardiaco a 32 anni. Esclusa correlazione, ovvio.



Cile : Nicole è ricoverata all’Hospital de Concepción per gli effetti avversi del cosiddetto “vaccino” Pfizer (terza dose), ecco la sua testimonianza.



Le pagine della vergogna


You cannot copy content of this page