Emoglobina clorofilla e grafene

Pubblicato il 13 Agosto 2021 da Veronica Baker

La natura ci mostra solo la coda del leone.
Ma non ho dubbi sul fatto che dietro vi sia il leone anche se non può mostrarsi tutto ad un tratto.
Lo vediamo soltanto nel modo in cui lo vedrebbe un pidocchio se gli stesse addosso.

Albert Einstein


Emoglobina clorofilla e grafene

Emoglobina clorofilla e grafene
L’élite che controlla il mondo intero vuole a tutti i costi trasformarci in qualcosa di completamente diverso da quello che siamo per definizione divina. ..

Non è più ormai un segreto che il grafene sia un nanomateriale ormai usato dappertutto in questo folle tentativo da parte delle elite di transumanizzare la popolazione mondiale.

Tuttavia, una volta introdotto nell’ambiente, non sono solo gli esseri umani ad esserne colpiti.
Ma anche tutta la vita intorno a noi : batteri, animali, piante…

L’essenza che definisce la parte naturale dell’espressione della vita è ormai sotto attacco da molto tempo.
Chemtrails, cibi transgenici, farmaci ed in generale tutti gli elementi sintetici che influenzano i processi naturali degli esseri viventi.

E questo momento storico sembra essere molto probabilmente il più cruciale di tutti.

I nanomateriali e la nanotecnologia sono sempre di più presenti in tutto.
L’élite che controlla il mondo intero vuole a tutti i costi trasformarci in qualcosa di completamente diverso da quello che siamo per definizione divina.

Ed allo stesso tempo mira a cambiare il nostro ambiente sottoponendolo ai medesimi processi.

Che senso ha vivere in un mondo artificiale se la nostra natura umana si discosta intrinsecamente da ciò che siamo realmente ?

In pratica è come se tutti gli ultimi progressi tecnologici – invece di portare benefici a tutti noi – portassero benefici solo ai controllori che vogliono tenerci sottomessi.

D’altra parte, questo processo ha radici a partire dalla fine della seconda guerra mondiale.
Momento in cui si è iniziato a manipolare le menti dell’umanità attraverso i media che, a partire da questo punto della storia, hanno cessato totalmente di essere uno strumento di informazione equa e soprattutto obiettiva.

I migliori esperti della Germania nazista nel campo del “controllo mentale” furono portati in America (Nord e Sud).
E proprio dall’America – in particolare dagli USA – è partita la strategia per cambiare sistematicamente letteralmente tutto ciò che l’umanità pensa e crede.

L’obiettivo era assicurarsi che l’umanità potesse essere controllata nelle loro menti.
Un contro totale su tutto e soprattutto su tutti.
Ma in modo assolutamente inconsapevole.

Una strategia per prendere il controllo del mondo.
E per questo motivo, purtroppo tutto quello che giornalmente ascoltiamo e soprattutto vediamo nei media tradizionali sono esclusivamente bugie.

Mentono praticamente su tutto : spiritualità, biologia, libertà, etica, salute, energia, cultura, storia, astronomia…
È assolutamente impossibile avere una visione accurata della realtà attraverso le notizie, le riviste principali od i siti web più noti.

Anche l’educazione scolastica è programmata in modo tale da rendere le persone schiave di una ragnatela di innumerevoli bugie, che diventa una roccaforte di inganno che le influenzerà per tutta la loro vita.

Le persone diventano robot programmati che pensano letteralmente quello che gli è stato detto.
Ed hanno perso la capacità di pensare autonomamente da soli o di fare ricerche genuine.

Il pensiero critico viene etichettato come “pericoloso”.
Ed ogni vero investigatore che in qualche modo è riuscito a mantenere una mente indipendente e intelligente, viene etichettato come “un teorico della cospirazione” o “complottista”.

Pensate a quello che vi diciamo noi.
Altrimenti vi faremo vergognare, biasimare e censurare.

Sono stati prodotti film per plasmare ulteriormente il modo di pensare della gente.
Le cosiddette trasmissioni  “scientifiche” sono state ideate per creare l’illusione di “autorità” quando invece diffondevano esclusivamente bugie.

I media, l’educazione, la politica, la sanità, le industrie alimentari, tutto è nelle mani degli stessi criminali miliardari che hanno mentito all’intera umanità nell’ultimo secolo.

Con un solo obiettivo specifico.
Schiavizzare l’umanità il più possibile, creando un mondo di controllo totale.


Ricardo Delgado : Guarderemo un video dove si parla del mondo dell’informatica dal seminterrato di una struttura IBM.

Si parla di grafene.
Inoltre, c’è un’immagine che fermeremo al secondo 13.
Il video dura 2 minuti.
Guardiamolo perché è molto curioso.

Ok.
Lo fermo e vado un po’ indietro per farvi vedere qualcosa.
Guardate cosa appare qui.


Emoglobina clorofilla e grafene


Qui appare il grafene.
E l’emoglobina.

Ma c’è anche la clorofilla.
Ok ?

Ecco, c’è un’interazione del grafene con la clorofilla ed anche con le cellule umane.
Ne vedremo di più in seguito, perché è rilevante.
Questo è, come ho detto, il seminterrato di una struttura IBM.

Video IBM : Lasciate che vi dia un po’ di contesto.
Questo che state guardando è un microscopio a forza atomica.
Un tipo di…

Ricardo Delgado : È lo stesso microscopio che era in quel video sul grafene magnetico.
Ricordi, José Luis ?
Sono riusciti a vederlo con quel microscopio.
Il microscopio a forza atomica caratterizza i nanomateriali con la tecnica Raman per identificare il grafene, l’ossido di grafene, il fullerene o altro.

(N.d.T. : la spettroscopia Raman è una tecnica spettroscopica tipicamente utilizzata per determinare i modi vibrazionali delle molecole, anche se possono essere osservati anche modi rotazionali ed altri modi a bassa frequenza dei sistemi.

La spettroscopia Raman è comunemente utilizzata in chimica per fornire un’impronta digitale strutturale con cui le molecole possono essere identificate, e si basa sulla dispersione anelastica dei fotoni, nota come scattering Raman.

Viene usata una fonte di luce monocromatica, di solito da un laser nel visibile, nel vicino infrarosso o nel vicino ultravioletto, anche se possono essere usati anche i raggi X.

La luce laser interagisce con le vibrazioni molecolari, i fononi o altre eccitazioni nel sistema, facendo sì che l’energia dei fotoni laser venga spostata in alto o in basso.
Lo spostamento di energia fornisce informazioni sui modi vibrazionali del sistema.

La spettroscopia a infrarossi fornisce tipicamente informazioni simili ma complementari.)

Ma non è nemmeno necessario che siano così grandi.
Ne vendono di molto più economici.

Un tipo di microscopio sviluppato in questi stessi laboratori IBM grazie ai progressi fatti da Binnig e Rohrer nel 1981, per cui hanno ricevuto il premio Nobel per la fisica nel 1986.

E vi chiederete : perché questo tipo di microscopio è così interessante ?
Beh, perché usando questo tipo di apparecchiatura possiamo ottenere immagini con una risoluzione inferiore al nanometro.
Cioè, su scala atomica.

Stiamo parlando di poter visualizzare le molecole e la posizione degli atomi che le compongono.
Questa immagine che state guardando è stata presentata nel 2009 da IBM.
Ed è stata la prima a mostrare a questo livello di risoluzione la struttura atomica di una molecola.


Emoglobina clorofilla e grafene


Attualmente, il team non solo è riuscito a visualizzare queste strutture, ma è anche riuscito a creare nuove molecole manipolandole a livello atomico.
Ricordate che il carbonio, a seconda di come è strutturato a livello molecolare, può darci sostanze diverse come la grafite, il diamante o il grafene ?

Bene, in questo senso, durante la presentazione, ci è stato spiegato che il loro ultimo progetto su cui stanno lavorando è consistito nell’isolare una molecola di carbonio la cui struttura ha la forma di un anello di 18 atomi.
Il CycleCarbon 18.

Tutto questo per studiare le sue proprietà.
Per fare questo, hanno ottenuto, via posta, dall’Università di Oxford, con cui collaborano, questo tipo di molecole triangolari qui e poi…

Università di Oxford, eh ?
Sempre coinvolta in tutto questo.

Video IBM : E poi, procedere al taglio eliminando gli atomi che non sono di interesse, e poi si ottiene l’anello di carbonio desiderato.
E, seriamente, fermatevi a pensare a quello che stanno facendo.
Per me, questa è fantascienza.

Ricardo Delgado : Beh, questo è per quelli di VerificaRTVE (N.d.T. : noto sito di “fact checkers” iberici, cioè disinformatori…), che sostengono che non esistono diverse strutture di fogli bidimensionali.
Parlano del carbonio, per esempio.

Il nostro amico Josep (N.d.T. : Josep Pámies) , che porta notizie molto buone, ha condiviso con noi questo screenshot.
Ha trovato, precisamente, questo.

Emoglobina clorofilla e grafene
La clorofilla e il sangue sono chimicamente identici…

“E la cosa più bella che ho imparato oggi è che la clorofilla e il sangue sono chimicamente identici.

L’unica differenza è che la clorofilla ha un atomo di magnesio al suo centro ed il sangue ha un atomo di ferro.

Sì.
Piante e animali sono molto, molto, molto, molto simili a quel livello.
Affascinante”.

Ricardo Delgado : Afferma, “La cosa più bella che ho imparato oggi è che la clorofilla – relativa al grafene nel video – “la clorofilla e il sangue – il video mostra anche emoglobina e grafene – sono chimicamente identici”.

L’unica differenza è che la clorofilla ha il centro di un atomo di magnesio ed il sangue ha il centro di un atomo di ferro.

Piante e animali sono molto, molto simili a questo livello.

Affascinante.
Ed ecco che arriva il confronto.

Questo significa che, così come è stato fatto con la vita animale in qualche modo, è stato introdotto anche nella vita vegetale.
E spiegherebbe quello che stiamo vedendo.

Forse, José Luis, questa potrebbe essere un’ipotesi da prendere in considerazione per…

Dr. Sevillano : Sì, sì, potrebbe essere.

Potrebbe esserlo.
Bisognerebbe anche tenerne conto.

A causa del danno che può essere fatto alle piante in futuro dal fatto che…
C’è un danno fatto alle piante anche attraverso le onde elettromagnetiche.

Alla fine, la clorofilla è ciò che rende possibile la creazione di energia.
E se le colpisce…Beh, amico mio, le piante muoiono.

Nello stesso modo in cui succede con gli esseri umani, con le cellule animali, succede anche alle piante con questi campi.

È un dettaglio molto affascinante aver confrontato le due molecole e vedere che cambia solo l’atomo centrale.

Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker



44


You cannot copy content of this page