Uno tsunami di proporzioni bibliche ? Hollywood lo ha già predetto (3)

Pubblicato il 25 Ottobre 2021 da Veronica Baker

This is not Hollywood, like I understand
Is not Hollywood, like, like, like
This is not Hollywood, like I understand
Is not Hollywood, like, like, like

Run away, run away, is there anybody there ?
Get away, get away, get away
Get away, get away, get away

The Cranberries – Hollywood”


Uno tsunami di proporzioni bibliche ? Hollywood lo ha già predetto

Lo ribadisco per l’ennesima volta.
Quello che sto spiegando dettagliatamente da ieri non è la trama di un film di Hollywood.

Ma è quello che presto succederà nel mondo intero se non verranno fermati immediatamente questi pazzi.
Semplicemente il caos totale.

So benissimo che la gente non riesce ad accettarlo.
Ma lo ripeto ancora, è in atto un genocidio di massa, in particolare nei confronti della razza bianca europea ed americana.

Questa non è la trama di un film di fantascienza !
This is not Hollywood !



Il Consejo Insular de Aguas de La Palma ostacola la riattivazione di un pozzo non registrato e soprattutto rifiuta di utilizzare il tunnel di trasferimento dal versante est a quello ovest.
Fra gli altri, si oppone l’Unione Europea (chissà come mai…)

L’associazione “Agua para La Palma” ha pubblicato la presentazione di una denuncia amministrativa contro il Consejo Insular de Aguas de La Palma davanti all’Unione Europea e al Commissario per la trasparenza delle Canarie.

Nella denuncia, l’associazione insiste sul presunto inquinamento delle acque alla bocca ovest del Túnel de Trasvase, cosa che fu negata all’epoca dal Consiglio.

Nella lettera si legge che “come questa associazione aveva già dichiarato pubblicamente, le ragioni per formalizzare questa denuncia sono dovute alla mancanza di risposta alle richieste di informazioni fatte alla CIALP, in relazione alla qualità dell’acqua proveniente dalla bocca occidentale del Tunnel di Trasferimento che rifornisce la popolazione della Valle di Aridane, alle azioni intraprese di fronte agli episodi di contaminazione e alle informazioni su altri impianti sovvenzionati con denaro pubblico”.(…)

(…)

“Non crediamo che richieste come: analisi dell’acqua prima del 2016, informazioni sulle azioni obbligatorie in termini di protocolli sanitari, cambio di uso agricolo in urbano, verifica di campionamenti indipendenti, tra gli altri, meritino il silenzio come risposta, quando questi dati dovrebbero essere di dominio pubblico.

E se non è comprensibile il rifiuto di informazioni da parte di un’associazione di cittadini, è ancora meno giustificabile, in una società democratica, che minacce e insulti siano fatti da rappresentanti pubblici.
Tutto questo solleva sempre più dubbi sul comportamento dei rappresentanti del Cabildo e della CIALP, e allo stesso tempo ci rende chiara la loro mancanza di impegno per la trasparenza”, dice l’associazione, che, avverte, “continuerà ad onorare i fondamenti dei suoi statuti, continuerà a prendere iniziative per fornire a La Palma una fornitura abbondante di acqua della migliore qualità e a prezzi equi, e per liberarla dalla grande speculazione a cui continua ad essere sottoposta.

“Non avremo limiti nel ricorrere alle istituzioni a disposizione dello stato di diritto in difesa del bene comune, sia a livello regionale, statale o europeo”.

Articolo del 9 Agosto 2021. Fonte : https://www.eltime.es/la-calle/34813-la-asociacion-agua-para-la-palma-denuncia-ante-la-ue-la-falta-de-respuesta-de-consejo-insular-de-aguas.html

In poche parole,  l’associazione degli agricoltori di La Palma si lamenta da tempo della mancanza di trasparenza e di strani “interessi nascosti” nel paralizzare il completamento del tunnel di trasferimento dell’acqua che collega l’est con l’ovest dell’isola.

All’ingegnere Carlos Soler, direttore dei lavori di trasferimento dell’acqua, è stato negato l’accesso al tunnel per fare un rapporto, che è stato avallato dal Cabildo ed è stato presentato da altri ingegneri…sin dal 2020.

L’ingegnere Carlos Soler, che martedì scorso ha visitato l’interno del tunnel di trasferimento dell’acqua per completare la sua relazione in cui difende l’azione nelle infrastrutture per generare più risorse idriche su La Palma di fronte alla siccità sofferta dall’isola, sottolinea che l’isola “ha più di quattro volte l’acqua di cui ha bisogno”.

La sua visita si rifletterà in un rapporto che ha già iniziato a redigere e che spera di registrare al Cabildo di La Palma la prossima settimana. Spera che non sia “travisato e che faccia una buona fine”, poiché ritiene che “la questione lo meriti”.

Secondo Soler, è il Piano idrologico di La Palma che fornisce i dati sull’acqua infiltrata nell’isola, che ogni anno è “quattro volte di più di quello che si consuma”, anche se lui sostiene che i suoi studi rivelano che questa quantità potrebbe essere ancora più alta.

Inoltre, l’ingegnere afferma che la falda acquifera raggiunge un’altezza di 1.600 metri e il consumo è al di sotto dei 400 metri, per cui sostiene che “praticamente tutta l’acqua necessaria a La Palma, eccetto per El Paso o qualche altro comune, potrebbe essere fornita per gravità”, il che secondo lui “non è un’utopia”.

Articolo del 17 Giugno 2020. Fonte : https://www.eldia.es/la-palma/2020/06/18/soler-visitar-tunel-palma-cuatro-22390207.html

Avete letto bene : “siccità sofferta dall’isola”, ma anche che l’isola “ha più di quattro volte l’acqua di cui ha bisogno”.
Tutto questo molto strano, vero ?

In precedenza c’era già stata una raccolta di firme per permettere all’ingegner Carlos Soler – progettista dell’impianto negli anni ’80 – di entrare nel tunnel per verificare lo stato delle infrastrutture.
I tecnici dello stato e della regione si sono opposti.

Perchè ?

Attraverso la piattaforma internet Change.org, è iniziata questa domenica la raccolta di firme affinché il Consejo Insular de Aguas permetta all’ingegnere Carlos Soler di entrare nelle installazioni del tunnel di trasferimento sull’isola.

Rivolta al Consiglio dell’acqua dell’isola di La Palma e al presidente dell’isola, Mariano Hernández Zapata, questa iniziativa arriva dopo l’annuncio di colloqui per mostrare le relazioni dei vari tecnici e ingegneri sull’opportunità, o meno, di un intervento e aumento dei flussi nel tunnel di trasferimento dell’acqua di La Palma.

L’ingegnere Carlos Soler, che fu incaricato di iniziare i lavori per il tunnel di trasferimento dell’acqua dell’isola negli anni ’80, dice che continuare i lavori di scavo risolverebbe tutti i problemi idrici di La Palma.
A tal fine, ha chiesto di poter entrare per verificare lo stato delle infrastrutture.

La proposta di Carlos Soler si basa sulla perforazione dei quasi cinque chilometri che separano le bocche est e ovest del tunnel dell’acquedotto, dove, secondo i tecnici che sostengono questa relazione, c’è una grande sacca d’acqua capace di garantire l’irrigazione e l’approvvigionamento idrico.

Questa non è l’opinione dei tecnici consultati dal Cabildo, i quali, secondo l’istituzione isolana, hanno redatto rapporti che si oppongono all’operazione, avvertendo anche dei rischi che potrebbero esistere e della possibilità reale che questa estrazione possa colpire sia le sorgenti che, soprattutto, le gallerie.

9 Febbraio 2020. Fonte : https://www.eltime.es/economia/129-campo-palmero/25436-recogen-firmas-para-que-se-deje-entrar-a-carlos-soler-al-tunel-de-trasvase.html

Per la cronaca, questa è una foto del tunnel.


Hollywood lo ha già predetto


E quest’altra è una foto satellitare dell’isola di La Palma.


Hollywood lo ha già predetto


Perchè tutto questo ?

Andiamo ancora avanti nella analisi.

Il tunnel di travaso “a causa delle forti piogge registrate” ha chiuso per la prima volta negli ultimi 20 anni in data…7 Gennaio 2021.

Le recenti piogge che hanno portato forti precipitazioni in tutta l’isola di La Palma hanno reso possibile, per la prima volta dalla sua messa in funzione 20 anni fa, la chiusura delle dighe del Túnel de Trasvase, la principale infrastruttura di estrazione dell’acqua dell’arcipelago. Questo è stato annunciato dal presidente dell’isola, Mariano Hernández Zapata, in un’apparizione telematica per discutere varie questioni di interesse per l’isola.

Zapata ha sottolineato che le piogge degli ultimi giorni, così come il trasporto verso la valle di Aridane dell’acqua in eccesso dalla regione di Las Breñas e Puntallana, che andava addirittura al mare, hanno reso possibile procedere a questo sbarramento alcuni giorni fa.

L’obiettivo di questa azione è “recuperare la falda acquifera”, ha detto il presidente, permettendo “un risparmio significativo per quando dovremo attingere di nuovo”, ha aggiunto durante l’apparizione telematica.

Ha anche sottolineato che la rete di serbatoi insulari è attualmente a circa il 60% della sua capacità, in attesa di poter quantificare le precipitazioni delle ultime ore, con particolare attenzione a La Laguna de Barlovento, con una capacità di 1,8 milioni di metri cubi, dove ha detto che attualmente entrano circa 150.000 tubi.

Questa grande quantità d’acqua sta permettendo l’innalzamento del livello dell’acqua del più grande serbatoio dell’isola di circa un metro e mezzo, con la conseguente capacità di stoccaggio che ciò significa in questo serbatoio, che è anche il regolatore delle reti di distribuzione che percorrono l’isola.

Inoltre, in relazione all’importanza economica dell’acqua sull’isola di La Palma, Zapata ha sottolineato che questo bene idrico “sta sostenendo la crisi di La Palma”, sottolineando che “non ci fermeremo con le infrastrutture idrauliche, anche se continua a piovere”.

Articolo dell’8 Gennaio 2021. Fonte : https://www.eldia.es/la-palma/2021/01/08/tunel-trasvase-cierra-galerias-primera-27166554.html

Ed infine in data 3 Ottobre 2021, questa notizia.

Il presidente del governo delle Canarie, Ángel Víctor Torres, ha annunciato che i due impianti di desalinizzazione portatili che sono stati allestiti per recuperare l’acqua di irrigazione agricola dopo che l’eruzione vulcanica ha danneggiato le reti di approvvigionamento arriveranno domani a La Palma.

Torres, in una conferenza stampa insieme al presidente della Spagna, Pedro Sánchez, e al presidente del Cabildo di La Palma, Mariano Hernández Zapata, ha indicato che ogni impianto di desalinizzazione ha una capacità di 3.500 metri cubi d’acqua, anche se la qualità dell’acqua nel punto di presa deve essere prima convalidata.

Articolo del 3 Ottobre 2021. Fonte : https://www.cope.es/emisoras/canarias/santa-cruz-de-tenerife/tenerife/noticias/las-desaladoras-para-recuperar-riego-agricola-llegaran-manana-palma-20211003_1536274

Riassumendo, tutta la situazione è spiegata esattamente nel prossimo video.
I punti “chiave” sono esattamente :

da 00:40 a 02:08
da 04:20 a 04:56
da 05:07 a 05:21
da 07:23 a 07:52



Qual è il motivo di tutto questo ?

E’ molto probabile (anzi certo a mio avviso…) che i soliti noti abbiano l’intenzione di “finire il lavoro” (o “velocizzarlo”) in questo modo.
Questo spiega il perchè di molte “strane” decisioni.



Ed ecco la prova definitiva delle loro intenzioni.
Come al solito, è sempre possibile trovare un qualche episodio (o film) girato ad Hollywood a carattere “predittivo”.
Questa volta in CSI Miami.

CSI: Miami (Crime Scene Investigation : Miami) è una serie televisiva americana poliziesca drammatica, spin off diretto dell’originale CSI (Crime Scene Investigation).

La serie è terminata l’8 aprile 2012, dopo 10 stagioni e 232 episodi.
Nel 2006, CSI Miami era la serie televisiva più popolare al mondo, figurando in più classifiche dei primi dieci paesi per il 2005 di qualsiasi altra serie.

Ed in un episodio della serie…si parla proprio di uno tsunami a causa dell’eruzione di La Palma.
Puntata numero 55, intitolata “Crime Wave”, trasmessa per la prima volta il giorno 8 Novembre 2004 della durata di….tenetevi molto forte per davvero…22 minuti e 9 secondi (e la fonte è MOLTO autorevole, essendo Wikipedia, da sempre controllata dagli “oscuri” !).

Ricordo che 22.9 (che anche nella date di tutta la vicenda del pozzo ricorre spesso) è la FIRMA con cui i soliti “oscuri” stanno segnando tutte le loro tristi ed oscure imprese…a partire dalla data dell’inizio della cosiddetta plandemia (11.3.2020), alla previsione della cosiddetta “variante di Marburg” (22.04.2021), e molte altre…

Ah, inoltre nel 2004 è stato pubblicato un romanzo predittivo da parte di uno scrittore sconosciuto americano, dal nome Patrick Robinson, in cui racconta la storia del crollo di una zona di La Palma causato da terroristi islamici (ah, beh, probabile che incolperanno loro come per l’11 Settembre).

La trame è la seguente.

Nelle isole Canarie, nell’angolo sud-ovest dell’isola di La Palma si trova il massiccio cratere del vulcano Cumbre Vieja.
Gli scienziati teorizzano che un giorno il vulcano esploderà.
Nove ore dopo l’eruzione un mega-tsunami con onde di più di 150 piedi di altezza si schianterà sulle coste americane.

E se qualcosa mandasse un missile nucleare nel vulcano e lo facesse esplodere ?
Ravi Rashood, la nemesi dell’America che è apparsa per la prima volta sulla scena in Barracuda 945 ed è l’uomo più ricercato del mondo, ha ordito questo piano diabolico che distruggerà le città da Miami a Washington a Boston e tutte le città in mezzo.

L’ammiraglio degli Stati Uniti Arnold Morgan combatte il suo più grande nemico finora, e corre contro il tempo per fermare Rashood prima che accada l’inimmaginabile.

A questo punto, non ho più alcun dubbio sul fatto che tale evento – se non verranno fermati al più presto – accadrà.
La data prevista ?

Difficile da prevedere – è sempre difficile riuscire a dare una data precisa, , ma sia 21.12.2021 che SOPRATTUTTO 13.3.2022 (questa quella calcolata DA ME PERSONALMENTE basandomi sulla teoria dei cicli storici, che mi dà 14.03.2022, data effettiva di arrivo dello Tsunami negli USA , il sospetto è che lo tsunami possano farlo partire alle ore 22.09 ora di Gran Canaria, tutto tornerebbe) sono le principali candidate.

Ricordandomi che nel calendario oscuro/satanico ha molta importanza il mese di MARZO (ricordando anche poi che la plandemia che stiamo vivendo è iniziata ufficialmente l’11 Marzo 2020), propendo di più per questa data.

Se non saranno fermati al più presto, decine di centinaia di milioni di morti – e la completa distruzione del mondo Occidentale – avverrà ben presto.



Alla luce della nuova ulteriore analisi, è possibile analizzare ancora più in profondità la copertina dell’Economist mostrata ieri :


Hollywood lo ha già predetto


L’Economist (di proprietà, oltre che della famiglia RothSchild, anche della holding Exor degli Agnelli/Elkann) di solito non sbaglia mai in certe “previsioni”.

Ieri avevo scritto :

Dicembre : l’orologio che batte quasi le 12, come per preannunciare un evento che sta per arrivare.
Gennaio, Febbraio e Marzo : eventi da quantificare (ma segnalo che da sempre ho un circoletto rosso sulla data del 13.3.2022)
Solo coincidenze ?

Alla luce degli sviluppi delle indagini, è possibile ulteriormente affermare :

Dicembre : l’orologio che batte quasi le 12, come per preannunciare un evento che sta per arrivare. (Il Great Reset)
Gennaio : preannuncia l’intensificare di un nuovo virus (Marburg o qualunque altro scelgano, poco importa, ad ogni buon conto ricordo che secondo questi personaggi la cosiddetta “Grande Mietitura” dovrebbe iniziare circa a Natale in Inghilterra, e qualche settimana dopo nel resto del mondo Occidentale, quindi Gennaio, altro mese MOLTO importante per gli “oscuri”)

Febbraio : un fungo nucleare che esce da un VULCANO, più chiaro di così…
Marzo : il globo terrestre ricoperto di rosso che brucia, sono gli effetti dello tsunami (inoltre ricordo ancora una volta che Marzo è un mese molto importante per gli oscuri sionisti/satanisti/talmudisti/satanici…)

(3-continua)


HerOwnDestinyBanner


You cannot copy content of this page