Il toolkit della perfetta spiona

Pubblicato il 11 Febbraio 2021 da Veronica Baker

È un periodo di guerra civile.
Navi spaziali ribelli, colpendo da una base segreta, hanno ottenuto la loro prima vittoria contro il malvagio impero galattico.

Durante la battaglia, spie ribelli sono riuscite a rubare i piani segreti dell’arma decisiva dell’Impero.
La morte nera.
Una stazione spaziale corazzata di tale potenza da poter distruggere un intero pianeta.

Inseguita dai biechi agenti dell’Impero la principessa Leila sfreccia verso casa a bordo della sua aeronave stellare, custode dei piani rubati che possono salvare il suo popolo e ridare la libertà alla galassia…

“Dal Film Star Wars


Il toolkit della perfetta spiona
Il toolkit della perfetta spiona…

Sembra che la “culona inchiavabile” (cit. Berlusconi) sia rimasta ai tempi della televisione in bianco e nero.
Infatti sta recuperando dai suoi ricordi di gioventù – a lei tanto cara – il toolkit della perfetta spiona.
D’altra parte è l’ambiente in cui è cresciuta, essendo stata ai tempi un agente (più o meno) segreto della Stasi.

Spionaggio da parte dei vicini di casa, dossier più o meno segreti da parte delle autorità.
Biancheria rubata dalle autorità locali nelle case dei sospetti “dissidenti”, cani addestrati nel riconoscimento delle persone.
Per poi poter dare loro la caccia nel caso in cui per qualche motivo fossero “scomparsi” dai loro radar.

Sembra di essere tornati a quei tempi.
In un ambiente del genere diventa difficile avere degli amici.

Perchè in questo modo la fiducia negli altri è distrutta giorno dopo giorno.

Esattamente quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo.
Non solo in Germania.

Il toolkit della perfetta spiona
Da sempre sono apertamente simpatizzanti del Terzo Reich…

Ancora peggio è la situazione in Inghilterra.

La polizia britannica entra in casa di questa semplice famiglia, costringe fisicamente questa donna a faccia in giù sul pavimento e la ammanetta.
Mentre i suoi figli terrorizzati urlano con orrore.

Che orribile crimine aveva commesso ?
Cantare nel suo giardino di proprietà.

Qualcuno potrebbe chiedersi perchè il silenzio della famiglia reale davanti a tutti questi fatti sia assordante.

Invece non c’è da meravigliarsi per nulla.
Da sempre sono apertamente simpatizzanti del Terzo Reich.

Ed ovviamente il principe Carlo è uno dei principali promotori del cosiddetto Great Reset.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page