Era tanto tempo fa…

Pubblicato il 14 Dicembre 2019 da Veronica Baker

L’unico fascino del passato è che è passato.

Oscar Wilde


Nel mio girovagare per la rete internet mi sono casualmente imbattuta in un articolo che ha destato immediatamente la mia attenzione.

Era tanto tempo fa…

Correva il 30 Settembre 2013, quando il portale Soloscacchi ha pubblicato – senza contattarmi in precedenza – un mio articolo del 3 Luglio 2007.
Un fatto a me ignoto fino a ieri.

E’ stato cambiato semplicemente il titolo (Ricordo di un ragazzo dolce) ed aggiunto solo un nickname.
Come se in qualche modo facessi parte della redazione.
Ma non è mai stato così.

Nel 2010 avevo semplicemente scambiato un paio di brevi messaggi con uno dei redattori, cui avevo esclusivamente fornito il link all’articolo nel mio sito internet del 2007.

Nessuno della redazione può dire che non fosse al corrente di questo fatto.
Infatti nei commenti del giorno successivo alla pubblicazione del post il direttore responsabile (editore del medesimo sito internet) si affretta a precisare – “con la pedanteria del cronista” – che i fatti raccontati nell’articolo si riferivano all’anno 2007.

Solo una disattenzione ? Non penso proprio…

Ovviamente un articolo di 12 anni fa (fra l’altro stilisticamente mediocre) non può essere evidentemente oggetto di alcun copyright.
Non è quindi necessario rimuovere il post dal sito in questione.

Anche se delle scuse – seppur tardive – sarebbero gradite.
Ma conoscendo i personaggi, non lo faranno mai e poi mai.

Perchè allora questo post ?

Questa “scoperta” mi ha fatto riflettere su un capitolo della mia vita ormai assolutamente chiuso.
Sono passati ormai ben dieci anni dal momento in cui ho abbandonato completamente quest’ambiente (almeno per me) completamente malsano.

Una triste esperienza ?

Giorno dopo giorno Her Own Destiny
Anche l’indifendibile…

Indubbiamente il mobbing da me subito per tre anni non è stato per nulla piacevole.

Tutti hanno sempre negato.
Anche l’indifendibile.

Mancavano le prove anche quando sistematicamente venivano portate.

Ma ci sono pure ricordi piacevoli ?

Indubbiamente sì.

Tutti coloro che ho conosciuto nel corso della mia vita hanno contribuito a farmi crescere.
Nessuno escluso.

Sia nel bene che nel male.

Ma per la stragrande maggioranza degli scacchisti confrontarsi con me significava dover affrontare la parte oscura che invece vogliono a tutti i costi sopprimere.
Di cui ne hanno davvero una “fottuta” paura.

Ecco il perchè del loro reiterato mobbing.
Dei loro atteggiamenti di intolleranza.
Della mancanza di dialogo, del muro contro muro.

Come sono cambiata da allora

Ero timorosa, paurosa, talvolta ombrosa.
Dovevo ancora maturare, sia interiormente che spiritualmente.
E soprattutto capire cosa volevo davvero dalla mia vita.

Oggi invece sono viva, sorridente, ottimista.
Soprattutto aperta al mondo intero.

E lo sono diventata anche grazie alle esperienze negative vissute in quel periodo.
Altrimenti non sarei mai diventata quella che sono.

Invece in quell’ambiente sono rimasti sempre gli stessi.
Oggi uguali a ieri.

Ma ciò che non cambia, muore.



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page