Haters : un grandissimo privilegio averne

Pubblicato il 29 Ottobre 2021 da Veronica Baker

Alcuni articoli – quelli che di solito tanto denigrate – sono scritti appositamente per voi haters.

Ed ogni volta fate sempre lo stesso errore : mi attaccate personalmente, in un modo poi così puerile…
Perchè oltre a farmi pubblicità gratuita aumentate ogni volta ancora di più la mia credibilità, che già di per sè è molto più alta di quello che potete immaginare.

Nella vostra enorme ignoranza non sapete nemmeno che attaccare in modo personale chi porta argomentazioni concrete non porta altro che al risultato opposto.

Veronica Baker


Haters : un grandissimo privilegio averne

Non importa quanto bene vadano le tue interazioni sociali, o quanto bene tu stia lavorando.
Avrai sempre degli haters.
Alcune persone purtroppo odiano gli altri quando fanno bene.


Chi è un hater ?

Un hater è qualcuno che scredita, svaluta o sminuisce i risultati altrui.
Questo tipo di persone sono alimentate dalla gelosia e dal disprezzo.
Odiano, e non è possibile fare nulla a riguardo.

Perché esistono gli haters ?

Da sempre ho avuto molti haters nella mia vita.
Ed invariabilmente tutti hanno sempre avuto alcune cose in comune.

Odiano le persone di successo.
Non accettano le persone competenti e soprattutto sono troppo stupidi per comprendere ciò che è bene e ciò che è male.

Non sopportano i vincitori.
Rimangono sempre al loro livello basico.

La soluzione più rapida per affrontare queste nullità umane è una.
Ignorarli.

Se mi influenzassero, non sarei abbastanza ambiziosa.
E quindi non avrei guadagnato nemmeno il GRANDISSIMO privilegio di averne.

Proprio così.
Il mondo è grande.

E la negatività ed il male amano farsi conoscere.

Ma per ogni persona che rende noto il suo odio nei miei confronti, ce ne sono CENTO che mi sostengono in tutto quello che faccio.

l troll di Internet

Sono sempre i più veloci della luce a dare un feedback negativo.
Tagliano e cuciono i miei post, mistificano le mie parole, denigrano affermando falsità e bugie.
Ma mi attaccano solo perché sto facendo qualcosa che loro NON sarebbero MAI in grado di fare.

Inoltre, penso anche a quanto la loro vita sia davvero triste e soprattutto vuota.
Sempre connessi giorno e notte ad un software collegato al loro smartphone che trilla o si illumina quando posto qualcosa, solo per guadagnare del misero denaro.

Certo, lo so che vi pagano molto bene.
Ma in cambio della vostra libertà.

Tanti nemici tanto onore
Tanti nemici tanto onore
I delinquenti finiscono prima o poi in carcere, come appunto Bombarda nel fumetto Tiramolla…

Tanti nemici tanto onore (oppure la variante “molti nemici, molto onore”) è una frase su cui non c’è una unanimità di vedute.

Alcuni la attribuiscono a Benito Mussolini, altri a Giulio Cesare, altri ancora a Georg von Frundsberg .

E’ un’espressione che viene utilizzata quando si afferma che avere molti oppositori è indice della grande considerazione in cui si è tenuti dai propri nemici.

Inoltre, affrontare da soli (o da sole) molti nemici – soprattutto quando evitano ogni confronto a tutti i costi, scappando e cercando solo di denigrare senza alcun argomento valido – è segno sia di grande coraggio che di grande preparazione, qualunque sia l’argomento trattato.

E questo rende sicuramente molto onore.

Nel corso degli ultimi mesi il seguito di questo blog è aumentato esponenzialmente, raggiungendo vette impensabili fino solo a pochi mesi fa.

Segno che il buon lavoro svolto ha dato i suoi frutti, molto superiori a quelli inizialmente preventivati.

Naturalmente sono arrivati come delle mosche anche i soliti disinformatori di Stato.
Finalmente siete arrivati !

Vi aspettavo da tempo, dato che alcuni articoli – come questo che tanto state denigrando sul web – sono stati scritti appositamente per voi.

Ed avete compiuto davvero un errore clamoroso attaccandomi personalmente, in un modo poi così puerile.
Perchè oltre a farmi pubblicità gratuita (e vi ringrazio per questo !) avete aumentato esponenzialmente la mia credibilità, già di per sè molto più alta di quello che potete immaginare.

Nella vostra enorme ignoranza non sapete nemmeno che attaccare in modo personale chi porta argomentazioni concrete non porta altro che al risultato opposto.
E poi con frasi del tipo :

“Il grafene non esiste perchè non è scritta la presenza di questa sostanza nel foglietto illustrativo, e poi lo dico io, credimi !”

Da quando in qua un ladro quando vuole entrare a casa tua a rubare ti telefona prima per dirti a che ora verrà a fare il colpo ?
Vi ringrazio ancora, un caloroso abbraccio e…ad maiora !



Capitolo a parte per i cabarettisti della RAI TV, famoso covo di serpenti nazionali infastiditi dalla piccola formichina, ossessionati anche loro dall’esistenza del grafene.
Guardate che è solo la prima puntata.
Ormai la narrativa nel frattempo è avanzata di un bel po’, se volete posso farvi un riassuntino oppure un bel disegnino alla lavagna.

Ho visto uomini con la terza elementare tirare su aziende e dare lavoro a tante persone.

Poi ho visto professoroni raccomandati con tre lauree e specializzazioni varie, far chiudere migliaia di società, affamando milioni di esseri umani.
L’intelligenza sociale non si studia all’università.

Veronica Baker

In effetti per voi comprendere le conoscenze scientifiche di questo mio sito significa spingersi in un territorio inesplorato, un po’ misterioso.

Come una musica avvolgente e rarefatta, che conferisce un senso di magico talmente grande sulle cui note spira la vostra anima (forse alcuni di voi ce l’hanno ancora, pur se un po’ malaticcia e malandata) quando a notte fonda andate a nanna ripensando a quanto è misera la vostra esistenza, chiedendovi con inquietudine :

“E chi me lo ha fatto fare di intraprendere questa carriera in cui devo solo dire sì ai padroni ?”

E dopo questi pensieri, il nulla assoluto.
Come nel prossimo video che vi dedico con grande simpatia.

Perchè un tempo anche voi sapevate fare non solo la televisione.
Ma soprattutto i silenzi.



Analfabetismo funzionale

Proprio oggi ho ricevuto un link di statistiche (thx to A. !) che parlano chiaro.
L’Italia è in generale il paese più bue ed ignorante di tutta l’Europa.

In poche parole, in tutta Europa non c’è alcun altro popolo di ignoranti che superi l’ex bel paese, che è infatti al primo posto per scarse conoscenze alfabetiche e matematiche.

In sostanza per tutte quelle competenze scolastiche ritenute essenziali per la crescita individuale e della società.

Ma ciò che dovrebbe colpire ancora di più è un altro fatto.
Gli italiani sono ignoranti anche quando sono laureati.
Il che non mi sorprende per nulla, visto sia i metodi di insegnamento utilizzati, sia il cumulo di menzogne che vengono raccontate nei cosiddetti programmi ministeriali (ma questa è un’altra storia).

Tutto questo non è affatto una sorpresa.
Sì, perché circa il 28% degli italiani tra i 15 e i 65 anni è analfabeta funzionale.
Cosa significa ?

L’analfabetismo funzionale consiste nella assoluta incapacità di capire, elaborare e, quindi, utilizzare nozioni base.
Non si tratta solo di nozioni lette su un libro o su un giornale, ma anche di quelle vissute, di esperienze di vita di tutti i giorni.

In poche parole, difficoltà assoluta nel collegare in modo logico punti di una narrazione o di uno svolgimento di una vicenda.

Un esempio di analfabeti funzionali possono essere costoro, che per di più si spacciano assai subdolamente “informatori a caccia di bufale” ed a costoro dedico i cosiddetti 15 minuti di notorietà di Andy Warhol (anche se sulla paternità di questa frase ci sono molti dubbi).


Analfabetismo funzionale
Mi è giunta voce che nella curvatura più sperduta della rete internet sia stata ancora una volta chiamata in causa…

Mi è giunta voce che nella curvatura più sperduta della rete internet sia stata ancora una volta chiamata in causa.

Costoro, che evidentemente hanno la coda di paglia perchè nel corso degli anni li ho sempre regolarmente sbugiardati in tutte le circostanze (a partire da quella fondamentale per cui gli brucia ancora il posteriore, visto che per più di un decennio hanno difeso in modo menzognero la esistenza delle cosiddette contrails), hanno recentemente ripreso a denigrarmi costantemente.

Alcuni frasi sono davvero delle vere e proprie “perle di saggezza” :

Fuffa da fonti per niente attendibili
Non ti vediamo molto fra le persone di successo e nemmeno fra i vincitori
Ci pagano molto bene, dobbiamo guadagnare del denaro per comprare salmone per i mici

Le commenterò ad una ad una, e questa (ovviamente) sarà l’ultima volta che perderò tempo a replicare con loro.

“Fuffa da fonti per niente attendibili”

Bisogna proprio avere del bel coraggio per affermare questo, ma si sa che oggi la etica e la moralità non vanno più molto di moda (e la menzogna impazza).

Inoltre occorre proprio avere davvero molto tempo da perdere (oppure “essere pagati molto bene”, ma a questa frase risponderò in seguito) per preoccuparsi di denigrare questo mio blog se riportasse davvero della “fuffa inattendibile”.

In tal caso, commenterei semplicemente con “de gustibus non disputandum est”.

Per altro, se coloro che hanno scritto questo post mi hanno citata immediatamente dopo poche ore, significa che…beh lo sapete bene, inutile continuare a perdere tempo con dei morti neuronali.

Anche perchè a questo punto arriva la fatidica domanda da 1 milione di Dollari : dove era scritto che mi riferivo a voi nell’intero testo del post, dato che non c’era nessun nome, nessun link di riferimento, quindi nulla di nulla ?

Perchè mi avete chiamata in causa, se io non ho mai chiamato in causa voi, nè vi ho mai letti (escluso una volta un mese fa) ?

Ah, come mai avete paura di un qualsiasi contraddittorio, ma sapete solo prendere in giro e scappare come dei codardi senza permettere alcun diritto di replica ?

Forse perchè non avete mai avuto nessun argomento valido, ma volete solo denigrare e sfottere.

Il riflesso allo specchio può essere spesso distorto da un’idea di apparente bellezza.

Veronica Baker

“Non ti vediamo molto fra le persone di successo e nemmeno fra i vincitori”

Tutti giudicavano Susan Boyle per il suo aspetto, ridendo al pensiero che potesse pure cantare.
La realtà dei fatti si è dimostrata ben diversa.



Per questo motivo vi dedico con molto piacere il contenuto del prossimo video.
Anche allora tutti o quasi nei forum tematici mi prendevano in giro esattamente come voi, mi sfottevano tutti i giorni, mi dedicavano frizzi e lazzi.

Il finale fu questo.
Passare un giorno così (anzi, una mezzora così) mi basta ed avanza per tutta la Vita (ed anche per la prossima).

In seguito ciò che pubblicai nel mio sito di allora (metto la traduzione in italiano dall’originale che scrissi invece in inglese, perchè dubito che voi possiate conoscere una lingua straniera).
Ed anche ho seri dubbi che le vostre testoline bacate possano arrivare a capire cosa sia successo.



Giugno 12, 2012


Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria
Ho una posizione pesantemente ribassista sul cambio EUR/CHF nonostante il peg fissato ad 1.20 e garantito sine die dalla Banca Nazionale Svizzera.
La motivazione fondamentale per cui il 99.9% degli operatori finanziari sui cambi al ForEx sono invece rialzisti.

A mio modo di vedere invece è una situazione altamente pericolosa che può portare ad un improvviso aumento di volatilità.
La maggioranza degli operatori finanziari – in particolari i piccoli – infatti non hanno fondi sufficienti a coprire le loro perdite in caso di improvvisa rimozione del peg.
Troppo sbilanciato il rapporto fra rialzisti e ribassisti.

E tutti gli operatori istituzionali hanno stop loss automatici sotto quota 1.20.

Come dentro ad un film
Un calo in pochi minuti di 3.300 Pips…

Perché ho questa opinione così in controtendenza con tutto il mondo finanziario ?

Lo scorso mese (Maggio 2012) la Banca Nazionale Svizzera (BNS) è intervenuta a sostegno del peg fissato a 1.2000 contro Euro per un importo di 60 miliardi di franchi svizzeri (66 miliardi di dollari).

Questo significa che la BNS sta spendendo in media l’equivalente di 7 Milioni di Dollari al
minuto per sostenere questa quota arbitraria.
Una cifra assolutamente sbalorditiva, per non dire proprio assurda.

La BNS potrà continuare a mantenere questo ritmo a lungo ?

A mio parere è impossibile.

I rischi per il paese (e soprattutto per la BNS) di intaccare il proprio bilancio e soprattutto di dovere scrivere delle pesantissime minusvalenze non sostenibili in questo momento è davvero elevato.

Credo anche che sia la Federal Reserve USA, sia la Banca Centrale del Giappone e soprattutto la Banca Centrale Europea abbiano già chiesto ufficialmente alla BNS di non continuare a mantenere a lungo una quotazione così svalutata della propria divisa.

Inoltre il tasso di interesse negativo per il CHF (attualmente -75BPS) rischia di inabissarsi in un pozzo senza ritorno…
Fra l’altro, proprio l’attuale capo della Banca Nazionale Svizzera nel 1999 ha pubblicato uno studio molto approfondito su un possibile peg riguardante il cambio EUR/CHF.

Definendolo “improponibile”, “altamente speculativo” e “concomitante ad un eccessivo afflusso di capitali stranieri in Svizzera”.
…esattamente quello che sta succedendo da mesi…
Lo ripeto ancora una volta.
Il giorno che cederà di schianto o verrà rimosso il peg vedremo un tonfo del cambio EUR/CHF che passerà alla storia.
Una vera e propria caduta libera.


Gennaio 16, 2015


Le ultime parole famose

La Banca Nazionale Svizzera (BNS) ha choccato i mercati finanziari globali con la sua decisione di rimuovere il peg di 1.20 CHF per EUR, in vigore da tre anni.
La notizia del tutto inattesa ha istantaneamente causato un crollo senza precedenti.

Da 1.2000 a 0.79 in poco meno di 10 minuti.
Naturalmente molti ora ritengono che con un adeguato e strettissimo Stop Loss la maggior parte degli operatori (fra cui quasi tutte le più importanti istituzioni finanziarie globali) non avrebbero mai subito perdite così catastrofiche.

Ma in un movimento così volatile e soprattutto improvviso come questo il mercato non ha davvero alcuna possibilità di assorbire immediatamente in acquisto un numero di proposte di vendita così enorme.
Semplicemente per la mancanza di liquidità disponibile.

Basta guardare il grafico riportato in alto.
Tra 1.10 e 0.98 nel book non era disponibile alcuna proposta in acquisto.
Proprio nessuna.


A causa di questo movimento “improvviso ed inatteso” (secondo la cosiddetta opinione pubblica dei giornali, delle riviste, dei siti internet allineati, insomma sempre la solita storia), ad esempio il mio broker di allora perse una fortuna, qualcosa come 120 milioni di dollari.
Io – da piccola imprenditrice – ne guadagnai una parte infinitesima, ma ampiamente sufficiente per fondare la mia piccola società di trading che mi permetterà di pubblicare questo mio blog in modo gratuito fino a quando ne avrò voglia, dove soprattutto potrò scrivere tutto ciò che mi pare.

Compreso un bel libro di cucina, certo.
I libri veramente validi di cucina sono rari
, e molto probabilmente coloro che mi hanno consigliato di fare questo non sanno cucinare, e sicuramente sono abituati a mangiare cibo spazzatura precotto oppure in qualche fast-food di infima categoria.

“Ci pagano molto bene, dobbiamo guadagnare del denaro per comprare salmone per i mici”

Ah, da quel giorno i miei mici (ne ho 13, e vivono tutti in casa con me, con tutte le comodità possibili ed esistenti, compreso riscaldamento ed aria condizionata a volontà) mangiano esclusivamente caviale.


Analfabetismo funzionale
Molti ancora devono ancora percepire il campanello di allarme che sta distruggendo la loro vita e sta portandoli verso la distruzione totale…(Thx to A. per la foto !)

Ecco, adesso che ho definitivamente finito di replicare a questi trogloditi posso tornare a trattare l’argomento principale di questo mio post.

Molti ancora devono ancora percepire il campanello di allarme che sta distruggendo la loro vita e sta portandoli verso la distruzione totale.

Esattamente come allora i governi, le banche centrale, i giornali, gli analisti finanziari portarono molta gente alla rovina totale a causa delle loro continue menzogne.

E quindi non progettare il proprio futuro esclusivamente sulla base dei propri politici di riferimento, di ciò che viene detto sul mainstream, oppure sulla base dei giudizi dei cosiddetti “guru” della medicina.

Tutti questi personaggi stanno deliberatamente distruggendo vite umane, creando nel contempo un’atmosfera da tregenda per imporre la loro agenda satanica al mondo intero.

Susan Boyle ci ha ricordato che non si può giudicare qualcuno o qualcosa dal suo aspetto, dalla sua storia di vita passata, dalla sua cultura.

Occorre un impegno comune da parte di tutti noi se vogliamo salvare il nostro futuro e cambiare il corso della storia.

Non sempre le cose sono come sembrano !



You cannot copy content of this page