False recensioni

Pubblicato il 22 Ottobre 2019 da Veronica Baker

Il sesso è una delle nove ragioni della reincarnazione.
Le altre otto sono prive di importanza.

Henry Miller


Giugno 1, 2016


False recensioni

Una escort “ufficialmente” non-professionista è sempre molto, molto ambita.
Ai clienti potenziali dà un po’ fastidio sapere che hai troppi uomini.

Preferiscono la non professionista, che in genere garantisce baci, più tempo, un po’ di coccole.
Una specie di amante che dura lo spazio di un incontro, non dia pensieri, con la quale magari instauri anche una specie di rapporto.

E nei siti di recensioni sono purtroppo i (potenziali) clienti  – fra cui molto spesso si annidano esponenti delle forze dell’ordine – a voler provare a stabilire il prezzo e determinare la concorrenza.
Tramite una rete di ricatti che funziona più o meno in questo modo :

“Se fai questo per me, o se mi fai uno sconto io parlerò bene di te, se non lo fai, parlerò male”.

Oppure, al contrario :

“Scrivo questo così faccio perdere clienti ad un’altra, ma tu in cambio devi fare con me sesso senza preservativo”.

False recensioni
A questo punto la domanda è lecita…

E’ come una mafia.

Astuzie del commercio che forse sono lecite con oggetti o beni immateriali.
Ma quando in mezzo c’è un essere umano, sono soprusi ed abusi.

A questo punto la domanda è lecita.
Come funziona il ricatto attraverso la recensione on-line del cliente (detto anche in gergo “punter”) ?

E’ abbastanza facile capire il meccanismo.

Perchè è sempre del tutto uguale a quello utilizzato nei forum tradizionali.
Cambia infatti solo l’argomento.

Si recensiscono per la maggior parte donne (o trans) che hanno messo un annuncio su internet.
Ne valutano uno, decidono che sono interessati, si consultano e postano il link con l’annuncio.

A questo punto intervengono quelli che la conoscono magari dicendo che la foto è falsa (un classico), e si scambiano le informazioni.
Tutto questo sarebbe lecito, forse.

Ma in realtà hanno un potere in mano molto pericoloso perché possono dire qualsiasi cosa.
E’ vero che pubblicamente non possono scrivere l’ indirizzo.

Ma si parlano privatamente.
Decidendo a priori le informazioni che decidono di dare.

In questo modo la ragazza rimane totalmente esposta.
Soprattutto se è una non professionista.

Possono decidere di mettere in giro informazioni false, per esempio che la ragazza accetta ogni forma di sadomaso.
Certo, può rifiutarsi.

Ma ovviamente se si rifiuta non vogliono pagare il prezzo stabilito, solitamente finisce che si vendicano e scrivono cose non vere tipo “puzzava” o “è svogliata”.
E naturalmente se prova a difendersi  trova porte chiuse.
In fondo deve accettare che si parli di lei.
Perché è sul mercato.

Basta che non violino la privacy (e ci vuole molto poco oggi , vista la ambiguità delle leggi) e loro sono a posto.
Ma la ragazza si trova in balia di chiunque.
Diventando un bersaglio delle false recensioni.

Se qualcun altro scrive per esempio che non è vero, che non è così, allora lo accusano di voler chiedere uno sconto.

La umiliano, la deprezzano, e poi arrivano dicendo :

“Pensavo che eri una non-professionista, invece vai con tutti”

Semplicemente un modo per pagare di meno e chiedere di più.

Ma come fanno i commentatori on-line a essere considerati credibili dagli altri ?
In quasi tutti i siti vige la legge non scritta che la credibilità del personaggio che scrive (cioè il nickname) è proporzionale alla quantità di recensioni (o di post) che scrivono.

Solo così diventi un commentatore credibile.
Sei uno che ne vede tante .

Ma molto più probabilmente che scrive tanto.



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page