Indottrinamento e non insegnamento

Pubblicato il 30 Gennaio 2020 da Veronica Baker

Sono portato a credere che un grande insegnante sia un grande artista e che ce ne siano pochi, proprio come pochi sono i grandi artisti.
Difatti, insegnare è – senza forse – è la più grande delle arti perché i mediatori sono la mente e lo spirito umani.

John Steinbeck


Indottrinamento e non insegnamento
Un fenomeno che si rafforza sempre di più…

Il sistema continua a seminare odio e discordia.
Violenza ed insulti.

Un fenomeno che si rafforza sempre di più con il passare del tempo.
Ma che ora sta superando davvero il limite.

Scuole e università “occupate” da parte di insegnanti e docenti politicamente schierati.
Esclusivamente desiderosi di indottrinare i loro allievi a tutti i costi.

Riferimenti politici durante le lezioni.
Voti dati in base alla fede politica degli allievi (vera o presunta, poco importa).

Partecipazione attiva delle insegnanti a manifestazioni politiche.

Con tanto di striscioni elaborati persino da inconsapevoli bambini delle scuole materne su indicazione delle maestre.

Indottrinamento e non insegnamento

Essendo figlia di un’insegnante vecchio stampo (che amava profondamente il suo lavoro tanto da rimanere spesso sveglia fino a tarda notte per preparare minuziosamente la lezione del giorno successivo), semplicemente sono indignata da tutto questo che vedo ormai globalmente.

La scuola dovrebbe insegnare materie (come dialettica, retorica e logica) che sviluppano la capacità di ragionamento.
Ovvero il pensiero critico ed autonomo.

Invece insegna sempre di più preconcetti, pregiudizi e stereotipi.
Su cui poi – arrivati ad una età più adulta – conformeranno tutte le loro esperienze successive.



HerOwnDestinyBanner


You cannot copy content of this page