Killer instinct

Pubblicato il 22 Novembre 2011 da Veronica Baker

Poco da aggiungere a quanto detto ieri, i listini a stelle e strisce hanno continuato la sessione in territorio negativo recuperando soltanto qualcosa nel finale a causa delle ricopertura delle posizioni short di breve .

La tendenza oggi dovrebbe mantenersi ancora negativa ,a mio avviso, e probabilmente solo da domani si potrà parlare di rimbalzo, puramente tecnico ovviamente, dato che i listini europei – capitanati dal Dax che ha confermato ieri la rottura della neckline dell’ Head&Shoulder ribassista segnalato una settimana fa circa- sono destinati a questo punto a tornare sui minimi dell’anno .

Il Nikkei invece sta disegnando piano piano una base di supporto da cui ripartire nonostante la chiusura negativa (-0.4% , ma decisamente lontano dai minimi di seduta).

Vale la pena invece sottolineare quello che è successo ieri al Nasdaq a FMCN , dove la oramai nota Muddy Waters ( ribattezzata da me Killer Instinct ) ha fatto crollare del 60% in 40 minuti le quotazioni del celeberrimo colosso media made in China , affossato da un report in cui si afferma che la società avrebbe commesso nel corso degli anni delle frodi contabili che avrebbero fatto lievitare il valore del titolo ( smentite dalla società stessa prontamente , of course ).

Chiaro che il mercato – scottato dal caso SINO , dove anche lo squalo John Paulson è rimasto tonnato – ha reagito umoralmente con un tracollo ( una storia già vista per altro in passato con SPRD che poi però è tornata addirittura sui massimi ).

Report reali od insider trading legalizzati ?

Mentre a mia volta lancio un terribile dubbio su un titolo europeo che in teoria dovrebbe avere un business solidissimo ed essere un difensivo per eccellenza ( water supply, water management, waste management, energy and transport services )  , ma è ai minimi storici e non accenna a fermare la caduta delle proprie quotazioni ( -4% al momento anche oggi ) :

Chart forVeolia Environnement S.A. (VIE.PA)

La questione è decisamente sospetta…

( P.S.: a scanso di equivoci, chi scrive NON consiglia di andare short sul titolo, anzi, nel caso in questione ha avuto in assegnazione all’ultima scadenza tecnica di Novembre un lotto che non ha subito rivenduto ma ha coperto con una call scritta a Gennaio allo stesso prezzo di esercizio…)

You cannot copy content of this page