Furto con scasso

Pubblicato il 4 Novembre 2020 da Veronica Baker

Ho passato tutta la vita con la paura dei rossi.
Credo nella perestroika e nella glasnost più o meno quanto credo in Babbo Natale.

Considero mio dovere patriottico sottrarre ai comunisti tutto quello che posso, togliere loro i mezzi con cui dominare il mondo, che è il loro piano a lungo termine nonostante quest’ultimo rigurgito di democrazia.

David Baldacci


Furto con scasso

Furto con scasso
Professione iconoclasta…

Formula della distribuzione di Poisson (teoria del calcolo delle probabilità) o legge degli eventi RARI :

P= Exp(-L)*L Exp (k/k!)
P = probabilità
k = numero di volte che un evento occorre
L = Lambda*t
Lambda= accadimento per unità di tempo
t= intervallo di tempo in cui l’evento K avviene

E’ assolutamente impossibile che DUE EVENTI altamente IMPROBABILI (di quelli che capitano tre volte nella vita intera) accadano nello stesso giorno (anzi nella stessa ora !) uno dopo l’altro.

Nel Wisconsin e nel Michigan sono comparsi magicamente voti per corrispondenza a favore di Biden prima 100k e poi 138k.
Contro gli zero per Trump.

Se non fosse vero, sarebbe da barzelletta.

La probabilità che simultaneamente accadano due eventi del genere è una su alcuni milioni.
Inferiore a quella per fare 6 al Superenalotto con una schedina da due combinazioni, tanto per dare una valutazione empirica.

Preferisco fermarmi qua.
Ma per me è tutto davvero troppo chiaro.

Anche perchè era un evento altamente atteso.
Ed ovviamente non credo al “caso”.

Soprattutto quando è supportato da dati concreti.
Professione iconoclasta.
Trascurando poi tutte le altre segnalazioni di frodi varie qua e là.

Come ad esempio in Arizona.
Un furto con scasso.



La psy-op mondiale (o meglio il regolamento di conto fra bande rivali appartenenti alla stessa malavita, pardon cabala) deve continuare.

Furto con scasso
Comunisti erano e comunisti rimarranno per sempre…

Ovviamente, la voci in Europa sono tutte a favore di Biden.
La stampa dappertutto è totalmente imbavagliata.
Questa è una politica strategica di oppressione del libero pensiero.

Ma non ci si deve stupire.
E’ esattamente la stessa modalità utilizzata dalla stampa nel 1917 per promuovere la rivoluzione russa.
Comunisti erano e comunisti rimarranno per sempre.

Molti giornalisti ovviamente sono consapevoli di ciò che sta succedendo nel mondo.
Ma non possono scriverlo, pena il licenziamento.

Recentemente hanno iniziato a svilupparsi reti segrete di giornalisti indipendenti che si oppongono a questa deliberato sistema di censura.
Ormai non sono più giornalisti.

Ma esclusivamente strumenti di propaganda.



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page