Global analysis

Pubblicato il 30 Dicembre 2009 da Veronica Baker

Il Nikkei questa notte ha disegnato in corrispondenza della resistenza di lungo periodo ( e massimo relativo ) una reversal bar molto importante.
Questo fatto è significativo perchè  nell’ultimo mese il mercato guida è stato proprio quello nipponico , per i motivi già spiegati in questo blog più volte.

Nel contempo , la sparata – a mio modo di vedere forzatissima  , con pochissimi volumi ed esclusivamente in acquisto – partita lunedì 21 verso l’alto del Dax, dell’Eurostoxx e di tutti gli indici USA appare molto, molto tirata .
Sul grafico orario è possibile notare – soprattutto sul Nasdaq – la bellezza di quattro ( ! ) gaps up  rimasti aperti dal 18 Dicembre , oltre al fatto che lo Spoore ha raggiunto quota 1130 ( ricordo che dal mio punto di vista l’area 1125/1132 è il target primario del bear market rally, almeno per il momento ) ed ha finalmente “apparentemente” rotto la trend-line ribassista di lungo periodo ( io , lo ripeto ancora, non considero particolarmente importanti le trendlines, ma molti “puristi” sì, quindi questo è un segnale da tenere presente in ogni caso )
Le medium e le small caps hanno sottoperformato gli indici guida , il DJ Transport non ha confermato il movimento ed ha disegnato una configurazione che prelude ad una inversione , con doppio massimo in corrispondenza del 50% di retracement.

I mercati emergenti ( Bric in particolare ) – per altro – stanno già correggendo da qualche settimana , con l’esclusione di Shanghai ( che però è un mercato a sè stante ).
Dell’€/$ abbiamo già parlato diffusamente, non pare essere cambiato nulla, permane la debolezza dell’€ con target 1.41.

Se tutto questo preluderà ad una correzione a partire dall’inizio del 2009, oppure se saranno solo prese di beneficio , non lo so.

La ritengo molto probabile, vista la concausa di situazioni, anche se naturalmente non c’è nulla di certo.
Per altro – che il mercato salisse nel periodo delle feste, era un evento che mi aspettavo – come scritto più volte .

In ogni caso, lo spazio in upside – almeno per il momento – appare davvero risicato, se non proprio nullo.
Solamente il Nikkei , in caso di violazione del segnale dato oggi, avrebbe un buon margine di salita.

You cannot copy content of this page