Il primo bersaglio

Pubblicato il 5 Ottobre 2020 da Veronica Baker

Le brutalità del progresso si chiamano rivoluzioni.
Quando sono finite, si riconosce questo : che il genere umano è stato maltrattato, ma ha camminato.

Victor Hugo


Il primo bersaglio
Non è altro che una violazione dei diritti umani…

Il motivo fondamentale per cui la Polizia è il primo bersaglio durante tutte le rivoluzioni cruente è che in modo assolutamente senza cervello nella maggior parte dei casi sostengono la tirannia “perchè eseguono gli ordini”.

Solo poche volte scelgono di stare dalla parte della popolazione.
Ed in questi casi il processo di cambiamento politico si svolgerà in modo non cruento.

Nel video qua sotto, la Polizia londinese arresta un uomo di età avanzata (circa 65-70 anni).
Il motivo ?
Stava protestando in modo pacifico (esponendo un cartello senza ingiurie) contro la richiesta degli USA di arrestare Julian Assange.
La libertà di parola e di libera espressione dovrebbe essere semrpe garantita.

Nel Regno Unito la cosiddetta Carta dei Diritti risale addirittura al 1689.
Ma oggi non vale più.

Un arresto quindi immotivato.

Nello stesso video anche un’altra signora di circa sessanta anni verrò arrestata per lo stesso motivo.

Non è altro che una violazione dei diritti umani.

L’unica cosa che la Polizia è riuscita ad ottenere in questa occasione è il profondo biasimo di molti ex-colleghi anziani che hanno cessato il servizio negli anni scorsi.
Esterrefatti dalla mancanza di buon senso da parte delle nuove leve.



Il governo inglese ?
Ovviamente si nasconde vigliaccamente.
Nessun commento ufficiale sulla vicenda.

Ulteriori testimonianze di comportamenti violenti della Polizia arrivano pure dal Canada.
Un inopinato trattamento subito da una donna che semplicemente stava protestando (pacificamente) contro il governo.
Vestiti strappati brutalmente, negata una qualsiasi telefonata, orecchini tolti brutalmente dai lobi.

Alcuni poliziotti pensano di poter fare quello che vogliono in questo momento.
Soprattutto contro le persone più deboli ed inermi.
Il loro risveglio sarà brutale.
Diventeranno ben presto il primo bersaglio delle rappresaglie proprio per questo motivo.

Questo è un video ad esempio delle massive proteste ieri a Vienna.
Già si nota come stiano diventando più cruente, pur svolgendosi in una città solitamente tranquilla come la capitale austriaca.

Proteste sempre più violente stanno per travolgere l’intera Europa.

Naturalmente non mancano le azioni pacifiche nei confronti di questi truffatori che stanno distruggendo tutte le libertà che abbiamo faticosamente conquistato nel corso degli ultimi anni.

In Germania molti avvocati provenienti dai più prestigiosi studi legali locali stanno preparando non solo una class action.
Ma soprattutto stanno per presentare una richiesta di arresto internazionale nei confronti di tutti coloro che stanno tenendo le fila della farsa.
Il capo di accusa è (ovviamente) “crimini contro la umanità”.

Il loro obiettivo è arrivare ad un nuovo processo di Norimberga.
Infatti i danni incalcolabili che tutta questa gente al soldo del “Club” ha compiuto nei confronti dell’intera umanità sono incommensurabili.
E soprattutto irrecuperabili per decenni.

Qualcuno dovrà un giorno pagare per tutto questo.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page