Fonti inattendibili

Pubblicato il 30 Dicembre 2019 da Veronica Baker

I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività.
Venivano subito messi a tacere.
Mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel.

Umberto Eco


Fonti inattendibili
Il solito tema ben noto da sempre…

Una decina di anni fa – correvano gli anni 2009-2010 – leggevo praticamente tutti i giorni il blog ZeroHedge.

Allora mi dava l’impressione di essere una fonte piuttosto attendibile.
In realtà è semplicemente un sito di gossip, dove il catastrofismo impera sempre e comunque.

Gli articoli pubblicati sono solo falsamente ineccepibili.
Ed i commenti in apparenza molto “pericolosi” sono invece totalmente innocui.

Perchè in realtà in un sito del genere essere razzista, antisemita, omofobo ed in generale esageratamente odioso è semplicemente un modo per attrarre più lettori.
Soprattutto quelli di fascia culturale infima.

Coloro che – credendo di visitare in un sito “libero” e senza alcun tipo di censura apparente – possono scrivere tutte le cazzate che vogliono.
Esattamente come in qualsiasi altro social network.

Il solito tema ben noto da sempre.
Fonti inattendibili.



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page