Titanic : un affondamento orchestrato ?

Pubblicato il 12 Luglio 2022 da Veronica Baker

The sun is sleeping quietly
Once upon a century
Wistful oceans calm and red
Ardent caresses laid to rest

For my dreams I hold my life
For wishes I behold my night
The truth at the end of time
Losing faith makes a crime

NightwishSleeping Sun



Titanic : un affondamento orchestrato ?

E se l’affondamento del Titanic nel 1912 fosse stato intenzionalmente creato ed orchestrato dall’elite ?

Sappiamo che i Rothschild e le altre famiglie dell’elite hanno contribuito a finanziare, organizzare e portare a termine le rivoluzioni negli USA, in Francia ed in Russia, oltre a creare stati come Italia ed Israele ; gli assassinii politici (tentati e reali) di Andrew Jackson, Abraham Lincoln, Martin Luther King e John Fitzgerald Kennedy ; gli eventi a false-flag come l’affondamento del Lusitania nel 1916, di Pearl Harbor nel 1941, l’incidente del Golfo del Tonchino nel 1964, l’attentato alle Torri Gemelle nel 2001, tutti avvenimenti che hanno coinvolto gli Stati Uniti in guerre che altrimenti l’opinione pubblica non avrebbe permesso.



Prima di iniziare a descrivere l’accaduto, è necessario conoscere il contesto in cui si è svolta questa vicenda.
All’inizio del XX secolo, molti passeggeri dei transatlantici erano immigrati poveri.

Le navi erano spesso sovraccariche, sovra-assicurate, e le truffe assicurative comuni.

All’epoca il ricco banchiere ed industriale JP Morgan era a capo della White Star Line, la compagnia che costruiva navi oceaniche come l’RMS Titanic e l’RMS Olympic.

Chi ha familiarità con questo personaggio potrebbe già essere a conoscenza ad esempio del ruolo di JP Morgan nella vita di Nikola Tesla, e di come prima abbia finanziato Tesla per sviluppare nuove forme di energia elettrica, ma poi abbia ritirato i finanziamenti dopo aver scoperto che Tesla stava pensando di fornire energia elettrica gratuita a tutto il mondo, senza contatore.

Titanic
Tra i passeggeri c’erano tre uomini molto ricchi e soprattutto influenti all’epoca : Benjamin Guggenheim, John Jacob Astor ed Isador Strauss…

Il Titanic e l’Olympic erano navi gemelle, quasi identiche nel design.
L’Olympic fu la prima a salpare tra le due, ma fin dall’inizio fu afflitta da alcuni “problemi”.

Durante il suo viaggio inaugurale nel settembre del 1911 subì una collisione, seguita da un altro incidente.

Fu riparata per 4 giorni a Belfast per un’elica che avrebbe potuto essere riparata in poche ore.

Le riparazioni comportarono il prelievo di un’elica dal Titanic per l’Olympic.
Questo fatto è decisamente sospetto, come si vedrà in seguito.

JP Morgan aveva inoltre un grosso problema.
L’Olympic non era probabilmente assicurabile, almeno per la somma di denaro che desiderava ottenere.

I giornali dell’epoca, di proprietà di Morgan e di altri ricchi finanzieri, parlavano del Titanic e ne tessevano le lodi, affermando che era di “estensione e magnificenza senza pari”.

Riuscirono ad attirare i più importanti esponenti della società ed a convincerli a intraprendere il viaggio transatlantico.

Tra i passeggeri c’erano tre uomini molto ricchi e soprattutto influenti all’epoca : Benjamin Guggenheim, John Jacob Astor ed Isador Strauss.
Tutti erano milionari e si opponevano al progetto di creare una banca centrale privata negli Stati Uniti (quella che poi fu chiamata Federal Reserve), naturalmente perché avrebbe influito negativamente sulle loro fortune personali.

Questo, ovviamente, era un grosso problema per il cartello composti dai banchieri Rothschild, Rockefeller & Morgan.
I Rothschild erano appena diventati i dominatori d’Europa, introducendo banche private, centrali ed autorizzate dal governo in Inghilterra, Francia, Germania, Italia ed Austria, e naturalmente desideravano fare lo stesso negli USA.

Lo scambio tra l’Olympic e il Titanic

È molto probabile che a questo punto JP Morgan abbia escogitato un piano diabolico.
Aveva bisogno di ottenere l’assicurazione dell’Olympic e, preferibilmente, di liberarsi della responsabilità del pagamento dell’assicurazione.
Inoltre desiderava eliminare Guggenheim, Astor e Strauss in modo che non ci fosse alcuna opposizione al suo piano di creazione di una nuova banca centrale americana.

Quindi molto probabilmente cosa decise di fare ?
Scambiò le navi (gemelle) Olympic e Titanic.



Nel video qui sopra, John Hamer presenta prove fotografiche impressionanti dello scambio, tra cui un’immagine del “Titanic” che salpa per il suo “viaggio inaugurale” con 16 oblò (l’Olympic aveva 16 oblò ed il Titanic “solo” 14).

Hamer presenta anche altre prove, come quella del ritrovamento del relitto del Titanic nel 1986 da parte di Robert Ballard, che trovò un sottobordo grigio (originariamente quello dell’Olympic era grigio e quello del Titanic nero).

Inoltre fu ritrovata anche un’elica con il numero “401” (originariamente proveniente dal vero Titanic, ma scambiata e montata sull’Olympic presumibilmente durante le riparazioni a Belfast).

Il viaggio inaugurale dell’Olympic era pieno, mentre quello del Titanic solo a metà : circa 50 passeggeri di prima classe cancellarono all’ultimo momento le loro prenotazioni, tutti amici o colleghi di JP Morgan.

Lui stesso doveva salire a bordo ma non si presentò, dichiarando di essere malato ; ma fu visto due giorni dopo in un resort francese in buona salute con la sua amante.

L’ufficiale in capo (secondo solo al capitano), un uomo di nome Henry Wilde, scrisse una lettera alla sorella in cui affermava :

“Questa nave continua a non piacermi”.

Perché continua ?

Il capitano Smith fu scelto per pilotare la nave, nonostante i suoi non certo positivi precedenti in materia di sicurezza con le navi che aveva già comandato.

Inoltre c’era un’altra enorme nave che pattugliava l’Atlantico quando il Titanic stava salpando.
Si chiamava Californian, ed il suo capitano si chiamava Ward, molto probabilmente anche lui coinvolto nella “cospirazione”.

Stranamente (o forse no ?), la notte prima che il Titanic avesse la celeberrima collisione con l’iceberg, il capitano Ward dormì completamente vestito tutta la notte sul divano, tenne accese le caldaie della nave (allora la pratica standard era di spegnerle di notte), tenne l’equipaggio in allerta tutta la notte ed ordinò che la sua nave si fermasse nel bel mezzo della notte, in un mare di ghiaccio.

Il fatidico iceberg

Il Titanic ricevette 6 messaggi la notte del 14 aprile 1912.
Di questi, 3 erano avvisi di segnalazioni di iceberg e 3 erano del capitano Ward al capitano Smith.

Titanic
Forse i motori erano stati manomessi a Belfast prima della partenza ?

È stato verificato che la distanza di arresto del Titanic a piena velocità fosse di circa 850 metri (circa 0.5 miglia) ; inoltre conosciamo la testimonianza del secondo ufficiale Charles Lightoller, il quale ha affermato come l’iceberg fosse visibile da 2 miglia, pertanto relativamente facile da evitare.

Eppure, incredibilmente, una volta avvistato l’iceberg e dato l’ordine di aggirarlo, non fu possibile evitare la collisione.

Forse i motori erano stati manomessi a Belfast prima della partenza ?

È strano anche ciò che accadde durante la richiesta di soccorso.
Il Californian era a sole 19 miglia di distanza, quando il Titanic inviò razzi di soccorso, di colore rosso, blu e bianco.
Ma il Californian vide solo razzi bianchi, per altro inspiegabilmente ignorati.

Inoltre, nello stesso momento nelle vicinanze c’era una barca (illegale) per la pesca delle foche, la Samson – che si trovava proprio fra la Californian ed il Titanic – che stava inviando razzi di segnalazione bianchi, contribuendo a confondere ancora di più l’intera situazione.

Quali sono le possibilità che un’altra imbarcazione si trovasse in quella stessa zona dell’oceano proprio in quel momento e che per di più inviasse segnali di colore bianco ?
Molto poche.

Come per molti altri episodi simili, i testimoni chiave all’improvviso scomparvero.
Infatti il 1° ufficiale William Murdoch si sarebbe poco dopo “suicidato”, ed il 6° ufficiale James Paul Moody “annegato”.

Le inchieste americane e britanniche

Il 2° ufficiale Lightoller fu il più alto in grado a sopravvivere, ma nelle inchieste americane e britanniche successive all’evento fu molto evasivo riguardo l’accaduto.
Inoltre fu ripetutamente sorpreso a mentire ; per esempio, affermò di essere stato in acqua al momento della collisione per un’ora, ma l’aspettativa di vita a quella temperatura (da 28 a 30°F, quindi da -2 a -1°C) è di soli 4 minuti.

Inoltre in seguito Lightoller scrisse : “era stato necessario tenere la mano sul pennello per l’imbiancatura”, riferendosi alle inchieste.

Nel corso di queste indagini, i capitani affermarono che gli iceberg di quelle dimensioni potevano essere visti già a 3.5 miglia di distanza, sopratutto in una notte di luna piena.
Quindi perché il Titanic non si fermò ?

Inoltre, testimonianze del tempo affemano che dopo che i sopravvissuti riuscirono a sbarcare a Plymouth, l’equipaggio fu immediatamente trattenuto contro la propria volontà per tutta la notte, e furono costretti (o corrotti) a firmare un documento chiamato “Official Secret Act”.


Sono passati più di 100 anni dalla fatidica data dell’affondamento del Titanic nel 1912.
Come conseguenza diretta, il Federal Reserve Act del 1913 fu approvato senza alcuna opposizione, ed il cartello Rothschild-Rockefeller-Morgan ha potuto creare la “propria” banca centrale (la Federal Reserve) negli USA.

Un caso ?


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page