Geoingegneria degli aerosol troposferici TAG : prove radiometriche della esistenza delle chemtrails

Pubblicato il 18 Agosto 2021 da Veronica Baker

La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire.

Albert Einstein


Geoingegneria degli aerosol troposferici TAG : prove radiometriche della esistenza delle chemtrails

L’argomento trattato in questo post, sia pure molto spinoso (forse è quello che maggiormente ha diviso la opinione pubblica nel corso dell’ultimo ventennio), non è certo una novità.

Addirittura ci sono stati in passato dei presidenti del Consiglio come Matteo Renzi (uno dei personaggi più corrotti della intera storia italiana, fra le altre cose coinvolto in prima persona nella manipolazione dei risultati delle elezioni USA del 2020 e quindi passibile della gravissima accusa di alto tradimento nei confronti degli Stati Uniti), che ai tempi minacciarono con un TSO tutti coloro che osavano parlare delle cosiddette “scie chimiche”.



Numerosi blog tematici – anche in italiano – trattano ormai da almeno 15 anni il fenomeno in maniera molto approfondita.

Ma lo studio di riferimento che tratterò è davvero importante.
Forse per la prima volta si è dimostrato in forma ufficiale la esistenza delle cosiddette chemtrails, o scie chimiche a dir si voglia, e che non si tratta di contrails, o scie di condensa.

E quindi tutti i vari disinformatori (o fact-checkers, come si fanno chiamare oggi) possono essere messi definitivamente a tacere.
Solo che è stato necessario un periodo di dieci anni.
Decisamente troppo.

Non che cambi molto in verità nel panorama delle conoscenze personali.
E molto probabilmente nemmeno servirà realmente a qualcosa in questa battaglia contro le elite che ogni giorno che passa sembra sempre di più essere una missione impossibile.

Però occorre almeno provarci.



Studio di riferimento

Herndon, JM; Hoisington, RD; Whiteside, M. (2020). Le scie chimiche non sono scie : Evidenza radiometrica = Chemtrails are Not Contrails : Radiometric Evidence. Journal of Geography, Environment and Earth Science International, 24 (2), pp. 22-29. https://www.researchgate.net/profile/J-Herndon/publication/340348307_Chemtrails_are_Not_Contrails_Radiometric_Evidence/links/5ec86491458515626cc3077b/Chemtrails-are-Not-Contrails-Radiometric-Evidence.pdf

Introduzione

La geoingegneria dell’aerosol troposferico, nota come TAG, viene spesso confusa con la geoingegneria solare, che avviene nella stratosfera per ridurre l’incidenza della radiazione solare.
Sebbene entrambe abbiano in comune l’iniezione di aerosol, le sostanze di irrorazione possono variare, così come i livelli di diffusione del materiale.

Ad esempio, l’irrorazione ad altitudini stratosferiche richiederebbe aerei militari, palloni/droni sperimentali, od aerei commerciali appositamente preparati per salire a tali altitudini.

L’irrorazione troposferica, tuttavia, si verifica alle quote abituali in cui operano gli aerei commerciali, cioè intorno ai 5-10 km di altitudine.
Il vantaggio dell’irrorazione troposferica è il suo costo inferiore, perché in questo modo può essere utilizzato qualsiasi aereo a reazione civile.

Di contro, l’altezza alla quale potrebbe essere potenzialmente irrorato potrebbe non essere sufficiente per una copertura maggiore, implicando una strategia di irrorazione in linea e in quadranti, un po’ come un trattore che ara un campo.

Purtroppo, la letteratura scientifica è limitata in relazione alla geoingegneria degli aerosol troposferici, che come ci si potrebbe aspettare è strettamente legata al fenomeno delle scie chimiche o chemtrails.

Questo post analizza l’articolo di (Herndon, J.M.; Hoisington, R.D.; Whiteside, M. 2020) in cui si dimostra empiricamente la presenza di chemtrails.

Prima di avanzare nella conoscenza delle frequenze delle radiazioni ionizzanti nell’atmosfera e della loro interazione con le nuvole chimiche dietro le chemtrails, sembra necessario identificare alcuni tipi di nubi chimiche prodotte da questo fenomeno.

Fatti analizzati

Gli autori intendono scoprire la verità su alcune delle scie lasciate dagli aerei.

Vengono compiuti sforzi concertati per indurre il pubblico a credere erroneamente che le scie di aerosol dell’astrofisica dei jet, chiamate da alcuni scie chimiche, siano scie innocue di cristalli di ghiaccio dall’umidità nei gas di scarico dei motori degli aerei.

Il nostro obiettivo è utilizzare misurazioni radiometriche nell’intervallo 250-300 nm per dimostrare che una tipica scia chimica non è una scia di condensazione e generalizzare tale constatazione con dati aggiuntivi“.

Le “contrails” sono le tipiche scie di condensazione, prodotte dal calore dei motori a reazione di un aereo.
Da non confondere con le chemtrails, le cosiddette scie chimiche, tipiche delle irrorazioni.


Geoingegneria degli aerosol troposferici
Fig. 1 : Scie chimiche identificate nella ricerca (Herndon, JM; Hoisington, RD; Whiteside, M. 2020)

Dato l’interesse della spiegazione data dai ricercatori, è esposta nella sua interezza per analisi : ”L’assorbimento UV durante il tempo di transito del sensore radiometrico attraverso la scia di aerosol è una prova radiometrica inequivocabile che la scia chimica non è una scia di cristalli di ghiaccio perché l’assorbimento UV da parte del ghiaccio lungo la lunghezza d’onda misurata dell’intervallo di lunghezza è trascurabile.

Il coefficiente di assorbimento del ghiaccio, k-ice, a 300 nm è ≤ 0,1 m-1 e 0,665 m-1 a 250 nm.
La riflettività quasi del 100% della neve è un’ulteriore prova dell’assorbimento spettrale estremamente basso del ghiaccio.

Infatti, tra 300 e 600 nm, l’assorbimento da parte del ghiaccio è così debole che per alcuni scopi geofisici può anche essere azzerato, ad esempio, quando si calcola l’assorbimento della radiazione solare da parte delle nuvole di ghiaccio, perché le lunghezze dei percorsi dei fotoni attraverso i cristalli di ghiaccio atmosferici sono molto piccole rispetto alla lunghezza di assorbimento.

Tuttavia, l’assorbimento dei raggi UV da parte del particolato, comprese le ceneri volanti di carbone, è pienamente coerente con i dati raccolti.

Sono state analizzate anche le scie di particelle sospese nell’aria (scie chimiche), comprese le scie bianche e le scie nere.
Le scie bianche sono bianche perché un’alta percentuale di luce incidente viene dispersa, solo una parte di questa viene assorbita.

Le tracce nere sono nere perché c’è pochissima dispersione ; la maggior parte della luce incidente viene assorbita.
Le tracce nere non possono essere tracce di cristalli di ghiaccio perché, come discusso sopra, il ghiaccio ha un basso assorbimento non solo dei raggi UV, ma anche luce visibile.

Altre manifestazioni fisiche di scie di aerosol sono ugualmente incompatibili con le scie di cristalli di ghiaccio.
Questi includono la dispersione piuttosto che l’evaporazione, la produzione spontanea di scie di particelle start-stop-start e l’origine delle scie a volte non è associata allo scarico del motore.

Ciò significa che l’intensità dei raggi UV ultravioletti non è quella prevista con una scia di condensa e cristalli di ghiaccio, come si può vedere nella figura 2.


Geoingegneria degli aerosol troposferici
Fig. 2 : Il segno rosso sull’asse temporale “11:44 ore” corrisponde a quando è stata analizzata la scia chimica dell’aerosol. La riduzione dell’intensità dei raggi ultravioletti è evidente, rispetto al resto delle misure. Questo test mostra che non si tratta di una scia di condensa. (Herndon, JM; Hoisington, RD; Whiteside, M. 2020)

Sottolineano inoltre che “il materiale particolato nella troposfera è riscaldato dalla radiazione solare e dalla radiazione terrestre, trasferisce quel calore all’atmosfera attraverso collisioni molecolari, che riduce la convezione atmosferica e, contemporaneamente, riduce la perdita di calore dalla superficie, causando locali e/o il riscaldamento globale e combinato con altre tecniche scioglie i ghiacci polari ”.

Ciò giustifica anche il fatto che pure il riscaldamento globale sia antropico, ma non necessariamente causato dai gas serra CO2 (N.d.T. : sappiamo bene che non è per nulla così e che anche la storia della CO2 è un’altra bufala di regime, come trattato ad esempio in questo mio post, ma anche in questo caso il web è pieno di studi scientifici che inequivocabilmente sostengono questa tesi) , poiché gli autori attribuiscono la causa della irrorazione troposferica come responsabile di questi effetti, qualificando questa azione come “irrorazione aerea nascosta per provocare deliberatamente caos climatico, inondazioni, siccità e scarsi raccolti”.

Pertanto affermano che “lo spruzzo di particolato aereo è un inquinamento atmosferico deliberato“.


Geoingegneria degli aerosol troposferici
Fig. 3 : Scie chimiche scure e bianche. (Herndon, JM; Hoisington, RD; Whiteside, M. 2020)

In conclusione, i ricercatori affermano che “abbiamo presentato misurazioni radiometriche che provano inequivocabilmente la falsità di questa caratterizzazione per un caso specifico ma tipico.
Mostriamo in un quadro più generale che le manifestazioni fisiche delle tracce aeree sono incompatibili con le scie cristalline di ghiaccio, ma del tutto coerente con tracce di particelle di aerosol
“.

In altre parole, concludono che il fenomeno osservato nel cielo non corrisponde agli effetti delle nuvole di condensa, poiché non si ottengono letture radiometriche tipiche dei cristalli di ghiaccio, il che dimostra che è in atto un fenomeno diverso, che si adatta alla irrorazione od iniezione di aerosol troposferici.

Citano anche le possibili cause o ragioni dell’inganno : ”Perché la diffusa disinformazione sulle scie di particelle sospese nell’aria/aerosol troposferici ?
Probabilmente perché sia ​​lo scopo(i) di copertura dell’irrorazione aerea e la salute umana ed ambientale portano conseguenze
negative che ripugnerebbero la opinione pubblica
“.

Finalmente i ricercatori chiedono che “per il bene della vita sulla Terra, la modifica dall’ambiente naturale mediante l’uso dell’irrorazione aerea del particolato e di altre metodologie deve cessare immediatamente e definitivamente”.


Riflessioni finali

I ricercatori dimostrano con metodologia scientifica che le scie di condensazione di alcuni velivoli non corrispondono alla logica condensazione e cristallizzazione del ghiaccio, causata dal calore dei motori a reazione.

E’ stato verificato chiaramente che esiste un diverso pattern radiometrico che dimostra l’esistenza di scie chimiche od iniezione di aerosol troposferici TAG.

D’altra parte, gli autori sono molto chiari nelle loro dichiarazioni sulle conseguenze e sulle possibili cause del fenomeno.
Sarebbe conveniente poter ripetere il test in diversi paesi in modo che il suo studio non fosse isolato ed ottenesse il rafforzamento della comunità scientifica.

I loro test aprono e focalizzano la ricerca sui componenti utilizzati nella irrorazione troposferica e sull’ipotesi della loro eccitabilità o capacità ripetitiva o moltiplicatrice delle onde elettromagnetiche, con capacità di ionizzazione.

Tali aspetti verranno affrontati in altri successivi studi.

Tuttavia, alcuni tipi di materiali possono già essere considerati forti candidati per la fumigazione troposferica, grazie agli indizi forniti da (Herndon, JM; Hoisington, RD; Whiteside, M. 2020), in particolare, tutti gli aerogel/idrogel geoingegnerizzati, che causano reazioni chimiche nella troposfera, che servono ad aumentare il riscaldamento globale o la produzione di gas serra e che allo stesso tempo possono produrre un effetto potenziante delle onde elettromagnetiche ai loro livelli ionizzanti, come farebbe un’antenna fotoconduttiva per l’emissione di Terahertz (N.d.T. : ricordo fra le altre cose che il famigerato grafene ha fra le sue proprietà l’effetto di moltiplicare fino ad un fattore 1000 le onde elettromagnetiche).

Sebbene si possano trovare indizi nella letteratura scientifica, sembra necessario saperne di più sull’evidenza fisica del materiale precipitato dopo le irrorazioni.

È necessario disporre di fotografie di questo materiale, possibili reazioni al perossido di idrogeno, al fine di escludere la presenza di Fe3O4, analisi di laboratorio per la localizzazione di grafene od altri materiali, nonché la sistematizzazione della raccolta dei materiali.

Ciò potrebbe aiutare a determinare i resti delle reazioni chimiche prodotte nell’atmosfera e quindi essere in grado di dedurre l’ingegneria inversa necessaria per chiarire la natura dei composti e dei materiali con cui è stata fumigata.

Studio originale in lingua spagnola : https://corona2inspect.blogspot.com/2021/08/interaccion-ondas-electromagneticas-nubes-quimicas.html

Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker


44


You cannot copy content of this page