Diodi in fiale AstraZeneca : confermata la presenza

Pubblicato il 17 Settembre 2021 da Veronica Baker

Tutte le grandi conquiste scientifiche nascono dalla conoscenza intuitiva, vale a dire da assiomi a partire dai quali si fanno delle deduzioni.

Albert Einstein


Diodi in fiale AstraZeneca : confermata la presenza

Diodi in fiale AstraZeneca : confermata la presenza
Al di là dell’evidente linguaggio offensivo e del probabile coinvolgimento nella farsa del personaggio in questione…davanti alla evidenza reale dei fatti concreta, a questo punto, chi sono gli idioti ? Ripeto ancora l’invito ad un dibattito sereno e pacato su questo mio spazio…ma dubito fortemente che verrà accettato…

Il biofisico molecolare Guillermo Iturriaga, CEO di Laser Beam Technology Chile, ha condotto una serie di analisi delle fiale di vaccinazione di AstraZeneca da un punto di vista esterno ed elettronico.

Sulla base di ciò che ha scoperto e studiato, come avevo già preannunciato nei giorni scorsi ha scritto un rapporto intermedio ufficiale che descrive come ha rilevato componenti elettronici nella composizione della sostanza che così tante persone portano nel loro corpo.

La parte più choccante della sua ricerca è che questi nanocomponenti che ha rilevato creano campi elettrici  – e quindi di conseguenza campi elettromagnetici – quando le fiale vengono scosse.

Il biofisico ha gentilmente accettato di condividere il suo rapporto in modo che tutti coloro che ancora seguono la cosiddetta “narrativa ufficiale” possano comprendere che questi veleni denominati impropriamente “vaccini”, oltre ad avere al loro interno del grafene, contengono una sottile nanotecnologia progettata per uno scopo ancora sconosciuto, ma che molto probabilmente ha a che vedere con il cosiddetto neurocontrollo cerebrale.

Ecco come si è svolta la ricerca effettuata dal biologo molecolare cileno su due campioni fiale AstraZeneca (PDF disponibile nel mio sito a questo link) :

Studio di riferimento

Il soggetto dell’indagine NN (Protezione dell’identità) richiede la seguente prestazione di servizi di ricerca a Laser Beam Technology Chile LTDA :
“Rilevamento di sostanze metalliche ferrose/non ferrose in sospensione acquosa ed effetti collaterali misurabili”

In data 15 luglio 2021, 01 campione di fiala viene ricevuta dal corriere, etichettata con il seguente testo stampato :

COVID-19 “vaccino” AstraZeneca, iniezione intramuscolare, 5ml. (ChadOx1-S) [Ricombinante], fiala multidose (10 dosi da 0,5 ml).
Lotto/Exp : ABX6083. 08/2021
Origine e tracciabilità : non specificata
Stato di conservazione : refrigerato (-2°C)
Mantenimento durante lo studio : refrigerato e/o Temperatura ambiente tra 21°C e 25°C a seconda dei test effettuati.
Codifica del campione da analizzare: ChadOx1-S

Osservazioni preliminari sul campione ChadOx1-S

Descrizione :

Fiala sigillata con tappo intatto in gomma e alluminio, capacità 5ml, contenente una sospensione acquosa, con un certo grado di torbidità.
Estrazione di 1,5 ml in una siringa da 3 ml e misurazione del liquido con le rispettive sonde.

Fatti analizzati

Diodi in fiale AstraZeneca : confermata la presenza
Osservazioni preliminari sul campione ChadOx1-S…

Si rileva una resistenza elettrica nel campione compresa tra 140 kΩ- 2,2MΩ in relazione alla temperatura ambiente dei test a distanze della sonda comprese tra 10 mm e 42 mm.
Cioè, maggiore è la T°=>Ω.

La capacità e la resistenza in serie sono rilevate con valori indipendenti dalla temperatura valori compresi tra 3.70μF a 10 mm di separazione di ogni sonda, 98 μF a 24.5 mm separazione di ogni sonda e 146 μF a 39 mm di separazione di ogni sonda con ESR medie di 140 Ω e tensioni di perdita dielettrica del 18- 27-47%.

Valori fino a fino a 892,4 μF sono osservati con la stessa resistenza in serie da 140 Ω collegata al condensatore rilevato.

I diodi singoli e doppi in formazioni a doppia serie (anodo-catodo) con cadute di tensione tra 2,1, 2,8, 2,5, 3,2, 3,7 e 4,15 volt.
Sono stati rilevati transistor del tipo a giunzione NPN.

Sono stati rilevati picchi di campo elettrico fino a 50-53 v/m e medie di 20- 31v/m quando si agita la fiala davanti a un misuratore di campi elettromagnetici a 20-25°C, tra 0 e 8°C.
Nessuna fluttuazione significativa del campo elettrico è rilevata.

Nessuna fluttuazione del campo elettrico viene rilevata in presenza di raggi UV da 395-405 nm e nessuna variazione di resistività, capacità o cambiamenti nella rilevazione dei semiconduttori.
Nessuna fluttuazione resistiva viene rilevata in presenza di raggi UV da 365 nm e nessun cambiamento nella resistività, nella capacità o nel rilevamento dei semiconduttori.
Non è stato rilevato alcun campo magnetico utilizzando magnetometri/Gauss Meter all’1% nello stato di riposo della fiala né materiali ferrosi né non ferrosi.

Sono stati rilevati Millivolt tra 1.9, 4.001 , 4.463 , 8.19, 12.078 , 13.39, e fino a 134 .17 mVdc sono rilevati nel campione a varie separazioni delle sonde dopo l’agitazione e lo stato di riposo.
Tutto questo è dovuto al fenomeno della capacità del liquido.

In questo caso, da etanolo, secondo la composizione descritta dal produttore all’EMA : (N.d.T. : qui è presente il link originario del PDF che è stato rimosso dal sito dell’EMA e che non è nemmeno stato registrato su archive.org, il che dimostra la malafede di AstraZeneca)

Ulteriori informazioni possono essere trovate nel seguente studio :

G. Behzadi and H. Golnabi, 2010. Investigation of Conductivity Effects on Capacitance Measurements of Water Liquids Using a Cylindrical Capacitive Sensor =  Indagine sugli effetti della conduttività sulle misure di capacitanza dei liquidi d’acqua utilizzando un sensore capacitivo cilindrico, Journal of Applied Sciences, 10https://scialert.net/abstract/?doi=jas.2010.261.268

Metodologia di analisi

Sono state effettuate misurazioni con i seguenti strumenti per il test di componenti in elettronica, microelettronica, temperatura, radiofrequenza, campi elettromagnetici e campi elettrici :

1. Multimetro Fluke serie 187, calibrato.
2. Multimetro Wavetek RMS225. Nuovo di zecca.
3. Geektech Atmel Mega 328 microcontroller basato su rilevatore di componenti
4. Rilevatore di componenti basato sul microcontrollore Atmel Mega 328p.
5. Nuovissimo termometro a infrarossi Fluke 566 (da -40°C a 800°C).
6. Misuratore di campi elettromagnetici GQ EMF-390, GQ Electronics USA. Nuovo di zecca.
7. Torce UV Expert da 365, 395 e 405 nm in 50, 200 e 300 mW.

Il 2 settembre 2021, un’altra fiala è stata ricevuta dal corriere, etichettata con il seguente testo stampato :

COVID-19 Vaccino AstraZeneca, iniezione intramuscolare, 5ml. (ChadOx1-S) [Ricombinante], Fiala multidose (10 dosi da 0,5 ml).
Lotto/Exp :  ABX6083. 08/2021
Origine e tracciabilità : sconosciuta
Stato di conservazione : refrigerato (-3°C).
Mantenimento durante lo studio : refrigerato e/o temperatura ambiente tra 20°C e 25°C a seconda dei test effettuati.
Codifica del campione da analizzare : ChadOx1-S

Conclusioni e riflessioni finali

Lo studio del campione fornisce l’evidenza di una presenza molto probabile di componenti elettronici e semiconduttori a livello micrometrico/nanometrico.

Questa analisi fornisce prove conclusive solo per le due fiale AstraZeneca che sono in nostro possesso, le cui analisi hanno dato risultati simili.

Il risultato più strano ed inquietante di tutti quelli che abbiamo analizzato è che la fiala emette campi elettrici fino a 50 v/m quando il liquido viene agitato vigorosamente, come si vede nelle foto (che si possono vedere scorrendo il PDF).

Non siamo a conoscenza di nessun’altra sostanza prodotta dall’uomo che abbia una tale caratteristica elettrochimica, e che possa essere iniettata nell’uomo.

L’identificazione definitiva di grafene, ossido di grafene (GO), ossido di grafene ridotto (rGO), silicio (Si) – fra le altre sostanze presenti in entrambi i campioni analizzati – richiede una caratterizzazione strutturale mediante l’analisi di modelli spettrali specifici paragonabili a quelli pubblicati in letteratura, e quelli ottenuti dal campione standard, ottenuti con tecniche di spettroscopia Raman.

Le analisi di questo rapporto corrispondono solo a due campioni, quindi limitati nel volume totale per la loro analisi.
E’ quindi necessario eseguire un campionamento significativo di fiale simili per trarre conclusioni ancora più significative per campioni comparabili, registrandone la origine , la tracciabilità , ed il controllo di qualità durante lo stoccaggio e trasporto prima delle analisi.

Le persone che presentano strani fenomeni magnetici (post inoculazione con il cosiddetto “vaccino” Sinovac) ed iper-sensibilità alle RF (frequenze radio) sono analizzati esternamente (in modo non invasivo), utilizzando strumenti per rilevare materiali ferrosi, non ferrosi, ed anche campi elettrici.

Si rilevano anche insoliti bagliori di pigmento in eruzioni cutanee nell’epidermide con luce UV nell’intervallo da 365 a 395 nm.

Strumenti utilizzati nella fase diagnostica :

1. Rilevatore Bosch GMS120.
2. Rilevatore Nicetymeter WS120.
3. Torce UV Expert di 365-395 nm.

Studio originale in lingua spagnola : DETECCIÓN DE MATERIALES METALICOS Y NOMETALICOS EN SUSPENSIÓN ACUOSA (ChadOx1-S)
Traduzione in italiano a cura di Veronica Baker


Una nota finale a riguardo, dato che si parlerà sempre del medesimo veleno.

Nello scorso post che avevo scritto a riguardo di AstraZeneca, avevo citato – spiegandone anche le cause e le ragioni – come uno degli effetti collaterali del “vaccino” (ed anche ben conosciuto dalla medesima casa farmaceutica) fosse la sindrome di Guillain-Barré.

Adesso fate attenzione alla storia della maestra Lillina, una delle migliaia e migliaia diffuse in tutto il mondo.

A me ha colpito soprattutto al superficialità ed il distacco del conduttore televisivo, ovviamente da sempre “favorevole” all’avvelenamento di massa (anche perchè lui al momento ne è immune, ovviamente).

E fate anche attenzione al suo modo di fare molto subdolo.

Nella maggior parte del tempo ovviamente “sponsorizza” il veleno (si possono utilizzare obiettivamente altre parole ?).
Nell’altra, fingendo di lasciare uno spazio per replicare, ridicolizza, attacca e soprattutto non lascia nemmeno finire di argomentare una povera signora che – assai ingenuamente – ha accettato di sottoporsi come cavia in questo macabro esperimento nei confronti dell’umanità intera.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page