L’origine dell’eroina

Pubblicato il 17 Febbraio 2019 da Veronica Baker

Cara droga
Finalmente sto trovando il coraggio di scriverti
Io ti voglio raccontare tutto l’odio che ti porto e tu lo sai perché
Mi hai sconfitto e da vigliacco ogni giorno io mi graffio l’anima
Da ogni viaggio insieme a te ritorno indietro più vigliacco e inutile

E tu godi
Tu sorridi soddisfatta ed offri sempre compagnia
Nei momenti in cui si spaccano i colori e la mia mente vola via
Approfitti di un istante in cui non reggo la mia solitudine
E riempi la mia mente di quei vuoti che riesci a vendermi

Franco Simone – Cara droga”


Eroina
Pubblicità in cui comparivano soprattutto bambini…

Nella primavera del 1912 la Bayer iniziò sui giornali spagnoli una campagna pubblicitaria riguardo gli effetti benefici di un suo nuovo farmaco chiamato Heroina.

Appena dopo il lancio commerciale i medici notarono come inducesse dipendenza.

Ma la Bayer commissionò ugualmente pubblicità in cui comparivano soprattutto bambini, raccomandandone l’assunzione anche per semplici irritazioni della gola.

Ben presto non ci fu malattia per cui non fosse raccomandata la “formula magica”: sclerosi multipla, asma, cancro dello stomaco, epilessia, schizofrenia, coliche intestinali.

Migliaia di campioni gratuiti furono distribuiti ai medici.

E quando i critici misero in discussione la sicurezza della “medicina jolly”, l’allora direttore esecutivo della Bayer Carl Duisberg ordinò ai suoi dipendenti di “ridurre al silenzio” gli scocciatori :

“Non possiamo tollerare che nel mondo si pensi che promuoviamo senza attenzione medicinali non adeguatamente testati.”

Il successo commerciale dell’Heroina pose le basi per l’ascesa della Bayer, che in origine produceva vernici, a multinazionale globale.

Questa vicenda mostra quanto sia antica la tradizione delle multinazionali farmaceutiche di vendere prodotti pericolosi, contro ogni ragionevole valutazione e nonostante i pressanti avvisi, con l’unico scopo di generare facili profitti.



HerOwnDestinyBanner


You cannot copy content of this page