La scacchiera ed il gioco degli scacchi

Pubblicato il 5 Aprile 2022 da Veronica Baker

La scacchiera è il Mondo.
I pezzi sono i fenomeni dell’Universo.

Le regole del gioco sono ciò che chiamiamo “le leggi della Natura”.
Non sappiamo chi è seduto di fronte a noi.

Sappiamo che gioca in modo equo, giusto e paziente.
Ma sappiamo anche, sulla nostra pelle, che non ci perdona mai un errore.

Inoltre non commette mai la più piccola distrazione…

Jorge Louis Borges


La scacchiera ed il gioco degli scacchi

Il pavimento a scacchi é stato molte volte comparato ad una scacchiera.
Il gioco degli scacchi si gioca su una scacchiera di 64 quadrati o caselle o case: 32 bianche e 32 nere che si alternano formando un insieme di 8 linee e 8 colonne uguali.

Ogni giocatore dispone di 16 pezzi :

1 Re
1 Donna
2 Alfieri
2 Cavalli
2 Torri
8 Pedoni

Il numero “64” rappresenta il quadrato di 8 le cui caselle sono tante quante le case della scacchiera.
Lo stesso numero 64 é il cubo di 4 e il quadrato di 8.


La scacchiera ed il gioco degli scacchi


Il Quaternario é il mondo formale con i suoi 4 elementi ; il numero “64” lo presenta alla sua 3a potenza, ossia nella pienezza della sua espansione.
Le 64 caselle della scacchiera non sono state fissate a caso :

Il gioco degli scacchi simboleggia la lotta dello spirito contro la materia, rappresentati dai due giocatori.
Le Forze presenti all’inizio sono uguali :

Il Re é lo spirito che non può scomparire, che non può distruggersi, che non può “essere preso”.
Ma, disceso nella materia, imprigionato in un corpo di carne, le sue possibilità sono ridotte e, anche se si muove in tutti i sensi, non può assolutamente allontanarsi dal suo punto di partenza.

La Donna é l’anima che ha nella materia delle possibilità più estese, ma che può “essere presa”.

L’Alfiere é il mentale superiore, il Genio, che si muove in “diagonale”.

La Torre é il mentale inferiore, la Ragione, che si muove “perpendicolarmente”.

Il Cavallo é l’astrale, l’Immaginazione, che salta al di sopra degli ostacoli.

Il Pedone é il corpo fisico, i Sensi, che possono ingannarsi ed ai quali é vietato tornare indietro, ossia è vietato negare la sensazione.

I Giocatori, posti al di fuori della scacchiera, sono equiparati al Demiurgo che, governando il Mondo, si trova ciò nonostante fuori dal mondo.


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page